Come fare gli gnocchi alla romana

Galbani
Galbani
Come fare gli gnocchi alla romana
Buoni, invitanti e adatti ad ogni occasione: stiamo parlando degli gnocchi alla romana. Un piatto che nasce nelle cucine romane ma che si è fatto strada ovunque perché è un insieme di ingredienti facili da reperire in ogni cucina. Sono dischi di semolino che si cucinano in poco tempo e poi si fanno gratinare in forno per un’ultima cottura che assicura la formazione di una crosticina dorata e croccante molto gustosa. Possono essere un primo piatto, se conditi con sughi e salse, o un piatto unico se accompagnati da carne, verdure, funghi o insalate. Oggi impareremo a prepararli a regola d’arte, vi sveleremo qualche segreto per farli buonissimi e vi suggeriremo i condimenti più adatti a cui potrete dare il vostro personale tocco di creatività.

Come fare gli gnocchi alla romana in casa

Come fare gli gnocchi alla romana in casa Per preparare l’impasto degli gnocchi alla romana in casa, vi serviranno solo latte, uova, semola, burro e parmigiano grattugiato. Insaporiti da sale e pepe, si possono profumare anche con una spolverizzata di noce moscata. Oltre agli ingredienti, per preparare gli gnocchi alla romana avrete bisogno di una pentola dai bordi alti e dal fondo spesso, di un cucchiaio di legno o di una frusta e di una pirofila. Questo è un piatto che non richiede tempi di preparazione troppo lunghi, potrete pertanto pensare di prepararli anche poco prima di servire in tavola il pranzo o la cena che, in questo caso, verranno arricchiti da tanto gusto e sapore.

Vi suggeriamo le dosi degli ingredienti per preparare una teglia di gnocchi alla romana per 4 persone.

Vi serviranno: 40 g di semolino; 2 tuorli d’uovo; 1 l di latte; 100 g di parmigiano grattugiato; 150 g di burro; sale e noce moscata.

Versate il latte in una pentola e scaldatelo senza fargli, però, raggiungere il bollore; calate a pioggia il semolino mescolando con un cucchiaio di legno. Abbassate la fiamma, insaporite con sale e noce moscata e proseguite la cottura per circa 15 minuti, sempre mescolando. Ritirate dal fuoco, incorporate un cucchiaio di parmigiano grattugiato, i tuorli sbattuti, versate il composto caldo e morbido su un piano di marmo inumidito o su una spianatoia, livellate con una spatola bagnata fino a raggiungere uno spessore di circa 1 cm e lasciate raffreddare. Ritagliate tanti dischetti cercando di fare meno scarti possibile. Imburrate abbondantemente una teglia e cominciate a disporre gli gnocchi: coprite il fondo con gli scarti che vi sono rimasti dopo aver ricavato i dischetti, quindi create due strati di gnocchi, accavallandoli leggermente tra loro, in modo però da non sovrapporli completamente. Condite con una spolverizzata di parmigiano grattugiato e bagnate con un po’ di burro fuso. Potete utilizzare anche un panetto di burro duro e ricavare dei fiocchetti da spargere in superficie. Infornate e fate gratinare per una decina di minuti, fino a quando non si forma una bella crosticina dorata e croccante. Se vi piace, restando più vicini alla cucina di Roma, potete sostituire il parmigiano con il pecorino che conferirà un sapore più gustoso allo gnocco.

Un piatto dal sapore delicato e intenso allo stesso tempo. Un piatto che probabilmente appartiene a quei mesi dell’anno in cui è bello chiudersi in casa e coccolarsi con una delizia che alleggerisca lo spirito e gratifichi il palato, anche se gli amanti degli gnocchi alla romana non conoscono stagioni e li preparano sempre. Provateli anche voi, non saprete più farne a meno.

Oltre agli gnocchi alla romana, il forno ci regala anche un’altra versione degli gnocchi gratinati che si preparano in questo caso con le patate e con il formaggio: sono gli gnocchi alla bava, una ricetta che appartiene alla cucina biellese. Un’alternativa filante allo gnocco alla romana, adatta anche per ingolosire i bambini*.

Vi serviranno: 300 g di patate; 200 g di farina di frumento; 100 g di fontina; 100 g di toma; burro; sale. Per prima cosa, lessate le patate con la buccia, lasciatele intiepidire, pelatele, schiacciatele in una ciotola. Aggiungete la farina e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio che non si attacchi alle mani; ricavate dei salamini dal diametro di 4-5 cm e tagliateli a intervalli regolari, per ottenere gli gnocchi. In una casseruola, portate a bollore abbondante acqua salata, salate e tuffate gli gnocchi, scolandoli non appena verranno a galla. Sistemateli in una teglia da forno imburrata, conditeli con i formaggi tagliati a quadretti, quindi infornate a 220° fino a quando il formaggio non sarà sciolto e dorato. Serviteli caldi e filanti.

Per proporre un piatto dal sapore diverso, potete preparare gli gnocchi alla romana con il semolino di riso. Tutti gli altri ingredienti resteranno gli stessi e il sapore buono e sempre molto invitante. Anche il procedimento non cambia e porterete in tavola gnocchi perfetti e veloci. Scaldate in una pentola 1 l di latte, versatevi a pioggia e lentamente il semolino di riso, mescolate a fiamma bassa e, una volta che il composto comincia a staccarsi dalle pareti, togliete dal fuoco e unite 50 g di burro e un cucchiaio pieno di parmigiano grattugiato; mescolate con la frusta o con il cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto sodo e stendetelo sulla spianatoia per farlo raffreddare. Ricavate i dischetti e distribuiteli in una teglia imburrata. Cospargete con abbondante parmigiano, qualche fiocchetto di burro e infornate in modalità grill a 200° per 10 minuti circa. Anche gli gnocchi di semolino di riso avranno la loro crosticina dorata e croccante a cui nessuno saprà resistere.

*sopra i 3 anni

Come stendere gli gnocchi alla romana

Come stendere gli gnocchi alla romana Una volta preparato l’impasto, è necessario stenderlo quando è ancora caldo per poi poter ricavare i tanti dischetti che formeranno gli gnocchi.

Potete rovesciarlo su un piano di lavoro rivestito di carta da forno, su un piano di marmo leggermente inumidito o su un largo vassoio in ceramica, anch’esso inumidito per evitare che il composto si attacchi e che, una volta ritagliati, gli gnocchi si possano staccare con difficoltà o rompersi.

Una volta versato l’impasto, dotatevi di una spatola bagnata e stendetelo fino a raggiungere lo spessore di 1 cm circa, ma tutto dipende da come preferite gustare gli gnocchi. Se vi piacciono più sottili e croccanti, potete arrivare anche ad uno spessore di mezzo centimetro. Una volta steso bene l’impasto in un disco perfetto o in un rettangolo, lasciatelo raffreddare: ci vorranno circa 20 minuti. Quando raggiunge la temperatura ambiente, ritagliate i dischi e sovrapponeteli nella teglia, rigorosamente imburrata.

Come tagliare gli gnocchi alla romana

Come tagliare gli gnocchi alla romana Dopo aver steso l’impasto e aver aspettato che si raffreddi, dovrete ritagliare i dischi per sovrapporre gli gnocchi nella pirofila. Siccome in cucina, lo si sa, anche l’occhio vuole la sua parte, dovete cercare di realizzare dischi di semolino perfetti e soprattutto uguali tra loro. A questo proposito possono venirvi in aiuto moltissimi sistemi e diversi attrezzi, facilmente reperibili in ogni cucina.

Se siete bravi e avete la mano ferma e un occhio attento, potete ritagliare i dischi anche utilizzando un coltello dalla lama liscia e ben affilata. Tuttavia, questo metodo è un pochino laborioso e lungo. Un sistema per velocizzare il lavoro, è scegliere di utilizzare un coppapasta rotondo dal diametro di 4-5 cm oppure, se non disponete di un coppapasta, potete utilizzare un bicchiere dal vetro piuttosto sottile che riesca a ritagliare bene la forma dei dischi. In questo modo, con il coppapasta o con il bicchiere, sarete sicuri di ricavare dischi dalla forma perfetta che saranno sicuramente tutti uguali. Una volta ricavati i vostri gnocchi, vi avanzerà sicuramente un po’ di impasto, sia che stendiate il vostro semolino in un disco sia che gli diate la forma di un rettangolo o di un quadrato, e potete utilizzare questi avanzi come base su cui sistemare gli strati degli gnocchi. Oppure, potete ritagliarli in pezzi ancora più piccoli e friggerli come si fa con la polenta per servirli come antipasto o come deliziosi finger food sul buffet di un goloso aperitivo tra amici, insieme a crocchette di pollo, sistemati in un grande vassoio ricoperto da foglie di insalata.

Come fare dei buoni gnocchi alla romana

Come fare dei buoni gnocchi alla romana Un piatto facile e veloce da preparare che dà sempre grandi soddisfazioni ha anche qualche segreto per diventare ancora più buono e gustoso. Vi suggeriamo un po’ di consigli per portare in tavola i classici gnocchi alla romana perfetti.

• pare che la ricetta classica non preveda le uova, ma se aggiungete i tuorli, otterrete un composto più saporito;
• fate sempre scendere il semolino a pioggia e molto lentamente, continuando a mescolare, per evitare che si formino i grumi;
• evitate di portare il latte a ebollizione, anche se dovrà essere molto caldo;
• stendete sempre l’impasto con una lunga spatola bagnata su un piano inumidito;
• ungete abbondantemente di burro la pirofila dove sistemerete gli gnocchi;
• utilizzate sempre latte intero;
• infornate gli gnocchi con la modalità grill così da ottenere subito una doratura perfetta.

Come condire gli gnocchi alla romana

Come condire gli gnocchi alla romana Insieme ai saltimbocca, alla pasta alla carbonara, piatto di fama mondiale, o agli spaghetti cacio e pepe, la cucina romana vanta la ricetta degli gnocchi di semolino che, oltre ad essere semplicemente conditi con burro fuso e parmigiano, si accompagnano a molti altri ingredienti che arricchiscono di gusto e sapore questo piatto delizioso.

Potete condire gli gnocchi con del formaggio filante, oppure potrete arricchirli con il gorgonzola. Un modo semplice e veloce per dare ad un piatto delicato un gusto più deciso e imponente. Vi basterà aggiungere alle dosi suggerite da noi per la ricetta classica 300 g di gorgonzola tagliato a pezzettini prima di infornare.

Ma le sorprese che gli gnocchi alla romana riservano non sono poche. È un piatto versatile che si presta a molte occasioni e soprattutto a diventare la base per condimenti che ne esaltino il sapore e rendano questa preparazione ancora più golosa e invitante.

Se volete proporre gli gnocchi alla romana come primo piatto del menù di un informale pranzo in famiglia, potrete condirli con il pomodoro. Un sugo buono e veloce, cucinato per pochi minuti sul fuoco che porta con sé tutto il profumo del basilico appena raccolto. Se volete portare in tavola gnocchi alla romana al pomodoro per quattro persone, vi serviranno le stesse dosi suggerite in precedenza per l'impasto degli gnocchi, 4-5 foglie di basilico, 700 ml di passata di pomodoro, olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Fate cuocere la passata di pomodoro in una casseruola con 4-5 cucchiai di olio extravergine d’oliva; lasciate sul fuoco per 5-7 minuti e, quasi a fine cottura, aggiungete le foglie di basilico. Una volta che gli gnocchi sono tagliati e sistemati nella teglia, potete semplicemente condirli con qualche cucchiaio di sugo al pomodoro e, per chi lo gradisce, aggiungere una generosa spolverizzata di parmigiano grattugiato.

Se volete, il pomodoro lo potete aggiungere anche nell’impasto e avrete degli gnocchi alla romana colorati e gustosi. Calcolate un cucchiaio per ogni 50 g di semolino e otterrete la giusta proporzione che non copra il sapore dell’impasto e lo esalti con il profumo del pomodoro.

Un’altra idea golosa che rende gli gnocchi ancora più invitanti, è quella che unisce all’impasto un buon formaggio come l’emmental o la fontina. Tagliate 200 g di formaggio a cubetti e uniteli all’impasto prima di aggiungere le uova, mescolate e continuate la cottura. Stendete l‘impasto sul piano di lavoro inumidito, ricavate i dischi con il coppapasta e sistemate gli gnocchi in una pirofila imburrata. Aggiungete qualche cucchiaio di panna da cucina, una spolverizzata di parmigiano grattugiato e infornate con la funzione grill a 200°. Potete aggiungere, in questa ricetta, anche del prosciutto cotto a dadini, unendolo alla preparazione prima di coprire la superficie con la panna.

E, a proposito di prosciutto, nulla vi vieta di tagliarlo a dadini molto piccoli e aggiungerlo all’impasto. Per le dosi per 4 persone, vi servirà una fetta di prosciutto cotto da 100 g. In alternativa al prosciutto, potete utilizzare lo speck che darà un profumo inconfondibile al piatto.

Ma le idee e i suggerimenti non si fermano qui. Con gli gnocchi alla romana potete anche preparare un pasticcio che, insaporito dal gusto intenso della carne macinata e della salsiccia, si unisce alla morbidezza della besciamella per portare in tavola un gustoso piatto unico. In una padella, sbriciolate 100 g di salsiccia di maiale e unitevi 80 g di macinato di manzo. Fate rosolare con 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, fate sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco e aggiustate il sapore con un pizzico di sale. Mettete da parte e preparate gli gnocchi con la ricetta classica. Disponete in una pirofila ben imburrata i ritagli dell’impasto ricavati dopo averlo diviso in dischetti, adagiate un primo strato di gnocchi e distribuite la carne su tutta la superficie. Coprite con la besciamella precedentemente preparata con 500 ml di latte, 50 g di burro e 50 g di farina: disponete in una casseruola dal fondo alto il burro e la farina e create il roux biondo; scaldate il latte in un pentolino e versatelo a filo sul roux, mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi; aggiustate di sale e noce moscata e tenete da parte la besciamella, coprendola con la pellicola trasparente fino al momento di utilizzarla. Versatela sulla carne e coprite con un altro strato di gnocchi alla romana. Terminate con qualche fiocchetto di burro, una spolverizzata di parmigiano grattugiato e infornate a 200° per 10 minuti, in modalità grill. Sfornate e servite gli gnocchi con la carne caldi e fumanti.

Gli gnocchi alla romana possono essere inclusi anche tra i piatti vegetariani se evitate di aggiungere il parmigiano e li arricchite con verdure adatte ad ogni stagione. I piselli nella bella stagione, delle zucchine verdi o la zucca che, nella stagione fredda, si accompagna egregiamente al semolino e riscalda l’atmosfera.

Se questi abbinamenti stuzzicano il vostro appetito e la vostra curiosità, vi suggeriamo dosi e procedimenti per portare in tavola questa ricetta laziale sempre diversa e gustosa.

Gli gnocchi con i piselli sono facili e veloci da preparare e possono essere un delizioso piatto unico, accompagnati da fette di pane casereccio abbrustolito e condito con olio d’oliva. Se preparate gli gnocchi con le dosi per 4 persone indicate in alto, vi serviranno: 250 g di piselli freschi o surgelati; una cipolla bionda; olio extravergine d’oliva; zucchero di canna; burro; vino rosso.

In una padella, fate caramellare la cipolla tagliata a fettine molto sottili con un cucchiaio di zucchero e una noce di burro e fate sfumare con mezzo bicchiere di vino rosso o due cucchiai di aceto balsamico; aggiungete i piselli e cuoceteli per 10 minuti circa. Una volta che gli gnocchi sono pronti, sfornateli e copriteli subito con il composto di cipolla e piselli. Serviteli con crostini di pane abbrustolito, condito con olio extravergine d’oliva.

Una crema di formaggio è un’idea per servire gnocchi alla romana davvero appetitosi e portare in tavola un tocco di golosità in più. Vi basterà stemperare 150 g di fontina a dadini in 200 ml di latte e un cucchiaio di panna e otterrete un condimento a cui non potrete resistere.

Per gli amanti delle verdure, questa crema si rende perfetta anche per accompagnare gli gnocchi alla romana insaporiti dall’inconfondibile e profumatissimo gusto degli asparagi. Cotti al vapore, si inseriscono tra gli gnocchi e ne esaltano il sapore. Per preparare gli gnocchi alla romana con asparagi e crema di formaggio per 4 persone, vi serviranno, oltre agli ingredienti della ricetta classica: 200 g di asparagi verdi o asparagi selvatici; un tuorlo; olio extravergine d’oliva; crema di formaggio. Mondate e lavate gli asparagi, cuoceteli in un cestello a vapore per circa 7 minuti; nel frattempo, portate a bollore l’acqua in un pentolino e cuocete l’uovo. Una volta pronti, trasferite gli asparagi su un tagliere e tagliateli a rondelle non troppo sottili. Metteteli da parte, scolate l’uovo, raffreddatelo sotto l’acqua corrente e sgusciatelo. Mettete da parte l’albume e trasferitelo in un mixer con metà della crema precedentemente preparata. Frullate tutto e lasciate riposare in frigo. Nel frattempo, avrete preparato il composto per i vostri gnocchi e, una volta diviso in dischi, prendete gli avanzi e distribuiteli sul fondo di una pirofila imburrata. Coprite con un primo stato di gnocchi, distribuitevi anche gli asparagi e versatevi la crema. Coprite con il secondo strato di gnocchi e una spolverizzata di parmigiano grattugiato e infornate in modalità grill a 200° per circa 10 minuti. Sfornate i vostri gnocchi agli asparagi e serviteli subito.

Come anticipato, anche la zucca si sposa con il sapore degli gnocchi e si unisce alla fontina e alle erbe aromatiche affinché il forno regali una teglia piena di tutto il profumo di un piatto indimenticabile.

Per prima cosa, preparate l’impasto degli gnocchi, stendetelo sul piano di lavoro e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo, affettate 250 g di zucca e cuocetela in forno per 10 minuti, per farla ammorbidire. Tagliate a dadini 150 g di fontina, mettetela in un pentolino e scioglietela leggermente in 100 ml di latte. A questo punto, tutti gli ingredienti sono pronti per essere assemblati. Ricavate i dischi di semolino con il coppapasta, sistematene uno strato sul fondo di una teglia ben imburrata, spolverizzate con un po’ di parmigiano, bagnate con due o tre cucchiai di composto di formaggio e distribuite le fettine di zucca e qualche fogliolina di salvia; coprite con i restanti dischetti di semolino e terminate con il composto di formaggio rimasto. Infornate a 220° per 10 minuti, sfornate e servite il piatto caldo.

Se siete ancora in cerca di alternative gustose, il binomio carciofi e ricotta potrà regalarvi belle soddisfazioni. Per prima cosa, affettate 200 g di carciofi a fettine e lasciateli in acqua fredda acidulata con il succo di limone; nel frattempo, setacciate in un colino 100 g di ricotta e lavoratela in una terrina con un pizzico di sale e qualche fogliolina di timo. Preparate l’impasto degli gnocchi, stendetelo e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo, fate saltare i carciofi in una padella con due cucchiai di olio extravergine d’oliva e sale. Ricavate i dischetti, sistemate un primo strato sul fondo di una pirofila imburrata e create un secondo strato con i carciofi. Spalmate la crema di ricotta e coprite con i dischetti rimanenti. Spolverizzate con un cucchiaio di parmigiano, terminate con qualche fiocchetto di burro e infornate in modalità grill a 200° per 10 minuti.

Potete servire questi gnocchi in un modo sfizioso, stendendo un rotolo di pasta sfoglia nella teglia e sistemando i dischetti di semolino e gli altri ingredienti all’interno di questo guscio che, una volta fuori dal forno, darà al piatto ancora più sapore e una irresistibile croccantezza.

Gli gnocchi di semolino sono perfetti anche per portare in tavola calde zuppe. In questo caso, però, è la Romagna che ci propone una ricetta davvero squisita e imperdibile per una rilassante cena in famiglia. Per prima cosa, preparate un buon brodo di carne o, in alternativa, un buon brodetto di pesce, e mettetelo da parte. Nel frattempo, in un pentolino, sciogliete 75 g di burro e versatelo in una ciotola con 150 g di semolino e 80 g di parmigiano grattugiato; mescolate e unite le uova sbattute, un pizzico di sale e una spolverizzata di noce moscata. Rivestite una teglia imburrata con carta da forno e versatevi il composto, livellatelo con le mani umide e infornatelo a 180° per circa 30 minuti. Sfornatelo, trasferitelo delicatamente su un tagliere e affettatelo a strisce; quindi ricavate tanti cubotti, trasferite il brodo bollente in una zuppiera, unite delicatamente i cubotti di semolino e portate in tavola questo piatto fumante.

*sopra i 3 anni