Come fare i wafer

Galbani
Come fare i wafer
Tutti sapete cosa sono i wafer: irresistibili biscotti dalla forma rettangolare, formati da due cialde friabili e croccanti, ripiene di una deliziosa farcitura che può essere alla vaniglia, alla nocciola o al cioccolato. Se anche voi siete amanti di queste dolci delizie e non le fate mai mancare nel carrello del supermercato, da oggi imparerete a prepararle tra i fornelli della vostra cucina. Quindi, sulla prossima lista della spesa non aggiungerete un pacco di wafer ma solo gli ingredienti per prepararli. La loro origine è anglosassone ed è molto antica e il loro nome richiama, vista i disegni che le cialde riportano in superficie, il favo del miele, quel reticolato costruito dalle api per conservare il miele e che in lingua antica si chiamava waba. Oggi imparerete a farli in casa per la merenda dei vostri bambini*, vi insegneremo a prepararli anche con la piastra e vi suggeriremo idee golose per inserirli in dolci ricette adatte a qualsiasi occasione.

*sopra i 3 anni

Come fare i wafer in casa

Come fare i wafer in casa Se avete organizzato una merenda o una festa di compleanno o, semplicemente, volete gustarvi una dolce delizia comodamente seduti sul vostro divano dopo una lunga giornata di lavoro, avere a disposizione tanti golosi wafer preparati con le vostre mani è la soluzione ideale.

Allora, se avete deciso che da oggi i wafer volete provare a farli voi, non vi resta che mettervi ai fornelli, assicurarvi di avere tutti gli ingredienti, un piano di lavoro ampio e libero, una grande leccarda da forno e una lunga spatola.

Vi serviranno per l’impasto: 500 g di farina 00; 200 g di burro; 250 g di zucchero semolato; mezza bustina di lievito; un baccello di vaniglia; 2 uova; 200 ml di latte intero; sale.

Per prima cosa, prendete dal frigo il burro e portatelo a temperatura ambiente prima di utilizzarlo. Quindi dividetelo in tanti cubetti e mettetelo nella ciotola di una planetaria; aggiungete lo zucchero e cominciate a montare. Una volta che il composto sembrerà una pomata, aggiungete anche la farina e continuate a montare fino ad ottenere un composto abbastanza omogeneo. Nel frattempo, in una terrina montate leggermente con una frusta a mano le uova con il lievito, unitele all’impasto e aggiungete un pizzico di sale, continuando a montare. Una volta che tutti gli ingredienti si saranno amalgamati bene, lasciate riposare il composto per qualche minuto, coprendolo con la pellicola da cucina. Nel frattempo, ungete leggermente con una noce di burro il fondo di due leccarde, rivestitele con un foglio di carta da forno e accendete il forno ad una temperatura di 180°. Aiutandovi con un leccapentola, dividete il composto versandolo in uguali quantità nelle due leccarde e, con una spatola, livellatelo fino a raggiungere uno spessore sottile, di 3-4 mm al massimo. Ricordate che la particolarità delle cialde dei wafer è che sono molto friabili e sottili. Mettete in forno e fate cuocere per 15 minuti circa. Una volta che le cialde sono pronte, sfornatele e lasciatele raffreddare. Quindi, con l’aiuto di un coltello dalla lama lunga e seghettata, dividete i wafer dando loro una perfetta forma rettangolare (potete anche ritagliare dei quadrati se vi piacciono di più), tutti uguali tra loro. Staccatele delicatamente dalla base della leccarda e sistemale su un largo vassoio, mentre vi dedicate alla farcitura.

Potete preparare una crema alla vaniglia o una crema al cioccolato fondente o la farcitura più classica: quella con la crema alla nocciola, rigorosamente con nocciole campane. Noi vi suggeriamo le tre alternative, a voi la scelta, ma nulla vi vieta di prepararle tutte e alternare wafer ripieni di gusti diversi nello stesso vassoio.

Per la crema alla vaniglia vi serviranno: 3 tuorli; 500 ml di latte intero; 50 g di farina 00; 120 g di zucchero; un baccello di vaniglia. Su un tagliere, tagliate il baccello di vaniglia per il senso della lunghezza, con la punta di un coltellino estraete i semi e aggiungeteli in una casseruola con il latte che farete scaldare mentre, nella ciotola di una planetaria, monterete le uova e lo zucchero in un composto chiaro e spumoso, per poi aggiungere anche la farina. Prima che il latte raggiunga il bollore, versatene una metà a filo nella ciotola, staccatela dal robot e, con una frusta a mano, mescolate fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi; versate il latte rimanente, trasferite tutto di nuovo nella casseruola e cuocete la crema a fuoco lento, mescolando continuamente con la frusta. Una volta ottenuta una crema molto densa, toglietela dal fuoco, coprite la superficie con la pellicola trasparente e lasciate raffreddare. Quando la crema sarà pronta, mettetela per 10 minuti circa in frigo prima di utilizzarla per farcire i wafer. Sistemate le cialde su un piano di lavoro e spalmate la crema aiutandovi con una spatolina da pasticcere. Potete formare più strati, a seconda dello spessore delle cialde che sarete riusciti ad ottenere.

Se volete preparare la crema al cioccolato, vi suggeriamo semplicemente di dimezzare le dosi della farina della ricetta appena spiegata e di aggiungere al composto di uova e zucchero 25 g di cacao amaro in polvere. Oppure potete sciogliere a bagnomaria 150 g di cioccolato fondente, unirlo a 80 ml di panna, lasciar raffreddare e farcire le cialde con questa facile e velocissima crema.

Se invece non potete resistere alla golosissima crema di nocciola, eccovi subito accontentati con dosi, ingredienti e procedimento.

Vi serviranno: 110 g di pasta di nocciole; 100 g di cioccolato al latte; 100 g di cioccolato gianduia; 100 g di cioccolato fondente; 30 g di zucchero semolato; 25 ml di olio di semi; 10 g di cacao amaro; 1 baccello di vaniglia; sale.

Su un tagliere, tritate grossolanamente i cioccolati e raccoglieteli in una ciotola; scioglieteli a bagnomaria e, fuori dal fuoco, incorporate delicatamente la pasta di nocciole, l’olio, il cacao, lo zucchero, un pizzico di sale e i semi del baccello di vaniglia raschiati con la punta di un coltellino. Mescolate con una spatola, poi utilizzate un frullatore a immersione per ottenere un effetto più liscio, omogeneo e lucido; lasciate raffreddare e farcite le cialde per comporre i vostri wafer alla nocciola.

Come fare i wafer con la piastra

Come fare i wafer con la piastra I wafer che si preparano con la piastra vengo più comunemente chiamati waffle o gaufres e sull’origine della loro ricetta si intrecciano molte ipotesi e teorie. Quello che è certo è che queste dolci cialde, dall’impasto più morbido rispetto a quello con cui si preparano le cialde dei wafer che risultano invece croccanti, friabili e dal peso leggerissimo, vengono preparate all’interno di piastre di ogni formato che si trovano facilmente in commercio e che hanno uno spessore maggiore. Possono essere farcite con creme e frutta e sono davvero irresistibili.

Sono tanti i paesi che si contendono la ricetta più buona: famosissime le cialde belghe, si preparano anche nel Regno Unito con l’aggiunta di patate nell’impasto; in Germania si consumano nelle domeniche estive, sono farcite con panna e ciliegie; negli Stati Uniti e in Olanda fanno ormai parte della golosa colazione più classica e si servono con l’immancabile sciroppo d’acero; nei Paesi Scandinavi sono addirittura salate, farcite con aringhe o formaggi.

Anche in Italia vanno molto di moda: le si trovano nei bar e sembrano proprio aspettare gli avventori per deliziarli con una merenda golosa e diversa dal solito. Il Piemonte cucina i gofri delle valli, sia dolci sia salati; l’Abruzzo invece prepara sin dai primi del ‘900 le ferratelle, farcite con marmellata o zucchero a velo, anch’esse cotte in uno stampo di ferro o ghisa. La loro trama, però, diversamente dai waffle, è a rombo e possono anche essere croccanti.

I waffle, i wafer che si cucinano con la piastra, sembrano proprio dei nidi d’ape e sono di una bellezza che invita il palato ad un assaggio goloso che promette grandi soddisfazioni.

Le piastre su cui cuocere i wafer sono diverse e ve ne sono di tutti i tipi: dallo storico ferro, con un lungo manico, che veniva regalato alle giovani spose che non potevano fare a meno, nel loro corredo, di questo attrezzo, alle piastre più moderne. Per cuocere i waffle con una tecnica perfetta, esistono in commercio anche piastre ruotanti che permettono alla pastella di distribuirsi in maniera uniforme. Le piastre elettriche sono sicuramente le più pratiche: hanno la tipica incisione a nido d’ape e possono essere anche a forma di cuore o petali di fiori. Il procedimento è molto semplice: suddividete l’impasto in mucchietti di 50 g l’uno e poneteli, due alla volta, sulla piastra calda. Chiudete e calcolate dai 3 ai 5 minuti di cottura per ottenere la croccantezza esterna lasciando all’interno il cuore morbido. Aprite con cautela, lasciate sfiatare il vapore che si sarà creato e sollevate le cialde, aiutandovi con una pinza in silicone, senza esercitare un’eccessiva pressione.

Esistono anche stampi in silicone che permettono di cuocere le classiche cialde in forno e ne assicurano la stessa forma a nido d’ape.

Ma prima di arrivare alla cottura, dovrete sicuramente preparare l’impasto. Come? È presto detto. Vi serviranno: 500 g di farina 00; 250 g di burro; 180 g di granella di zucchero; 125 ml di latte; 35 g di lievito di birra; 25 g di zucchero semolato; 25 g di miele d’acacia; un uovo; cannella in polvere; sale.

Per prima cosa, versate il latte in una terrina, aggiungetevi 125 ml di acqua tiepida e scioglietevi il lievito. Nella ciotola della planetaria, unite 400 g di farina, lo zucchero semolato, l’uovo, un cucchiaino di cannella e il latte con il lievito sciolto. Impastate con il gancio e una volta che l’impasto si è ben incordato, staccate la ciotola, copritela con un canovaccio e lasciate lievitare l’impasto per un’ora a temperatura ambiente. Quindi, agganciate nuovamente la ciotola sulla planetaria, aggiungete il miele, i 100 g di farina rimasti, il burro ammorbidito a pezzetti e un pizzico di sale e impastate per altri 5 minuti. Fate lievitare ancora per 30 minuti, quindi unite all’impasto la granella di zucchero, suddividetelo in panetti da 50 g circa l’uno e cuoceteli sulla piastra come precedentemente indicato. Se volete, potete profumare l’impasto con qualche goccia di succo di limone, con uvetta o spezie a piacere. Semplici e invitanti, questi dolci sono ideali per una prima colazione golosa, una merenda diversa o come dessert perfetto per accompagnare un buon gelato o per accogliere deliziose farciture: una coulis di fragole, preparata frullando 100 g di fragole in un frullatore con un cucchiaio di zucchero a velo, e passata al setaccio per eliminare i semini, si distribuisce sulla superficie e si lascia addolcire da ciuffetti panna montata che servono anche da dolce decorazione insieme a qualche scaglia di cioccolato.

Perfetto è anche il cioccolato fuso; buonissima è una crema pasticcera al limone; delicata una mousse di lamponi o al cioccolato; stuzzicante è una crema di ricotta con zucchero, scorzette grattugiate e succo di limone; dal gusto esotico è lo yogurt greco semplicemente mescolato con un po' di granella di cocco. E la vostra fantasia cosa vi suggerisce?

Per gli amanti del salato, niente paura perché i wafer che si cucinano con la piastra possono essere anche salati e inserirsi degnamente nel buffet di un aperitivo o diventare un piatto unico molto sfizioso, dal sapore davvero accattivante. Veloci da preparare, si possono farcire con creme al formaggio, verdure, salumi o pesce affumicato. Preparate il composto per i wafer alla piastra salati con: 600 ml di latte; 180 g di farina 00; 50 g di farina di farro; 30 ml di olio extravergine d’oliva; 25 g di farina di mandorle; 2 uova; 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato; 1 cucchiaino di lievito in polvere; sale; origano. Nella ciotola di una planetaria, setacciate le farine con il lievito, unite il latte tiepido, l’olio, le uova, il formaggio, un pizzico di sale e una presa di origano. Impastate fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo, dividete l’impasto in panetti da 50 g e cuoceteli subito sulla piastra per 4 minuti. Ricordate che nel caso dei wafer salati preparati con la piastra, è sempre buona norma ungere entrambe le piastre con un po’ di olio per evitare che l’impasto si attacchi in qualche punto e si bruci, compromettendo il risultato finale.

Come fare un dolce con i wafer

Come fare un dolce con i wafer Tante sono le ricette dolci che si possono preparare con i wafer come ingrediente principale. La cialda croccante regalerà a torte, pasticcini e crostate un allegro e gustoso contrasto. Bastano solo un po’ di fantasia e di creatività per trasformare questi biscotti in dolci delle feste o in cioccolatini irresistibili.

Se non credevate di poter utilizzare i wafer per un gustoso tiramisù, provate questa ricetta, semplice e veloce: vi ricrederete e vorrete proporla spesso per le vostre cene con gli amici durante le quali potrete servire anche un'originale cheesecake con una crema al mascarpone impreziosita da gocce o scaglie di cioccolato fondente.

Un’altra ricetta per portare in tavola dolci colorati e deliziosi propone tante piccole cheesecake colorate con decorazioni alla frutta. Il procedimento, semplice e veloce, vi permetterà di preparare le vostre cheesecake in anticipo per servirle all’ultimo momento come delizioso dessert di una bella cena in terrazzo con i vostri amici. Vi serviranno: due confezioni di wafer con la farcitura che più preferite; 500 g di formaggio spalmabile; 80 g di zucchero a velo; 1 busta di vanillina; 1 uovo; 1 limone; 100 g di fragole; gelatina; sale. Prendete una teglia e imburratela con una noce di burro. Ritagliate un foglio di carta forno, foderate la teglia e disponete i wafer sulla base. In una ciotola, unite il formaggio con lo zucchero a velo, i semi di vaniglia ricavati tagliando per il senso della lunghezza il baccello e prelevandoli con la punta di un coltello, un pizzico di sale e qualche goccia di succo di limone. Unite l’uovo e mescolate bene con una frusta fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo. Una volta pronto, versatelo sulla base di wafer, livellate molto delicatamente con una spatola e infornate in forno preriscaldato a 150° per 25 minuti. Sfornate, lasciate raffreddare la cheesecake e una volta che sarà a temperatura ambiente, mettetela in frigorifero per 6 ore. Nel frattempo, lavate e tagliate le fragole a fettine sottili e preparate la gelatina: in una casseruola fate scaldare 250 ml di acqua, portatela a ebollizione, abbassate la fiamma e aggiungete la gelatina mescolando con un cucchiaio di legno per farla sciogliere completamente. Aggiungete altri 250 ml di acqua fredda e il succo di un limone e versate il composto su un piatto largo dai bordi alti. Assicuratevi che la gelatina si stenda per uno spessore di 3 mm e mettetela a riposare in frigo per il tempo di raffreddamento della cheesecake. Tagliate la cheesecake in tanti quadrati uguali e con un coltello tagliate anche la gelatina in quadrati delle stesse dimensioni delle cheesecake. Sistemate le fragole su ogni quadrotto, coprite con la gelatina e rimettete in frigorifero per circa 30 minuti.

Con i wafer potete anche preparare piccolissimi dolcetti da confezionare in sacchetti di carta da regalare ai colleghi in ufficio in occasione delle feste di Natale. Vi serviranno: 500 g di cioccolato fondente o al latte; 135 g di wafer; 200 g di marshmallows; 70 g di meringhe; una noce di burro. Tritate grossolanamente il cioccolato e mettetelo in una ciotola. Scioglietelo a bagnomaria con il burro e, una volta che si è fuso completamente, unite i wafer spezzettati, i marshmallows tagliati a dadini e le meringhe sbriciolate. Mescolate in composto fuori dal fuoco con un cucchiaio di legno e trasferitelo in una teglia quadrata, foderata di carta da forno. Livellate bene con il dorso del cucchiaio e mettete la teglia in frigo per 2 ore circa. Quando il composto si sarà raffreddato e rassodato, tagliatelo a cubetti con un coltello a lama seghettata e servite i cubetti o confezionateli in sacchetti per fare a tutti un dolcissimo regalo.

Insieme ai dolci cubetti, potete preparare i vostri wafer fatti in casa e semplicemente decorarli con ghiaccia reale o pasta di zucchero e, in base all’occasione, deciderete quali colori scegliere e quali decorazioni creare per ottenere un risultato da applausi. Colorare i wafer con questi ingredienti, vi permetterà, infatti, di riempire un vassoio sul buffet dei dolci di una festa di tanti dolcetti semplici e coloratissimi.

E come torta di compleanno, preparate una torta semplice e veloce frullando i wafer e usandoli come base per un guscio che contiene un ripieno goloso di panna e cioccolato. Vi serviranno: 2 confezioni di wafer al cioccolato; 60 g di burro; 350 ml di panna; 2 cucchiai di zucchero a velo; 5 wafer alla nocciola; un cucchiaio di crema di nocciola. In un mixer, frullate i wafer e amalgamateli in una ciotola con il burro precedentemente sciolto in un pentolino. Imburrate una tortiera, foderatela con carta da forno e versatevi il composto di wafer, ricoprendo la base e i bordi dello stampo. Fate riposare in freezer per 30 minuti e, nel frattempo, preparate la farcia. Montate la panna molto fredda in una ciotola con lo zucchero a velo, unitevi i wafer alla nocciola tritati grossolanamente e la crema. Mescolate delicatamente dal basso verso l’alto per amalgamare gli ingredienti, facendo attenzione a non smontare il composto, quindi prendete il guscio dal frigo e riempitelo con la panna. Spolverizzate con cacao amaro mescolato con zucchero a velo e decorate con qualche wafer sbriciolato.