certosaPresenta

Pizza 4 formaggi

Ricetta creata da Galbani
Pizza 4 formaggi
Certosino. La piccola crescenza di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

La pizza è forse il piatto italiano più famoso al mondo. La sua storia è antica e controversa: sembra che le sue origini risalgano addirittura a tremila anni fa, in concomitanza con la scoperta della lavorazione del grano e quindi alla nascita della farina.

Nei secoli la pizza ha subito numerose modifiche, da semplice disco di pasta cotto su pietra rovente a prelibato piatto “povero”simbolo della cucina napoletana.

La pizza come la conosciamo oggi è nata dall’esigenza d’insaporire il pane schiacciato con olio, aglio o formaggi come il caciocavallo. Solamente dopo l’importazione del pomodoro dal Perù da parte degli spagnoli, alla pizza si aggiunse la salsa rossa che la rese ancora più gustosa e saporita.

La pizza ai quattro formaggi può dunque essere considerata una rivisitazione della primissima pizza napoletana senza pomodoro. Viene farcita con Mozzarella Cucina Santa Lucia, Certosino, Gorgonzola D.O.P. Gim e parmigiano grattugiato. In questa ricetta abbiamo preferito una base per pizza già pronta ma se volete farla voi, seguite i nostri consigli su come fare la pizza in casa!

Facile
1
40 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 1 disco di pasta per pizza
  2. 1 confezione di Certosino Galbani da 100 g
  3. 100 g di Galbanino Galbani
  4. 150 g di Gorgonzola D.O.P. Gim Galbani
  5. 50 g di parmigiano grattugiato
  6. Olio d’oliva q.b.
  7. Pepe q.b.

Preparazione

Seguite i nostri consigli e iniziate la preparazione della vostra pizza ai 4 formaggi: resterete piacevolmente soddisfatti!

01

Come prima cosa, per ottenere una buona cottura della pizza ai 4 formaggi è necessario preriscaldare il forno a 200°C.

02

Ora iniziate a tagliare a dadini la Mozzarella Cucina Santa Lucia e il Galbanino; quindi posizionateli in un piatto.

03

Ungete una teglia con l’olio d’oliva o ricopritela se preferite con la carta da forno e adagiatevi sopra il vostro disco di pasta per pizza già pronto.

04

Mettete un filo d’olio e successivamente aggiungete i formaggi precedentemente tagliati a dadini. Aggiungete ora anche il Gorgonzola D.O.P. Gim a pezzettini, assicurandovi di distribuirlo bene su tutta la pizza. Spolverizzate con il parmigiano grattugiato e aggiungete il pepe a piacere.

05

Infornate la pizza ai 4 formaggi per 20 minuti e prima di toglierla dal forno, assicuratevi che la base sia ben cotta.

Varianti

La pizza 4 formaggi è da sempre celebre per l’impasto semplice e fragrante, i condimenti dal gusto deciso e ben combinato, senza salsa di pomodoro.

Sono molte, tuttavia, le varianti che è possibile realizzare a partire da questa deliziosa base: tra le idee più gettonate, c’è sicuramente la versione piccante, quella preparata con il fiordilatte al posto della mozzarella, oppure quella arricchita da erbe e aromi profumati, come origano e basilico.

Le varianti per la preparazione della pizza 4 formaggi fatta in casa sono davvero tantissime, vista la semplicità e la versatilità di questa ricetta antica. Una volta che avrete imparato a farla a regola d’arte, potrete anche divertirvi a cambiare ingredienti, ad aggiungere farciture, a realizzare la vostra versione personalizzata. Ad esempio, potete sostituire l’acqua con del latte o dividere in maniera equa gli ingredienti liquidi, utilizzando il 50% di acqua e il 50% di latte.

Se sapete realizzare in casa il lievito madre, potete aggiungerlo anche a questa preparazione. Se volete utilizzarlo al posto del lievito di birra in questa ricetta, dovrete impiegarne 120 g. Ricordatevi che un impasto preparato con il lievito madre dovrà lievitare per un tempo maggiore. Quindi se con il lievito secco la lievitazione è durata 3 ore circa, con il lievito madre dovete prolungare i tempi fino a 6 ore. Il lievito madre regalerà alla vostra pizza un interno morbido e fragrante.

Al posto dello zucchero, utilizzato nella ricetta per aiutare la lievitazione, potete adoperare anche il miele d’acacia, un coadiuvante del lievito davvero molto efficace.

La pizza 4 formaggi, di solito, si serve senza nessuna farcitura oltre ai formaggi, ma è pur vero che questa buonissima base, nella sua semplicità, si adatta a moltissime varianti

Oltre alla farcitura di salumi o formaggi, facile e veloce, se siete amanti delle verdure, potete preparare dei ripieni davvero gustosi.

Ad esempio, le noci sono particolarmente adatte a un abbinamento con il gorgonzola, e possono essere utilizzate (a crudo, dopo la cottura) per donare alla pizza 4 formaggi una parte croccante che altrimenti mancherebbe. Se siete degli sperimentatori e non avete paura di un abbinamento più estroso, provate ad aggiungere anche qualche sottile fettina di pera: il risultato vi sorprenderà!

Perfette per una variante vegetariana, anche le melanzane grigliate che sapranno dare un sapore fresco e invitante ad ogni morso, e si sposano bene con il sapore delicato della Certosa. Se poi siete amanti del sapore agrodolce, la base della pizza 4 formaggi si sposerà benissimo con il sapore dei peperoni in agrodolce. Provare per credere.

Infine, per i più golosi, la pizza 4 formaggi può essere arricchita con tocchi di salsiccia e capperi dissalati: una variante che piacerà a chi ama i sapori forti, i connubi tra dolce e salino e il mix tra consistenze differenti.

Suggerimenti

Se scegliete di preparare anche l'impasto della pizza e di non adoperare, quindi, una base già pronta, ricordatevi di preparare in anticipo la vostra pasta. Infatti, l'impasto richiede tempo per lievitare prima di essere pronto per essere condito. La lievitazione è un procedimento fondamentale per la riuscita di una buona pizza.

Come lievito utilizzate il lievito di birra, è il più adatto per la preparazione delle pizze o del pane. Ricordate di sciogliere una bustina di lievito in circa 125 ml (che corrispondono a mezzo bicchiere) di acqua tiepida: l'acqua non deve mai essere troppo fredda o troppo calda. Ricordate, inoltre, che lieviti diversi hanno tempi e modi diversi di lievitazione.

Potete utilizzare poi la farina 00 e, eventualmente, combinarla con farine ai cereali e preparare, ad esempio, una pizza con farina di farro o anche una pizza con farina di mais. Prestate particolare attenzione alla scelta della farina: quella che contiene glutine è la più adatta alla lievitazione, ma non può essere utilizzata in caso di persone che preferiscono un'alimentazione priva di tale allergene.

Ricordate di ungere la superficie, e soprattutto bordi e cornicione, con del buon olio extravergine d'oliva, in modo da rendere appetibili anche le parti della pizza che non possono contenere condimento.

Per quanto riguarda la cottura della pizza in forno, sappiate che potete ottenere un ottimo risultato anche senza un vero forno a legna, specie con l'aiuto di una pietra refrattaria, da utilizzare al posto della comune teglia. Il risultato sarà apprezzabile anche con pizza molto sottile.

Per il condimento, ad eccezione del Gorgonzola D.O.P. che è l'unico formaggio che deve essere necessariamente presente e che non può essere sostituito, potete adoperare anche il pecorino grattugiato al posto del parmigiano. Potete anche sostituire il Certosino con del Galbanino oppure con il Bel Paese a Fette. C'è chi poi utilizza, tra i formaggi, anche la fontina, lo stracchino o la ricotta. Se optate per questa variante, però, vi suggeriamo di aggiungere la Ricotta Santa Lucia solo una volta che la cottura in forno sarà completata, in modo da preservare la morbidezza della ricotta.

Scegliete comunque sempre formaggi i cui sapori stiano bene tra di loro e abbinare sempre formaggi più delicati a quelli dal gusto più deciso, per non alterare l'armonia del vostro piatto. Bilanciando bene i sapori, questa pizza sarà perfetta non solo per un aperitivo o una cena tra amici, ma anche per soddisfare le voglie dei bambini*.

*sopra i tre anni

Curiosità

L'ingrediente principale e che non deve mai mancare sulla pizza ai quattro formaggi è, quindi, il gorgonzola. Di questo formaggio non si conoscono con esattezza le origini.

Se ne hanno tracce più sicure a partire dal XV secolo: si dice che nella piccola città di Gorgonzola, nei pressi di Milano, un mandriano, arrivato in questa città, lasciò il latte cagliato all'interno di un recipiente; poi, poiché non aveva a disposizione gli utensili per lavorare il latte, aggiunse una nuova cagliata nello stesso recipiente della precedente.

Dopo qualche giorno si accorse che si era creato, dall'unione di due cagliate diverse, un formaggio con le venature verdi e dall’odore particolare. Questo prodotto fu così apprezzato che nell'Ottocento fu esportato in molti paesi.

Le caratteristiche striature verdi sono dovute al processo di formazione delle muffe. Oggi ovviamente le tecniche di produzione sono cambiate e si producono vari tipi di formaggi di questo genere grazie all'aggiunta di spore di penicillium al latte.

Sono tante le ricette che si possono realizzare con il gorgonzola, ad esempio i primi, come gli gnocchi con gorgonzola, o un risotto al radicchio e gorgonzola, ma anche i secondi, come le scaloppine al gorgonzola o, perché no, anche una salsa al gorgonzola, con cui farcire un' ottima focaccia al formaggio.

E' un ingrediente che non delude mai!

Prova anche

Scopri di più