Come cucinare le patate dolci

Galbani
Galbani
Come cucinare le patate dolci
Le patate dolci, chiamate anche batate, sono radici tuberose dolci la cui raccolta avviene in autunno, ma che arrivano sui banconi del mercato solo durante la stagione estiva. Dopo la raccolta, infatti, vengono immagazzinate e fatte riposare a una certa temperatura che favorisce lo sviluppo del loro aroma.

Oggi vi sveleremo tante curiosità sul prodotto, vi daremo consigli su come utilizzare in cucina questo delizioso ingrediente che arriva dagli Stati Uniti e impareremo a conoscerne le varietà e i modi di cucinarle.

Le varietà di patate dolci

Le varietà di patate dolci Esistono diverse varietà di patate dolci. La prima, quella delle patate bianche, è caratterizzata da un sapore zuccherino che rimanda al sapore delle castagne. Arriva dagli Stati Uniti e la sua pianta è così bella tanto da sembrare un pianta ornamentale. In Italia, la sua coltivazione ha preso piede in alcune regioni del centro e del sud. Poi ci sono le patate dolci arancioni, che ricordano la zucca e le carote anche per la consistenza. La particolarità delle patate dolci a pasta arancione è che possono essere cucinate anche con la buccia.

Ma in realtà esistono anche altre varietà di questo tubero: la differenza sta nel colore della buccia che influisce quindi anche sul colore della pasta. Le patate dolci, infatti, possono anche essere rosse, viola e marroni.

Lesse, fritte o al forno: sono questi i modi in cui si possono cucinare le patate dolci, adatte sia per le ricette dolci che per le ricette salate.

Come cucinare le patate dolci bianche

Come cucinare le patate dolci bianche Le patate dolci sono prodotti molto versatili e si possono impiegare in moltissime ricette che vengono caratterizzate dal loro sapore particolare ma discreto.

Vi proponiamo di utilizzarla come ingrediente per una torta dolce da servire a merenda o a colazione. Spesso si prepara con le mele, ma oggi vi proponiamo un'altra ricetta buonissima. Per prepararla in casa, vi serviranno: 500 g di patate; 1 uovo; 1 limone; 150 g di zucchero; 50 g di farina; 30 g di burro; 2 cucchiai di uvetta.

Per prima cosa, lavate le patate americane dolci, asciugatele accuratamente con un canovaccio o con la carta assorbente e cuocetele in forno caldo a 180° per circa 1 ora. Sfornatele, trasferitele su un piano di lavoro e sbucciatele: mettetele in uno schiacciapatate e schiacciate la purea in una ciotola.

Mescolate le patate con lo zucchero, l’uovo, la farina setacciata, la scorza del limone grattugiata, il succo e il burro precedentemente fuso in un pentolino. Mescolate bene gli ingredienti, aggiungete anche l’uvetta precedentemente ammollata e strizzata e amalgamate bene il composto, quindi trasferite l’impasto in una tortiera imburrata e infarinata. Cuocete la torta di patate dolci in forno a 180° per 40 minuti circa, sfornatela e lasciatela raffreddare su una gratella. Servitela all'ora del tè spolverizzata da una pioggia di zucchero a velo.

Potete sostituire l’uvetta con gocce di cioccolato, frutta secca o frutta disidratata. Questo è un impasto che si presta a tante varianti golose.

E tra i primi piatti, così come esistono gli gnocchi di patate, potete preparare anche gli gnocchi di patate dolci. Vi serviranno: 500 g di patate dolci bianche; 250 g di farina; 1 tuorlo; 30 g di formaggio grattugiato; 1 pizzico di sale.

In una pentola fate bollire abbondante acqua salata e immergete le patate; cuocetele per 20 minuti, scolatele e sistematele su un tagliere. Tagliatele a rondelle, privatele della buccia e trasferitele su una teglia rivestita di carta da forno.

Cuocetele in forno ventilato a 180° per circa 30 minuti; una volta che la pasta si è ammorbidita, sfornatele e mettetele nello schiacciapatate. Raccogliete la purea in una ciotola e setacciate anche la farina, cominciate a impastare, aggiungete l’uovo e il formaggio grattugiato e, infine, 1 pizzico di sale. Formate un impasto morbido e compatto. Trasferitelo su una spianatoia e formate tanti filoncini dello spessore di 2 cm. Dai filoncini ricavate gli gnocchi con l’apposito attrezzo o con la forchetta e tuffateli in acqua bollente salata per la cottura, che durerà fino a quando gli gnocchi risalgono a galla. Deliziosi se conditi con un sugo di pomodoro, sono buonissimi anche con una semplicissima noce di burro sciolta in padella con una foglia di salvia.

Come cucinare le patate dolci arancioni

Come cucinare le patate dolci arancioni Le patate dolci arancioni si prestano molto bene alle fritture perché mantengono una pasta morbida all'interno e si ricoprono di una croccante doratura all'esterno.

Dopo averle bollite in acqua salata, potete spennellarle con olio extravergine d’oliva e cuocerle per qualche minuto sulla griglia del barbecue.

Le patate arancioni sono buonissime anche per l'insalata, a cui potrete aggiungere, in base al vostro gusto, anche qualche fettina di pancetta croccante e sono perfette per accompagnare zucchine, melanzane e carote.

Questa varietà di patate dolci è deliziosa anche lessata e poi saltata in padella con 1 noce di burro, sale in fiocchi e pepe. Potete profumarle con la paprika e aggiungere una cipolla rossa a fette sottili.

Si possono cucinare anche al vapore: questa cottura le renderà morbide e conserverà tutto il loro sapore; potrete schiacciarle con una forchetta, mescolarle ancora calde con una noce di burro, aggiustarle di sale e servire come contorno a secondi piatti di carne o alle uova strapazzate.

Potete preparare anche buonissime chips di patate dolci croccanti affettandole sottilmente e facendole essiccare nel forno a 60° e con lo sportello aperto, condite con olio extravergine d’oliva. Saranno perfette come finger food sul buffet degli aperitivi di una cena informale tra amici o in famiglia.

Le patate dolci al forno

Le patate dolci al forno Cotte in forno, le patate dolci arrivano in tavola con gli antipasti o accanto ai secondi come contorno saporito.

Vi serviranno: 4 patate dolci; olio extravergine d’oliva; rosmarino; sale in fiocchi; pepe nero.

Sbucciate le patate, tagliatele a fette non troppo grandi e mettetele in una teglia; conditele con il sale in fiocchi, abbondante olio e 1 cucchiaio di aghi di rosmarino. Mescolatele con le mani per farle insaporire, quindi, infornatele a 180° e fatele cuocere per circa 40 minuti fino a quando non saranno tenere e avendo cura di mescolarle spesso.

Le patate dolci al forno sono davvero squisite condite con salse a piacere e come accompagnamento a un goloso hamburger di tonno per una cena in famiglia da gustare al relax sul divano.

Se volete provare una variante della più conosciuta preparazione, le patate dolci ripiene al forno si farciscono di formaggio e pancetta e possono essere annoverate tra i piatti unici del vostro ricettario se accompagnate da una gustosa insalata di stagione.

Per prepararle vi serviranno: 3 patate dolci; 80 g di formaggio cheddar; 50 g di pancetta affumicata a dadini; 20 g di burro; erba cipollina; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Pulite la buccia delle patate, sciacquatele sotto l’acqua corrente e tagliatele a metà per il senso della lunghezza. Sistematele su una teglia vestita di carta da forno, conditele con un filo d’olio, un po’ di sale e pepe e cuocetele in forno preriscaldato a 200° coprendole con un foglio di carta stagnola per circa 25 minuti. Quando si saranno ammorbidite, sfornatele e con un cucchiaino svuotatele e mettete la polpa in un mixer. Frullate la polpa con l’erba cipollina e il burro e frullate per pochi secondi. Unite alla purea la pancetta e il cheddar tagliato a dadini; mettete il composto nelle patate, condite con un filo d’olio e rimettete in forno a 180° per circa 21 minuti. Sfornate e servite le patate dolci ripiene ancora calde.

Potete anche aggiungere alle patate farcite delle spezie a piacere o altre erbe aromatiche come il timo.

Le patate dolci al cartoccio

Le patate dolci al cartoccio E nonostante non siano proprio fatte della stessa pasta, anche le patate dolci, come le più utilizzate patate a pasta bianca o gialla, si possono avvolgere in un cartoccio e cuocere alla brace.

Se state preparando il barbecue, prendete delle patate dolci, bucherellatele con i rebbi di una forchetta e avvolgetele una per una in un foglio di carta stagnola. Lasciatele sulla brace rovente per 1 ora circa e quando si saranno ammorbidite, aprite il cartoccio senza eliminarlo, tagliate a metà le patate e conditele con sale in fiocchi, abbondante burro salato, timo e rosmarino.

Ovviamente, potete anche aprirle a metà e farcirle con una caponata di peperoni, melanzane o zucchine grigliate o con un formaggio filante che sciogliendosi si trasformerà in una golosa e irresistibile crema.

Le patate dolci in padella

Le patate dolci in padella Questi ortaggi sono perfetti anche per preparare un contorno facile e veloce in padella.

Vi serviranno: 3 patate dolci; 4-5 cucchiai di olio extravergine d’oliva; ½ cucchiaino di peperoncino in polvere; 1 cucchiaino di curry; sale q.b.

Lavate e sbucciate le patate americane e tagliatele a spicchi uguali. Scaldate in una padella antiaderente 4-5 cucchiai di olio; aggiungete gli spicchi di patate, le spezie, 1 spolverizzata di sale e cuocete a fiamma media per 20 minuti avendo cura di mescolare spesso. Infine, servirtele calde come contorno.

Potete preparare le patate dolci in padella anche aggiungendo alla preparazione altre verdure come la verza, i broccoli o il radicchio tagliato a striscioline sottili. Se inserite nella ricetta queste verdure, ricordatevi di coprire con un coperchio e di mescolare spesso.

Le patate dolci al microonde

Le patate dolci al microonde Il microonde si presta molto bene alla preparazione delle patate dolci, che possono diventare la base per tante ricette.

Lavate accuratamente 2 patate, asciugatele e avvolgetele in un foglio di carta assorbente bagnato e strizzato.

Foderate anche il fondo del piatto del microonde con un foglio di carta bagnato e sistemate le patate al centro. Ricoprite le patate con i bordi del foglio di carta per far sì che in cottura la carta bagnata permetta al vapore di cuocere i tuberi che manterranno così la loro umidità interna.

Cuocete alla massima potenza per 15 minuti, sfornate le patate, tagliatele a metà e conditele con una salsa allo yogurt o con il burro salato.

Le patate dolci lesse

Le patate dolci lesse Il purè di patate dolci è l’alternativa giusta al più conosciuto purè di patate, con cui si prepara anche una deliziosa torta di patate, ed è una preparazione facile e veloce per servire in tavola contorni gustosi per secondi piatti di carne o di pesce.

Per realizzare un purè di patate dolci dovrete preparare le patate lesse. Quindi lavate e sbucciate 3 patate, immergetele in acqua bollente e cuocetele per 20 minuti.

Scolatele, aspettate che si raffreddino e sbucciatele. Schiacciatele in una ciotola utilizzando uno schiacciapatate o una forchetta e trasferitele in una casseruola con 200 ml di latte caldo e 50 g di burro. Mescolate a fuoco lento fino ad ottenere un purè dalla consistenza cremosa.

Potete aggiungere le patate lesse anche a un'ottima zuppa di legumi, verza e funghi porcini, al riso in brodo o a un’insalata di quinoa, accompagnata da gustosissimi pezzi di pasta di pane fritti.

Le patate dolci fritte

Le patate dolci fritte Le patate dolci fritte prevedono una preparazione davvero molto particolare. Non hanno il solito gusto delle patatine che si mangiano sempre, ma un sapore speziato che saprà soddisfare anche i palati più sofisticati.

Prima della frittura, lavate e sbucciate le patate, tagliatele a spicchi uguali e tuffatele in una pentola con acqua bollente; scottatele per 10 minuti, scolatele e asciugatele bene con un foglio di carta assorbente. In una padella capiente per fritti, versate l’olio di semi e portatelo a una temperatura di 170°; immergete le patate e lasciatele friggere, muovendole con un ragno da cucina. Scolatele quando diventano dorate e mettetele poi in un piatto rivestito di carta per fritti.

Spolverizzate con sale fino, un pizzico di cannella, paprika e zucchero di canna. Mescolate bene, preparate le porzioni in cartocci per fritti e servitele con salse a piacere.

I dessert di patate dolci

I dessert di patate dolci Con le patate dolci si possono realizzare anche tanti dessert, facili da preparare, veloci e gustosissimi.

Se volete provare le patate al cartoccio, dividetele in due, spolverizzate con un cucchiaio di zucchero di canna e con un pizzico di cannella e aggiungete qualche fiocco di burro, che con il calore si scioglierà creando insieme allo zucchero una deliziosa crosticina dolce. Potete anche farcire con miele d’acacia o sciroppo d’acero o con una crema al mascarpone e biscotti secchi sbriciolati o cereali.

Con le patate dolci potrete preparare anche una golosa torta di mele alternativa.

Vi serviranno: 500 g di patate dolci; 200 g di farina; 2 uova; 4 cucchiai di miele; 2 mele Golden; 100 ml di olio di semi; 1 bicchiere di latte; cannella; ½ bustina di lievito; sale.

Fare bollire le patate dolci con la buccia in una casseruola con l’acqua bollente; scolatele quando risultano tenere, mettetele nello schiacciapatate e schiacciatele eliminando la buccia. Spostatele in una ciotola e aggiungete le uova, l’olio, il miele, il latte e la cannella. Amalgamate gli ingredienti e setacciate la farina con il lievito. Sbucciate le mele, tagliatele a dadini e unitele al composto. Poi trasferitelo in uno stampo precedentemente imburrato e infarinato. Infornate a 180° per 40 minuti circa e, quando la torta è pronta, mettetela a raffreddare su una gratella. Spolverizzatela con lo zucchero a velo e servitela con un delizioso succo di mela.

Se volete delle tortine monoporzione potete dividere e cuocere l’impasto della torta di patate dolci e mele negli stampini da muffin.