Santa LuciaPresenta

Melanzane alla parmigiana non fritte

Ricetta creata da Galbani
Melanzane alla parmigiana non fritte
Prova con
Mozzarella Santa Lucia
Mozzarella Santa Lucia
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Uno dei piatti più buoni e amati della tradizione culinaria italiana è senza dubbio la melanzana alla parmigiana. Si tratta di uno dei piatti unici più amati e apprezzati sia in Italia sia all’estero: come resistere, dopotutto, alla morbidezza delle melanzane, al loro sapore dolce e avvolgente, al buon formaggio filante, al gusto intenso del pomodoro e al profumo del basilico?

Più che parlare della ricetta delle melanzane alla parmigiana, si dovrebbe parlare delle “ricette”, al plurale: ogni famiglia, in genere, ha la sua versione, i suoi trucchi per un risultato perfetto, l’ingrediente segreto, le dosi puntualmente registrate oppure abilmente calcolate “ad occhio”, come un tempo facevano i nostri nonni. Insomma, si tratta di una vera alchimia, che può essere personalizzata e arricchita come più piace, secondo le proprie regole.

La ricetta classica, ad esempio, prevede che le melanzane vengano fritte prima di essere infornate con gli altri ingredienti. Tuttavia, è possibile anche grigliarle in forno prima di farle diventare "alla parmigiana". In questo modo assaporerete una buona alternativa ed eviterete il fritto senza dover rinunciare al gusto inimitabile del piatto.

Nel caso delle melanzane alla parmigiana non fritte, gran parte del merito della bontà della ricetta va al condimento che, come spesso accade, è buono perché semplicissimo da preparare: sugo di pomodoro, Mozzarella Santa Lucia, Galbani Grangusto Grattugiato, basilico ed olio extra vergine di oliva.

In questo articolo troverete la ricetta per realizzare delle gustose e golose melanzane alla parmigiana non fritte: vi daremo qualche consiglio necessario alla perfetta riuscita del piatto, scopriremo insieme varianti e rivisitazioni, andremo alla scoperta di tante curiosità su uno dei piatti più amati della cucina italiana. Indossate il grembiule: è ora di cucinare!

Facile
6
80 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 400 g di Mozzarella Santa Lucia Galbani
  2. 1.5 kg di melanzane viola
  3. 1 kg di pomodori San Marzano
  4. 100 g di Galbani Grangusto Grattugiato
  5. 4 foglie di basilico fresco
  6. sale q.b.
  7. olio extravergine di oliva q.b.

Preparazione

Se siete curiosi di scoprire come fare la parmigiana senza ricorrere alla frittura, tutto quello che dovrete fare sarà seguire con attenzione queste facili istruzioni. Ecco il procedimento da seguire.

01

Lavate e tagliate a fette di un centimetro e mezzo di spessore le melanzane viola. Disponetele a strati in uno scolapasta e aggiungete del sale grosso. Prendete un piatto, poggiateci sopra una pentola piena d'acqua e mettete il tutto sopra le melanzane per qualche ora. In questo modo perderanno parte del sapore amarognolo che le contraddistingue. A questo punto lavate le fette di melanzane e disponetele su una griglia, in forno, per 10-15 minuti a 180 gradi. Una volta ammorbidite, togliete le melanzane dal forno.

Melanzane alla parmigiana non fritte
02

Nel frattempo, bollite i pomodori San Marzano nell'acqua bollente e lasciateli riposare per qualche minuto.

Melanzane alla parmigiana non fritte
03

Passateli nel passaverdure e mettete il sugo ricavato in una pentola, aggiungendo un filo d'olio, un pizzico di sale e le foglie di basilico fresco. Fate cuocere per venti minuti circa.

Melanzane alla parmigiana non fritte
04

Tagliate a fette la Mozzarella Santa Lucia e preparate il Galbani Grangusto Grattugiato.

Melanzane alla parmigiana non fritte
05

Prendete una teglia, preferibilmente in vetro, e mettete un mestolo di sugo di pomodoro. Successivamente alternate strati di melanzane grigliate, Mozzarella Santa Lucia, ancora un po' di salsa di pomodoro e il Galbani Grangusto Grattugiato.

Melanzane alla parmigiana non fritte
06

Completate le melanzane alla parmigiana non fritte ricoprendo con sugo di pomodoro e abbondante Galbani Grangusto Grattugiato. Infornate a 200° per 45 minuti.

Melanzane alla parmigiana non fritte
07

Controllate che l'acqua di cottura sia quasi del tutto scomparsa e che la crosta sia ben dorata. Fate riposare qualche minuto e servite.

Melanzane alla parmigiana non fritte

Varianti

La parmigiana di melanzane è un piatto elaborato e gustoso, perfetto per essere servito in un'occasione speciale, come le feste di Natale.

Noi ve l'abbiamo proposta con un condimento semplice a base di passata di pomodoro e mozzarella, ma potete davvero sbizzarrirvi nella personalizzazione di questa ricetta.

Per esempio, potreste rendere la pietanza più cremosa aggiungendo delle porzioni di ricotta, oppure potete sperimentare la versione di carne con aggiunta di golose polpette o di cubetti di pancetta.

Al posto delle melanzane, o in abbinamento ad esse, provate anche la parmigiana con altri ortaggi, tipo patate lesse, zucca grigliata o carciofi stufati, sia nella variante rossa al pomodoro che in quella bianca con appetitosa salsa besciamella.

Se volete provarne un'altra versione sfiziosa, anziché cuocere le melanzane in forno potete coprirle con una pastella di uova, latte e pepe, passarle nel pangrattato e poi friggerle nell'olio bollente.

A questo punto potete metterle in una pirofila unta di olio o foderata di carta da forno, dove alternerete uno strato di sugo al pomodoro, uno di melanzane e uno di scamorza a fette. Terminate con uno strato di sugo ricoperto di Galbani Grangusto Grattugiato e infornate a 180° per 30 minuti.

Se invece non avete voglia di ricorrere alla pastella per melanzane ma allo stesso tempo non volete rinunciare alla frittura, passate le fettine nella farina e battetele leggermente, quindi immergetele nell'uovo sbattuto e infine nell'olio di semi bollente, lasciandole dorare da entrambi i lati. A questo punto, prelevate le melanzane con una schiumarola e asciugate le fette su un foglio di carta assorbente per eliminare l'eccesso di olio.
 
 Visitate la nostra sezione Abcucina se volete cucinare le melanzane in altri modi sfiziosi e gustosi.

Consigli

Le melanzane alla parmigiana non fritte possono essere servite sia calde che fredde, in antipasti corposi o come contorno in menù rustici. Sono perfette anche come piatto unico e ideali per chi non ama mangiare piatti a base di carne.

Siete di fretta e vorreste una parmigiana pronta in un batter d’occhio? È possibile accorciare i tempi di preparazione saltando il passaggio in cui si lasciano spurgare le melanzane: questa operazione, infatti, rende l’ortaggio più dolce, ma il retrogusto amarognolo è spesso molto apprezzato in questo piatto, e anzi lo contraddistingue da altre pietanze simili. Sta a voi decidere se scendere a compromessi e accorciare la preparazione, oppure aggiungere il passaggio di “riposo” delle melanzane e ottenere un sapore più dolce.

Se non volete grigliarle in forno, disponete le melanzane affettate su una piastra di ghisa bollente o sul fondo di una padella molto calda e arrostitele da entrambi i lati per meno di un minuto.

Per rendere più saporita la vostra parmigiana di melanzane non fritte, ecco come preparare un sugo corposo: fate soffriggere un trito di aglio e cipolla in un tegame assieme a 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva o a una noce di burro, quindi aggiungete la salsa di pomodoro, regolate di sale e pepe, profumate con una foglia di basilico e lasciate cuocere per mezz'ora a fuoco basso, per poi procedere all'assemblaggio del piatto.

Infine, il più difficile dei consigli: guai a mangiare la parmigiana di melanzane ancora bollente! Stringete i denti e attendete che il piatto si intiepidisca: la parmigiana dà il meglio di sé quando è tiepida, perché in questo modo si assaporano il giusto gusto e le corrette consistenze. Controllate tastando la superficie: deve essere a temperatura ambiente (all’interno la parmigiana sarà ancora tiepida); ricordate che questo piatto è ottimo anche freddo!

Curiosità

La parmigiana di melanzane è il piatto estivo per eccellenza: le melanzane, infatti, sono un ortaggio di stagione, che in estate diventa saporito e gustoso, sodo al punto giusto, perfetto per questo tipo di preparazione.

Bisogna sapere, però, che la parmigiana di melanzane ha una storia molto interessante: la prima menzione della ricetta è apparsa su un libro di cucina pubblicato nel 1837, intitolato Cucina teorico-pratica e scritto da Ippolito Cavalcanti, Duca di Buonvicino e affermato cuoco e scrittore napoletano. Questo potrebbe sembrare un indizio sulle origini della ricetta, la cui paternità è contesa da più regioni: oltre alla Campania, anche la Sicilia ne rivendica l’appartenenza alla propria gastronomia. L’ipotesi non è improbabile, dato che le melanzane, importate dagli arabi molti secoli addietro, sono uno degli ortaggi più diffusi nell’isola.

Esistono poi alcune differenze nella preparazione: i campani, ad esempio, non transigono sull’uso del fiordilatte e della provola affumicata, insieme al parmigiano grattugiato, mentre a Palermo si usa il caciocavallo semi stagionato e il pecorino locale.

C’è chi poi sostiene che il nome faccia riferimento alla città di Parma (“alla parmigiana” significherebbe, secondo alcuni, “nel modo in cui si fa a Parma”), spostando quindi le origini del piatto decisamente più a nord: questa teoria potrebbe essere avvalorata dall’uso molto diffuso, nella ricetta, del parmigiano reggiano. I sostenitori delle origini meridionali, però, ribattono che la parmigiana è un’espressione dialettale che starebbe ad indicare il modo in cui i serramenti chiamati “persiane” si sovrappongono l’uno sull’altro: una similitudine molto fantasiosa, questa, con il modo in cui le fette di melanzana si accavallano le une sulle altre.

Prova anche

Cademartori

Scopri di più