Come cucinare le carote

Galbani
Galbani
Come cucinare le carote
La carota è un ortaggio dal sapore delicato, che si presta a tantissime ricette, sia dolci che salate.

Facili da preparare, le carote sono il contorno ideale per piatti di carne o pesce, ma possono anche rivelarsi l’ingrediente perfetto in tante preparazioni dolci, per ottenere un impasto morbido e saporito, o ancora sono aggiunte a bevande rinfrescanti, a base di mela e arancia. Insomma, in casa non dovrebbero mai mancare.

Sempre presenti in zuppe e risotti o servite come sfiziosi contorni e croccanti antipasti. Cotte in forno, in padella o anche lesse si prestano a mille utilizzi. Voi quale delle tecniche preferite? Eccovi tanti consigli e idee semplici per cucinare le carote, ortaggi buonissimi e colorati, seguendo l'esempio dei migliori piatti della cucina regionale.

Come cucinare le carote in padella

In padella Cucinare le carote in padella è davvero molto semplice e veloce. Vi servono soltanto pochi passaggi per ottenere un contorno gustoso, adatto sia per il pranzo che per la cena.

Ecco come cucinare le carote per contorno: cominciate lavando accuratamente questi ortaggi, eliminando, con l’aiuto di un coltello (in mancanza di un pelapatate), la buccia esterna e le due estremità, che tendono a indurirsi in fase di cottura.

In una padella capiente, fate riscaldare 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva e mezza cipolla tritata. Nel frattempo, tagliate le carote a rondelle di circa 1 cm e ponetele nella padella, preparata precedentemente.

Aggiungete mezzo bicchiere d'acqua, sale, pepe nero e se preferite, anche una grattugiata abbondante di noce moscata. Cuocete con il coperchio, per circa 10 minuti a fuoco medio, girandole, di tanto in tanto, con un cucchiaio di legno. Prima di spegnere il fuoco, controllate che siano morbide; in caso contrario, basta cuocere per altri pochi minuti, senza coperchio e a fiamma più alta.

Le carote preparate in padella possono essere arricchite in tanti modi, aggiungendo pochi altri ingredienti, come per esempio delle salse a base di senape e curry o yogurt e panna acida. Se lo gradite, potete anche aggiungere una manciata di semi di sesamo per un piatto originale e croccante, oppure qualche cubetto di prosciutto o pancetta per un contorno più appetitoso. Una ricetta gustosa è quella delle carote al burro, con 2-3 bicchieri di brodo vegetale e una spruzzata di succo di limone, vi assicureranno il successo in cucina.

Le carote sono l’ingrediente perfetto per la preparazione di tantissimi secondi. Se volete dei secondi piatti a base di verdure infatti, potete preparare oltre a delle polpette vegetariane, anche una spadellata di patate e carote, una pietanza molto facile da preparare, che stupirà i vostri commensali. Come alternativa, provate a saltare in padella carote e piselli, otterrete un piatto gustoso e colorato che conquistare anche i più piccoli*. Se invece preferite un piatto più rustico e dal gusto intenso, le carote si sposano bene non solo con i legumi ma anche con i funghi. Una volta puliti e tagliati, saltateli in padella nell'olio extravergine d’oliva assieme alle carote e poi sfumateli con il vino bianco.

Dopo aver lavato accuratamente le carote e le patate, con il metodo descritto in precedenza, preparate una padella antiaderente: scaldatevi tre cucchiai d'olio extra vergine e unite uno spicchio d’aglio. Quando l’olio è abbastanza caldo, unitevi le verdure e aggiungete sale e pepe. Lasciate cuocere con il coperchio e a fuoco lento per i primi 20 minuti, e a fiamma alta, senza coperchio, per i restanti 5, assicurandovi che le patate siano morbide. A fine cottura, impreziosite il piatto con qualche rametto di rosmarino fresco. Se vi va, a questa ricetta di verdure, se ne possono aggiungere tante altre, come zucchine, peperoni e melanzane.

Le carote cucinate in padella possono anche essere utilizzate per preparare delle deliziose torte salate. La carota infatti, con il suo sapore delicato equilibra il gusto degli altri ingredienti. Provatele anche per condire la pasta, il riso o in zuppe di farro e zucca.

Come cucinare le carote lesse

Lesse Chi lo ha detto che le carote lesse non sono gustose da mangiare? Anche lessi, questi ortaggi conservano tutto il loro caratteristico sapore e inoltre moltissime ricette prevedono l’utilizzo di questa variante di cottura. Vediamo come prepararle facilmente.

Ponete sul fuoco una pentola molto capiente, piena d’acqua e portatela a bollore. Nel frattempo, lavate gli ortaggi, togliendovi la buccia e tagliateli a bastoncini regolari, in base alla lunghezza.

Quando l’acqua inizia a bollire, aggiungete due cucchiai abbondanti di sale e le carote, tagliate in precedenza. Lasciatele cuocere per circa 5 minuti, controllando la cottura con una forchetta. Le carote, infatti, devono conservare la loro tipica croccantezza. Appena pronte, ponetele in una ciotola con acqua e ghiaccio, per preservarne la consistenza e il caratteristico colore arancione. Una volta raffreddate, lavatele con acqua fredda e scolatele accuratamente.

Ora che sapete come bollire le carote, dovete sapere che questo tipo di cottura risulta ottimale anche se volete cucinare le carote surgelate.

Oltre a poter essere utilizzate in tante varianti, le carote lesse possono anche essere consumate, aggiungendovi un filo di condimento. Olio extra vergine di oliva, aceto, capperi, olive e una manciata di origano, renderanno le vostre carote lesse ottime da sole, come ingredienti di gustosi primi piatti, come contorno a pietanze di carne o pesce, o come condimento di pizze vegetariane.

Possono anche essere l’ingrediente perfetto per insalate, tipo l’insalata carote e mandorle, e piatti freddi da consumare comodamente in estate. Le carote lesse sono buonissime anche da aggiungere al risotto o a qualche zuppa. Se invece, vi va un primo piatto gustosissimo, provate gli gnocchi di carote. Dopo aver lessato i vostri ortaggi, schiacciateli aiutandovi con una forchetta e impastateli insieme a 200 g di farina e un uovo. Lavorate l’impasto energicamente, fino a quando non vi sembrerà elastico e omogeneo. Formate con le mani dei piccoli bastoncini e tagliateli a tocchetti. Portate l’acqua a bollore e cuocete i vostri gnocchi, che saranno pronti quando affioreranno in superficie. Condite gli gnocchi con sugo fresco o con salvia e burro.

L’inverno invece, è la stagione perfetta per mangiare minestre o una vellutata di verdure, con l’aggiunta di crostini. Prepararne una a base di carote è facilissimo. Lavate e tagliate le carote a tocchetti, lessatele in un litro d’acqua, prolungando i tempi di cottura. Aggiungete anche qualche altra verdura, come per esempio le patate, che aggiungono sapore e consistenza. Dopo aver scolato le vostre verdure, aiutandovi con un mixer o con una forchetta, tritatele finemente, fino a quando non avranno raggiunto la consistenza di una crema. Se gradite, aggiungete qualche spezia: timo, alloro, cannella e, per un sapore più deciso e particolare, una spolverizzata di curry. In una padella antiaderente, fate sciogliere 20 g di burro e scaldate lo scalogno tritato. Aggiungete un cucchiaino di zucchero alla vostra vellutata; fate cuocere per pochi minuti, girando con un cucchiaio di legno.

Come cucinare le carote al forno

Al forno Per delle ricette veloci pronte in pochissimi minuti e senza troppi passaggi, si può sicuramente utilizzare il forno. Per cuocere le carote con questo metodo di cottura, si può procedere preriscaldando il forno a circa 200° rivestendo una teglia con della carta da forno.

Nel frattempo, lavate e tagliate le carote in tocchetti non troppo piccoli, riponeteli sulla teglia e preparate il condimento. Basteranno qualche cucchiaio d’olio extra vergine d'oliva, sale, pepe nero, coriandolo, aglio e prezzemolo. Per un gusto più intenso, aggiungete anche un cucchiaino di miele e la buccia grattugiata di un limone. Condite le carote appena tagliate e infornate per 30 minuti. Servite caldo, sia come contorno sia come piatto unico, accompagnato da un po’ di formaggio.

Se invece volete provare un gusto nuovo, eccovi una ricetta imperdibile: le carote al forno in panna acida. Anche questa versione è particolarmente semplice da preparare. Dopo aver lavato le carote, tagliatele a tocchetti e ponetele in una padella, con un filo d’olio, un pizzico di sale e un cucchiaino di zucchero. Quando saranno pronte, riponetele in una pirofila, aggiungete mezza tazza di panna acida e cuocete in forno per circa 20 minuti a 180°.

Come cucinare le carote gratinate

Gratinate In cucina, spesso si sceglie di preparare piatti gratinati perché, oltre a essere buonissimi, regalano molte soddisfazioni, perché piacciono sia ai grandi che ai bambini*. Ciò vale anche per le carote gratinate che sono l’ideale per tutta la famiglia. Vediamo come cucinarle.

Preriscaldate il forno a 180°, mentre preparate le carote. Lavatele con cura, e dopo aver tolto lo strato esterno, tagliatele per il lungo in circa tre parti. Ungete una pirofila, meglio se in ceramica o in vetro, e disponete le carote appena tagliate. Condite con pangrattato, pepe nero, sale e origano. Aggiungete un filo d’olio extra vergine di oliva e cuocete per una ventina di minuti. Quando saranno abbastanza morbide, toglietele dal forno e fatele raffreddare leggermente.

Se invece volete un piatto decisamente diverso, eccovi una variante delle carote gratinate. Dopo aver tagliato le carote a tocchetti, di circa 1 cm di spessore, fatele bollire per 10-15 minuti in abbondante acqua salata. Preriscaldate il forno a 180°, mentre preparate una pirofila in cui riporre gli ortaggi conditi con abbondante parmigiano, olio, sale e pepe nero. Una versione ancora più golosa, prevede, se vi piace, l’aggiunta di besciamella a coprire interamente le carote.

* sopra i 3 anni

Come cucinare le carote come contorno

Contorno Le carote in cucina sono utilizzate, soprattutto, come contorno ad altre pietanze, come per esempio il pollo. Per un piatto fresco e gustoso, basta grattugiare le carote alla julienne e condirle con aceto balsamico, sale e un filo d’olio extra vergine di oliva. Se poi volete aggiungere un tocco in più, una grattugiata di zenzero e dei crostini di pane tostato renderanno ancora più golosa questa semplice preparazione.

Le carote alla julienne possono essere mangiate condite o in aggiunta a insalata verde, olive e pomodori, o per preparare una prelibata insalata russa. Se invece, siete alla ricerca di un contorno originale per il vostro menu, vi consigliamo alcune ricette.

Per preparare le carote al latte, lavate e pelate le carote, in seguito tagliatele a rondelle abbastanza sottili. In un tegame capiente, mettete a cuocere 30 g di burro e 20 g di farina e mescolate con un cucchiaio di legno, fino a ottenere un composto omogeneo e privo di grumi. Aggiungete 300 ml di latte, 2 bicchieri di acqua, sale e noce moscata. Mettete a cuocere le carote, fino a quando il latte non si sarà quasi asciugato e le carote risulteranno molto morbide. Aggiungete a vostro piacimento pepe nero e prezzemolo tritato.

Se siete alla ricerca di un gusto più deciso per il vostro contorno a base di carote, provate anche quelle caramellate al miele. Pelate le carote e bollitele, una volta tagliate a rondelle. Fate sciogliere a fuoco lento, 20 g di burro in una pentola capiente insieme al miele, mescolando per ottenere un composto omogeneo. Cuocete nella salsa le carote per qualche minuto, aggiungendo erba cipollina.

Come cucinare le carote baby

Carote baby Le baby carote piacciono soprattutto ai bambini* che amano sgranocchiarle anche semplicemente crude, proprio perché sono vendute più piccole e già pelate.

Anche con le baby carote possiamo cimentarci con tantissime ricette. Se amate molto le spezie, il consiglio che vi diamo è quello di cucinare le carotine speziate al vapore. Dopo aver lavato i vostri ortaggi, con abbondante acqua corrente, prendete la vaporiera e mettete a bollire l’acqua con foglie d’alloro, una stecca di cannella, del pepe nero, 3 bacche di ginepro, i chiodi di garofano e i semi di cardamomo. Quando l’acqua inizia a bollire, trasferite le carotine sul ripiano alto della vaporiera e lasciate cuocere per circa 20 – 25 minuti. Una volta cotte, disponete le carotine su un piatto da portata e condite con un filo di olio extra vergine, sale e pepe, a vostro piacimento, aggiungete anche una spolverizzata di cannella in polvere. Per una pietanza più appetitosa, potete utilizzare le carotine baby in aggiunta al cous cous di verdure, con curry e mandorle tostate.

Un’idea originale, soprattutto per la stagione invernale, è quella di preparare una conserva di carotine agrodolci. Le conserve infatti, sono un salva cena ideale quando non sappiamo quale contorno portare in tavola, abbinato ai nostri piatti di carne o pesce. Facile da preparare, vi assicurerà un contorno davvero saporito.

Le carote baby possono essere acquistate anche surgelate, da cuocere in padella con un filo d’olio e qualche spezia. Per un contorno saporito, per accompagnare un piatto a base di carne, si possono provare spadellate con burro e pinoli tostati.

* sopra i 3 anni