Santa LuciaPresenta

Pancake senza uova

Ricetta creata da Galbani
Prova con
Ricotta Santa Lucia
Ricotta Santa Lucia
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

I pancake sono dei dolcetti della tradizione americana che vengono serviti durante la colazione, spesso arricchiti con lo sciroppo d’acero. Perfetti anche per una golosa merenda, sono simili alle crêpes e altrettanto facili e veloci da preparare.

Solitamente sono composti da farina, uova, burro, latte, zucchero e lievito o bicarbonato, ma per le persone che vogliono ottenere una preparazione più leggera, possono essere realizzati omettendo l’aggiunta delle uova.

Per chi preferisce evitare le uova, può essere utilizzato l’olio di semi in sostituzione. In fondo i pancake sono nati così già nel 500 a.C. quando i greci li preparavano usando farina, acqua e olio e li cuocevano in un recipiente di terracotta addolcendoli con il miele.

Il gusto dei pancake senza uova infatti non ha nulla da invidiare ai pancake convenzionali. Per mantenerli soffici più a lungo il consiglio è quello di coprirli con un coperchio dopo la cottura; mentre se volete dare maggiore sapore alla pastella potete utilizzare l'olio d'oliva al posto dell'olio di semi e aggiungere alla farina 00 anche un cucchiaio di cannella o l'essenza di vaniglia.

In questa pagina troverete la ricetta per preparare dei pancake senza uova, comunque soffici e golosi da arricchire con la golosissima Ricotta Santa Lucia Galbani in crema.


Facile
4
30 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 200 ml di latte
  2. 4 cucchiai d’olio di semi
  3. 1 fialetta di aroma alla vaniglia
  4. 200 g di farina
  5. 50 g di zucchero
  6. 2 cucchiaini di lievito per dolci
  7. 125 g di lamponi
  8. 125 g di mirtilli neri
  9. 50 g di Burro Santa Lucia Galbani
  10. 1 confezione di Ricotta Santa Lucia Galbani
  11. sciroppo d’acero

Preparazione

Quella dei pancake è una ricetta semplice e veloce: seguite il procedimento e gustate i vostri buonissimi pancake nella versione senza uova!

01
Per preparare i pancake senza uova prendete una ciotola piuttosto capiente e versatevi la farina setacciata, lo zucchero, il lievito e mescolate con cura.
02
Aggiungete poco alla volta il latte e poi l’olio di semi ed amalgamate bene il tutto in modo che la pastella ottenuta risulti omogenea; aggiungete infine la fialetta di vaniglia, coprite la ciotola con della pellicola trasparente e fate riposare in frigorifero per qualche minuto.
03
Scaldate una padella a fuoco medio, ungetela con un velo di Burro Santa Lucia e versate al centro un mestolo del composto dei pancake; lasciate che ogni mestolo di pastella si espanda da solo e appena sarà dorato, capovolgetelo e terminate la cottura.
04
Procedete così per la preparazione dei restanti pancake.
05
Lavate ed asciugate i lamponi ed i mirtilli, spalmate uno strato di Ricotta Santa Lucia sui pancake, guarnite con lamponi e mirtilli e decorate con lo sciroppo d’acero.
06
Servite caldi i vostri morbidi pancake senza uova.

Varianti

Oltre a questa versione dei pancake senza uova, potete realizzare, in alternativa, varianti altrettanto semplici: i vostri pancake saranno comunque buonissimi.

Oltre alle ricette senza uova, infatti, si possono realizzare ricette vegetariane sostituendo alcuni ingredienti con altri: una variante dei pancake è quella senza burro e che prevede l'utilizzo di latte di soia e di olio di mais; assolutamente da provare!

Un piatto molto goloso e particolare è quello dei pancake con banana e zenzero: iniziate sbucciando 2 banane e schiacciandole con una forchetta. Aggiungete un pizzico di zenzero, l'olio, lo zucchero e la farina. Mescolate tutto e aggiungete l'acqua o il latte. Cuocete seguendo sempre lo stesso procedimento.

Se volete fare felici i vostri bambini*, vi suggeriamo di aggiungere all'impasto dei vostri pancake anche del cacao in polvere: servite poi con le creme che preferite e con una spolverata di zucchero a velo, una vera delizia!

*sopra i 3 anni

Curiosità

Quando si pensa ai pancake vengono subito in mente gli States e lo sciroppo d'acero. Queste frittelle americane che spopolano tanto durante i brunch hanno in realtà origini più antiche.

Nell'antica Roma c'era già qualcosa di molto simile ai pancake: si chiamavano "alita dolcia", delle frittelle realizzate con latte, farina, uova, miele e spezie ed erano vendute nelle piazze. Tornando ancora più indietro nei secoli, in Grecia le "tagenias" rappresentavano una rudimentale versione dei pancake, preparati in questo caso con farina, olio d'oliva, miele, latte cagliato.

I pancake sono così amati che è nata addirittura una gara, la Pancake Race: i partecipanti devono correre tenendo in mano una padella con le frittelle. Questa simpatica gara ebbe origine un Martedì grasso del 1445 in una cittadina dell'Inghilterra, Olney, quando una donna arrivò di corsa in una chiesa, portando con sé una padella con dentro pancake appena cotti. Da quel momento in poi, ogni anno, si svolge questa competizione diventata ormai internazionale.

Nel Regno Unito, inoltre, si celebra anche il "pancake day": ogni Martedì grasso, prima dei 40 giorni di digiuno della Quaresima, si preparano i pancake, la cui preparazione con lo zucchero e lo uova consente quindi di eliminare dalla dispensa quegli ingredienti che indurrebbero alla tentazione.