Come cucinare i gamberoni

Galbani
Come cucinare i gamberoni
In cucina, tra le più prelibate ricette a base di pesce, di certo non mancano quelle con gamberi e gamberoni, ingredienti dal sapore delicato, perfetti per tante tipologie di piatti, dai secondi agli antipasti. Diversamente da quello che si potrebbe pensare, inoltre, realizzare un piatto a base di gamberi, sia freschi che surgelati, può essere davvero molto semplice. Anche la cottura, che può avvenire in tante modalità differenti, è facile e veloce da gestire.

Vediamo insieme qualche idea e qualche ricetta per ottenere dei buonissimi menu, senza difficoltà.

Come cucinare i gamberoni in modo semplice

Come cucinare i gamberoni in modo semplice I gamberoni possono essere cucinati in tantissimi modi, senza ricorrere necessariamente a ricette troppo complicate. Molte volte, infatti, bastano pochissimi ingredienti, come olio, sale e limone, per rimanere piacevolmente sorpresi dalla bontà e dal gusto di questi crostacei, che possono essere utilizzati sia per condire primi piatti, come per esempio gli spaghetti, sia per insaporire dei secondi piatti a base di pesce.

Il primo passo da compiere è sicuramente la scelta, in fase di acquisto, dei crostacei da comprare. Scegliete i gamberi con gli occhi molto grossi e lucidi, con la testa ancora attaccata al resto del corpo (anche se surgelati), preferibilmente non sgusciati ma con il carapace integro e senza macchie scure.

Poi, procedete con la pulitura. Iniziate lavando accuratamente i gamberi sotto l’acqua corrente fredda. In seguito, a seconda della ricetta, togliete o meno il guscio ai crostacei. Se volete preparare risotti o zuppe di pesce, infatti, è bene non eliminare il guscio esterno, per lasciare integro il sapore di mare; altrimenti utilizzate soltanto la polpa interna.

Pulire i gamberi non è un’operazione difficile, ma leggermente lunga. Scegliete un coltello affilato e procedete tagliando la testa e le piccole zampe situate sul ventre. Poi incidete il guscio fino alla coda per eliminare la sacca intestinale.

Tra i modi più semplici per cucinare i gamberoni, c’è sicuramente quello di lessarli, lasciandone comunque integro tutto il sapore. Dopo averli lavati accuratamente, non sgusciateli ma metteteli a bollire, per 15 minuti, in una pentola d’acqua con un cucchiaino di sale. Nel frattempo, iniziate a preparare una salsa per condirli: in un recipiente versate mezzo bicchiere di olio extra vergine d’oliva, il succo di 1 limone, il sale, una spolverizzata di pepe, uno spicchio d’aglio, tagliato a metà, e il peperoncino. Se volete, aggiungete anche qualche ciuffo di prezzemolo tritato finemente. Amalgamate bene gli ingredienti e condite i gamberoni, scolati accuratamente.

Come cucinare i gamberoni come antipasto

Come cucinare i gamberoni come antipasto I gamberetti possono essere utilizzati in tantissimi modi per realizzare dei fantastici antipasti o per simpatici stuzzichini, perfetti per le feste. Tra i più famosi, c’è sicuramente il cocktail di gamberi, facile da preparare e dal successo assicurato, anche perché piace tantissimo anche ai bambini*.

Iniziate preparando la salsa cocktail, mescolando in una ciotola 300 g di maionese, 100 g di ketchup, 30 g di Worchestershire sauce e qualche goccia di brandy. Mettetela per qualche minuto in frigorifero e pulite accuratamente i gamberi, sgusciandoli, senza eliminare la coda. Un po’ alla volta, sbollentateli velocemente per qualche secondo e scolateli accuratamente. Tagliate a listarelle qualche foglia di insalata iceberg e procedete alla composizione del piatto. In un bicchiere da cocktail mettete qualche cucchiaio di salsa, qualche ciuffo di insalata e più o meno 4 gamberetti, decorando, infine con una fettina di limone.

Un’altra gustosa ricetta è quella dei gamberi alla catalana . Iniziate tagliando a fettine sottili 1 cipolla rossa, che potete disporre in una ciotola capiente. Ricoprite le fettine di cipolla con acqua fredda e aceto. Tagliate, poi, dei pomodorini e conditeli con un pizzico di sale e un filo d’olio. Aggiungete qualche foglia di basilico, o se vi va, utilizzate altre erbe aromatiche seguendo la vostra fantasia. Pulite e sgusciate 500 g di gamberi, eliminando anche la coda, e saltateli in padella per qualche minuto con un filo d’olio. Scolate la cipolla, che avevate posto nell’aceto, aiutandovi con un colino e mescolate ai pomodorini della rucola fresca. Unite tutti gli ingredienti e adagiate l’insalata in mini porzioni, da servire come antipasto.

*sopra i 3 anni

Come cucinare gamberetti e zucchine

Come cucinare gamberetti e zucchine La pasta condita con gamberetti e zucchine è un piatto gustoso e molto diffuso nella cucina nostrana, nonché molto facile da preparare. Il formato di pasta dipende molto dal vostro gusto. Si possono scegliere spaghetti e linguine, ma anche pasta corta come farfalle e fusilli.

Si inizia preparando il condimento . Pulite e lavate 300 g di gamberetti, 2 zucchine, che potete tagliare a rondelle e lo scalogno, tagliato, in seguito, finemente. In una pentola capiente, mettete a scaldare un filo d’olio e cuocetevi lo scalogno, a fuoco dolce. Quando sarà appassito, aggiungete le zucchine e i gamberetti. Di tanto in tanto, per sfumare, utilizzate 1 bicchiere di vino bianco, o se non vi va, potete utilizzare qualche mestolo di brodo vegetale. Salate e aggiungete 1 bustina di zafferano, sciolto precedentemente in un mestolo di acqua calda. Quando il vino sarà completamente sfumato, aggiungete anche 60 g di panna da cucina e, quando i gamberetti saranno cotti, spegnete il fuoco. Preparate una pentola di acqua per la pasta che avete scelto (320 g). Scolatela al dente e mescolatela al condimento preparato in precedenza. Servite quando il piatto è ancora caldo.

Oppure, potete scegliere di preparare anche un buonissimo risotto con gamberetti e zucchine con le stesse dosi. Il procedimento è più o meno lo stesso. In una casseruola capiente, mettete a soffriggere la cipolla e le zucchine, poi sfumate con il vino e aggiungete il riso. Quasi al termine della cottura, aggiungete i gamberetti, completamente sgusciati e leggermente scottati in padella, con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio. Se vi va, potete mantecare con una noce di burro e guarnire con del prezzemolo tritato.

Gamberetti e zucchine possono essere utilizzati anche come farcitura di torte salate. Buonissima e semplice da preparare è la torta salata con formaggio, zucchine e gamberetti, da servire sia come antipasto che come aperitivo. Il formaggio, sciogliendosi, diventerà una vera e propria crema che darà ancora più gusto agli altri ingredienti.

Come cucinare i gamberi freschi

Come cucinare i gamberi freschi I gamberi freschi, a differenza di quelli congelati, se sono di buona qualità possono essere consumati anche crudi o marinati. Tagliate i gamberetti sgusciati e lasciateli a marinare per un paio d’ore in succo di limone e aglio. Una volta pronti, conditeli con sale e pepe, e se vi va, serviteli con qualche fetta di pane tostato.

Come cucinare i gamberi congelati

Come cucinare i gamberi congelati I gamberi congelati, al pari di quelli freschi, possono essere utilizzati in tantissime ricette e molte volte sono davvero veloci da preparare, soprattutto se sono già sgusciati. Possono essere cucinati in tantissimi modi diversi, che prevedono tante tipologie di cottura, come la cottura in padella o al forno.

Un’idea che vi proponiamo è quella dei gamberi in crosta , buonissimi per una cena speciale, magari accompagni da carciofi o altre verdure. Iniziate sgusciando 300 g di gamberi. Una volta pronti, avvolgeteli in un sottile strato di pasta sfoglia, circa 1 cm, partendo dalla testa e arrivando fino alla coda. Adagiate i gamberetti su una teglia da forno, spennellando la superficie della pasta sfoglia con 1 uovo sbattuto. Cospargete i gamberetti con sale, pepe e sesamo. Infine, cuocete in forno per circa 15 minuti a 200°.

Se preferite, accompagnate il piatto anche con una salsa, ad esempio la salsa allo yogurt con erba cipollina.

Come cucinare i gamberetti in salamoia

Come cucinare i gamberetti in salamoia I gamberetti in salamoia possono essere utilizzati in svariati modi in cucina. In particolare, per condire le insalate, preparare contorni o sfiziosi antipasti. Per prepararli, è meglio utilizzare dei crostacei freschi, poiché la carne del gambero risulterà più saporita e consistente.

Lavate 1 kg di gamberi, sotto l’acqua corrente e privarteli della corazza esterna e dell’intestino. In seguito, fateli bollire per pochi minuti in 1 l d’acqua, aggiungendo dai 30 ai 90 g di sale, le dosi dipendono da quanto li volete saporiti. Scolateli e sistemateli accuratamente in un barattolo di vetro, dotato di chiusura ermetica. Ricoprite i gamberi con l’acqua di cottura e lasciateli raffreddare. Chiudete il barattolo ermeticamente, facendolo bollire, e conservateli in un posto asciutto, lontano da fonti di calore.

Come cucinare i gamberi in padella

Come cucinare i gamberi in padella Per preparare degli ottimi secondi a base di pesce o dei saporiti sughi per condire la pasta, la padella è un valido aiutante. Per un primo davvero delizioso provate gli spaghetti con gamberi e ricotta. Oppure, sempre a proposito di primi piatti, il successo è sicuramente assicurato se preparate i paccheri con crema di scampi e gamberi . Per realizzarlo, iniziate lavando e sgusciando accuratamente 300 g di scampi e 200 g di gamberi. Nel frattempo, tritate finemente la cipolla e soffriggetela con un filo d’olio, in una padella capiente. Cuocete per qualche minuto i gamberi e poi aggiungete gli scampi, salando leggermente e sfumando con 1 bicchiere di vino bianco. Aggiungete la passata di pomodoro, la panna da cucina, sale e pepe e poi, con l’aiuto di un frullatore, frullate il composto per ottenere una crema morbida e omogenea. Cuocete 250 g di paccheri, lasciandoli al dente, e una volta cotti, conditeli con il sugo preparato in precedenza.

In alternativa, potete sostituire la panna da cucina con 100 g di fagioli cannellini. Anche con i fagioli tritati riuscirete a ottenere un sugo molto cremoso e saporito. Se utilizzate quelli in scatola, scolateli con un colino e aggiungeteli in padella dopo la cottura degli scampi; se utilizzate quelli freschi, bolliteli per qualche minuto in acqua bollente, poi scolateli e aggiungeteli al sugo.

Come cucinare i gamberoni al forno

Come cucinare i gamberoni al forno Utilizzare il forno vi permetterà di risparmiare tempo nella preparazione, consentendovi, inoltre, di cucinare dei succulenti piatti. Per un gustoso secondo piatto, potete realizzare degli spiedini di pesce, con gamberi e salmone, o in alternativa il pesce spada. Iniziate pulendo 200 g di gamberi (meglio se crudi e non congelati) e 200 g di salmone, tagliando i pezzi del salmone più o meno della stessa dimensione dei gamberi, per ottenere degli spiedini uniformi. Prendete degli spiedini di legno e inserite un gambero alla volta, alternandolo con i pezzi di salmone. In abbinamento, potete accompagnarli con un contorno di patate al forno o con funghi trifolati.

Inoltre, se vi va, in estate, potete realizzare degli ottimi spiedini di pesce anche utilizzando la griglia o la piastra, marinandoli prima della cottura, per almeno mezz’ora in olio e limone e condendoli, successivamente, con aglio e prezzemolo.

I gamberoni al forno sono buonissimi e facili da fare anche gratinati: lavateli e incideteli soltanto lungo il dorso della corazza. Poi, disponeteli su una teglia capiente, ricoprendola con carta da forno. Farciteli con un ripieno di prezzemolo, aglio, parmigiano, pangrattato, olio, pepe e sale. Cuoceteli in forno preriscaldato a 180°, per circa 10 minuti. Servite quando sono ancora caldi.

Come cucinare i gamberoni al vapore

Come cucinare i gamberoni al vapore Potete anche scegliere di preparare i gamberoni al vapore. Se avete una vaporiera, basta aggiungere nel cestello inferiore circa 3 cm di acqua. Una volta in ebollizione, disponete i gamberoni sgusciati sul cestello superiore. Cuocete per pochi minuti e condite a piacere.

Per ottenere un risultato più gustoso e originale, dal sapore orientale, aggiungete all’acqua della vaporiera lime, arancia e pompelmo tagliati a spicchi, senza togliere la buccia. Fate cuocere i gamberoni per circa 5 minuti e, a cottura ultimata, condite con il succo di mezza arancia, sale e una spolverizzata di pepe. Avrete un piatto fresco e saporito, perfetto come cena o un aperitivo estivo.

Come cucinare i gamberi al microonde

Come cucinare i gamberi al microonde Nella preparazione dei gamberi, il microonde può servirvi anche per preparare dei pasti veloci e non solo per scongelare i crostacei. La cottura al microonde, infatti, impiega pochissimi minuti, l’ideale per quando si vuole un piatto pronto in poco tempo.

Una delle idee da utilizzare, quando si ha molta fretta, prevede la cottura dei gamberetti, già sgusciati, per circa 3 minuti alla massima potenza. Basta disporre i crostacei, senza la corazza esterna, in un contenitore adatto alla cottura al microonde, con limone, sale, pepe e, se vi va, qualche goccia di brandy; cuocete poi per 3 minuti e lasciate riposare per 1 minuto. Il piatto è pronto per essere servito.