Santa LuciaPresenta

Cheesecake al mandarino

Ricetta creata da Cheesecake al mandarino
Cheesecake al mandarino
Prova con
Ricotta Santa Lucia
Ricotta Santa Lucia
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Si dice cheescake ed è subito estate: il gusto morbido e cremoso e il sapore esplosivo la rendono perfetta per ogni tipo di evento, soprattutto se abbinata a un frutto dolce e saporito come il mandarino. Che sia intera o realizzata in monoporzioni, è sempre l’occasione giusta per gustare questo dessert in compagnia degli amici o semplicemente per una domenica in famiglia.

Facile
6
30 minuti
Riposo in frigo: 3 ore
Vota
Media0

Ingredienti

Per la base:

  1. biscotti secchi 150 g;
  2. Burro 100 g. 

Per la crema:

  1. Ricotta Santa Lucia 350 g;
  2. panna fresca 300 ml;
  3. gelatina in fogli 7 g;
  4. zucchero semolato 90 g;
  5. latte qb; essenza di vaniglia qb. 

Per la gelatina al gusto di mandarino:

  1. succo di 4-5 mandarini;
  2. zucchero 70 g;
  3. amido di mais 2-3 cucchiaini;
  4. acqua 60 mm. 

Per la decorazione:

  1. mandorle in scaglie 70 g;
  2. 3 cucchiai di zucchero semolato.

Preparazione

La cheesecake al mandarino è semplice da preparare e piuttosto veloce, richiede circa 30 minuti per unire gli ingredienti e un paio d’ore di conservazione in frigo per poter essere consumata. È senza dubbio un dolce estivo perché non necessita di cottura in forno e va mangiato freddo.

01

Iniziate a preparare la base riducendo i biscotti in polvere con l’aiuto di un mixer, aggiungete lentamente il burro che avrete precedentemente riscaldato al microonde o in un pentolino e mescolate bene fino a raggiungere la giusta consistenza. Quando avrete ottenuto un composto omogeneo, potrete riversarlo in uno stampo apribile a cerniera da 22 cm, aiutandovi con il dorso di un cucchiaio per realizzare una base senza zone di vuoto. Ricordate di inserire la carta da forno sul fondo dello stampo per facilitare le operazioni successive di passaggio del dessert da questo contenitore a quello finale;

02

dedicatevi ora alla decorazione mettendo le mandorle in scaglie in una padella antiaderente già calda per tostarle su entrambi i lati. È importante che le giriate spesso per conferire loro una tostatura uniforme e piacevole anche esteticamente. Aggiungete poi la quantità di zucchero indicata e attendete fino a quando non si scioglie completamente, poi conservate le mandorle così preparate su un ripiano solido fino a completo raffreddamento;

03

prendete la gelatina e riponetela in una ciotola con acqua fredda affinché diventi morbida e lavorabile, nel frattempo montate la panna fresca con un robot da cucina o con un mixer dotato di fruste fino a quando non raggiungerà la giusta compattezza. In un altro contenitore lavorate bene lo zucchero con la Ricotta Galbani e uniteli alla panna montata fino a formare una crema omogenea e vellutata. Aggiungete ora la gelatina, che avrete fatto sciogliere in un pentolino con del latte caldo e miscelate bene, concludendo questa fase con l’aggiunta di essenza di vaniglia. Basteranno poche gocce per dare un sapore più delicato e coprire il profumo caratteristico della ricotta;

04

adesso siete pronti per preparare la glassa al mandarino: dopo aver sbucciato i mandarini, frullateli nel mixer ma non a forte velocità, per non mixare anche i semi e i filamenti che potrebbero dare un sapore più amarognolo. Per questo, dopo averli frullati, è necessario passare la polpa di mandarini al setaccio, conservando solo la parte migliore che metterete in un pentolino con lo zucchero, l’acqua e la maizena mescolando continuamente. Quando vi sembrerà pronta, spegnete e lasciate intiepidire: il risultato che dovrete ottenere è un composto molto cremoso e senza grumi, per questo è importante mescolare in modo costante eliminando ogni traccia di maizena non perfettamente sciolta;

05

ritirate la base dal frigorifero e versate lentamente la crema cercando di livellarla perfettamente senza lasciare vuoti o zone più alte. Riponete nuovamente il dessert in frigo per un’altra oretta e quando sarà ben solidificato, toglietelo dallo stampo a cerniera per riporlo su un vassoio da portata: decoratelo a vostro piacimento con le mandorle e servitelo freddo.

Varianti

La cheescake al mandarino che abbiamo proposto contiene le mandorle caramellate, che danno al dessert un gusto deciso adatto anche a una pausa pomeridiana da abbinare al caffè o a un thè freddo. L'esperienza però ci insegna che questo dolce può essere elaborato con diverse varianti, sia nella parte cremosa che nella decorazione, vediamole insieme.
La prima variante che vi suggeriamo è quella della Ricotta Galbani, che può essere sostituita dallo Yogurt Galbani dal gusto neutro o al mandarino, per una consistenza più setosa. Al posto delle mandorle, inoltre, potete utilizzare gli anacardi, che caramellerete allo stesso modo dando una spinta di gusto in più. Se non amate la vaniglia, invece, vi consigliamo di sostituirla con del thè Matcha da unire al composto cremoso o con un cucchiaio di rum: il risultato sarà davvero straordinario e perfetto anche per una festa di compleanno!

Per la base, infine, vi suggeriamo di sostituire il burro con del cioccolato bianco sciolto a bagnomaria, oppure potete aggiungere qualche cucchiaio di nocciole a granella, che renderà la consistenza più croccante e granulosa. Per chi ama i dessert molto zuccherini, alcuni chef consigliano di spalmare un sottilissimo strato di miele sulla base prima di versarvi la crema, un segreto che conferirà alla cheescake quel tocco di magica dolcezza che i vostri commensali sicuramente gradiranno.

Suggerimenti

La cheesecake al mandarino è un dolce che richiede molto riposo per assestarsi, per questo consigliamo di prepararla il giorno prima e di tenerla tutta la notte in frigorifero, coperta con della pellicola trasparente che mantiene intatta la decorazione. Se non avete molto tempo a disposizione, potete lasciarla anche una mezz’oretta nel freezer nella fase finale. Se non volete decorarla solo con le mandorle, conservate qualche spicchio di mandarino irrorato con del limone fresco e adagiatelo sul dessert, darà un ulteriore tocco di brio e dinamicità al vostro dolce. Se amate i dolci colorati, provate a caramellare delle fette molto sottili di limone che lascerete raffreddare in frigo. Un volta pronte, aggiungetele agli spicchi di mandarino e alle mandorle, alternando i colori e riempiendo gli spazi vuoti, darete al vostro dessert una spinta piena di vivacità!

Curiosità

Non tutti sanno che la cheescake nasce in Grecia grazie alla produzione secolare di ricotta a base di pecora e di latte vaccino. Dalla Grecia si è poi diffusa in tutta Europa in tantissime varianti e solo nel XX secolo è stata esportata in America, che ne ha fatto una vera e propria icona grazie alla New York Cheesecake.
Fino al secolo scorso, inoltre, l’abbinamento latticini- agrumi era considerato inappropriato alla preparazione di dolci e dessert perché, si pensava, desse vita a uno stato acido dannoso per l'organismo e un contrasto non gradevole per il palato. Grazie alle numerose elaborazioni dolciarie degli ultimi anni e agli esperimenti degli chef di fama mondiale, invece, oggi sappiamo che se combinati nelle quantità giuste e uniti agli ingredienti adatti, questo abbinamento riesce a esaltare il sapore di molti dessert.

Prova anche

Scopri di più