Santa LuciaPresenta

Frittata di ricotta

Ricetta creata da Utente Galbani Club
Prova con
Ricotta Santa Lucia
Ricotta Santa Lucia
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

La frittata di ricotta è un secondo piatto saporito e semplice da preparare.

Si sa, la frittata è la preparazione ideale per un pasto veloce che non richieda ore spese dietro i fornelli, ma perché non aggiungere anche i vostri ingredienti preferiti? Questa pietanza si presta, infatti, a numerose varianti e basta davvero poco per renderla ancora più gustosa.

In questo caso, l'utilizzo della ricotta darà al vostro piatto una consistenza soffice e delicata: che abbia uno spessore alto o basso, che sia cotta al forno o in padella, il risultato non vi deluderà.

Vi proponiamo quindi la ricetta per un’ottima frittata con la ricotta, ma più sotto vi consigliamo anche una variante: un'omelette sfiziosa a base di cipolla.

Curiosi di provarla?


Facile
2
30 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 4 uova
  2. 250 g di Ricotta Santa Lucia Galbani
  3. sale q.b
  4. 10 g di Burro Santa Lucia Galbani
  5. 10 g di erba cipollina

Preparazione

Seguite la nostra ricetta della frittata di ricotta, realizzata con la Ricotta Santa Lucia.

01

Per realizzare la frittata di ricotta, per prima cosa sbattete le uova in una terrina.

02

Aggiungete la Ricotta Santa Lucia, il sale e l'erba cipollina e continuate a sbattere con uno sbattitore elettrico fino a quando tutti gli ingredienti si saranno amalgamati.

03

Fate sciogliere il Burro Santa Lucia in una padella di media grandezza e versate il composto d'uova.

04

Lasciate cuocere la frittata a fuoco basso in modo che non si bruci e, appena un lato sarà dorato, girate la frittata di ricotta con l'aiuto di un piatto e fatela dorare anche dall'altro lato. Servite ben calda.

Varianti

Prima o poi capita a tutti di ritrovarsi con il frigo quasi vuoto e con pochi ingredienti a disposizione. Come risolvere la situazione? Esiste una ricetta che si prepara in pochi minuti.
Quattro uova, due cipolle e poco più vi aiuteranno a preparare una gustosa frittata.

Affettate finemente le cipolle e rosolatele in una padella antiaderente ben calda con un filo d’olio. I più golosi potranno rosolare le cipolle anche in una noce di Burro Santa Lucia, rendendole ancora più caramellate. Mescolate le uova con un cucchiaio di parmigiano grattugiato in una ciotola capiente, aggiungete un pizzico di sale, una spruzzata di pepe e una manciata di prezzemolo. Versate il composto nella padella insieme alle cipolle e fate cuocere a fuoco lento con un coperchio: è questo il segreto per rendere l’omelette ancora più morbida.

La frittata di cipolle può essere mangiata fredda o tiepida e si presta ad essere servita in piccole porzioni, in un pranzo o una cena tra amici, soprattutto come antipasto.

Con le frittate è possibile portare in tavola piatti dai sapori incredibili e dai colori meravigliosi.
Vi consigliamo altre ricette vegetariane da leccarsi i baffi!

In una padella fate scaldare un filo di olio extravergine di oliva e versate dei pezzettini di asparagi o, in alternativa, degli spicchi di carciofi, precedentemente lavati e puliti. Aggiustate di sale e quando risulteranno ben cotti unitevi il composto di ricotta e uova. Se lo preferite potete aromatizzarlo con delle foglioline di basilico, mentuccia o con del pepe in grani.
Procedete con la cottura e servite questa frittata in tutta la sua bontà.

Potete realizzare delle frittate sfiziose facendo rosolare, con o senza le verdure, dei tocchetti di salsiccia privata del budello o dei dadini di pancetta o speck.

Se volete portare a tavola un piatto insolito provate a sostituire la carne con del salmone affumicato accompagnato con delle rondelle di zucchine.

Curiosità

Non esiste ricetta così facile e veloce come preparare la frittata!

Ma proprio a questa pietanza sono legati due modi di dire molto diffusi nella lingua italiana: fare una frittata e rigirare la frittata. Col primo ci si riferisce a quell'arte, tanto antica quanto quella culinaria, di combinare pasticci (ecco un'altra ricetta!); con la seconda espressione si vuole indicare la strategia di rivoltare un discorso a proprio favore.

Nel nostro caso combinare una frittata porta a un risultato molto gustoso, altroché guai, e pergirarla si possono usare dei trucchi semplici e molto utili. Potete versarla dalla parte già cotta su un piatto o un coperchio con cui vi aiuterete per rigirarla appunto in padella.

A proposito di frittate rigirate, avete mai provato la frittata di maccheroni? Si tratta di una di quelle ricette facili di riciclo con cui si recupera la pasta avanzata dal giorno precedente. Questa va mescolata in una ciotola ampia con un composto di uova e formaggio grattugiato. Saltatela in una padella alta unta di burro, cuocetela su entrambi i lati e servitela tagliata a spicchi.

La frittata è una pietanza così tanto amata da esserle stata dedicata una giornata nazionale: se volete celebrarla anche voi ogni 2 maggio non fatevela mancare a tavola!