Come cucinare il rombo

Galbani
Galbani
Come cucinare il rombo
Con il rombo si possono ideare sia gustosi antipasti che primi e secondi piatti sfiziosi. La carne di questo pesce, diffuso nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico, si presta alla cottura al forno, in padella, alla griglia e in tanti altri metodi di cottura. Lo ritroviamo così in golosi antipasti, come ad esempio le tartellette di pasta frolla salata, e in varie ricette tipiche. La sua forma romboidale fa un certo effetto scenografico in tavola e basta abbinarlo a pochi ingredienti per realizzare con semplicità piatti unici davvero prelibati. Pronti a scoprire tante sfiziose ricette e consigli utili sui diversi metodi di cottura del rombo?

Come cucinare il rombo al forno

Come cucinare il rombo al forno Come la maggior parte dei pesci anche il rombo può essere cucinato in vari modi, tra cui appunto al forno, che è la cottura prevalentemente più utilizzata. Di questo pesce, che oltre la forma romboidale appiattita ha anche tutti e due gli occhi sul lato sinistro del corpo, esistono diverse specie e le più diffuse in cucina sono il rombo liscio e il rombo chiodato, chiamato così per le escrescenze ossee, dette tubercoli, sparse sul corpo. A prescindere dalla ricetta, per l'arrosto di pesce occorrerà prima pulirlo, a meno che non lo abbiate fatto fare al pescivendolo. Tuttavia pulire il rombo è un'operazione più facile di quanto possiate immaginare. Basterà infatti stendere il pesce su un tagliere e fare un taglio sotto le branchie per estrarre le interiora. Con le forbici eliminate poi le branchie e le pinne e sciacquatelo sotto l'acqua corrente fredda. Se volete privarlo anche delle squame, prima di lavarlo, prendetelo per la coda e grattate con un coltello o con l’apposito desquamatore nel verso della testa. Adesso il rombo è pronto per le vostre preparazioni.

In teglia si abbina solitamente a patate e pomodori. Cominciate a sbucciare le patate, che dovranno essere abbastanza da poter ricoprire poi il pesce. Dopodiché tagliatele a fette sottili di circa 2 o 3 mm di spessore e sbollentatele in acqua bollente salata per 3 minuti; scolatele e mettetele da parte. Disponete il rombo su una teglia ricoperta con carta da forno, inumidita e ben oleata. Ricoprite il pesce con le fettine di patate e condite con un'emulsione composta da 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva, 1 spicchio d'aglio, un rametto di rosmarino, un pizzico di sale e di pepe. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. Togliete la teglia dal forno e distribuite sopra una decina di pomodorini ciliegini, lavati e tagliati a metà. Infornate di nuovo per altri 10 minuti e il vostro secondo piatto di pesce è pronto da portare in tavola.

Per le occasioni speciali, come una cena a casa vostra con amici, un piatto che si presta bene per un effetto scenografico è il rombo cotto al forno in crosta di patate. Basterà tagliare 4 patate a fette sottili e disporne uno strato in una teglia ricoperta con carta da forno. Adagiatevi il rombo pulito e privato di squame, conditelo con 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva, sale q.b. e un po' di aromi a piacere, come prezzemolo tritato e origano, oppure con le spezie, quali pepe e zenzero. Ricoprite il rombo con il resto delle patate, spennellate con olio extravergine d'oliva e infornate in forno già caldo a 180° per 40 minuti. Ecco fatto! Facile, non è vero?

Come cucinare il rombo in padella

Come cucinare il rombo in padella In padella potete preparare delle facili ricette come gli involtini di rombo allo speck, un piatto dal sapore delicato che piacerà anche ai bambini*.

Per realizzarlo vi serviranno: 4 filetti di rombo; 8 fettine di speck; 1 cipolla; 4 fettine di scamorza; 30 g di burro; ½ bicchiere di vino bianco (per sfumare); sale e pepe.

In pescheria acquistate i filetti già pronti, costituiti da sola polpa, e senza pelle. Una volta a casa, lavateli e asciugateli e accertatevi che nei filetti non ci siano rimaste delle spine. Poi distendete 1 fetta di speck su un piatto e adagiatevi sopra la metà di un filetto di rombo e qualche listarella di scamorza. Dopodiché, arrotolate lo speck con dentro il pesce e il formaggio e fissate l'involtino con degli stuzzicadenti. Ripetete l'operazione per preparare altri involtini. A questo punto pulite la cipolla e affettatela finemente, facendola dorare in padella con il burro. Mettete in padella i rotolini di pesce, irrorateli con il vino bianco, facendolo poi evaporare, aggiustate di sale e cuocete per 5 minuti. Spegnete, insaporite gli involtini con una macinata di pepe e accompagnateli con una delle salse da preparare in casa che preferite.

* sopra i 3 anni

Come cucinare il rombo alla brace

Come cucinare il rombo alla brace Il rombo è ottimo anche cotto intero alla brace e servito con un contorno di patate al forno light o verdure grigliate. L'importante è pulire bene prima il pesce squamandolo e praticando poi un taglio sulla pancia, sotto la branchia, per rimuovere le interiora. Sciacquatelo, asciugatelo e inserite 2 spicchi d'aglio sbucciati, un rametto di rosmarino e un pizzico di sale grosso dentro la pancia. In una ciotola preparate un'emulsione di olio extravergine d'oliva e qualche ago di rosmarino tritato, un pizzico di sale e di pepe: vi servirà per spennellare il pesce prima di metterlo ad arrostire. Preparate nel frattempo la brace e quando sui tizzoni ardenti compare una leggera velatura bianca, è il momento di mettere la griglia sul fuoco. Riscaldatela per qualche minuto e adagiatevi sopra il rombo spennellato con l'emulsione. Cuocete per 10-15 minuti, dipende dalle dimensioni del pesce, girandolo prima da un lato e poi dall'altro. Per capire se è cotto, fate un piccolo taglietto per controllare il colore della polpa interna: se è bianca vuol dire che è pronto.

Come cucinare il rombo alla griglia

Come cucinare il rombo alla griglia Il pesce alla griglia è un secondo piatto semplice e al tempo stesso delizioso. Oltre ai popolari scampi alla griglia e agli sfiziosi spiedini di pesce alla griglia realizzati con gamberoni e seppioline, facile da preparare per la cottura alla griglia è anche il rombo, dalle carni molto buone. Iniziate la preparazione pulendo bene il pesce con la tecnica già illustrata. Praticate un paio di taglietti su entrambi i lati del pesce per far sì che si cuocia in maniera uniforme e mettetelo a marinare per 20 minuti in olio extravergine d'oliva, sale e prezzemolo tritato. Mettete a riscaldare la griglia e quando sarà ben calda appoggiate il rombo, facendolo cuocere prima da una parte e poi dall'altra. Spennellatelo ogni tanto con l'olio della marinatura. Il pesce sarà pronto all'incirca dopo 40 minuti. Tra i contorni che si addicono a questo piatto, perfetti sono sia una crema di porri che un purè di patate.

Come cucinare il rombo al sale

Come cucinare il rombo al sale Tra i piatti pieni di gusto, il rombo al sale è un secondo decisamente prelibato. La ricetta consiste nel ricoprire di sale questo tipo di pesce per poi cuocerlo in forno senza nessun condimento, esaltandone così il suo sapore caratteristico. Come sempre, prima di procedere con la preparazione, il rombo va eviscerato e lavato sotto l'acqua corrente. Preparate poi una teglia foderandola con la carta da forno e stendete uno strato di sale grosso, alto circa 5 mm.

Adagiate sopra il rombo e cospargetelo con un trito di erbe aromatiche composto da prezzemolo, timo, alloro e rosmarino. Ricoprite il pesce con un altro strato di sale e infornatelo a 180° per 40 minuti. A questo punto estraete la teglia dal forno e rompete la crosta di sale con un martelletto apposito. È giunto ora il momento di gustarvi la carne del pesce, che grazie a questo tipo di cottura sarà diventata morbida e, allo stesso tempo, compatta, e profumata poi dalle erbe aromatiche. Prima di mangiarlo rimuovete il sale e sfilettatelo bene. Conditelo con un filo d'olio extravergine d'oliva e accompagnatotelo con un'insalata di stagione.

Come cucinare il rombo all'acqua pazza

Come cucinare il rombo all'acqua pazza Per la cottura del rombo all'acqua pazza bastano pochi ingredienti. Potete scegliere se cuocerlo tutto intero oppure ridotto a filetti. Per praticità, vi suggeriamo di utilizzare dei filetti già pronti, acquistati in pescheria. In una padella mettete, per primo, 1 spicchio d'aglio e fatelo rosolare nell'olio extravergine d'oliva insieme a una puntina di peperoncino. Togliete sia aglio che peperoncino e aggiungete 200 g di pomodorini tagliati a spicchi. Fate insaporire e versate 200 ml di vino bianco, poi unite anche 3 filetti di rombo chiodato. Coprite i filetti a filo con l'acqua, salate e cuocete con il coperchio per 5 minuti, fino a quando il pesce sarà cotto ma senza però disfarsi.

E ora alcuni trucchi e consigli: misurate bene la quantità d'acqua in rapporto al vino e al tempo di cottura, in modo che il brodo si restringa un po' senza però lasciare asciutto il pesce. Inoltre, non è necessario girare i filetti perché cuocendo con il coperchio si genera una sorta di cottura al vapore. Portate in tavola i filetti di rombo all'acqua pazza con delle fette di pane calde e croccanti, tostate in una padella antiaderente. Nel caso avanzassero, potrete sempre preparare delle gustose polpette con i filetti di rombo all'acqua pazza rimasti insieme a un trito di erba cipollina e vedrete che bontà!

Come cucinare il rombo con la pasta

Come cucinare il rombo con la pasta Potete utilizzare il rombo anche per realizzare gustosi primi o antipasti di pesce, in abbinamento per esempio alla pasta frolla salata con cui preparare delle sfiziose tartellette da riempire con filetti di rombo, pomodorini e olive nere. Ma con il rombo è perfetta e buonissima la pasta con pomodorini, capperi e basilico, veloce e facile da preparare.

Riempite una pentola con dell'acqua salata per far cuocere 320 g di linguine e nel frattempo lavate 2 pomodori e tagliateli a cubetti. Con 180 g di filetto di rombo ricavate delle listarelle e fatele rosolare in padella con 1 scalogno affettato sottilmente. Sfumate con 150 ml di vino bianco e lasciate cuocere per 5 minuti. Unite i cubetti di pomodori e una manciata di capperi, aggiustando di sale e di pepe, e cuocete per altri 5 minuti. Mantecate le linguine con il sugo di rombo e impiattate la pasta guarnendola con delle foglie di basilico. Ecco a voi il vostro primo delizioso!

Come cucinare il rombo con patate e carciofi

Come cucinare il rombo con patate e carciofi Un piatto gustoso e profumato da servire in famiglia come pietanza unica è il rombo con carciofi e patate aromatizzato al timo. Del rombo vanno utilizzati i filetti senza pelle e ne serviranno 4 o 5. Iniziate a sbucciare 3 patate medie e affettatele a fette sottilissime (circa 1 mm di spessore). Pulite anche 5 carciofi, eliminandone sia le foglie esterne che il fieno interno, riduceteli a spicchi e immergeteli in acqua acidulata con il succo di limone. Nel frattempo fate insaporire per qualche minuto i filetti di pesce con un po' di sale, pepe e qualche fogliolina di timo. Adagiateli in una pirofila e contornateli con le patate a fette e gli spicchi di carciofi. Schiacciate con cura, ponendo sopra al cibo un peso e ricoprite la pirofila con la pellicola. Riponetela in frigorifero per un paio d'ore così da far compattare tra di loro il pesce e le verdure. Trascorso il tempo di riposo, togliete la pellicola, irrorate il tutto con un filo d'olio extravergine d'oliva e trasferite la pirofila in forno già caldo a 180° per 10 minuti. Portate in tavola questa pietanza a base di pesce insieme al pane e buon appetito!

Come cucinare il rombo all'isolana

Come cucinare il rombo all'isolana Altra ricetta tipica gustosa è il rombo all'isolana. Vi serviranno: 1 rombo chiodato; 3 patate medie; 3 pomodori; ½ bicchiere di vino bianco; 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva; sale e pepe.

Cominciate con il pulire e spellare il rombo; oliate per bene una teglia e disponete le patate tagliate a fette sottili. Adagiatevi il pesce e cospargetelo con i pomodori pelati, privati di semi e tagliati a fette. Salate, pepate e irrorate con l'olio extravergine d'oliva. Fate cuocere il rombo in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti, bagnando il pesce con un po' di acqua e altro olio. Toglietelo dal forno e sfilettatelo, servendolo poi con le sue verdure di cottura, ed ecco qua un piatto che vi conquisterà!