Come cucinare la ricciola

Galbani
Galbani

Come cucinare la ricciola

Tra le specie di pesce azzurro la ricciola è una delle più pregiate. Con la carne soda e buonissima e grazie alla presenza di pochissime lische è ottima sia cruda, per il sushi, che cotta alla griglia con gli agrumi oppure in padella con yogurt e prezzemolo o ancora alla piastra condita con succo di limone. Insomma, le ricette sono tantissime! In cucina infatti si presta a essere preparata in diversi modi e insieme ad altri alimenti e abbinamenti sfiziosi, così che nel menù la ritroviamo sia negli antipasti che nei primi e secondi piatti. Tra consigli e svariate ricette vediamo allora come cucinare la ricciola.

Come cucinare la ricciola in padella

Come cucinare la ricciola in padella Appartenente alla famiglia delle carangidi e presente anche nel Mar Mediterraneo, la ricciola è un pesce azzurro pregiato e delizioso da fare in padella, in maniera facile e veloce. Vi occorre solo mezz'ora per la marinatura e il resto è quasi fatto. Mettete quindi a marinare dei filetti di ricciola per 30 minuti in una ciotola con il succo di limone, un pizzico di sale, 2-3 cucchiai di olio extravergine d'oliva e un misto di aromi, quali timo, origano e aneto. Trascorso il tempo della marinatura scaldate un filo d'olio in una padella e aggiungete il pesce, scottandolo a fiamma viva per circa 10 minuti e girandolo da entrambi i lati. Vista la rapidità della ricetta potete sempre sbizzarrirvi preparando una salsa di accompagnamento al piatto, a base di Yogurt Magro Galbani, prezzemolo tritato, un cucchiaio di olio extravergine d'oliva e un pizzico di sale. In alternativa servite la ricciola con una deliziosa crema di peperoni o di zucca.

Un cibo dal sapore mediterraneo è senza dubbio la ricciola cotta in padella con i pomodori, le olive e capperi. Siete curiosi? Procuratevi allora un trancio di ricciola, dal peso di circa 500 g, e tagliatelo a pezzi. In una padella fate prima insaporire 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva con 1 spicchio di aglio. Poi toglietelo e aggiungete i pezzetti di ricciola per rosolarli. Versate ½ bicchiere di vino bianco, fatelo evaporare e unite 1 pomodoro grande e polposo tagliato a cubetti e privato di semi e di buccia, una manciata di capperi sotto sale dissalati prima in acqua, un cucchiaio di olive verdi e un cucchiaio di olive nere. Aggiustate di sale e fate cuocere per 15 minuti, girando delicatamente tutti gli ingredienti con un mestolo per amalgamarne i sapori ed ecco pronto il vostro piatto!

Come cucinare la ricciola alla griglia

Come cucinare la ricciola alla griglia Tra i diversi modi di cucinare il pesce, la cottura alla griglia è la più sfruttata in estate. Non solo per esaltarne il gusto e il profumo di mare, ma anche perché, durante questa stagione, un barbecue acceso crea subito l'atmosfera giusta per una cena conviviale tra amici. Il menù della stagione estiva non contempla infatti soltanto piatti crudi, come può essere un carpaccio di ricciola marinato in salsa di soia o una tartare di ricciola con sedano e menta, ma anche piatti grigliati, tra cui una gustosa ricciola cotta alla griglia e servita con salsa di agrumi. Si tratta di un'ottima ricetta da provare direttamente a casa vostra. Prendete quindi 600 g di ricciola sfilettata, adagiatela sulla griglia già calda e cuocetela per 15 minuti su entrambi i lati. Nel frattempo preparate una salsa con olio extravergine d'oliva, sale, pepe e il succo di un pompelmo rosa, che potete sostituire anche con un'arancia se fosse la stagione giusta. Condite il pesce alla griglia ancora caldo con questa deliziosa salsa agrumata e guarnitelo con delle mandorle a lamelle.

Prima di metterli a cuocere sulla griglia, potete far marinare i filetti di ricciola per 20 minuti in un piatto di olio extravergine d'oliva, aglio, qualche foglia di menta e una puntina di peperoncino. Dopodiché andranno tolti dalla marinatura e adagiati sulla griglia che già scotta. Cuocete i filetti di pesce 10 minuti da una parte e altrettanti dall'altra parte. Una volta pronti, spennellateli con l'emulsione della marinatura e portateli in tavola accompagnati da un cestino di pane e un'insalata di pomodorini e rucola.

Come cucinare la ricciola al forno

Come cucinare la ricciola al forno Per cucinare questo prelibato pesce azzurro al forno, procuratevi intanto una ricciola già pulita dal pescivendolo, altrimenti ecco alcuni consigli su come pulirla. Per farlo vi servirà un coltello per incidere un taglietto sotto le branchie, sul dorso, che serve a estrarre le interiora. Poi con le forbici tagliate le pinne e sempre con il coltello eliminate le squame passandolo sopra il pesce dalla coda verso la testa. Sciacquate bene la ricciola sotto l'acqua corrente fredda e, a questo punto, sarà pronta per essere cucinata al forno insieme ad altri ingredienti.

La ricetta che segue è veramente gustosa e può diventare anche un piatto unico. Ecco come realizzarla: pelate 4 patate, tagliatele a fettine sottilissime e riducete a spicchi anche 8 pomodorini, dopo averli lavati e privati dei loro semi. Disponete le patate in una teglia formando uno strato e adagiatevi sopra una ricciola precedentemente pulita di circa 700-800 g e imbottita con 1 spicchio d'aglio spellato, 1 fetta di limone e un trito di prezzemolo. Condite con un filo d'olio extravergine d'oliva e un pizzico di sale e infornate a 180° per 20 minuti. Togliete il pesce un attimo dal forno per aggiungere i pomodorini e cuocete di nuovo per circa 10 minuti. Controllate con una forchetta che la ricciola sia ben cotta: se la carne è bianca allora vuol dire che è pronta. Infine servitela calda nella sua teglia. Buon appetito!

Come cucinare la ricciola alla piastra

Come cucinare la ricciola alla piastra Dalla cottura al forno passiamo ora alla cottura alla piastra con cui, oltre alla ricciola, potete cucinare diversi tipi di pesci, dalle orate al branzino alla piastra, al rombo fino ai tranci di pesce spada o di tonno e agli scampi alla piastra. Per quanto riguarda la piastra, questa può essere sia in ghisa che in altri metalli. Qui cuociono bene anche le verdure e infatti la nostra ricetta di ricciola alla piastra prevede anche degli ortaggi. Ecco come realizzarla. Cominciate con la preparazione delle verdure e quindi prendete 2 zucchine, 2 melanzane e 1 peperone. Lavate le verdure, asciugatele e tagliate le zucchine e le melanzane a fette lunghe e il peperone a strisce larghe. Scottate il tutto in padella per pochi minuti, aggiustate di sale, aggiungete qualche goccia di aceto balsamico e mettete le verdure da parte coperte con carta stagnola. Sulla stessa piastra adagiate ora 4 tranci di ricciola spessi circa 3 cm, cuoceteli da una parte e dall'altra per 8 minuti e toglieteli poi dalla fiamma. Riprendete le verdure e disponetele su un vassoio con sopra il pesce tagliato a pezzi e cotto sulla piastra, che sarà ancora più gustoso se servito con un filo d'olio extravergine d'oliva da aggiungere a crudo.

Come cucinare la ricciola a fette o a tranci

Come cucinare la ricciola a fette o a tranci Se la ricciola si presenta a tranci o a fette, per cucinarla basterà eliminar la pelle e sciacquarla sotto l'acqua corrente. Poi può essere cotta in vari modi: alla piastra, in padella, alla griglia, al vapore e cucinata sia come antipasto che come primo e secondo piatto. Partendo dagli antipasti, con 3 fette di ricciola realizzerete, ad esempio, un insolito Strudel, gustoso e facile da realizzare, che prevede anche l'abbinamento con il dentice.

Pulite e affettate 2 zucchine e 1 cipollotto e stufateli in padella per 5 minuti con una noce di burro. Su una teglia ricoperta con carta da forno stendete un rotolo di pasta sfoglia e sistemate le fette di ricciola con sopra le verdure stufate. Regolate di sale e di pepe, arrotolate la pasta formando uno strudel e sigillatelo alle estremità con l'aiuto dei rebbi di una forchetta. Infornatelo a 180° per 20 minuti e servitelo tiepido a fette insieme a una mousse di dentice mantecato.

Con gli stessi ingredienti, cioè ricciola e zucchine, potrete realizzare anche involtini ripieni, buonissimi e veloci. Un altro ripieno delizioso per degli involtini si ottiene con del porro stufato o con capperi, olive e basilico. Mentre con il trancio di ricciola o con un filetto molto spesso si prepara un fritto perfetto. Stiamo parlando delle polpette al profumo di mare, preparate amalgamando un trancio di ricciola, lessato in pentola con acqua per 20 minuti e sminuzzato, 1 uovo sbattuto, 1 scalogno, passato prima in padella a fette sottili, un pizzico di sale e 2 cucchiai di pane grattugiato. Dopo aver formato delle polpette con questo impasto, infarinatele e friggetele in padella in abbondante olio di semi di arachidi. A cottura ultimata sgocciolatele e asciugatele su carta assorbente da cucina. Vedrete, saranno perfette sia come secondo piatto che come uno sfizioso finger food.

Come cucinare la ricciola al cartoccio

Come cucinare la ricciola al cartoccio La ricciola al cartoccio è facile e veloce da preparare, grazie proprio al tipo di cottura che consente al pesce di cuocersi in tempi più ristretti, in quanto all'interno del cartoccio viene a crearsi del calore. Si tratta di un piatto gustoso che non ha bisogno di tanti condimenti. Per prima cosa pulite il pesce, eviscerandolo e squamandolo; lavatelo e tamponatelo con della carta assorbente. Adagiate la ricciola su una pirofila rivestita con carta da forno e distendete sopra al pesce delle fette sottili di limone, un pizzico di origano e di sale e un filo d’olio extravergine d’oliva. Richiudete il cartoccio fissandolo bene ai lati e cuocete in forno a 180° per 15 minuti. Se preferite, prima di mangiarla conditela con un altro filo d'olio a crudo.

Come cucinare ricciola al sale

Come cucinare ricciola al sale La cottura al sale esalta la delicatezza di questo tipo di pesce. La ricetta della ricciola al sale prevede questi semplici ingredienti: 1 ricciola di circa 1 kg; 2 kg di sale grosso; 2 albumi; 1 spicchio d'aglio; un mazzetto di prezzemolo; un rametto di rosmarino; pepe rosa in grani.

Pulite bene la ricciola, se non l'avesse già fatto il pescivendolo, senza però squamarla. In una ciotola versate il sale, lo spicchio d'aglio tritato, un trito di erbe aromatiche e gli albumi. Mescolate il composto e foderate una teglia con la carta da forno, dove stenderete poi uno strato di impasto al sale. Appoggiatevi sopra la ricciola e ricopritela con un altro strato di sale. Con le mani rendete compatto il sale sopra al pesce e infornate a 180°, in forno già preriscaldato, per 50 minuti. La superficie della crosta di sale dovrà risultare dorata, poi rompete la crosta con un martelletto ed estraete il pesce da gustare a tavola.

Come cucinare ricciola al sugo

Come cucinare ricciola al sugo Pasta e riso diventano piatti da gourmet con un sugo di ricciola. E noi con quest'ultimo desideriamo mostrarvi come preparare un risotto davvero prelibato. Per iniziare vi serve un brodo di pesce, ottenuto con 1 dado oppure con un mazzetto di prezzemolo, una costa di sedano, 1 carota e gli scarti di una ricciola messi da parte una volta sfilettata, come la lisca e la testa. Cuocete il tutto in una pentola con 1,5 l di acqua per 35 minuti. Appena pronto, filtrate il brodo e tenetelo per dopo. Prendete la ricciola, tagliata a metà, pulita e deliscata, e riducete la sua polpa a pezzetti. In un tegame soffriggete ½ cipolla con olio extravergine d'oliva e unite 2 cucchiai di pomodoro a pezzetti. Lasciate cuocere per 5 minuti e aggiungete la polpa della ricciola, salate e cuocete per altri 5 minuti. In una casseruola fate tostare 280 g di riso e aggiungete poi 150 ml di vino bianco (per sfumare). Versate poi qualche mestolo di brodo di pesce nel riso e cuocete per 3 minuti. Unite il sugo di ricciola e proseguite la cottura per altri 15 minuti, facendo attenzione che il risotto non si asciughi troppo e aggiungendo quindi, ogni tanto, altri mestoli di brodo. Al termine, mantecate il risotto con una piccola noce di burro e della maggiorana tritata.

Come cucinare la ricciola con la pasta

Come cucinare la ricciola con la pasta Paccheri, mezze maniche, spaghetti, ma, abbiamo visto, anche riso e altri tipi di pasta diventano piatti dal gusto irresistibile con un sugo di ricciola. Con le uova di questo pesce e la salsa di pomodoro si cucinano poi delle deliziose linguine. Prepararle non è per nulla difficile. In una padella antiaderente soffriggete 1 cipolla affettata sottilmente con dell'olio extravergine d'oliva. Fatela imbiondire e aggiungete un ciuffo di prezzemolo tritato e 250 g di uova di ricciola, dopo averle pulite con cura e tolto la pellicina del loro sacchetto. Sfumate con 250 ml di vino bianco e unite 220 g di passata di pomodoro. Salate e cuocete per 5 minuti finché il sugo non si sarà ristretto. Lessate 320 g di linguine in acqua salata bollente e, una volta scolate al dente, condite con il sugo di uova di ricciola e guarnite con dei ciuffetti di prezzemolo.