Santa LuciaPresenta

Piadina con avocado e salmone

Ricetta creata da Galbani
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Non avete proprio tempo di preparare il vostro pranzo da portare in ufficio oppure dovete preparare un buffet e non avete idee per arricchirlo? Oggi vi proponiamo una ricetta molto semplice, perfetta da consumare come pranzo al volo, una gustosa piadina. Questa ricetta è ottima anche da fare a pezzettini e da servire come finger food: stiamo parlando della piadina con salmone e avocado.

Non è sempre facile trovare il tempo di realizzare delle preparazioni impegnative, per questo oggi abbiamo scelto di proporvi una piadina facile da realizzare. Vi consigliamo inoltre di avvolgerla su se stessa e di formare tanti deliziosi rotolini di piadina, potrete così condividere questa fantastica ricetta con i vostri ospiti durante un aperitivo o come antipasto stuzzicante per aprire una cena a casa vostra. La combinazione tra questi semplici ingredienti darà una marcia in più a tutta la vostra tavola. Infatti, il gusto intenso del salmone affumicato viene perfettamente equilibrato dalla presenza del formaggio Fresco Spalmabile in Panetto Santa Lucia, mentre l'avocado aggiunge quel tocco di colore e morbidezza che rende questa semplice ricetta un piatto davvero completo.

Quando parliamo di piadine potete ovviamente decidere voi il ripieno che preferite, ma questa ricetta è una delle più semplici, infatti, non prevede la cottura degli ingredienti, soprattutto nel caso in cui utilizzerete delle piadine già pronte sarà tutto pronto in un lampo. Si tratta solo di scaldare le piadine e assemblare gli ingredienti, ottenendo così una ricetta di grande impatto che piacerà sicuramente ai vostri ospiti!

La piadina arrotolata con salmone affumicato, formaggio e avocado non solo è buonissima, ma è davvero veloce da preparare, perfetta per chi ha poco tempo e non è molto esperto in cucina. Pochi ingredienti, ma che insieme sono proprio gustosi, ideale anche per un pranzo a sacco coi fiocchi!

Facile
4
30 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  • 200 g di salmone affumicato
  • 100 g di Formaggio Fresco Spalmabile in Panetto Santa Lucia Galbani
  • 2 avocado maturi
  • 4 piadine già pronte
  • qualche cucchiaio di maionese
  • mezzo limone

Preparazione

Ecco il procedimento per preparare questa semplice piadina dal gusto avvolgente:

01

Prima di tutto tagliate e separate gli avocado a metà, togliete il nocciolo e tagliate a fettine sottili. Assicuratevi che i frutti siano ben maturi.

02

Scaldate poi la prima piadina in padella, circa 1 minuto per lato.

03

Appoggiate la piadina su un ripiano e spalmante della maionese e il Formaggio Fresco Spalmabile Santa Lucia.

04

Coprite il tutto con le fettine di avocado e poi per ultimo con il salmone affumicato. Bagnate il tutto con qualche goccia di succo di limone e gustate la vostra piadina quando è ancora calda, oppure, preparate dei deliziosi rotolini e serviteli su un vassoio.

Varianti

La piadina, per la sua semplicità, è un piatto davvero versatile che si presta a moltissime varianti. La sua versione più conosciuta però è la piadina romagnola, un piatto povero che fa parte da molti anni della cucina campagnola. Si tratta di un vero e proprio simbolo della cucina italiana, può essere farcita con i salumi pregiati del nostro territorio ed è davvero un piatto unico a cui molti faticano a resistere, soprattutto se consumata calda e appena cotta!

Anticamente le piadine venivano realizzate semplicemente con farina, acqua, sale, olio o strutto. Spesso erano utilizzate al posto del pane, non sempre venivano consumate ripiene. Oggi possiamo assaggiare un'infinta varietà di piadine già pronte, realizzate con farine sempre diverse. Avete mai provato le piadine con la farina di kamut? Delicate e perfette praticamente per qualsiasi tipo di ripieno. Se invece amate i gusti più rustici e decisi vi consigliamo le piadine integrali o quelle realizzate con farina di ceci o altri legumi come le lenticchie, tutte da provare!

Per quanto riguarda il ripieno, come abbiamo detto, è possibile giocare con tantissimi abbinamenti differenti. Potete infatti combinare le verdure, i salumi e i formaggi che più amate, realizzando ripieni davvero deliziosi. A tal proposito vi consigliamo di provare l'abbinamento mortadella, pesto di pistacchi e crescenza. Un connubio davvero golosissimo che vi conquisterà al primo morso, da provare!

Un altro modo di consumare la piadina, molto simpatico e creativo, è quella di ricreare una pizza-piadina. Tra le trasformazioni della piadina forse questa è quella più diffusa e amata dai bambini*. Vi basterà lasciare aperta la vostra piadina e condirla con pomodoro e mozzarella. Questa variante è perfetta quando si ha voglia di pizza ma non c'è abbastanza tempo per preparare un impasto lievitato.

E se cercate una versione più adatta per coloro che preferiscono una dieta vegetariana, provate la ricetta della piadina vegetariana.

 

Consigli

Abbiamo visto che preparare una piadina è davvero semplice, basta avere un po' di creatività per inventarsi un ripieno gustoso e il gioco è fatto. La piadina, nella sua semplicità è rimasta uno degli street food più apprezzati e che anche all'estero parla dell'Italia e delle sue prelibatezze culinarie. La sua ricetta tipica probabilmente ha delle origini molto antiche, ma non è affatto complicato prepararla anche in casa. Infatti, se avete un po' di tempo, perché non preparate voi il vostro impasto? Non è difficile, in quanto gli ingredienti per la piadina sono pochi, semplici e facilmente reperibili. Vi servirà solo farina, acqua, olio extravergine d'oliva (o in alternativa strutto) e un pizzico di sale. Impastando insieme questi semplici ingredienti potrete ottenere delle piadine strepitose, che daranno alla vostra ricetta una marcia in più, come tutte le cose fatte in casa!

Come abbiamo visto non ci sono regole per realizzare la vostra piadina, ma ecco i nostri consigli per preparare una piadina perfetta e dal gusto equilibrato. Il trucco sta prima di tutto nella disposizione degli ingredienti. La piadina deve essere scaldata e solo dopo si può procedere a sistemare sulla superficie gli ingredienti. Disponeteli solo su metà della superficie, lasciando l'altra parte completamente vuota, altrimenti non riuscite a chiuderla! Vi consigliamo di iniziare sempre dai formaggi, così che abbiano tutto il tempo di squagliarsi con il calore e diventare filanti e cremosi. Il formaggio, infatti, è molto importante in questo tipo di ricetta, perché una volta sciolto farà da collante per il resto degli ingredienti.

Curiosità

La storia della piadina è molto antica e forse proprio per questo si sa davvero poco rispetto alla nascita del termine "piadina". Alcuni sostengono che il nome "piadina" abbia delle origini greche, infatti in greco focaccia si dice “platokis”, ma esistono tante altre ipotesi a riguardo.

Secondo altre fonti, infatti, sarebbe collegata alla parola romagnola “piè, piès”, che significherebbe "rassodarsi". Altre ipotesi invece portano ancora più lontano l'origine di questa ricetta e di questo termine. Infatti per moltissimi la piadina ricorda la pita greca oppure il pane azzimo. Anche il termine "pita" potrebbe essere un antenato di quella che noi oggi chiamiamo piadina. Un'ultima ipotesi invece riguarda il nome dell'asse di legno dove un tempo si appoggiavano il pane e tutti i prodotti da forno a raffreddare, che appunto veniva chiamato“piàdena”.

Ciò che sappiamo è sicuramente che questa ricetta si è evoluta nel tempo mantenendo però la sua consistenza compatta e friabile, e soprattutto la sua semplicità. La piadina è rimasta in alcune zone della Romagna come sostituto del pane, mentre per i più rappresenta un delizioso scrigno che raccoglie buonissimi ripieni. Infatti questa ricetta è sempre stata considerata un piatto povero e allo stesso tempo versatile. Era una risorsa perfetta per le classi contadine, che la utilizzavano come valida alternativa al pane. In realtà, dai nobili romani fino al Medioevo, tutti andavano matti per le piadine, che in diverse forme sono sempre state presenti in ogni banchetto.

*sopra i tre anni

Prova anche

Ti potrebbe interessare anche