Santa LuciaPresenta

Panzerotti al pomodoro

Ricetta creata da Galbani
Panzerotti al pomodoro
Prova con
Mozzarella Cucina Santa Lucia
Mozzarella Cucina Santa Lucia
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Sfiziose mezzelune dorate, ripiene di pomodoro e Mozzarella Cucina Santa Lucia. Di cosa stiamo parlando? Dei panzerotti al pomodoro, ovviamente! Ecco la classica ricetta pugliese.

Di questo sfizioso antipasto esistono molte varianti. Oggi, però, vogliamo illustrarvi i passaggi per realizzare la versione originale. Prima di tutto prepareremo la pasta e, mentre questa lieviterà, ci occuperemo della scelta della materia prima per il ripieno. Si tratta del vero segreto per la riuscita del piatto. I pomodori, che siano ciliegino o datterino, devono essere freschi e gustosi. Per la Mozzarella, niente di meglio di quella Cucina Santa Lucia, ideale per i piatti che filano.

Una volta farciti e ben sigillati, friggeremo i nostri panzerotti al pomodoro in olio bollente e li serviremo tiepidi. Una vera bontà adatta a tutte le occasioni.
 

I panzerotti possono essere non solo dei golosi antipasti per buffet, feste ed eventi, ma possono essere un’idea alternativa per una cena con gli amici o in famiglia, o un pranzo al sacco. Sono buonissimi caldi, o appena tiepidi e ancora filanti, ma se volete, potete consumarli anche freddi. Il loro gusto delizioso rimarrà intatto. Sono davvero perfetti per ogni momento della giornata, anche come snack, o merenda. Sono assolutamente irresistibili, per grandi e bambini*!

*sopra i 3 anni

Media
4
60 minuti
2 ore di riposo
Vota
Media0

Ingredienti

Per la pasta:

 

 

  1. 400 g di farina 0
  2. 15 g di lievito di birra
  3. 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
  4. sale


Per il ripieno:

 

 

 

 

  1. 400 g di Mozzarella Cucina Santa Lucia Galbani
  2. 600 g circa di pomodorini
  3. sale e pepe
  4. olio di oliva o di arachidi per friggere

 

 

Preparazione

Preparare i panzerotti pomodoro e mozzarella non è molto difficile, vi servirà avere un po’ di pazienza con l’impasto e la successiva lievitazione e poi formare bene i panzerotti. Vi suggeriamo di chiuderli molto bene per evitare che il cuore morbido fuoriesca durante la cottura. Adesso vediamo insieme il procedimento!

01

Ecco come preparare i panzerotti al pomodoro. Prima di tutto sciogliete il lievito con poca acqua tiepida.

02

Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e versate al centro il lievito diluito, due cucchiai d'olio, il sale e, poco alla volta, acqua tiepida quanto basta per ottenere una pasta piuttosto morbida.

03

Impastate energicamente per 10 minuti, quindi raccogliete l'impasto a palla, sistematelo in una ciotola, copritelo con un canovaccio piegato in quattro e mettetelo a lievitare in un luogo tiepido fino a quando sarà raddoppiato di volume.

04

Adesso occupatevi della farcia. Lavate i pomodori, divideteli in due, privateli dei semi e spezzettateli, quindi salateli e metteteli in un colapasta perché perdano parte dell'acqua di vegetazione.

05

Tagliate a dadini la Mozzarella Cucina Santa Lucia. Quando la pasta è pronta, stendetela con il matterello ottenendo un foglio con uno spessore di mezzo cm scarso. Ricavatene dei dischi di 10 cm di diametro. Distribuite su questi dischi di pasta i pomodori e la mozzarella. Insaporite il tutto con una macinata di pepe e piegate a mezzaluna.

06

Premete la pasta tutto intorno e sigillate le mezzelune passando sul bordo la rotella dentata. Quando i panzerotti al pomodoro saranno tutti pronti, friggeteli in abbondante olio caldo (160°) e scolateli quando saranno color oro chiaro. Metteteli ad asciugare su un doppio foglio di carta da cucina e, poco dopo, serviteli.

Varianti

I panzerotti pomodoro e mozzarella hanno un gusto semplice e sfizioso, che tutti amano, ma la ricetta si presta anche a numerose varianti. Potete infatti preparare i panzerotti ripieni in tante varianti. Qui ve ne suggeriamo qualcuna.

Una prima speciale variante è quella dei panzerotti al ragù, dal sapore corposo e buonissimo. Se vi avanza dell’ottimo ragù con carne macinata che non sapete come usare, potete preparare dei golosissimi fagottini ripieni, con l’aggiunta di mozzarella e formaggio grattugiato. Perfetti come antipasto per il pranzo della domenica, ma ottimi per qualsiasi momento.

Una sfiziosa variante alle verdure dal tipico sapore meridionale è quella con rape e salsiccia. Per preparare questo stuzzicante ripieno sbollentate la verdura. Successivamente in una padella cuocete la salsiccia sbriciolata e a fine cottura aggiungete la verdura e insaporite tutto insieme. Fate raffreddare un po’ e poi preparare i vostri panzerotti con rape, salsiccia e l’aggiunta della mozzarella. Chiudete per bene i bordi, sigillandoli con i rebbi di una forchetta, friggeteli, asciugateli bene su un vassoio ricoperto di carta assorbente e mangiateli caldi.

Se gradite le verdure e i gusti delicati potete invece realizzare i panzerotti ripieni di ricotta e spinaci. Un’idea semplice per far gustare in modo diverso le verdure ai bambini*!

Se siete invece alla ricerca di un’idea simpatica per il compleanno dei vostri piccoli*, potete preparare degli sfiziosi panzerotti formaggini ripieni di Formaggini Crema Bel Paese, per dei piccoli e saporiti stuzzichini per il vostro buffet.

*sopra i 3 anni

Suggerimenti

I panzerotti fritti sono una ricetta tipica pugliese, ben nota comunque in tutte le regioni del sud Italia.

La ricetta pugliese prevede di mescolare la farina con la semola rimacinata che dona all’impasto una particolare e gustosa crosticina croccante. In alcune ricette, per donare maggiore sapore vengono aggiunte anche delle patate lesse schiacciate.

Oltre ad avervi suggerito qualche variante nella preparazione dell’impasto, vi sveliamo adesso qualche trucchetto per realizzare dei panzerotti perfetti!

Innanzitutto quando formate i panzerotti stendete i dischi su una spianatoia infarinata con della semola rimacinata, l’impasto in questo modo diventerà meno appiccicoso e sarà più facile gestire il ripieno che renderà di nuovo umido il panzerotto.

Quella dei panzerotti è una frittura veloce, che richiede però attenzione. Infatti è bene chiudere bene l’impasto per evitare la fuoriuscita del ripieno che provocherebbe schizzi di olio.

È preferibile friggere i panzerotti in una padella dai bordi alti, con abbondante olio, ma se non avete a disposizione una padella così fonda, potete benissimo utilizzare una pentola.

Sono buonissimi anche i panzerotti al forno, dal gusto più leggero. Sistemate i calzoni su una teglia rivestita di carta forno, ben distanziati. Vi suggeriamo, per evitare che la superficie si asciughi troppo, di colorarli con della salsa di pomodoro. Infornateli in forno statico preriscaldato a 220°.

Curiosità

I panzerotti, conosciuti anche come calzoni fritti, sono un piatto tipico della Puglia, un piatto della cucina povera, che prevede la stesura di un po’ di impasto lievitato, ripieno di pomodoro e mozzarella, chiuso a mezzaluna e fritto.

Il ripieno più conosciuto e semplice quello a base di pomodoro e mozzarella, ma esistono tanti modi sfiziosi per farcire questi gustosi fagottini.

Se volete un sapore caratteristico al vostro piatto, potete provare i panzerotti pugliesi al pomodoro con pomodorini dolci, mozzarella, capperi e acciughe . L’aggiunta dei capperi e delle acciughe con il loro tocco salato, fanno da contrasto con la dolcezza del pomodoro, per rendere i panzerotti ancora più squisiti.

Potete provarli anche, aggiungendo a questo ripieno del tonno e delle olive. Ma che ne pensate di provare anche una stuzzicante versione in bianco?

Per prepararli, in una ciotola, unite alla mozzarella, 2 tuorli d’uovo, del formaggio pecorino grattugiato, prezzemolo tritato, sale e pepe. Stendete i dischi, farciteli e formate i panzerotti chiudendoli per bene. Potete, se gradite, aggiungere anche della Ricotta Santa Lucia. Friggeteli, oppure gustateli anche al forno, spennellando la superficie con un tuorlo sbattuto. Potete prepararli di dimensioni più piccole e servirli durante un aperitivo, oppure come antipasto per una cena rustica.

Prova anche

Scopri di più