GalbaninoPresenta

Cous cous pollo

Ricetta creata da Galbani
Cous cous pollo
Prova con
Galbanino l'originale
Galbanino l'originale
Galbanino. Il tuo genio in cucina!
Vota
Media0

Presentazione

Il cous cous può essere preparato con pochissima fatica. Al supermercato si trova quello già pronto, da reidratare e condire come meglio si vuole. Così in poco tempo sarete in grado di cucinare un piatto dai mille sapori, come, ad esempio, il cous cous con pollo.

Questa è una ricetta dal gusto leggero. Un piatto ideale da portare al lavoro, in spiaggia o in gita, poiché completo e unico. Il gusto delicato del pollo si unisce alla consistenza del cous cous e alla bontà dei dadini di Galbanino. Abbiamo voluto aggiungere alla ricetta anche delle verdure fresche, come carote, zucchine e peperoni per rendere il tutto più sfizioso.

Il cous cous è un piatto tipico dell'area del nord Africa e, in Italia, della Sicilia. Può essere preparato a base di carne o pesce, caldo o freddo, e rappresenta un ottimo sostituto della pasta. Un alimento da tenere in considerazione per variare il menù di tutti i giorni.


Facile
4
60 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 180 g di Galbanino Galbani
  2. 200 g di cous cous precotto
  3. 4 fette di petto di pollo
  4. brodo vegetale
  5. 2 peperoni
  6. 2 zucchine
  7. 3 carote
  8. sale
  9. basilico
  10. olio extravergine di oliva

Preparazione

Per preparare un ottimo cous cous con pollo seguite attentamente i seguenti passaggi.

01

Preparate il brodo vegetale e usatelo per reidratare il cous cous in una casseruola. Bagnatelo per qualche minuto e successivamente sgranatelo con le mani o con una forchetta.

02

Riscaldate una griglia e arrostite il petto di pollo, le zucchine e i peperoni tagliati a fette e opportunamente salati.

03

Pulite e tagliate le carote a dadini e saltatele in padella con un filo d'olio extravergine di oliva e un pizzico di sale.

04

A questo punto versate tutti gli ingredienti passati sulla griglia o in padella nel cous cous, aggiungete il Galbanino tagliato a dadini, condite con un filo d'olio extravergine di oliva e del basilico tritato, salate a piacere e amalgamate bene il tutto.

05

Servite il cous cous con pollo tiepido o freddo.

Varianti

Una prima variante che potete pregare è il cous cous di verdure: iniziate scegliendo le verdure che volete utilizzare e create un mix di ortaggi con una zucchina, una melanzana, un peperone, un paio di pomodori.

Pulite e tagliate le verdure. Fatele saltare in una padella con olio extravergine di oliva e la cipolla tritata finemente. Una volta cotte, aggiungete un pizzico di sale. Unitele al cous cous bagnato con il brodo e insaporite con la curcuma per ottenere un profumo più esotico.

Una variante gustosissima è il cous cous ai frutti di mare. Noi vi suggeriamo di prepararlo con vongole, cozze, calamari e gamberi: in questo modo il vostro cous cous ai frutti di mare risulterà ricco e molto saporito. Prima di iniziare, pulite bene il pesce e dopo averlo cotto filtrate l'acqua di cottura che potrete così utilizzare per gonfiare il vostro cous cous.

Potete guarnire il vostro piatto con pomodorini e prezzemolo triturato: esalterete così il sapore dei frutti di mare e renderete il vostro piatto anche più colorato.

Con le vongole e le cozze potete realizzare anche un'altra variante di cous cous, il cous cous all'italiana: vi basterà preparare le vongole e le cozze e aggiungere tra gli ingredienti anche zafferano, pistacchi e uva sultanina: una ricetta originale e gustosa!

Suggerimenti

Per rendere il vostro piatto di cous cous ancora più gustoso e soprattutto per realizzare il cosiddetto "cous cous alla marocchina" vi suggeriamo di accompagnare questi piccoli grani di semola con lo stufato di carne di agnello.

Dovete iniziare sempre dalla preparazione del brodo che viene realizzato utilizzando l'osso del cosciotto di agnello e le spezie (oltre a sale e pepe potete utilizzare la cannella o anche la paprika se volete dare un tono più piccante piatto). Una volta preparato il brodo, dovetefar rosolare la carne di agnello in una padella con un soffritto di cipolla e il brodo. Dopo 30 minuti circa, aggiungete leverdure e i ceci, aggiustando di sale e pepe. Una volta terminata la cottura, aggiungete anche l'uva passa. Infine si passa alla composizione vera e propria del cous cous.

Per un risultato ottimale vi consigliamo di preparare sempre in casa il brodo, sia vegetale sia di carne: il piatto risulterà molto più saporito.

Per rendere omaggio a questa ricetta esotica, insaporite sempre con delle spezie dal profumo orientale: curcuma, paprika, curry, zenzero.

Potete anche servirlo in un unico vassoio dal quale potranno attingere i commensali.

Curiosità

Il cous cous ha origini antichissime: secondo una leggenda, sembra che il re Salomone mangiasse enormi quantità di cous cous come rimedio alle sofferenze d'amore provocate dalla regina di Saba. Non si sa bene quindi a quando risalga la tradizione del cous cous, ma quello che è certo è che a partire dal VII secolo d.C. si trattava già dell'alimento principale consumato in Nord Africa.

Il cous cous è considerato anche l'elemento simbolo del rito dell'Agape allo stesso modo del pane spezzato e distribuito tra i fedeli nella religione cristiana.

Gli arabi mangiano il cous cous con le mani, attingendo da un unico grande piatto, secondo i dettami del Corano: "con un dito mangia il diavolo, con due il profeta e con cinque l’ingordo”. Il cous cous può essere considerato, quindi, una sorta di finger food.

In origine, si trattava di un piatto per lo più povero, tipico soprattutto delle popolazioni nomadi. Poi, con il passare del tempo, si è diffuso anche anche nei paesi più interni dell'Africa, fino a giungere poi anche in Europa. Uno dei primi luoghi in cui è approdato il cous cous è la Sicilia, luogo di dominazione araba, soprattutto nel Seicento e in particolar modo nella zona di Trapani. Oggi viene considerato una specialità dell'isola e lo si trova preparato in occasione di feste e sagre.

Prova anche

Scopri di più