Come fare una panatura croccante

Galbani
Galbani
Come fare una panatura croccante
Una panatura croccante ha il pregio di rendere i cibi eccezionali: cotolette di carne o di pesce, bocconcini di olive o di mozzarella e uova impanate acquistano tutto un altro sapore se esaltati dalla croccantezza della panatura.

Spesso, tuttavia, la panatura realizzata delude le nostre aspettative e i cibi risultano morbidi e poco compatti. Come fare per ottenere un risultato eccezionale? Prima di tutto è fondamentale la scelta della farina, che deve avere delle precise caratteristiche. In secondo luogo è bene sapere che anche il pangrattato deve rispondere a determinati criteri. Curiosi di saperne di più? Continuate a leggere!

Come fare una panatura spessa e croccante

Come fare una panatura spessa e croccante Una panatura spessa e croccante richiede una certa tecnica. Pronti a iniziare?

Gli ingredienti che vi servono sono: 200 g pangrattato; 100 g di parmigiano grattugiato; 1 spicchio d’aglio; 6-7 foglioline di prezzemolo tritato; 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva; sale q.b.; un pizzico di pepe nero; 2 uova; 1 cucchiaino di spezie a scelta tra origano, rosmarino, timo, peperoncino e quelle che più preferite.

Tritate l’aglio in una ciotola e unitelo al pangrattato, al parmigiano grattugiato e al prezzemolo tritato. Aggiungete anche l’olio extravergine d'oliva, ½ cucchiaino di sale e un pizzico di pepe nero e mescolate per amalgamare bene il tutto. In questa operazione aiutatevi anche con le mani, in modo tale da rendere il composto più compatto e uniforme per dare al pangrattato la giusta consistenza.

In un’altra ciotolina sbattete le uova, aggiungete un pizzico di sale e mescolate. Intingete le fettine di carne o di pesce che volete impanare. L’impanatura sta bene con molti cibi diversi: petto di pollo impanato, filetti di tonno o di merluzzo, calamari, verdure, polpette e altri sfiziosi alimenti.

Dopo aver intinto le vostre fette nell’uovo sbattuto, fate scolare pochi secondi la fetta su un piattino, tenendola dalle estremità: questa operazione serve per eliminare l’uovo in eccesso. Passatela poi nella ciotola che avete preparato con il pangrattato e gli altri ingredienti. Per ottenere una panatura spessa, intingete le fette nel pangrattato per almeno due o tre volte.

Adesso che le fette impanate sono pronte, decidete le modalità di cottura: fritte, in padella o cotte al forno. La vostra panatura sarà comunque spessa e croccante!

Come fare la panatura per le cotolette

Come fare la panatura per le cotolette Le cotolette sono un secondo piatto sfizioso amatissimo da grandi e bambini*. Sono perfette accompagnate da una porzione di patatine fritte ma vanno benissimo anche accanto a un piatto di insalata verde. Le cotolette possono essere sia di pollo, sia di vitello che di maiale, ma è perfetto anche il filetto di pesce. Per realizzarle serve sempre lo stesso procedimento.

Vi serviranno: 6 fette della carne o del pesce che preferite; 100 g di farina; 2 uova; 80 g di pangrattato; un pizzico di sale; un pizzico di pepe; 4 cucchiai di olio di semi; 1 cucchiaino di erbe aromatiche a scelta.

Prima di tutto, tamponate le fettine di carne con della carta assorbente: questa operazione permetterà all’impanatura di aderire perfettamente alla fetta e a voi di ottenere una panatura molto croccante.

Versate su un piatto la farina e infarinate le fette su entrambi i lati. Subito dopo sbattete le uova in una ciotolina, aggiungendo anche le erbe aromatiche, un pizzico di sale e un pizzico di pepe nero. Immergete le fette infarinate nell’uovo sbattuto. Ripassate nuovamente le fette nella farina e ancora una volta immergetele nelle uova sbattute: ciò renderà l’impanatura più croccante.

Adagiate le fette su un foglio di carta da forno e cospargetele con il pangrattato, avendo cura di farlo aderire su entrambi i lati.

Fate scaldare l’olio in padella e, non appena la temperatura dell’olio diventa abbastanza calda, mettete a friggere le fette e considerate 2-3 minuti di cottura per ogni lato, finché la panatura non diventa dorata.

Una volta tolte dalla padella, per eliminare l’olio in eccesso adagiatele su un piatto ricoperto con la carta assorbente. Servite accompagnando le cotolette con delle gustose patate al burro, con un'insalata o con delle croccanti patatine fritte.

Volete un consiglio per una panatura ancora più sfiziosa? Aggiungete al pangrattato e agli altri ingredienti anche dei semi di sesamo, dei semi di zucca o dei cereali: gusterete una vera delizia!

Un esempio gustosissimo da provare con queste panature? Tritate grossolanamente un cucchiaio di semi di zucca e un cucchiaio di semi di sesamo.

Realizzate un'abbondante panatura grattugiando 300 g di pane raffermo e mescolandolo insieme ai semi, un cucchiaino di pepe nero, mezzo cucchiaino di noce moscata.

In una terrina sbattete un uovo e aggiungete un pizzico di sale.

Poi prendete sei fettine di pollo e passatele una ad una prima nell'uovo e poi nella panatura. Prestate attenzione a far aderire la panatura in modo uniforme alla cotoletta, in modo da creare una sorta di sfoglia croccante. Disponete le cotolette su una teglia ricoperta da carta forno, cospargetele con un filo d'olio e infornate a 180° per un quarto d'ora.

*sopra i 3 anni

Come fare la panatura per gli arancini

Come fare la panatura per gli arancini Ricetta siciliana perfetta in più di un’occasione, gli arancini sono piatti unici davvero sfiziosi. Croccanti fuori e morbidi dentro, si prestano ai più golosi ripieni: al riso con ragù, zucchine, funghi e pancetta, riso bianco e formaggio e così via, le idee per cucinarli sono davvero tantissime!

Al di là del ripieno, uno degli elementi che rende gli arancini eccezionali è la pastella, da fare sia se friggete in padella, sia se friggete nella friggitrice. Per 10 arancini vi serviranno: 30-40 g di pangrattato; 40 g di farina di grano duro setacciata; 1 bicchiere d'acqua; un pizzico di sale; 1 l di olio di semi di arachide per la frittura.

Dopo aver preparato gli arancini di riso alla siciliana e averli passati nelle uova, prima ancora di intingerli nel pangrattato prendete una ciotola, versate la farina, l’acqua e un pizzico di sale e mescolate con l’aiuto di un frustino in modo da non lasciare grumi.

Mettete gli arancini nella ciotola, immergeteli interamente con la pastella, magari con l’aiuto di un colino, poi tirateli fuori e ricopriteli di abbondante impanatura.

In una padella di medie dimensioni, versate l’olio e fatelo scaldare finché non raggiunge una temperatura di 180°. Friggete gli arancini così impanati, lasciandoli nell’olio non più di 50 secondi ciascuno per evitare che l’impanatura si sfaldi. Riponeteli poco per volta su un vassoio ricoperto con della carta assorbente ed eliminate l’olio in eccesso. Servite ben caldi!

Come fare la panatura dei nuggets

Come fare la panatura dei nuggets I nuggets, anche conosciuti come crocchette di pollo, sono un finger food eccezionale: bocconcini o bastoncini di pollo dorati e croccanti, perfetti con le patate al forno e una spruzzata di succo di limone.

Per la panatura dei nuggets vi serviranno: 80 g di farina di mais; 1 uovo; 80 ml di latte; 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva; ½ cucchiaino di sale; ½ cucchiaino di pepe; 50 g di pangrattato; ½ cucchiaino di lievito; 1 l di olio di semi di mais.

Preparate le crocchette di pollo e integrate con la realizzazione di una pastella croccante seguendo i consigli che vi proponiamo.

Dopo aver spezzettato la mollica di pane nel latte, come suggerito dalla ricetta tipica, e prima di far friggere i nuggets, passateli nella pastella per la panatura, in modo da conferire loro una croccantezza irresistibile.

In una terrina versate la farina setacciata, aggiungete il latte e mescolate con l’aiuto di una frusta da cucina. Versateci anche l'uovo sbattuto e il lievito, mescolate e aggiungete il sale, il pepe e l'olio. Immergete una alla volta le crocchette di pollo. Dopodiché, passatele nel pangrattato prima di cuocerle in una padella con abbondante olio. Friggete finché la crosta che le ricopre non diventa dorata. Fate scolare l’olio in eccesso sulla carta assorbente e servite ben calde.

Come fare una panatura senza uova

Come fare una panatura senza uova Non avete uova in casa o semplicemente non vi va di usarle per preparare la vostra panatura? Nessun problema: avete due possibilità per ottenere una panatura croccantissima. Potete passare il cibo nell'olio extravergine d'oliva per inumidirlo bene e immergerlo poi nel pangrattato oppure potete preparare una pastella a base di acqua o latte di soia, unita alla farina, al sale e al pepe.

Ecco la ricetta per questa seconda soluzione: prendete 80 g di farina di grano tenero tipo 00; 2 bicchieri di latte di soia; 2 bicchieri d'acqua; 40 g di pangrattato; 40 g di parmigiano grattugiato; un pizzico di sale; un cucchiaino di pinoli; un mazzetto di prezzemolo; il succo di ½ limone; un filo d'olio extravergine d'oliva; erbe aromatiche a vostra scelta per impreziosirla.

Prima di tutto preriscaldate il forno a 200°. Poi, tritate insieme pinoli e prezzemolo, aggiungete il succo di limone. In una terrina amalgamate pangrattato, parmigiano grattugiato e un filo di olio extravergine d'oliva e aggiungete il trito di pinoli e prezzemolo.

Immergete la fetta di carne o di pesce da impanare. Su una teglia imburrata con una noce di burro o ricoperta di carta forno sistemate le fettine e fatele cuocere per 15 minuti circa, girandole a metà cottura.

Come fare una panatura perfetta

Come fare una panatura perfetta E ora, gli ultimi trucchi e consigli per ottenere una panatura perfetta.

Prima di tutto, è importante sottolineare che la panatura perfetta dipende dal tipo di cibo che scegliete di cucinare. Impanare una cotoletta è diverso dall’impanare i nuggets o la tempura giapponese, ad esempio. Quest’ultima in particolare si realizza sempre con una pastella a base di farina e acqua, ma a differenza di molte preparazioni la pastella non deve essere priva di grumi, al contrario deve essere grumosa e, soprattutto, gli ingredienti utilizzati devono essere freddi, appena tirati fuori dal frigo.

Per fare la panatura è molto importante la scelta del tipo di pane. Ad esempio, è sempre meglio evitare di usare il pane appena lievitato o comprato in giornata, meglio usare un pane un po' più duro. Per fare il pangrattato mettetelo in un robot da cucina e macinatelo, avendo l’accortezza di non ridurlo a scaglie troppo sottili, oppure aiutatevi con l’aiuto di un coltello per lasciare una grana spessa: conferirà ancora più croccantezza all’impanatura.

A questo punto non vi resta che mettervi all'opera e provare a realizzare tante ricette sfiziose come ad esempio un contorno di zucca fritta o un secondo di cotolette di melanzane fritte!

Un'ultima ricetta sfiziosa e alternativa? Provate allora il petto di pollo in crosta, un piatto semplice e delizioso composto dal pollo impreziosito con mozzarella e formaggio e ricoperto da una croccante pasta sfoglia!