Santa LuciaPresenta

pizza al cioccolato

Ricetta creata da Galbani
pizza al cioccolato
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Pizza dolce? Sembra proprio un controsenso! Tra le ricette per dolci pochi potranno immaginare di trovare il soffice impasto della pizza abbinato a una crema spalmabile o a della marmellata.

Ma la pizza al cioccolato vi stupirà: erede italiana del pain au chocolat francese, è un dessert da condividere con gli amici che stupisce tutti. Il suo grande punto di forza è l'unione di ingredienti che trovano pochissimi diffidenti: la pizza e la cioccolata. Si tratta indubbiamente di un insuperabile peccato di gola.

Qui vi proponiamo la ricetta della pizza dolce al cacao: una ricetta golosa da farcire secondo i vostri gusti, che metterà d'accordo grandi e piccini*.

*sopra i 3 anni

 

 

 

Facile
4
40 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

Per l'impasto:

  • 450 g d farina;
  • 50 g di cacao amaro in polvere;
  • 270 g di acqua naturale; 10 g di lievito di birra fresco o disidratato;
  • 5 g di sale;
  • un cucchiaino di miele;
  • un cucchiaio di olio extravergine di oliva

 

Per il condimento:

  • 100 g di Mascarpone Santa Lucia Galbani;
  • 20 g di cacao amaro;
  • 15 g di zucchero a velo

Preparazione

La pizza al cioccolato rientra nelle tipologie di pizze speciali: in realtà è semplicissima da preparare e il risultato stupirà chiunque! Seguite questi passaggi:

01

Versate la farina e il cacao su una spianatoia formando un piccolo buco al centro. Versatevi l'acqua e sciogliete il lievito di birra con l'aiuto di una forchetta o con le dita. Quando il lievito sarà completamente disciolto nell'acqua aggiungete anche il miele, l'olio e il sale.

02

Cominciate a impastare lentamente gli ingredienti secchi (farina e cacao) con il composto liquido, formando un panetto omogeneo che lascerete lievitare in un luogo fresco, lontano da fonti di calore per almeno due ore.

03

Stendete il panetto su una teglia coperta di carta forno e lasciate lievitare per altri 30 minuti in forno spento con la luce accesa.

04

Potete infornare la vostra base a 180° in forno ventilato o 200° in forno statico per circa 20 minuti e gustarla spolverizzandola semplicemente con dello zucchero a velo e del cacao amaro, oppure preparare una crema al mascarpone mescolando in una ciotola il mascarpone, il cacao e lo zucchero a velo. Se preferite una versione che alterni il gusto dolce e salato potete aggiungere dei ciuffi di mascarpone sulla superficie della pizza e spolverizzarlo con zucchero a velo e cacao.

Varianti

Vi presentiamo qui alcune varianti di questa ricetta golosa.

Per una variante più croccante aggiungete dello zucchero semolato (bianco o di canna) a cottura ultimata e infornate per altri 5 minuti in modalità grill. Si formerà una crosticina deliziosa!

In alternativa potete spalmare del burro fuso sulla superficie della base al cacao con dello zucchero semolato, della cannella e del cacao. Anche in questo caso infornate per altri 5 minuti rispetto al tempo di cottura indicato per un'esplosione di gusto e consistenze.

Se invece preferite una versione molto più golosa potete spalmare sulla pizza della crema al cacao o della crema al cioccolato senza uova da arricchire sia con del cioccolato fondente che con del cioccolato al latte.

E per gli amanti del cioccolato bianco? Stendete un velo di crema spalmabile al cioccolato bianco sulla base e cospargete la superficie con scaglie di cioccolato variegate (sia al latte, che fondente) o frutta secca (pistacchi, mandorle o nocciole). Potete usare questo piccolo trucco per riciclare le uova di Pasqua o le tavolette di cioccolato rimaste nel frigo. Il risultato sarà comunque sorprendente!

Suggerimenti

Se amate la croccantezza della tavoletta di cioccolato potete unire delle gocce o scaglie di cioccolato sia nell'impasto della pizza che nella crema, a freddo. Vi consigliamo di optare per la prima soluzione soltanto nel caso in cui vogliate servire la pizza tiepida, altrimenti il cioccolato non si solidificherebbe.

Nel caso in cui, invece, vogliate ottenere un effetto scioglievole potete realizzare dei piccoli calzoncini al cacao da farcire con una tavoletta di cioccolato e richiudere come un raviolo.

Vi consigliamo di inserire comunque un elemento croccante all'interno della ricetta, che smorzi la consistenza del dessert; potete pensare di sbriciolare dei biscotti avanzati, oppure decorare la superficie con delle fragole al cioccolato.

L'importante in questa ricetta è variare nell'equilibrio dei sapori e delle consistenze. Per questo vi suggeriamo di non sottovalutare un tocco di acidità che smorzi l'avvolgenza del cacao. Perché non preparare un coulis di lamponi estivo? La vostra pizza sarà adatta a cene di compleanno, merende per bambini* ma anche per un finger food alternativo; vi basterà tagliare le vostre fette di pizza in piccoli quadratini da servire a fine pasto come bon bon.

*sopra i 3 anni

Curiosità

Pare che i primi coltivatori della pianta del cacao fossero i Maya. La pianta del cacao è straordinaria a tal punto che il suo nome (Theobroma cacao) in greco vuol dire "cibo degli dèi". Nel centro America i semi di questa splendida pianta venivano utilizzati come moneta di scambio o come unità di calcolo ma soprattutto per produrre una deliziosa bevanda rinvigorente: il xocoatl. Soltanto con l'arrivo degli Spagnoli, nel XVI secolo, però la bevanda assume il gusto e la consistenza della nostra cioccolata in tazza; i conquistadores spagnoli, tra cui Hernan Cortés, aggiungono infatti dello zucchero per rendere più gradevole il gusto forte del xocoatl.

Per arrivare alla cioccolata da noi conosciuta bisogna però attendere l'arrivo dei semi di cacao in Europa. Dalla Francia nasce la cultura dolciaria del cioccolato che si diffonderà in tutto il mondo con notevoli evoluzioni.

Piccola curiosità grammaticale: si parla di cioccolata per indicare l'avvolgente bevanda da consumare in tazza, mentre di cioccolato per il formato in tavoletta.

Per scaldare le vostre fredde sere invernali leggete come fare la cioccolata calda o cimentatevi nel temperaggio del cioccolato per realizzare lucenti tavolette o uova di Pasqua. In ogni caso potrete leccarvi i baffi!

Ti potrebbe interessare anche