Come usare la cannella

Galbani
Galbani
Come usare la cannella
Oggi dedicheremo un articolo alla cannella, una spezia molto usata in cucina, e non solo, che riesce sempre a dare quel tocco in più a tutte le preparazioni con il suo profumo inconfondibile.

La cannella può essere utilizzata in cucina sia in stecche che in polvere e può essere la protagonista di dolci, tisane, frullati ma anche di piatti salati. Imparerete ad abbinare la cannella ad altri ingredienti che ben si sposano con la sua fragranza e ad impiegarla alla perfezione nelle vostre ricette per renderle ancora più buone. Siete pronti?

Che cos’è la cannella?

Che cos’è la cannella? La cannella è una spezia che si ricava dal Cinnamomum zeylanicum, una pianta dello Sri Lanka, chiamato anche Ceylon. Le singole cortecce hanno uno spessore sottilissimo, sono di colore giallo-bruno chiaro e hanno un odore caratteristico e un sapore pungente. Questa è la cannella più pregiata, ne esiste infatti un altro tipo che è meno aromatico e meno diffuso e che arriva dalla Cina.

Come vedremo qui di seguito, la cannella si può trovare nei negozi più forniti sia in stecche che in polvere.

Come usare la cannella in cucina

Come usare la cannella in cucina L’uso della cannella in cucina è davvero molto variegato. È una spezia che si utilizza soprattutto nella stagione fredda: strettamente legata al profumo evocativo dei biscotti natalizi, è buonissima negli impasti di torte o crostate, deliziosa per aromatizzare le creme e i dolci al cucchiaio o le bevande, è un ingrediente imprescindibile per lo strudel di pere o di mele e si lascia gustare anche nei piatti salati. I secondi di carne la accolgono molto bene: un arrosto alla cannella può arrivare con un buon contorno di patate al forno light e regalare alla tavola un tripudio di profumi davvero intenso. La cannella esalta anche il sapore del pesce e un buon trancio di pesce spada sarà perfetto per un connubio di sapori davvero indovinato.

Come usare la cannella in stecche

Come usare la cannella in stecche Come già anticipato, la cannella è commercializzata in stecche o in polvere. I bastoncini di cannella sono formati dalle cortecce arrotolate e lasciate seccare.

La scelta di utilizzare la cannella in stecche in cucina dipende dal bisogno di mantenere nei piatti, o nelle preparazioni, un aroma più o meno intenso. Infatti, utilizzare un bastoncino secco di cannella in una bevanda come, ad esempio, un vin brûlé, garantisce una lunga durata dell’aroma.

Tuttavia, non sempre è possibile utilizzare la cannella in stecche. Per poterne apprezzare l’aroma, infatti, è necessario che la stecca di cannella venga lasciata in infusione per un tempo ben stabilito, anche a seconda della ricetta. È dunque necessario che questa implichi l’uso di un ingrediente liquido dentro il quale sia possibile lasciare in infusione il bastoncino.

Se amate le spezie e la cannella in particolare, ricordate che se usata in eccesso può avere un sapore molto invadente e stucchevole, ed è per questo che potrete mitigare il suo intervento nei patti aggiungendo altre spezie come i chiodi di garofano, l’anice stellato o aggiungendo nei piatti e nelle preparazioni una scorza d’arancia che con il suo aroma mitiga il sapore e il profumo della cannella.

Come polverizzare la cannella in stecche

Come polverizzare la cannella in stecche Se avete a disposizione soltanto la cannella in stecche ma volete utilizzarla in polvere per aggiungerla a un impasto o come aroma per profumare una crema, potete polverizzare il bastoncino in maniera molto semplice e veloce.

Mettete una grattugia con i fori piccoli su una ciotola e strofinate delicatamente la cannella, evitando di sbriciolarla troppo tra le mani. Una volta che questo passaggio si è concluso, trasferite la cannella tritata in un macinino e tritatela ancora fino a quando anche i pezzi più grossolani si saranno ridotti in polvere.

Se volete polverizzare la cannella in casa, ricordate che dovrete utilizzarla subito perché non manterrà a lungo il suo aroma, pertanto, calcolate con esattezza la quantità di cannella in polvere di cui avete bisogno. Se vi avanza, conservatela in un contenitore di vetro con la chiusura ermetica.

La stecca di cannella è ideale anche per aromatizzare il caffè o una buona tazza di cioccolata calda fatta in casa.

Come usare la cannella in polvere

Come usare la cannella in polvere La cannella in polvere può essere utilizzata per aromatizzare i dolci: dalle torte alle crostate, dai biscotti alle creme e ai dolci al cucchiaio, la cannella in polvere è l’ideale se si utilizzano ingredienti che ben si sposano con il suo aroma.

Nell’impasto della pasta frolla per preparare biscotti o crostate, si unisce alla farina e si amalgama con gli altri ingredienti, si può aggiungere la cannella in polvere nella crema o la si può usare per aromatizzare la panna. In ogni caso, si aggiunge circa 1 cucchiaino di cannella in tutte le preparazioni che prevedono la cottura.

Potete trovare la cannella in polvere al supermercato o potrete utilizzare quella polverizzata da voi con il procedimento descritto nel paragrafo precedente.

Come usare la cannella nei dolci

Come usare la cannella nei dolci La cannella è molto utilizzata in abbinamento ai sapor dolci. Nelle torte a base di mela o banana, la cannella è perfetta per esaltare il sapore del dessert e si aggiunge egregiamente a una semplice e gustosa crema pasticcera, servita in coppette monoporzione.

Adesso vi daremo un po’ di consigli per utilizzarla al meglio, sperando di stuzzicare la vostra fantasia e curiosità da pasticceri.

La cannella ha un profumo strettamente legato alle feste di Natale e immancabili sono infatti i biscotti alla cannella, adorati dai bambini* ma anche dai più grandi.

Per prepararli vi serviranno: 300 g di farina; 2 cucchiai di cannella in polvere; 180 g di burro freddo a pezzettini; 100 g di miele d’acacia; ½ cucchiaino di zenzero; 1 cucchiaino di glucosio.

Mettete la farina in un mixer con la cannella, lo zenzero e il burro e frullate fino a ottenere un impasto composto da grosse briciole. Dopodiché, aggiungete il miele e il glucosio e frullate fino a quando il composto non sarà diventato omogeneo. Trasferite l’impasto su una spianatoia e lavoratelo fino a formare una palla, quindi avvolgetela nella pellicola da cucina e fatela riposare in frigo per circa 30 minuti.

Trascorso questo tempo, trasferite il panetto sulla spianatoia infarinata e stendetelo con il matterello fino a formare una sfoglia spessa di circa ½ cm.

Ricavate i biscotti con gli stampini, reimpastate la pasta avanzata e ricavate altri biscotti. Sistemateli su una leccarda rivestita di carta forno e infornate a 180° per circa 25 minuti. Sfornate i biscotti e aspettate che si raffreddino prima di sistemarli per servirli o mangiarli.

Per una gustosa crostata di frutta a base di cannella vi serviranno: 1 panetto di pasta frolla da 450 g; 500 ml di latte; 3 tuorli; 50 g di farina; 120 g di zucchero + 1 cucchiaio; 1 baccello di vaniglia; 2 mele Golden; il succo di 1 limone; 1 cucchiaino pieno di cannella; 2 cucchiai di zucchero di canna.

In un pentolino scaldate il latte con i semi del baccello di vaniglia e nel frattempo, in una ciotola, montate i tuorli e lo zucchero, aggiungete la farina e continuate a mescolare. Versate la metà del latte a filo sul composto, amalgamate con la frusta, aggiungete il resto del latte e rimettete tutto nel pentolino fino a ottenere la giusta consistenza. Coprite la superfice della crema con la pellicola a contatto e preparate le crostatine.

Tagliate le mele a pezzetti e mettetele in una ciotola, irrorandole con il succo di limone e 1 cucchiaio di zucchero.

Stendete la pasta frolla sulla teglia, bucherellate la base con i rebbi di una forchetta e stendete la crema pasticcera, quindi aggiungete le mele, spolverizzatele con lo zucchero di canna setacciato con la cannella e infornate a 180° per 15 minuti. Servite la crostata ancora leggermente calda, accompagnata da una tisana alla cannella.

Se ve ne avanza un pochino, potrete servire la crostata per una colazione speciale accompagnandola con un latte speziato alla cannella, arricchito dal cioccolato fondente sciolto a bagnomaria. Se avete voglia di una colazione sfiziosa, nel latte aromatizzato potete anche aggiungere i cereali, 1 cucchiaio di semi di lino e un po’ di frutta secca.

*sopra i 3 anni

Come usare la cannella in piatti salati

Come usare la cannella in piatti salati Se è vero che in occidente la cannella è molto spesso utilizzata in pasticceria, in Oriente e in Africa è un profumo che impera anche nelle preparazioni salate, proprio come il curry, ormai molto amato anche da noi. Ma non solo, infatti, anche qui molte preparazioni a base di selvaggina utilizzano la cannella nella marinatura per insaporire la carne insieme ad altri odori, verdure e spezie.

Qui di seguito vi suggeriamo la ricetta di uno spezzatino di vitello aromatizzato con spezie ed erbe aromatiche.

Per realizzarla vi serviranno: 1,2 kg di polpa di vitello; 1 spicchio d’aglio; 1 cipolla; 1 carota; 1 costa di sedano; 1 ciuffo di prezzemolo; 1 cucchiaio di semi di finocchio; 1 stecca di cannella; 4 bacche di ginepro; 3 foglie di salvia; 2 foglie di alloro; 1 rametto di rosmarino; 3 chiodi di garofano; 80 g di burro; 1 l di vino rosso; olio extravergine d’oliva q.b.; sale e pepe q.b..

Preparate un trito con la verdura e mettetelo in un recipiente molto capiente, quindi puntellate la cipolla con i chiodi di garofano e aggiungetela nella ciotola con le erbe aromatiche e la cannella. Unite anche la carne a pezzi, coprite con il vino e lasciate marinare per circa 12 ore.

Trascorso il tempo necessario per la giusta marinatura, scolate la carne, trasferitela in una casseruola larga a sufficienza e fatela rosolare con il burro e 3 cucchiai di olio. Dopodiché, copritela con il liquido della marinata filtrata, aggiustate di sale, spolverizzate con il pepe macinato al momento e lasciate cuocere a fiamma bassa per 3 ore mescolando ogni tanto. Infine, servite con una purea di castagne come contorno: buon appetito!

Anche gli amanti della bistecca al sangue saranno felici di sapere che da oggi potranno gustare la loro carne preferita con un pizzico di sapore in più. Massaggiare la carne con un trito di erbe e spezie sarà infatti il modo migliore per portare in tavola un sapore e un profumo del tutto nuovo.

Massaggiate una bistecca da 300 g con un trito preparato con: 1 cucchiaio di pepe nero macinato; 1 cucchiaio di coriandolo macinato; 1 cucchiaino di cannella in polvere; ½ cucchiaino di chiodi di garofano; una spolverizzata di noce moscata. Mettete la bistecca così insaporita sulla bistecchiera rovente e cuocetela al sangue, spolverizzate con qualche fiocco di sale e servite.

Come fare una tisana alla cannella

Come fare una tisana alla cannella Un pomeriggio con gli amici, la lettura di un buon libro, un dopocena rilassante in famiglia: sono tutte occasioni in cui una tisana alla cannella è tra le tante idee per coccolarsi un po’.

In un pentolino portate a ebollizione 120 ml di acqua naturale, poi togliete dal fuoco e mettete in infusione ½ stecca di cannella, 1 cm di zenzero; 1 fettina di limone e 1 cucchiaino di miele d’acacia. Coprite la tazza e lasciate in infusione per circa 8 minuti. Servite questa tisana con biscotti alla marmellata e vedrete che bontà.

Al profumo e al sapore della cannella si aggiunge anche l’arancia che, con la delicatezza della mela, regala un infuso adatto sia di pomeriggio, sia di sera.

Preparate la tisana unendo in una tazza questi ingredienti: 1 stecca di cannella; 2 cucchiaini di mela disidratata; 1 cucchiaio di scorza d’arancia grattugiata; 2 chiodi di garofano; 1 cucchiaino di sciroppo d’acero o di miele.

Versate nella tazza 120 ml di acqua calda, mescolate per far sciogliere il miele o lo sciroppo d'acero e lasciate in infusione per circa 9 minuti, quindi filtrate la tisana e gustatela calda. Se la gradite un pochino più dolce, potete aggiungere 1 cucchiaino di zucchero di canna prima di gustarla.

Come fare un frullato con la cannella

Come fare un frullato con la cannella Se volete proporre ai vostri bambini una merenda gustosa e con un gusto diverso dal solito, potete unire una stecca di cannella ai vostri frullati. Ottimo se gustato ben freddo, un frullato preparato con i giusti ingredienti è sempre una buona idea anche per la colazione.

Vi suggeriamo una ricetta in cui la cannella può diventare una deliziosa protagonista. Tagliate a rondelle 1 banana, mettetela in un frullatore con 2 cucchiai di ghiaccio, versate 150 ml di latte freddo e unite 1 stecca di cannella da 5 cm e 1 cucchiaino di semi di lino. Frullate fino a quando la stecca di cannella non si sarà completamente sbriciolata e il frullato non avrà raggiunto una consistenza cremosa. Infine servitelo subito, decorandolo con 1 stecca di cannella.

Un consiglio goloso: per un gusto diverso, potete sostituire il latte con il latte di mandorle.

Con cosa abbinare la cannella

Con cosa abbinare la cannella Volete qualche altro consiglio per utilizzare questa deliziosa spezia in piatti salati? Eccone uno: la cannella si abbina benissimo anche ad altri sapori come lo zenzero e insieme si rendono il condimento perfetto per il riso basmati che accompagna un gustoso piatto di pollo. Se siete in vena di pesce, provate a insaporire un saporito piatto di pesce spada con la cannella: non ve ne pentirete!

Mescolata alla frutta secca, la cannella si può aggiungere ad una gustosa colazione a base di yogurt o con il caffè. Per una merenda invernale dolce e squisita, invece, provate ad aggiungere la cannella a una buona tazza di latte e cacao.