Canestrelli

Dessert PT20M PT20M PT40M
  • 15 persone
  • Media
  • 40 minuti
Ingredienti:
Per la pasta:
  • 200 g di farina
  • 200 g di fecola di patate
  • 4 tuorli
  • 100 g di zucchero a velo
  • 240 g di Burro Santa Lucia Galbani
  • un pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia
  • la scorza grattugiata di 3 limoni

Per la finitura:
  • zucchero a velo vanigliato

presentazione:

I biscotti canestrelli sono tipici di alcune regioni del Nord Italia, come il Piemonte. Ma quelli che vi presenteremo in questa pagina sono la variante tipica della regione Liguria.

Preparazione:

Impastati con ingredienti semplici come uova, farina fiore (ovvero farina 00), Burro Santa Lucia e zucchero a velo, i frollini che andrete a realizzare sono molto friabili e saranno spolverizzati con abbondante zucchero a velo.

1. Per preparare i canestrelli dovete prima di tutto mettere le uova a bollire in un pentolino contenente acqua. Fate bollire per 10 minuti.
2. Dopodiché, in una ciotola capiente mettete la farina, la fecola, lo zucchero a velo, il Burro Santa Lucia tagliato a tocchetti, il pizzico di sale, la scorza grattugiata dei limoni e l’essenza di vaniglia.
3. Trascorsi i 10 minuti, spegnete il gas e sgusciate le uova sode, prelevatene i tuorli, setacciateli per bene e aggiungeteli agli altri ingredienti. A questo punto, lavorate il tutto fino a ottenere un impasto omogeneo.
4. Ottenuta la pasta della giusta consistenza, formatene un panetto, avvolgetelo in un foglio di pellicola trasparente e riponetelo in frigorifero a riposare per 30-40 minuti. Trascorso il tempo indicato, prelevate l'impasto dal frigorifero. Dunque, stendetelo nella spianatoia infarinata e formate una sfoglia di 1 centimetro di spessore.
5. Ora, con l'ausilio dell'apposito stampino, ritagliate dei fiorellini. Dopodiché, fateci un buco al centro. A operazione conclusa, mettete i vostri canestrelli in una placca rivestita precedentemente con carta da forno. Concludete i biscotti infornandoli nel piano medio del forno a 170° per una cottura di 20 minuti.
6. Una volta cotti, lasciateli raffreddare per bene dentro la teglia. Quindi spolverizzate i canestrelli con abbondante zucchero a velo vanigliato e serviteli.

Varianti:

Provate anche la ricetta dei canestrelli biellesi. Non hanno la classica forma a fiore ma sono come una cialda di wafer.

Infatti, proprio come il tipico wafer, i canestrelli biellesi sono formati da due cialde farcite con crema al cioccolato.

Si preparano con un mix di farine di cereali diversi: 250 g di farina bianca e 250 g di farina di mais. Lavorate le farine con 250 g di zucchero, 250 g di burro ammorbidito, un uovo sbattuto, mezzo litro di vino rosso e un bicchierino di rum.

Poi realizzate delle palline e fatele cuocere in uno stampo per cialde. Quando sono cotti, farciteli con la crema pasticcera al cioccolato o con la marmellata.

Questa presentata è la ricetta dei canestrelli dolci, ma sapevate che esiste una versione salata? Potete realizzarla per servire questi biscottini durante un aperitivo o un buffet.

Le dosi sono 100 di farina 00, 50 g di burro salato, 1 uovo, 20 g di parmigiano, 1 cucchiaio di vino bianco secco, sale ed erbe aromatiche. Unite farina e parmigiano. Poi, aggiungete il burro tagliato a pezzi e impastate fino a ottenere un impasto granuloso. Unite, poi un uovo precedentemente sbattuto per amalgamare il tuorlo con l’albume e il vino.
Stendete, a questo punto, la frolla salata e ritagliate i canestrelli con uno stampino a forma del tipico fiore con il buco centrale. Cuocete in forno già caldo per 15 minuti a 180 gradi.
Spolverizzateli con le erbe aromatiche. Rimarrete incantati dal loro sapore e dai loro aromi!

Consigli:

La caratteristica principale dei canestrelli è che sono dolci senza lievito, aromatizzati sia con scorza di limone sia con vaniglia.

Sono preparati con tuorli di uova sode finemente setacciati, che, una volta impastati con gli altri ingredienti, rendono la frolla dalla consistenza particolare, decisamente più morbida e danno vita a dolcini che si sciolgono in bocca, adatti non solo alla colazione, ma da consumarsi in qualsiasi momento della giornata.

Perfetti da servire con il tè pomeridiano, i canestrelli sono ottimi anche per festeggiare in gran stile il Natale. Anche se sono un dolcino tipicamente consumato a Pasqua (provateli con il caffè che segue al pranzo pasquale), non perdetevelo al mattino tuffato nel latte!

Il loro gusto è intenso, soprattutto se sono aromatizzati alla cannella o se, nell’impasto si aggiunge la granella di nocciola.

Hanno la forma di una piccola margherita con un foro centrale e un diametro che si aggira intorno ai 3-4 centimetri. Non tutti i canestrelli hanno però questa forma; come abbiamo visto, infatti, la versione biellese ha la forma di un wafer.

Una volta realizzato, il canestrello si mantiene fresco se conservato dentro una scatola di latta.

Curiosità:

Sapete perché si chiamano canestrelli?

Secondo alcune teorie la parola deriva da canestro, il cesto di vimini dove venivano fatti raffreddare i biscotti.

Per quanto riguarda la ricetta dei canestrelli piemontesi, il nome potrebbe derivare dal metodo di cottura: anticamente realizzata su una griglia, conferiva al biscotto le tipiche strisce dovute alla graticola. Infatti “grigliare” in dialetto piemontese si dice “canesterlè”.

I canestrelli sono un biscottino tipico del Nord Italia.
Ne esistono diverse versioni in base alle città dove sono maggiormente prodotti: Torino, Biella o, in generale, la Liguria.

Sebbene infatti siano diffusi in tutto il territorio italiano e soprattutto al Nord, bisogna precisare che questi dolcini appartengono, con due ricette diverse, soprattutto alla gastronomia ligure e piemontese.

Questi biscotti secchi non sono estranei alle rivisitazioni; tra le più note c'è quella della variante alle nocciole, alle mandorle e quella dei canestrelli al cacao. Tutte ricette ottime e perfette da assaporare con un buon tè pomeridiano.

In passato questi dolci venivano offerti nel periodo pasquale; oggi, invece, li troviamo sul mercato durante tutto l'anno.

Questi gustosi dolcetti, grazie alle loro tante versioni, regalano gioie ai più golosi.

E se vi è piaciuta questa ricetta, non resistete alle più dolci tentazioni zuccherine e provate anche queste altre preparazioni!

I vostri commenti alla ricetta: Canestrelli

Lascia un commento

Massimo 250 battute