Pizza americana

Pizza americana
Pizza americana
Pizza americana
Piatto Unico PT70M PT0M PT70M
  • 4 persone
  • Facile
  • 70 minuti
  • 1 ora e 20 di riposo
Ingredienti:
  • 230 ml di acqua tiepida
  • 25 g di lievito di birra
  • 450 g di farina 00
  • 50 g di farina di mais
  • 1 pizzico di sale
  • 600 ml di olio extravergine d'oliva
  • 250 g di Mozzarella Santa Lucia Galbani
  • 450 g di salsiccia
  • 2 spicchi d'aglio
  • 500 g di pomodori pelati tagliati a dadini
  • 40 g di parmigiano grattugiato
  • basilico fresco q.b.

Galbani

Mozzarella Santa Lucia

Gusto di latte avvolgente e una consistenza morbida e succosa rendono protagonista Mozzarella S.Lucia in tutti i tuoi piatti, ma anche per assaporarla così com'è. Scopri le curiosità

presentazione:

Siamo sempre stati abituati, a buon merito, a considerare la pizza una specialità italiana, ma proprio grazie alla popolarità di questa preparazione si sono create nel tempo e nel mondo diverse varianti fino a dare vita a piatti completamente diversi, è questo il caso della pizza americana.

Questa pizza viene anche chiamata pizza di Chicago, città di origine di questa realizzazione, o Deep Dish Pizza, ovvero pizza in teglia alta. Noi abbiamo cercato di italianizzarla un po' condendola con la Mozzarella Santa Lucia e con del basilico fresco tipicamente mediterraneo.

Provate a realizzare questa simpatica e corposa pizza americana e servitela ai vostri amici, siamo sicuri che passerete una serata davvero divertente e che nessuno rimarrà insoddisfatto.



Preparazione:

Ecco come realizzare la pizza americana in modo facile:



  1. 1. Lasciate sciogliere il lievito nell'acqua tiepida. Prendete una ciotola capiente e versate al suo interno le due farine setacciate, l'olio extravergine d'oliva, il sale e l'acqua con il lievito; mescolate e impastate con energia fino a quando l'impasto si staccherà da solo dalle pareti della ciotola.
  2. 2. Posizionate l'impasto su una spianatoia precedentemente infarinata e lavoratelo ancora con le mani. Rimettete l'impasto in una ciotola cosparsa d'olio, coprite e lasciate lievitare per 1 ora. Dopo che la base della pizza avrà raddoppiato il suo volume, trasferitelo nuovamente sulla spianatoia e lavoratela ancora.
  3. 3. Stendetela in una teglia dai bordi alti con un diametro di 35 cm precedentemente unta con olio. Lasciate la pizza nella teglia a riposare per altri 20 minuti.
  4. 4. Accendete il forno a 250° e intanto fate soffriggere la salsiccia in una padella antiaderente fino a completa cottura. Stendete sulla pizza la Mozzarella Santa Lucia tagliata a fette, la salsiccia assieme all'aglio tritato e per ultimo aggiungete i pomodori pelati e il parmigiano grattugiato.
  5. 5. Fate cuocere la pizza in forno caldo per 15 minuti a 250° poi per altri 30 minuti a 200°. Verificate che la pizza sia cotta anche nella parte inferiore sollevandola con una paletta.
  6. 6. Quando la vostra pizza americana sarà pronta, servitela ai vostri amici dopo averla cosparsa con basilico fresco.

Varianti:

Fra le tante varianti che esistono di questo tipo di pizza, c'è la stuffed pizza, creata negli anni Settanta. Questa preparazione presenta uno strato di pasta, ricoperto di pomodoro e formaggio, che poggia direttamente sull'impasto. Il ripieno poi, sfizioso e abbondante, può contenere anche verdure.

Altra variante, sempre americana, è la pan pizza, che è ancora più alta e spessa e ricorda molto una focaccia ripiena.

Si può anche modificare la ricetta di base della Deep Dish Pizza aggiungendo semplicemente agli ingredienti di base, olio extravergine d'oliva, Mozzarella Santa Lucia e salsiccia, altri ingredienti, come ad esempio peperoni, funghi, bacon, carne trita o anche il tipico salame "pepperoni", prodotto negli USA e preparato con il peperoncino.

Questa variante con il salame è conosciuta anche come pizza New York Style, una pizza tipica che ricorda molto la nostra Margherita.

Sicuramente la più particolare è la pizza California: in questo tipo di pizza, l'impasto, una volta steso sulla teglia, viene ricoperto completamente dal condimento, lasciando poco spazio alla crosta; inoltre, come condimento, vengono utilizzati gli ingredienti più curiosi, fra cui anche l'avocado.

Particolare è anche la pizza più famosa di Philadelphia o pizza Philly: ha una forma rettangolare e per il condimento viene utilizzata una salsa di pomodoro dolce e densa. La forma ricorda quella siciliana, realizzata anche in America e conosciuta come Sicilian Slice.



Consigli:

Per ottenere una cottura perfetta non serve essere pizzaioli professionisti o avere necessariamente un forno a legna, potete realizzare una gustosissima pizza anche nel comune forno di casa.

Vi suggeriamo di procedere in questo modo: dopo aver fatto lievitare l'impasto, dividetelo in parti uguali e realizzate dei panetti, procedendo sempre dal bordo verso il centro, per far sì che questi incorporino aria.

Fateli lievitare ancora, distanziandoli tra loro; poi, con le mani, stendeteli sulla teglia partendo sempre dal centro del panetto e procedendo verso i bordi.

Inoltre, per chi preferisce i prodotti senza glutine, è possibile utilizzare per l'impasto anche una miscela di farine senza glutine e seguire poi lo stesso procedimento sopra indicato.

Sono tante le ricette senza glutine che si possono realizzare, oltre a quelle delle pizze di qualsiasi tipo.

Potete anche completare la cena con un dessert americano e realizzare la cheescake americana oppure anche i famosi brownies al cioccolato.


Curiosità:

La pizza, tipico piatto italiano, fu importata in America in seguito alle grandi migrazioni di tutti coloro che partivano alla volta di un futuro migliore. Importare questa ricetta in un paese straniero significava in qualche modo sentirsi più vicini a casa. Fu subito apprezzata anche dagli americani e, da quel momento in poi, è diventata un piatto internazionale.

Il particolare nome di questa pizza originaria dell'America, Deep Dish Pizza, vuol dire letteralmente "pizza del piatto profondo".


L'impasto viene solitamente riempito di salsa di pomodoro, formaggio, salsiccia e poi viene cotto in una teglia. La sua forma, con questa crosta spessa e alta, ricorda quasi più quella di una torta salata che quella di una pizza.

Piatto tipico di Chicago (e infatti è conosciuta anche con il nome di pizza Chicago) fu inventato probabilmente nel 1943 quando l'ex calciatore Riz Ricardo portò questa ricetta al proprietario di una pizzeria della città. La ricetta era a base di pomodoro e spezie italiane e, grazie all'enorme successo, questa pizzeria riuscì ad aprire una catena di fast food chiamata Uno Pizzeria & Grill.

Proprio come in Italia, anche negli Stati Uniti la pizza si prepara in modo diverso da regione a regione: infatti, se la pizza di Chicago è caratterizzata dai bordi alti e spessi, a New York la pizza ha una crosta più sottile. In generale, però, gli americani preferiscono pizze con abbondante condimento e, soprattutto, tanto formaggio!


I vostri commenti alla ricetta: Pizza americana

Lascia un commento

Massimo 250 battute