Come fare il soffritto

Galbani
Galbani
Come fare il soffritto
Cucinare il soffritto è un gesto alla base di tantissime preparazioni come ragù, carne, pesce, verdure e ancora è un'ottima base per sughi, salse, brodi e tantissimi altri piatti deliziosi. È possibile trovare i soffritti già pronti, ma saranno molto più gustosi se preparati nella vostra cucina.

Un soffritto finemente realizzato esalta il sapore di antipasti, contorni, primi e secondi; al contrario, un soffritto troppo pesante rischia di soffocare il sapore di sughi e aromi. Per questo motivo è molto importante imparare tutti i trucchi per prepararlo al meglio.

Siete pronti a scoprire tutte le tecniche per realizzare in casa un soffritto equilibrato e delicatissimo?

Come fare il soffritto

Come fare il soffrittoPer realizzare un soffritto con i fiocchi, oltre alla scelta degli ingredienti, ci sono altre regole e consigli utili da seguire.

In primis la scelta dell’olio, che deve essere solo ed esclusivamente l’olio extravergine d'oliva. Eliminate quindi il burro, la margarina o altri tipi di olio.

In secondo luogo, la scelta della padella, che deve essere antiaderente e deve avere i bordi alti, in modo da poter rosolare gli ingredienti evitando che si attacchino sul fondo e che si brucino. La padella con i bordi alti, inoltre, serve a non far schizzare fuori l’olio anche quando si cuoce a fiamma viva.

Generalmente il soffritto viene preparato con la cipolla, ma anche lo scalogno può andare bene. Il suo sapore deciso è perfetto, ad esempio, per preparare il soffritto di sughi di pomodoro di lunga cottura, come il sugo di peperoni, oppure per sughi realizzati con determinati tipi di carne, come la salsiccia o la pancetta, sughi che si sposano benissimo con la pasta all’uovo.

Anche l’aglio è un ingrediente scelto per la preparazione di soffritti per piatti a base di pesce e frutti di mare, ma è immancabile anche in alcune preparazioni come i buonissimi spaghetti aglio olio e peperoncino oppure le penne all’arrabbiata.

La cipolla è perfetta per quasi tutte le preparazioni di soffritto, da quelle più delicate, come il risotto o la pasta a base di panna (panna e salmone o panna e verdure di stagione, come la zucca), a quelle più decise, come le mezzelune di peperoni o i ragù. La cipolla è ottima anche per la preparazione dei soffritti per i legumi, le zuppe e le minestre.

Vi consigliamo di tritare le verdure per preparare il soffritto (sedano, carote, cipolla, aglio, porro, prezzemolo e così via) per smorzare il sapore eccessivo e realizzare una base in grado di accompagnare perfettamente i piatti con un sapore delicato e senza lasciare un retrogusto eccessivo, che altrimenti coprirebbe il sapore delle portate principali.

Per tritare gli ingredienti è meglio evitare di usare il mixer in modo da evitare di alterare il sapore degli ingredienti a causa del calore generato dal movimento delle lame. Tritate quindi i vostri ingredienti a mano, usando un coltello dalla lama fine o un pelapatate.

Ricordate di usare sempre carote novelle, che risultano più tenere da tritare e, infine, prestate un’attenzione particolare alla costa di sedano: dovete pulirla bene, eliminando i filamenti e tagliandolo a striscioline.

Come fare il soffritto di carne

Come fare il soffritto di carneIl soffritto di carne è ottimo per condire la pasta, ma va benissimo anche da gustare come secondo piatto.

Generalmente questo soffritto si fa con le carni tenere e le interiora del maiale risultano quindi perfette.

Per 6 persone vi serviranno: 2 kg di frattaglie di maiale (cuore, milza, polmone, trachea); 30 g di salsa di pomodoro; 200 g di concentrato di pomodoro; 100 g di strutto; 1 peperoncino piccante; 3-4 rametti di rosmarino; 1 foglia di alloro; 1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva; ½ bicchiere di vino rosso; ½ cucchiaino di sale; ½ cucchiaino di pepe.

Tagliate a pezzi la carne, lavatela e mettetela in ammollo per 3 ore in un recipiente pieno d’acqua, che dovrete cambiare di tanto in tanto. Passato questo tempo, scolatela e mettetela in una pentola insieme all’olio e allo strutto.

Accendete il fuoco a fiamma bassa, dopo mezz’ora aggiungete il vino e fate sfumare. Unite anche il concentrato di pomodoro, la salsa, la foglia di alloro, il rosmarino e il peperoncino, quindi lasciate cuocere per un paio d'ore, aggiungendo di tanto in tanto qualche mestolo d’acqua per non fare asciugare troppo.

Un consiglio: il sugo non deve essere molto denso, quindi diluitelo spesso se è il caso, mescolando con un cucchiaio di legno.

Come fare il soffritto di pomodoro

Come fare il soffritto di pomodoroFare il soffritto di pomodoro è molto facile: accendete i fornelli e preparatevi a realizzarne uno davvero perfetto, saporito al punto giusto e dal profumo delizioso!

Per realizzarlo per 4 persone vi serviranno: 2 carote; 1 costa di sedano; ½ cipolla; 2 spicchi d’aglio; 3 foglie di alloro; 1 dado vegetale; 6 foglie di basilico; 300 g di passata di pomodoro; 1 bicchiere di vino rosso; un pizzico di zucchero.

Tritate le verdure e mettete a scaldare l’olio in un tegame. Quando le cipolle tritate diventano dorate, versate la passata di pomodoro, il dado, le foglie di alloro e lo zucchero. Cuocete a fuoco basso portando a cottura e sfumate con il vino rosso. Non appena inizia a bollire e il suo colore diventa di un bel rosso intenso, ecco che il soffritto è pronto per essere gustato!

Se volete un soffritto dal gusto più deciso, usate la cipolla rossa e condite con erbe aromatiche a vostra scelta, ad esempio l’origano, in aggiunta a quelle base.

Questo sugo è ottimo con le melanzane: lavatene 2, tagliatele a cubetti e aggiungetele in padella insieme alla cipolla. Fatele dorare e poi versate gli altri ingredienti.

Come fare il soffritto per preparare i risotti

Come fare il soffritto per preparare i risottiIl condimento del risotto deve essere molto delicato, per cui è consigliabile usare lo scalogno al posto della cipolla.

Scegliete erbe aromatiche delicate, come il prezzemolo o il basilico, e impreziosite il soffritto con il burro e con un po' di vino bianco. Preferite una cottura lenta, a fuoco basso, e senza coperchio.

Un passaggio fondamentale per ogni soffitto che si rispetti è quello di sfumare il vino. Per i risotti è consigliabile usare quello bianco, perché ha un sapore che si amalgama bene con un piatto raffinato come il riso. Potete sfumare il vino sia quando gli ingredienti in padella iniziano a sfrigolare, sia dopo aver fatto tostare il riso.

Il soffritto deve risultare delicato anche se dovete cucinare un risotto corposo, come quello con le patate.

Vediamo insieme gli ingredienti: 200 g di patate; 180 g di riso; 1 scalogno; una noce di burro; 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva q.b.; 1 l di brodo vegetale; 3 cucchiai di formaggio grattugiato; ½ cucchiaio di pepe; 1 bicchiere di vino bianco; semi di papavero q.b.; prezzemolo tritato q.b.

Pelate le patate e tagliatele a cubetti, poi soffriggete lo scalogno con l’olio e, non appena lo scalogno appassisce, aggiungete le patate e il riso. Fatelo tostare e versate il vino facendolo sfumare, poi aggiungete il brodo.

Non appena il brodo si sarà assorbito, versate il burro, amalgamate e ultimate la cottura unendo il formaggio e lasciandolo mantecare per 5 minuti. Servitelo caldo e guarnitelo con una manciata di prezzemolo, il pepe e i semi di papavero.

Alcune ricette prevedono anche il risotto di patate con la buccia di patate: lavatale bene, tagliatele a cubetti, unitele al soffritto e procedete con l’usuale preparazione.

Come fare il soffritto per cucinare gli arrosti

Come fare il soffritto per cucinare gli arrostiQuando preparate l'arrosto, ricordate di rosolarlo bene in un tegame, dove dovrete mettere gli ingredienti per il soffritto.

Lavate e asciugate 2 carote, 1 gambo di sedano e 1 cipolla rossa. Tritatele finemente e poi, in un tegame, mettete 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva e 35 g di burro. Accendete i fornelli e fate cuocere a fiamma bassa.

Non appena il burro si scioglie, mettete la cipolla, fatela imbiondire, quindi aggiungete 750 g di arrosto e fatelo rosolare per 10 minuti.

A questo punto aggiungete il sedano e le carote, salate e pepate con ½ cucchiaino di pepe nero e ½ cucchiaino di sale. Non appena il fondo di cottura si sarà asciugato, sfumate con 1 bicchiere di vino bianco.

Versate poi il brodo vegetale (tenetene da parte 1 l in totale) e aggiungete di tanto in tanto un mestolo alla volta, per non fare asciugare l'arrosto e facendolo cuocere per circa mezz'ora.