Santa LuciaPresenta

pizza marinara

Ricetta creata da Galbani
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

La pizza marinara è una specialità che dall’Italia meridionale ha attraversato tutto lo Stivale per conquistare i palati di coloro che amano i sapori importanti ed evocativi di una preparazione con radici ben salde nella cucina partenopea.

La pizza marinara è un sottile strato di pasta condita con ingredienti semplicissimi: pomodoro, aglio, origano e olio extravergine d’oliva. Il panetto di pasta si stende in uno strato sottile e la cottura nel forno, a 200° circa, richiede solo pochi minuti.

Continuando a leggere, scoprirete come prepararla in casa, troverete consigli per realizzarla al meglio e anche qualche variante per interpretarla a modo vostro, in base a gusti e preferenze.

Facile
4
135 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  • 1 kg di farina 0,
  • 8 g di lievito di birra,
  • 60 ml di olio extravergine d'oliva,
  • 600 ml di acqua,
  • sale fino q.b.,
  • 500 g di passata di pomodoro,
  • origano secco q.b.,
  • 4 spicchi d’aglio,
  • pepe nero q.b.

Preparazione

Preparare la pizza marinara è davvero semplice. Potrete farlo quando vorrete portare in tavola un antipasto sfizioso e servire la pizza con goloso accompagnamento, o quando vorrete una cena leggera senza rinunciare al gusto. Semplici e pochi passi e il gioco è fatto:

01
Versate la farina nella ciotola della planetaria; versate il lievito in una tazzina e aggiungetevi un po’ della vostra acqua. Mescolate e unite tutto alla farina, quindi cominciate ad azionare il robot con il gancio impastatore.
02
Mentre il gancio impasta, aggiungete la restante acqua a filo poco alla volta fino a quando l’impasto non la avrà assorbita completamente.
03
A questo punto, potete aggiungere il sale fino. Aspettate ancora un po’, quindi aggiungete anche l’olio extravergine d'oliva.
04
Una volta che tutti gli ingredienti sembrano ben amalgamati, spegnete la planetaria e staccate la pasta dal gancio, trasferitela su una spianatoia infarinata e modellatela pirlandola delicatamente con le mani; mettete l’impasto in una ciotola capiente copritelo con la pellicola trasparente e fatelo riposare in un luogo asciutto per circe 3 ore, fino a quando abbia raddoppiato il suo volume.
05
Trascorso il tempo necessario alla lievitazione, prendete l’impasto e dividetelo in quattro parti uguali, stendete leggermente le pizze con il matterello su un piano infarinato, quindi trasferitele nelle teglie precedentemente unte d’olio e continuate a stenderlo con le mani fino a ricoprire l’intera superficie e procedete al condimento distribuendo su tutta la pizza la passata di pomodoro, l’aglio tagliato a fettine sottile, una generosa spolverizzata di origano, un pizzico di sale e pepe nero macinato al momento. Infornate a 200° per 10-15 minuti, sfornatela e gustatela subito.

Varianti

La semplicità della pizza alla marinara si presta a tantissime varianti che la vedono protagonista di ricette sempre diverse che potete realizzare in base ai vostri gusti e alle vostre preferenze.

Se siete amanti delle ricette vegetariane veloci, potete arricchire la vostra pizza marinara con tantissimi ingredienti. In base a ciò che più vi piace o in base alla stagionalità di verdure e ortaggi, potete realizzare delle farciture diverse con cui ricoprire questa pizza così semplice ma così gustosa. E se non riuscite a non cedere alla golosità di un morso filante, concedetevi l'aggiunta della Mozzarella Cucina Santa Lucia Galbani.

Se amate i peperoni dovete sapere che il loro sapore si sposa benissimo con quello dell’aglio, grande protagonista della pizza marinara. Sarà quindi semplicissimo abbinarli tra loro per una variante della pizza marinara veramente indovinata. Potete preparare dei peperoni arrostiti e utilizzarli sia come contorno di un secondi piatti estivi, sia come condimento per la pizza.

Se amate gli ortaggi, la pizza farcita con i carciofi sarà buonissima come cena sfiziosa, veloce e leggera.

Anche con l’aggiunta di gustosi filetti di alici, la marinara saprà dare grandi soddisfazioni.

Per gli amanti degli insaccati, prosciutto cotto, salame e speck potranno fare la differenza. Se utilizzate lo speck, però, ricordatevi di aggiungerlo solo a fine cottura perché altrimenti potrebbe rovinarsi e alterare il gusto della pizza.

Se sapete come fare il pesto alla genovese in casa, potete prepararlo e aggiungerne qualche cucchiaino alla base della pizza. Anche in questo caso, dato che l’aglio è tra i protagonisti di entrambe le ricette, l’abbinamento sarà particolarmente indovinato. Questa preparazione sarà perfetta per portare in tavola qualcosa di veramente sfizioso durante una cena estiva in terrazzo con gli amici.

Curiosità

La semplicità di questa pizza è pari solo alla sua bontà, ma dietro questa semplicità vi è una vera e propria storia gastronomica che parla del Sud Italia. La pizza marinara si chiama così, infatti, non per via dei suoi ingredienti, ma perché è una pizza napoletana inventata dai marinai che erano sempre alla ricerca di preparazioni da realizzare con materie prime semplici e che si conservassero a lungo e che fossero adatte per le loro lunghe navigazioni. La pizza marinara infatti, insieme alla pizza margherita e al calzone ripieno è tra le pizze più famose della cucina partenopea.

La pizza marinara napoletana ha una base molto sottile, quasi trasparente, e un bordo alto e soffice. In altre zone d’Italia però, dove la pizza marinara è arrivata ad arricchire le tavole e i menu, è possibile gustarla più spessa e corposa.

Tagliata a fettine sottili, la pizza marinara si trova spesso sulle tavole insieme al pane per accompagnare altre pietanze. Spesso preparata anche tra gli antipasti o gli aperitivi, è sempre una preparazione sfiziosa e facile da preparare.

Dovete sapere che lo strato di pomodoro da stendere su questa pizza non deve essere abbondante: dovrete infatti riempire un cucchiaio di passata e distribuirlo uniformemente a cerchi concentrici sulla superficie della pizza. Dovrà risultarne un velo che non appesantisca l’impasto.