Come realizzare piatti filanti con la mozzarella

Galbani
Galbani
Come realizzare piatti filanti con la mozzarella
Quando si parla di mozzarella viene subito da pensare a piatti estivi dal gusto leggero, come capresi o insalatone, ma non bisogna dimenticare quanto questa deliziosa pietanza possa rappresentare un valido e spesso insostituibile alleato anche per preparare piatti caldi e filanti, dagli antipasti ai primi, dai secondi ai contorni, perfetti per tutte le stagioni, soprattutto quelle più fredde. Avete già l'acquolina in bocca? Allora continuate a leggere i nostri consigli per scoprire tutti i segreti della mozzarella filante e le molte ricette a cui può dare forma!

Come realizzare dei finger food con la mozzarella filante

Come realizzare dei finger food con la mozzarella filante Se avete organizzato un buffet di antipasti o amate particolarmente gli aperitivi finger food tra amici, uno degli ingredienti che può darvi le maggiori soddisfazioni in termini di gusto, comodità e resa scenica è probabilmente la mozzarella. Potete utilizzarla per preparare golose tartine o bruschette insieme alle verdure, il pesce o i salumi che preferite, soprattutto la salsiccia: vi basterà metterne un bocconcino sul crostino che avete scelto di utilizzare e farlo sciogliere in forno pochi minuti per avere una calda bontà filante da gustare con le mani.

E come dimenticare le famose mozzarelline fritte? Per realizzarle vi basterà tagliare a dadini la Mozzarella Santa Lucia prima di passarla nella farina, nell'uovo a temperatura ambiente sbattuto insieme a un pizzico di sale e infine nel pangrattato per almeno due volte, affinché l’impanatura aderisca in modo omogeneo, per poi friggere i bocconcini di mozzarella in abbondante olio di semi o d'oliva fino a che non appariranno uniformemente dorati. Una volta cotti e messi a scolare su della carta assorbente da cucina per tamponare l’olio in eccesso, le vostre mozzarelline saranno pronte per essere gustate calde, croccanti fuori ma cremose dentro, una dopo l'altra: statene certi, andranno a ruba!

Ma vogliamo parlare dei supplì e degli arancini? Saranno soprattutto loro a rendere felici i vostri ospiti, grazie alla loro tipica fragranza e alla possibilità di prepararli in tanti modi diversi. I supplì al forno o fritti sono una specialità tipica romana e più in generale di tutta la regione laziale, e la loro particolarità sta nell'essere costituiti da riso cotto mescolato a un buon sugo al ragù, composto che, una volta freddo, dovrà essere farcito con la mozzarella e infine impanato prima di essere cotto e gustato ancora caldo: aprendo il supplì la mozzarella apparirà così filante, simile a un lungo e compatto filo telefonico, tanto che a Roma questa specialità viene anche chiamata "supplì al telefono". Ma se tale bontà ha una ricetta piuttosto standard e delle dimensioni notevoli, tanto che potete servire queste grandi polpette allungate anche tra i secondi piatti, sono soprattutto gli sfiziosi arancini di riso, specialità culinaria tipicamente siciliana, a consentirvi di sbizzarrire la fantasia con ingredienti e abbinamenti di ogni tipo. Queste speciali crocchette, infatti, possono variare il loro gustoso ripieno a seconda delle vostre preferenze e, sebbene esistano anche celebri versioni prive di formaggio, se volete davvero rapire il palato dei vostri ospiti dovete innalzare a minimo comune denominatore degli arancini il cuore filante di mozzarella al centro. Dai croccanti arancini di pesce, magari al tonno o al salmone, passando per quelli ripieni di carne, verdure, pistacchi o addirittura pasta, non c'è davvero limite alla creatività e, se continuate la lettura, più avanti vi insegneremo come cucinarli. Preparatene diversi tipi, decidendo voi se con o senza uova, fritti o al forno, e farete felici tutti, compresi i bambini*, con queste deliziose palline impanate!

*sopra i 3 anni

Come cucinare dei primi piatti con la mozzarella filante

Come cucinare dei primi piatti con la mozzarella filante Cosa c'è di meglio di un buon piatto di pasta o di un risotto caldo e filante per riscaldare una giornata autunnale o invernale? Se volete coccolarvi o coccolare la vostra famiglia in questo modo, non vi resta che affidarvi alla mozzarella! Potete farlo ad esempio scegliendo una delle ricette tipiche della gastronomia italiana, primo piatto domenicale per eccellenza, insieme alle lasagne, e uno dei più amati da grandi e piccoli*: la pasta al forno. Appetitosa e piena di sapore, questa semplice bontà prevede l'utilizzo di sugo al pomodoro (a meno che non vogliate provare la versione in bianco o quella con le verdure), gustose polpettine di carne, besciamella o mozzarella filante, scamorza, uova sode e parmigiano grattugiato che, amalgamandosi con la pasta, daranno vita a un piatto da leccarsi i baffi!

Quando preparate la pasta al forno fate molta attenzione alla cottura della pasta, che dovrete scolare ancora molto al dente per evitare che scuocia in forno, dove dovrà restare a lungo e dove acquisterà la tipica e croccante crosticina in superficie. Realizzarla è davvero facile: preparate innanzitutto delle polpettine di carne a piacere, ad esempio delle polpette di pollo dal gusto leggero e delicato, e a operazione conclusa passatele nel pangrattato, poi fate scaldare in una padella antiaderente con abbondante olio e cuocetele uniformemente. Una volta fritte, adagiate le polpette su carta assorbente da cucina e dedicatevi al sugo. In una pentola antiaderente versate e fate scaldare 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva, 1 spicchio d'aglio tritato e mezza cipolla tagliata a fettine sottili, facendo rosolare il tutto a fiamma dolce, quindi aggiungete al soffritto 900 ml di passata di pomodoro, sale e pepe nero macinato a piacere, facendo cuocere il sugo per almeno 30 minuti. Quando sarà pronto, lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e conditela con il sugo (lasciandone da parte almeno 1 mestolo) e con 50 g di parmigiano grattugiato, poi prendete una pirofila da forno e versateci dentro metà della pasta condita, aggiungendo le polpettine, 300 g di Mozzarella Santa Lucia tagliata a cubetti, 150 g di scamorza a dadini e 4 uova a temperatura ambiente sode e tagliate a fette. Completate la vostra pasta al forno aggiungendo un secondo strato di pasta, il resto degli ingredienti avanzati e un ultimo strato di sugo e parmigiano grattugiato, poi mettetela a cuocere in forno già caldo a una temperatura di 180° per circa 30 minuti, prima di sfornarla e servirla calda: facendo le porzioni non potrete restare indifferenti di fronte alla mozzarella filante!

E che dire degli gnocchi alla sorrentina, veloci da preparare e ottimi da gustare? Questo squisito primo piatto, di origine campana ma ormai divenuto celebre in tutta Italia e anche all'estero, mescola sapori e profumi mediterranei semplici ma al tempo stesso speciali, come il sugo di pomodoro (che potete realizzare con la passata di pomodoro ma anche con i pomodorini freschi), il basilico in foglie e la mozzarella che, amalgamata al resto, acquisterà una consistenza cremosa e filante capace di sciogliersi in bocca: preparatevi, vi chiederanno il bis!

*sopra i 3 anni

Come cucinare dei secondi piatti con la mozzarella filante

Come cucinare dei secondi piatti con la mozzarella filante Avete organizzato una cena con parenti e amici e volete riscaldarli con un menù di piatti unici o secondi piatti a base di mozzarella filante? Nessun problema, c'è l'imbarazzo della scelta se volete portare in tavola ricette facili ma al tempo stesso estremamente gustose. A cominciare dalla famosa e intramontabile mozzarella in carrozza, piatto tipico campano ma molto famoso anche nel Lazio, che utilizza fette di pane in cassetta passate prima nella farina e poi in un composto di uova e latte, da friggere in olio bollente o al forno, per dare vita a una sorta di singolare e croccante tramezzino farcito principalmente con la mozzarella che, una volta cotta, diventerà morbidissima e, ovviamente, filante.

Anche gli amanti della carne, delle verdure e del pesce potranno trovare soddisfazione, magari preparando degli appetitosi involtini: questa ricetta, infatti, consente di avvolgere la mozzarella, ingrediente che riesce a sposarsi meravigliosamente con moltissimi abbinamenti, all'interno di fettine di prosciutto o di carne (specialmente di pollo, di tacchino e di vitello), ma anche dentro a verdure come le melanzane, le zucchine e i peperoni, o a sapide delizie del mare come il pesce spada. Se non lo credete un abbinamento azzeccato, provate ad arrotolare delle fette di carpaccio di pesce spada intorno a un cuore di mozzarella, mele a fettine, pinoli, un pizzico di noce moscata, erba cipollina tritata e qualche goccia di limone, cuocendole in forno già caldo per pochi minuti, giusto il tempo di far sciogliere la mozzarella: una ricetta raffinata e innovativa che piacerà davvero a tutti!

Non dimenticate la cottura alla pizzaiola di scaloppine di carne, pesce e verdure, che può essere un'ottima soluzione per chi desidera avvicinare alla mozzarella filante il sapore di un buon sugo al pomodoro, mentre se preferite un piatto di carne gustoso anche senza bisogno di salse di condimento, il nostro consiglio è di proporre un saporito polpettone: con un ripieno di mozzarella e prosciutto cotto farete la gioia anche dei commensali più inappetenti! E che dire, infine, dei secondi a base di verdure? Chi le ama sopra ogni cosa o chi predilige i piatti vegetariani lo sa: aggiungendo la mozzarella tra gli ingredienti principali potrete realizzare un numero infinito di torte salate a base di pasta sfoglia o di quiches a base di pasta brisée, oppure potrete dar vita a una semplice frittata con mozzarella filante mescolandola alle uova sbattute a temperatura ambiente in una ciotola e a tutti gli altri alimenti che vorrete utilizzare per questa ricetta elementare ma sempre buonissima.

Come realizzare la pizza con la mozzarella filante

Come realizzare la pizza con la mozzarella filante Forse niente come una buona pizza può farci immaginare la mozzarella filante tanto intensamente da non riuscire a farne a meno! Ma come si preparano delle focacce, dei calzoni e soprattutto delle ottime pizze facendo in modo che il formaggio che tanto amiamo si sciolga e si amalgami con gli altri ingredienti a tal punto da creare questo inconfondibile effetto? Dopo aver preparato l'impasto per la pizza, stendetelo in una teglia rivestita di carta da forno, aggiungete la salsa di pomodoro e condite a piacere con sale, pepe e origano, poi infornate. Cospargete la superficie con abbondante Mozzarella Cucina Santa Lucia, ben scolata e tagliata a fette, cercando di distribuirla il più uniformemente possibile e senza tralasciare i bordi e gli angoli, ma fatelo solo 5 minuti prima che termini la cottura. Lasciatela sciogliere bene in forno e, quando apparirà fusa con il resto, sfornate la pizza e gustatela bollente. E perché non provare anche una pizza bianca senza pomodoro in cui la mozzarella filante sia l'unica vera protagonista?

Se invece preferite preparare una focaccia che abbia la stessa gustosa cremosità, prendete un recipiente in cui dovrete emulsionare 100 ml di acqua tiepida insieme a 3 cucchiaini d’olio extra vergine d’oliva, poi aggiungete al composto 250 g di farina e lavorate l’impasto finché non diventerà liscio, omogeneo e privo di grumi. Dategli la forma di un panetto compatto e copritelo con un panno asciutto, lasciandolo riposare per almeno 30 minuti. Trascorso questo tempo accendete il forno alla temperatura di 220° e disponete sul fondo una teglia piena d’acqua che sarà molto importante durante la cottura, perché evaporando eviterà alla crosta di seccarsi troppo e permetterà alla mollica di rimanere umida. Adagiate poi l'impasto su un piano di lavoro infarinato, dividetelo in due e stendete la prima metà con il mattarello trasformandolo in un disco sottile di circa 30 cm di diametro, quindi rivestite una teglia rotonda della stessa dimensione con un disco di carta da forno ed adagiatevi sopra il primo cerchio di pasta ben steso. A questo punto versate una manciata di pangrattato in un piatto piano capiente, passateci dentro in modo uniforme 100 g di Mozzarella Santa Lucia tagliata a fette e, quando le fette saranno interamente impanate, sistematele sul disco di impasto dentro alla teglia circolare, distanziandole un po' l'una dall'altra. Ora stendete l’altro disco di pasta sopra la mozzarella e premete bene con le dita sui bordi per sigillarli, arricciandoli su sé stessi. Spennellate la superficie con un filo d'olio extra vergine d’oliva e condite con un pizzico abbondante di sale, poi cuocetela nel forno già caldo per circa 15 minuti e gustatela bollente. Il risultato, tagliandola a spicchi, vi sorprenderà!

Come realizzare gli arancini con la mozzarella filante

Come realizzare gli arancini con la mozzarella filante Abbiamo già sottolineato come gli arancini preparati con la mozzarella possano rappresentare un antipasto caldo sfizioso ed estremamente variegato, grazie alle numerose versioni esistenti e ai molti ingredienti che potrete facilmente mescolare al loro interno, ma non vi abbiamo ancora spiegato come si preparano per ottenere un risultato davvero perfetto e, ovviamente, filante! Se volete realizzare, ad esempio, dei semplici arancini di riso con mozzarella e prosciutto cotto cominciate tritando grossolanamente 130 g di Prosciutto Cotto Galbacotto, poi fate lessare 350 g di riso in abbondante acqua leggermente salata, scolatelo e conditelo immediatamente con 50 g di Burro Santa Lucia morbido a tocchetti, 50 g di parmigiano o pecorino grattugiato, il prosciutto cotto che avete tritato e qualche fogliolina di timo. Lasciate intiepidire il riso, poi versateci sopra 2 uova sbattute a temperatura ambiente e mescolate bene per ottenere un composto omogeneo. A questo punto non vi resta che realizzare le palline di riso: mettetevene poco, schiacciandolo leggermente, nel palmo della mano e inseriteci al centro qualche dadino di Mozzarella Santa Lucia, chiudendolo poi con altro riso, premendo bene e formando delle polpettine rotonde. Ripetete la stessa operazione per ogni arancino e, quando saranno tutti pronti, passateli prima in una ciotola con 2 uova sbattute a temperatura ambiente insieme a un pizzico di sale e pepe, e poi nel pangrattato. Completate la vostra ricetta friggendo queste rotonde bontà in abbondante olio bollente, poi scolateli, appoggiali su della carta assorbente da cucina e serviteli caldi. Per una versione dal gusto leggero provate anche gli arancini senza uova ma comunque pieni di sapore grazie al pomodoro, ai piselli, allo zafferano e, ovviamente, all'immancabile mozzarella filante. E se avete una vera e propria passione per le golosità piccole e rotonde, concludete il vostro pasto in compagnia delle squisite castagnole al forno, magari servite su una dolcissima crema di mascarpone: successo garantito!

Come cucinare le verdure con la mozzarella filante

Come cucinare le verdure con la mozzarella filante La mozzarella è un ingrediente perfetto anche nei contorni, soprattutto quelli a base di verdure. Basta aggiungerne una fettina per rendere filante e gustosa ogni ricetta a base di finocchi, broccoli, cavolfiori, carciofi e radicchio, ad esempio, ma anche per arricchire con la sua calda cremosità uno sformato di legumi o un tortino di patate. Provate, ad esempio, a dar vita a un appetitoso sformato di cicoria: vi basterà sostituire la besciamella della ricetta originaria con un mix di ricotta e mozzarella tagliata a dadini, da mescolare in una ciotola insieme alla verdura e agli altri ingredienti, per ottenere un risultato davvero lodevole, ideale per scaldare una cena invernale davanti al camino.

Uno dei contorni più amati, però, è quello degli spinaci filanti, un piatto così morbido e appetitoso che potrebbe aiutarvi non poco ad avvicinare i vostri bambini*, anche quelli più restii, ad apprezzare le verdure! Per realizzarlo vi basteranno poche e semplici mosse: lavate con cura 500 g di spinaci e metteteli a lessare in abbondante acqua salata, poi scolateli bene e lasciateli raffreddare. Nel frattempo prendete una pirofila, ungetela con un filo d’olio extra vergine d'oliva e una manciata di parmigiano grattugiato prima di versarci dentro gli spinaci. Condite con un pizzico di sale e uno di peperoncino, se lo gradite, e infine unite 200 g di Mozzarella Santa Lucia tagliata a cubetti, che dovrete disporre in modo uniforme sulla superficie degli spinaci. Fate cuocere in forno già caldo a una temperatura di 180° per 5 minuti al massimo, poi aggiungete una spolverizzata abbondante di parmigiano grattugiato e infornate nuovamente per altri 5 minuti, impostando la modalità grill per ottenere la doratura finale: i vostri spinaci gratinati con mozzarella filante sono pronti, che aspettate a gustarli?

*sopra i 3 anni

Segreti e consigli per una mozzarella filante

Segreti e consigli per una mozzarella filante Ci sono alcuni semplici segreti da conoscere se volete che le vostre ricette a base di mozzarella calda siano sempre filanti come le volete voi. Siete curiosi di scoprire quali sono? Innanzitutto prediligete sempre, per cucinare, la mozzarella fiordilatte rispetto alla mozzarella di bufala o a quella vaccina appena uscita dal caseificio: queste ultime, infatti, per quanto gustose, contengono una quantità maggiore di acqua e quindi rischierebbero di bagnare troppo le vostre preparazioni, mentre la fiordilatte si rivela sempre più asciutta e compatta, perfetta per tutte le ricette che vogliono farla diventare filante! Ma mi raccomando, qualunque sia il piatto che intendete preparare, ricordate sempre come prima cosa di tagliare e lasciar sgocciolare la vostra mozzarella: mettetela in un colino o in uno scolapasta, strizzandola delicatamente con le mani, oppure stendetela su un tagliere rivestito di carta assorbente da cucina e tamponatene bene le fette con altra carta. Il liquido in eccesso, infatti, deve essere eliminato affinché non coli sul fondo del recipiente della vostra ricetta, con il rischio di farla annegare! Però non dovete necessariamente buttarlo: potete usare questa miscela di acqua e latte per allungare le vostre salse o i vostri sughi, ad esempio.

Se volete, poi, che la mozzarella si cuocia ma senza bruciarsi, mantenendo quindi il suo cuore morbido e cremoso, aggiungetela alla pizza, che ha una cottura piuttosto breve, pochi minuti prima di sfornarla definitivamente, come abbiamo già suggerito, mentre nei pasticci, nelle torte salate o negli sformati, che prevedono una cottura più lunga, cercate di inserirla all'interno piuttosto che sulla superficie, evitando sempre di farla dorare o scurire eccessivamente e lasciandola bianca e soffice.

Ovviamente le preparazioni che prevedono la presenza di una mozzarella filante daranno il meglio di sé solo se gustate calde o addirittura bollenti, ma qualora siate costretti a preparare in anticipo i vostri piatti, magari per un buffet di antipasti, fate sempre in modo che ogni portata contenga pezzi piccoli o addirittura dadini di mozzarella fusa invece che fette grandi e spesse, in modo tale che, anche freddo, questo goloso formaggio mantenga in minima parte la sua prerogativa elastica. Non ci resta che augurarvi buon appetito!