I dolci Spagnoli

Galbani
Galbani
I dolci Spagnoli
I dolci spagnoli rappresentano una piacevole e deliziosa esperienza culinaria da provare prima o poi nella propria cucina per avventurarsi in una vera e propria scoperta dei dolci tipici della penisola iberica. Se non potete andare a Madrid per assaporare le delizie locali, potreste sperimentare le ricette di seguito elencate senza perdervi il gusto di un dolce spagnolo.

C’è una vasta scelta di dolci che raccontano i sapori della pasticceria iberica. Dalla rinomata crema catalana al soffice Pan di Spagna che pare sia nato a Madrid dall’idea di un pasticcere genovese, le ricette in cui cimentarsi sono invitanti e facili da ripetere. Ogniqualvolta vorrete concedervi una pausa dolce a casa vostra.
Le specialità percorrono diversi secoli della gastronomia locale e coinvolgono abitudini tipiche del popolo iberico, anche di umile origine. Ci sono dolci per le festività e altri che si adattano alle occasioni più disimpegnate ma pur sempre memorabili per chi vi partecipa. Come una pausa caffè o per concludere il pasto con un dolce all’altezza del vostro palato.

Crema catalana

Crema catalana Un dolce inconfondibile noto quanto altri piatti come la paella e le tapas dolci, è la crema catalana. Immancabile in un menu che voglia dirsi spagnolo, deve il nome alla sua patria di origine, la Catalogna.

Si tratta di un dolce simile alla crema pasticcera nostrana ma dal gusto più marcato. È facile da preparare, ci vogliono chiare di uovo, latte, maizena (amido di mais), scorza di limone, cannella e zucchero. Lo strato superiore di zucchero viene caramellato per assumere un sapore gustoso e amarognolo che è in contrasto con la crema. Le chiare di uovo vanno sbattute incorporando gradualmente gli altri ingredienti e versando il tutto in un recipiente dove potrete riscaldare il composto a fuoco lento finché otterrete una media densità. Una volta raffreddata la crema catalana si guarnisce con lo zucchero caramellato.Ricordatevi che la crema va fatta riposare in frigo in terrine fino al momento di servirla.

Pan di Spagna

Pan di Spagna Un dolce semplice e soffice è il Pan di Spagna, il re delle torte e delle feste, soprattutto quelle di compleanno. Questa torta ha una forma tipica che mette in scena tutta la sua maestosità grazie al diametro spesso che si ottiene con la lievitazione e può essere farcito a proprio gusto. Si adatta a qualsiasi genere di abbinamento: creme, panna o cioccolato, e decorazioni di ogni sorta, da quelle più tipiche a quelle più colorate e festose destinate ai bambini*.

Gli ingredienti che hanno fatto conquistare a questo dolce la sua supremazia nella pasticceria di tutto il mondo sono:

6 uova,
160 g di zucchero semolato,
200 g di farina 00,
1 bustina di vanillina,
un pizzico di sale.

Il procedimento consiste nell’amalgamare bene gli ingredienti aiutandosi con fruste elettriche, soprattutto nella fase in cui dovrete montare a neve gli albumi. Potrete così ottenere quella consistenza e l’effetto spugnoso caratteristico di questa torta. Versate il composto in una teglia da 20 cm per la cottura in forno preriscaldato alla temperatura di 180 gradi.
Utilizzate la carta da forno per la teglia; infornate per una mezz'ora abbondante e assicuratevi della sua cottura con uno stecchino (una volta infilzato il Pan di Spagna, per sapere se è cotto, dovrà risultare asciutto).

Un’alternativa al procedimento manuale è quello della vostra planetaria.
Un Pan di Spagna morbido viene fatto riposare per 24 ore a temperatura ambiente per essere poi farcito a vostra preferenza.

Il Pan di Spagna si presta a ogni circostanza, anche se la sua inclinazione è di essere, da sempre, il re delle feste di compleanno.

Curiosità: un abbinamento audace è quello del Pan di Spagna con la menta. In particolare si adopera lo sciroppo di menta che viene unito al resto degli ingredienti del Pan di Spagna che già conoscete. Si avrà una torta che si combina bene con il cioccolato. Si completa così la farcitura, con o senza praline.

*sopra i 3 anni

Dulce de Leche

Dulce de Leche La curiosità di questo dolce trae origine dal fatto che la sua comparsa a tavola pare sia avvenuta a causa della smemoratezza fortuita di una cuoca argentina che ha lasciato riposare il latte bollente sul fuoco insieme allo zucchero dando vita appunto al dulce de leche.

Il dulce de leche, che vuol dire dolce al latte, somiglia alle tipiche salse che accompagnano torte, biscotti friabili e gelati. Si adopera come guarnizione per la colazione o la merenda anche dei più piccoli*.
Il procedimento consiste nello scaldare in un pentolino il latte con lo zucchero. In precedenza avrete preparato le bacche di vaniglia da cui avrete rimosso i semi ripulendoli. I bastoncini di vaniglia vanno uniti al latte fino a far raggiungere il bollore di quest’ultimo. Si cuoce la salsa a fuoco medio facendola scurire e diventare consistente.

*sopra i 3 anni

Tapas dolci

Tapas dolci Siete amanti del finger food, l’abitudine di mangiare letteralmente per strada che ha conquistato grandi e piccoli* sia nei mesi freddi sia nella stagione calda quando ci si scopre a mangiare appunto passeggiando? Allora non potreste rinunciare a provare le tapas dolci.
Tra i piatti spagnoli questi dolci sono entrati a far parte di abitudini e stili di vita della gente. Contraddistinguono aperitivi e stuzzichini consumati fuori pasto.
In origine le tapas erano infatti “spuntini” lontano dai pasti principali dei pastori nomadi che portavano con sé qualcosa di cui nutrirsi e da mangiare durante la stagione fredda.

Le tapas dolci fritte sono formate da un impasto di farina, zucchero e acqua, che solitamente viene fatto friggere per pochi minuti. Questa frittella immersa in una padella di olio bollente viene spesso accompagnata da cioccolata calda. Per fare le tapas dolci ci si può aiutare con una siringa per ottenere strisce da 10/15 cm utilizzando la bocchetta a stella. In alternativa l’impasto va filato e steso facendo delle strisce. Friggetele in una pentola con olio di semi abbondante e una volta messe su un foglio di carta assorbente potete cospargerle con zucchero a velo.

*sopra i 3 anni

Churros

Churros Altra prelibatezza da finger food sono i churros, dolci tipici spagnoli friabili e di cui è possibile preparare una versione al forno. Si prestano a periodi allegri dell’anno come il Carnevale.

I churros sono dolci semplici a base di farina, acqua, uova, zucchero e burro. Con l’aggiunta di un pizzico di sale, soddisfano i palati più esigenti accompagnandosi a dolcetti e biscotti oppure a una buona cioccolata calda.
Il composto di farina, acqua e zucchero va amalgamato a fuoco lento e l’operazione può essere completata trasferendolo in una planetaria. Gradualmente si aggiungono le uova finché otterrete un impasto lucido e pronto per la frittura.
Per questa fase finale usate una padella dai bordi alti e versate i churros dalla forma di bastoncini quando l’olio è molto caldo. Li potrete cospargere di zucchero a velo o cannella.
Per la versione da forno consigliamo l’uso di un foglio di carta da forno su cui disporre i bastoncini.

Torte, ciambelle e la torta dei Re Magi

Torte, ciambelle e la torta dei Re Magi I dolci spagnoli alla frutta più frequenti sono quelli alle mele: crostate, ciambelle e Pan di Spagna vengono impreziositi da questo frutto cui si aggiunge il gusto di liquori come il Calvados o altri distillati della penisola iberica.

Tuttavia una delle torte più famose e misteriose è la Torta dei Re Magi, una ciambella tipica del giorno dell’Epifania. È decorata con frutta secca e canditi, all’interno contiene una sorpresa nell’impasto che dovrebbe essere di buon augurio per chi la mangia. Un’altra buona torta di arancia e mandorle frequente nella pasticceria spagnola invece prevede che cuociate le arance in una pentola di acqua bollente insieme alla buccia che andrete a tritare e unire a 6 uova, 250 g di mandorle e 200 g di zucchero. Poi infornate per un’ora.

Ibiza ci suggerisce un'ulteriore ricetta di un dolce tipico come la crostata. Si tratta del Flaò de Ibiza che esalta un abbinamento dal sapore pasquale come quello della ricotta di capra con la pasta frolla.
Per una preparazione più veloce potrete comprare la base di pasta frolla già pronta così, potrete dedicarepiù tempo al ripieno.
Per questo incorporate 400 g di ricotta di capra, 2 uova, 3 tuorli, 100 g di zucchero e una scorza di arancia. Disponete il ripieno sulla base e fate cuocere per un’ora circa.