Come cucinare il palombo

Galbani
Galbani
Come cucinare il palombo
Oggi prepareremo tante ricette con un pesce che somiglia un po' allo squalo e che ha una carne priva di lische e la pelle dura: stiamo parlando del palombo, un pesce d’acqua salata chiamato anche mustelus, che non viene pescato nei nostri mari ma che è molto utilizzato anche in sostituzione al pesce spada.

Il palombo si nutre di aringhe e crostacei e si presta a moltissime preparazioni dal sapore davvero squisito. Provatelo lesso, al forno, alla piastra, al cartoccio o in umido e accompagnatelo ai contorni più diversi, dai legumi alle verdure. Pronti a saperne di più?

Come cucinare il filetto di palombo

Come cucinare il filetto di palombo Il palombo è un pesce che si trova già tagliato in tranci dalle medie dimensioni, come il vitello di mare che appartiene alla stessa specie. Nonostante non contenga spine, la sua pelle è molto dura, è quindi preferibile chiedere alla vostra pescheria di fiducia di prepararvelo prima. A seconda della ricetta che dovrete preparare, chiederete tranci di palombo dall’altezza diversa.

Come vedremo nel dettaglio, il palombo si può cucinare in moltissimi modi diversi. Se lo volete preparare bollito, dovrete semplicemente portare a bollore l’acqua che potrete profumare con verdura o aromi, immergere i tranci di palombo e farli cuocere per 10 minuti circa.

Se amate le preparazioni al forno, potete mettere i tranci di palombo in una teglia, condirli con olio extravergine d'oliva e sale, aggiungere pomodorini, olive o patate e cuocere a 200° per circa 20 minuti. Potete avvolgerlo anche in un cartoccio preparato con la carta forno, condirlo con fettine di limone e irrorarlo con olio extravergine d'oliva e vino bianco e lasciare cuocere per 25 minuti a 200°.

Se invece dovete preparare una cena veloce, il palombo è perfetto anche da cuocere sulla piastra e potete portarlo in tavola accompagnato da un contorno di verdure alla griglia o, per servire un piatto unico, con una golosissima polenta con cavolo nero.

Immerso in una pastella e tuffato nell’olio di semi bollente, il palombo è buonissimo anche fritto, accompagnato da un gustoso contorno di patate al burro o, tra gli antipasti, se servito caldo in simpatici e pratici cartocci per fritti.

Il palombo è adatto anche per cucinare una famosa ricetta, la zuppa di pesce toscana per eccellenza, ovvero il caciucco ed è perfetto anche per preparare primi piatti di pasta o risotti.

Gli spaghetti al sugo di palombo sono un piatto estivo e veloce da preparare. Mentre lessate la pasta, pulite un trancio di palombo da 200 g circa, privatelo della pelle e tagliatelo a tocchetti; in una padella fate rosolare 1 spicchio d’aglio schiacciato con 6 cucchiai di olio extravergine d’oliva, aggiungete 200 g di pomodori pelati e cuocete per 1 minuto. Aggiungete i tocchetti di palombo, aggiustate di sale e pepe e aggiungete 1 ciuffo di prezzemolo tritato, 1 cucchiaino di capperi e qualche oliva taggiasca. Coprite e cuocete a fiamma bassa per circa 15 minuti. Scolate gli spaghetti al dente, versateli in padella, lasciateli insaporire e serviteli subito.

Un buon risotto con il palombo si prepara in poco più di 20 minuti ed è perfetto per un pranzo in cui volete stupire i vostri ospiti perché ad arricchire il piatto ci sarà un ingrediente insolito: le mele! Fate sciogliere 1 noce di burro in una padella capiente, tostate 300 g di riso Carnaroli e bagnate con ½ bicchiere di vino bianco. Fate sfumare, quindi aggiungete man mano 400 ml di brodo di pesce. Nel frattempo, tagliate a pezzi sottili il palombo e aggiungetelo al risotto insieme a 1 mela a pezzi. A metà cottura, unite anche ½ cucchiaino di zafferano, 1 ciuffo di prezzemolo tritato e il succo di ½ limone. Lasciate mantecare a coperchio chiuso per 2 minuti e servite.

Come cucinare il palombo lesso

Come cucinare il palombo lesso Il palombo lesso, accompagnato da un pasticcio di asparagi o da verdure, è un secondo buonissimo adatto per una tranquilla cena in famiglia. Prepararlo è davvero molto semplice e non vi servirà molto tempo.

Per un gustoso palombo lesso, vi serviranno: 2 tranci di palombo; 1 limone; 60 ml di olio extravergine d’oliva; ½ bicchiere di vino bianco; 1 cucchiaio di pepe in grani; 1 cucchiaio di origano; 1 foglia di alloro; 1 spicchio d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; sale e pepe.

In una casseruola scaldate 500 ml d'acqua e il vino; aggiustate di sale, unite il pepe in grani e portate a bollore. Aggiungete il palombo e lasciatelo cucinare per circa 10 minuti. Nel frattempo, preparate la salsa di accompagnamento: in un pentolino, mescolate l’olio extravergine d'oliva con il succo del limone filtrato e 2 cucchiai di acqua calda. Aggiungete l'aglio schiacciato, l’origano, un pizzico di sale e una spolverizzata di pepe nero macinato al momento. Cuocete la salsa a bagnomaria, mescolando con una frusta o con una forchetta. Prelevate delicatamente il pesce con un ragno da cucina, scolatelo bene e adagiatelo nel piatto; condite con la salsa tiepida e servite con un contorno di verdure al forno light.

Come cucinare il palombo in forno

Come cucinare il palombo in forno Se volete un secondo a base di pesce e state cercando una ricetta sfiziosa e alternativa, il palombo al forno è l’ideale perché vi permette di dare spazio alla creatività, aggiungendo ingredienti semplici e veloci per arricchire il piatto con il gusto che preferite. Potete cuocerlo con una leggera panatura o infornarlo arricchito da altri condimenti.

Vi suggeriamo una ricetta che potrete interpretare a vostro piacimento aggiungendo altre erbe aromatiche, altri condimenti o spezie.

Vi serviranno: 600 g di filetti di palombo; 250 g di pane; 1 cucchiaio di mandorle spellate e tostate; 1 ciuffo di prezzemolo; 1 spicchio d’aglio sbucciato; 1 cucchiaio di rosmarino; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Per prima cosa, preparate la panatura: in un mixer frullate il pane con le mandorle e trasferite il composto in una ciotola. Fate attenzione a non tritarlo troppo fine: le briciole dovranno risultare corpose se volete una panatura croccante e sostenuta che si leghi meglio con il sapore degli altri ingredienti.

In un tritatutto, tritate il prezzemolo con l’aglio e aggiungetelo al pangrattato insieme al rosmarino. Condite con abbondante olio extravergine d'oliva, un pizzico di sale e pepe nero macinato al momento e mescolate bene.

Sistemate il pesce in una pirofila ben oleata con un filo d'olio, copritelo interamente con l’abbondante panatura, condite con altro olio, aggiungete 1 cucchiaino di sale in fiocchi, infornate e fate cuocere a 200° per circa 20 minuti. Una volta cotto, servite il pesce in tavola con un contorno di funghi, di carciofi grigliati o con un'insalata di stagione.

Potete aggiungere alla panatura anche dei pomodorini tagliati a cubetti molto piccoli e sostituire il rosmarino con il timo oppure aggiungere un pizzico di origano.

Inoltre, per dare maggiore sapore e sapidità al piatto, potete tritare grossolanamente, insieme ai pomodori, anche qualche oliva taggiasca denocciolata, una vera delizia se abbinata alla carne di questo pesce, oppure osare con qualche filetto di acciuga.

Come cucinare il palombo alla piastra

Come cucinare il palombo alla piastra Come il salmone, il tonno o il pesce spada, il palombo si cucina facilmente anche alla piastra.

Questa preparazione prevede un procedimento davvero semplice e veloce e aggiungerete il palombo alla piastra nella lista dei secondi piatti a base di pesce più rapidi e buoni da portare in tavola.

Vi serviranno pochi ingredienti e contorni saporiti per preparare una cena deliziosa. Mettete sul fuoco la piastra e scaldatela abbondantemente. Nel frattempo, lavate 2 tranci di palombo che avrete fatto pulire dalla vostra pescheria di fiducia e tamponateli con la carta assorbente.

Preparate un trito con 1 ciuffo di prezzemolo e 1 spicchio d’aglio sbucciato, mettetelo in una ciotola ed emulsionate con 3 o 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva. Con un pennello da cucina, coprite la superficie dei tranci e sistemateli sulla piastra rovente ben oleata. Aggiustate di sale e lasciate cuocere per circa 5 minuti su entrambi i lati.

Il vostro pesce sarà pronto in pochissimo tempo e voi potrete scegliere melanzane, zucchine, peperoni o gustose insalate per accompagnare questo piatto facile e buonissimo da gustare in famiglia.

Come cucinare il palombo al cartoccio

Come cucinare il palombo al cartoccio Sistemate in una pirofila e racchiuse in un foglio di carta forno, le fette di palombo sono buonissime anche preparate al cartoccio. Porterete in tavola uno tra i piatti unici più apprezzati se accompagnato da un gustoso pasticcio di patate.

Vi serviranno: 4 tranci di palombo; 2 patate; 1 cipolla; 10 acciughe; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Per prima cosa, sbucciate e affettate sottilmente le patate, sbollentatele in una pentola con acqua salata per 3 minuti, quindi scolatele e mettetele da parte. Lavate e asciugate i tranci di palombo e sistemateli in una pirofila su 2 fogli di carta da forno spennellata con un po’ d’olio.

Copriteli con le fettine di patate, la cipolla tagliata sottilmente, le acciughe a pezzi e condite con un filo d’olio extravergine d'oliva e qualche fiocco di sale. Chiudete i cartocci con lo spago e infornate la pirofila a 200° per 25 minuti circa.

A cottura ultimata, sistemate i cartocci ancora chiusi nei piatti e serviteli a tavola per far scoprire ai vostri ospiti una saporita sorpresa. All’interno del cartoccio potete aggiungere qualche ago di rosmarino per rendere più aromatico il piatto oppure potete sostituire le acciughe con una manciata di olive taggiasche denocciolate e una manciata di capperi.

Come cucinare il palombo in umido

Come cucinare il palombo in umido Le ricette con questo pesce dal sapore delicato non finiscono qui e la preparazione in umido è tra quelle che vi regalerà maggiori soddisfazioni. E' un pesce molto adatto ai bambini* perché, come abbiamo già detto, è quasi completamente privo di lische. Oggi lo preparerete accompagnandolo con una crema di pomodoro delicata e profumata d’aglio, in cui sarà un vero piacere intingere, alla fine, una fetta di pane casereccio per una scarpetta golosa.

Vi serviranno: 500 g di palombo a pezzi; 200 ml di passata di pomodoro; 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro; 3 spicchi d’aglio; olio extravergine d'oliva; sale e pepe nero.

Chiedete alla vostra pescheria di fiducia di tagliarvi il palombo in pezzi dalla lunghezza di circa 4 cm e dallo spessore di 3 cm. Lavate le fette di palombo e asciugatele bene con carta assorbente. In una casseruola, fate scaldare 5-6 cucchiai di olio extravergine d'oliva e rosolate gli spicchi d’aglio schiacciati; aggiungete la passata di pomodoro e il concentrato e aggiustate di sale. Fate cuocere per circa 5 minuti, mescolando, e aggiungete il pesce. Salate, spolverizzate con il pepe nero macinato al momento e lasciate cuocere a fuoco basso, coprendo la casseruola con il coperchio per altri 10-15 minuti . Mescolate il pesce ogni tanto e impiattatelo caldo quando è pronto, accompagnandolo con fette di pane condite con olio extravergine d’oliva.

*sopra i 3 anni

Come si cucina il palombo in padella

Come si cucina il palombo in padella Il palombo si prepara anche in padella. Il procedimento è molto semplice e il risultato è delicato e davvero gustoso.

Vi serviranno: 4 tranci di palombo; 3 limoni; 1 spicchio d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Come sempre, per prima cosa, lavate e asciugate i tranci di palombo accuratamente; in una padella fate scaldare 5-6 cucchiai di olio extravergine d'oliva e rosolate lo spicchio d’aglio. Aggiungete i tranci di palombo e lasciateli cuocere per un paio di minuti su entrambi i lati. Spremete i limoni, filtratene il succo e aggiungetelo in padella con 60 ml di acqua. Coprite la padella con il suo coperchio e lasciate cuocere a fuoco moderato per 20 minuti circa. Qualche minuto prima della fine della cottura, spolverizzate i tranci con il prezzemolo tritato; quindi spegnete il fuoco e impiattate il pesce con il suo delicato fondo di cottura.

Come cucinare palombo alla livornese

Come cucinare palombo alla livornese Oltre al famoso cacciucco, la cucina livornese ci regala anche un buonissimo palombo preparato con una deliziosa ricetta che ne esalta il sapore delicato. Arricchito dai piselli freschi, si condisce con un buon sugo di pomodoro e tra i piatti unici a base di pesce è sicuramente uno dei più saporiti.

Vi serviranno: 600 g di palombo a fette; 2 spicchi d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; 2 peperoncini; 2 foglie di salvia; 1 cipolla; 500 g di pomodori pelati; 1 cipolla; 300 g di pisellini; sale.

In una padella grande, scaldate 5-6 cucchiai di olio extravergine d'oliva, fate rosolare l’aglio schiacciato e i peperoncini tagliati a rondelle. Unite la salvia e versate anche i pomodori. Cuocete a fuoco moderato per 15 minuti e, nel frattempo, affettate finemente la cipolla.

In un’altra padella, fate soffriggere la cipolla con 4-5 cucchiai di olio extravergine d'oliva e, quando di sarà ammorbidita, aggiungete i piselli; aggiungete anche 1 bicchiere d’acqua, copriteli con un coperchio e fateli cuocere per 20 minuti circa.

Mettete le fette di palombo nel sugo e fatele cuocere 2 minuti per lato, coprendo con il coperchio. Aggiungete i piselli in padella, fateli insaporire mescolando con un cucchiaio di legno e lasciate sul fuoco per 5 minuti. Aggiustate di sale e impiattate.

Cucinare il palombo fritto

Cucinare il palombo fritto Un buffet di antipasti di mare con gamberetti, frutti di mare, salmone marinato, polpette di orata, cozze gratinate e fritte si arricchisce, per la vostra prossima festa in terrazzo, anche di gustosi cartocci di palombo fritto: un piatto molto facile e di sicuro successo.

Per preparare il palombo fritto vi serviranno: 6 fette di ventre di palombo; 120 ml di aceto di vino bianco; 200 g di farina; olio di semi; sale.

Tagliate le fette di palombo a pezzi più piccoli e fatele marinare in una ciotola con l’aceto per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo, scolatele e passatele nella farina. Nel frattempo, in una padella capiente per fritti, versate abbondante olio di semi e portatelo a 170°. Se non avete un termometro da cucina, verificate che l’olio sia pronto immergendo la punta del manico di un cucchiaio di legno: quando l'olio attorno alla punta del manico di legno comincia a sfrigolare, è pronto per la frittura. Tuffate i pezzi di pesce nell'olio bollente, rigirateli con un forchettone e quando saranno diventati dorati, scolateli con un ragno da cucina. Trasferiteli in un piatto rivestito di carta assorbente, spolverizzateli con il sale e serviteli sistemati in simpatici cartocci per fritti. Potete preparare la panatura anche con una buona farina di ceci. Preparate la pastella con 3 cucchiai di farina di ceci e ½ bicchiere di birra. Mettete in una ciotola gli ingredienti, aggiungetevi una spolverizzata di pepe nero e mescolate fino a ottenere un composto spumoso. Passate nella ciotola il pesce e friggetelo in abbondante olio di semi.