Prodotti invernali

Galbani
Galbani
Prodotti invernali
Nonostante il freddo della stagione invernale, la natura riesce a riscaldarci con i suoi colori e con la sua bellezza: pensiamo al verde dei broccoli e della verza, all’arancione della zucca e delle carote, ai colori degli agrumi. E poi è così bello creare le zuppe con i legumi (come i fagioli e le immancabili lenticchie di capodanno), magari aggiungendo i cereali o il riso. Per non parlare di quel buon profumino di torta di mele che riscalda tutta la casa! Insomma, gli amanti del caldo potranno consolarsi con dei piatti gustosi, preparati con i prodotti invernali.

Con questo articolo vi diremo quali tipi di frutta e verdura appartengono a questi mesi inverali e vi diremo anche come usarli in cucina. Così avrete la certezza che le vostre pietanze siano saporite, anche quando non vorrete usare troppi condimenti per le vostre ricette.
Iniziamo.

Dicembre, benvenuto inverno

Dicembre Diciamoci la verità, tutto sommato il mese di dicembre scorre velocemente, grazie ai preparativi per il Natale e quelli per l’anno nuovo.

Ma è proprio in questo mese che i prodotti invernali vengono utilizzati con amore ed entusiasmo per preparare delle portate da mangiare durante i giorni di festa.
Vediamo quindi quali sono questi prodotti.
Per quanto riguarda l’orto, potremo riempire il nostro carrello della spesa con: broccoli, carote, barbabietola rossa, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, carciofi, sedano rapa, sedano, funghi, zucca, ravanelli, radicchio, indivia, finocchi, spinaci, cavolo cappuccio rosso, cavolo nero e porri.
Dal banco frutta potremo scegliere: arance, mandarini, kiwi, melagrana, cachi, mele, pere, pompelmi e limoni. Immancabile sulle nostre tavole in questo periodo la frutta secca, come mandorle e noci.

Vediamo insieme come preparare alcuni di questi ortaggi.
I broccoli sono dei validi alleati in cucina, anche per chi non ha molto tempo per cucinare. Si puliscono facilmente e non hanno bisogno di molto tempo per la cottura. Una volta sbollentati per qualche minuto sono pronti per essere usati per la preparazione di primi piatti, come le gustose orecchiette con i broccoli, saltati in padella come contorno semplice, oppure gratinati in forno, per una pietanza più golosa che può diventare un secondo piatto.
Basta poi aggiungere un goccio di olio, un po’ di formaggio grattugiato, una veloce lavorazione con il frullatore ed ecco che otteniamo una crema da spalmare su bruschette e tartine. Gli abbinamenti migliori con i broccoli? Con il peperoncino, le acciughe, le olive nere, la pancetta, il prosciutto cotto e quello crudo. Inoltre, si accompagna molto bene anche con diversi tipi di formaggio. Durante le fredde giornate invernali tuffateli pure in un pentolone con altre verdure e delle erbe aromatiche (come l’immancabile prezzemolo), così da avere un caldo minestrone.

Il cavolfiore è un altro tipo di cavolo tipico di questo mese. Anche in questo caso abbiamo un ortaggio molto veloce da pulire e preparare, che può essere gustato in insalata, all’interno di torte salate, nelle minestre, con la pasta.
Se siete alla ricerca di qualche ricetta sfiziosa da proporre anche ai bambini*, in modo che non facciano i capricci quando gli proporrete questi alimenti, provate a preparare delle frittelle di cavolfiore, un secondo piatto goloso, arricchito dal Galbanino. Anche le polpette di cavolfiore non sono meno stuzzicanti e saporite, e potrete portarle in tavola tra gli antipasti o come seconda portata.
Insomma, c’è tutto un mondo da scoprire con questo ingrediente. Volete ancora un altro consiglio? Provate a cucinare una vellutata, un primo piatto diverso dal solito e raffinato e cremoso.

Il cavolo nero viene utilizzato soprattutto nella cucina toscana, ad esempio nella preparazione del bordatino, una minestra dalle origini antiche, composta da una base di fagioli e cavolo nero cotti con un soffritto e con la farina di mais.
Questo cavolo è costituito da lunghe foglie di un bel verde scuro (quasi nero, appunto) croccanti e corrugate, mentre la costa è dura. Il suo periodo va da dicembre a marzo. Per pulirli occorre impugnare il gambo con le mani. Una resta ferma, in modo da tener fermo il fusto, mentre l’altra scivola lungo il gambo, potando con sé la foglia.
Le foglie, dopo essere state lavate accuratamente, vanno spezzettate e sbollentate per circa 5 minuti; oppure possono essere cotte al vapore. Una volta pronte potrete ripassarle in padella, con aglio e peperoncino o, anche in questo caso, creare delle polpette. Potreste anche provare l’accoppiata polenta con cavolo nero; oppure abbinarlo alla polpa della zucca, per cucinare una gustosa zuppa.

Per la zuppa di cavolo nero e zucca vi servono: 200 g di zucca; 2 patate; 10 foglie di cavolo nero; 1 cipolla bionda; 1 spicchio di aglio; qualche foglia di salvia; 1 rametto di rosmarino; brodo vegetale; sale e pepe.
Cominciate lavando e pulendo tutti gli ingredienti. Quindi pelate la cipolla e tagliatela a fettine molto sottili.
Fate rosolare per qualche minuto il rosmarino, la salvia e l’aglio in una padella con l’olio.
Eliminate le foglie di salvia e il rosmarino e aggiungete la cipolla. Lasciatela sfumare dolcemente e aggiungete la zucca tagliata a dadini e anche le patate ridotte in piccoli tocchetti. Aggiungete il brodo vegetale, tanto quanto basta per coprire gli ingredienti, e lasciate cuocere per una quindicina di minuti. Salate e pepate e aggiungete il cavolo nero, dopo aver spezzettato le foglie con le mani. Cuocete per altri 15 minuti e servite caldo. Se preferite potete anche lavorarlo con un frullatore a immersione, così da ottenere una consistenza più cremosa.

Del sedano rapa , a differenza delle altre tipologie, si utilizza la radice.
Prima di essere utilizzate in qualche ricetta le rape vanno accuratamente spazzolate e lavate. Occorre poi pelarle con un coltello.
Potete scegliere di cuocerle in padella, con un filo di olio extravergine d’oliva per una quindicina di minuti o fin quando non diventano morbide; oppure di sbollentarle. Una volta ammorbidite potrete utilizzarle per realizzare anche dei gustosi secondi piatti, come le cotolette.
Per preparare le cotolette di sedano rapa dovete tagliare questa radice a fette, dopo averla pulita come vi abbiamo già detto. Sbollentate quindi per qualche minuto, e poi scolate le fette del sedano rapa.
Ripassatele prima nell’uovo battuto e poi nel pangrattato. Friggete le cotolette di sedano rapa in abbondante olio bollente, fin quando l’esterno non sarà diventato dorato.

*sopra i 3 anni

Gennaio

Gennaio Con l’anno nuovo nelle nostre cucine possono comparire anche nuovi prodotti ortofrutticoli: le bietole, la cicoria, la catalogna, indivia belga e riccia. Per quanto riguarda la frutta, vanno ad aggiungersi cachi e mandarancio. Insomma, in questo mese la nostra alimentazione diventa ancora più ricca di nuovi cibi da poter mangiare e nuove ricette da sperimentare.

Le bietole sono delle verdure molto versatili, che potrete usare in cucina per le più svariate ricette.
La pulizia non è complicata: occorre eliminare le foglie più esterne e quelle più rovinate. Tagliare la base e passare alla pulizia dei gambi, eliminando le parti più dure con un coltellino. Il gambo va poi tagliato in lunghezza, ottenendo dei pezzetti stretti e lunghi. Passate quindi al lavaggio accurato dei gambi e delle foglie. Potrete poi cuocere gambi e foglie insieme, in abbondante acqua salata per 5 minuti. Prima di scolare, controllate che i gambi siano teneri, altrimenti cercate di prelevare solo le foglie. Scolate il tutto per bene e utilizzate la bietola nella preparazione che preferite. Volete qualche idea?

Che ne pensate di uno sformato di bietole, un piatto unico, corposo e gustoso, oppure di realizzare delle lasagne di bietole? Per realizzare delle lasagne alla bietola con salame gli ingredienti per 4 persone sono: 1 kg di bietole; 800 g di sfoglie di lasagna; 350 g di salame; 1 l di besciamella.
Sbollentate gli ortaggi, preparate la besciamella e cuocete le sfoglie di pasta all’uovo come riportato sulla confezione. Imburrate una teglia da forno, aggiungete un po’ di besciamella, poi uno strato di pasta, uno di verdura e uno di salame. Continuate così fino al termine degli ingredienti, e concludete con una generosa spolverizzata di formaggio grattugiato.
Lo sapete che le bietole si sposano bene anche con alcuni tipi di pesce e altri sapori del mare? Ad esempio con le seppie , con cui potrete preparare una gustosa zuppa, dal procedimento semplice.
Fate rosolare la cipolla in una padella con l’olio, aggiungete gli anelli di seppia e lasciateli ammorbidire. Aggiungete le bietole e lasciate cuocere per una quindicina di minuti. Ecco fatto, aggiungete un po’ di sale e di pepe e il piatto è pronto.

La catalogna è una varietà di cicoria di cui si mangiano principalmente le foglie, ma possono essere utilizzati anche i gambi, che possono essere mangiati crudi, magari nelle insalate, oppure cotti al vapore, sbollentati e in padella. Una volta cotti possono essere poi saltati in padella con aglio e peperoncino, e conditi con un filo di olio e un po’ di succo di limone, rappresentando un buon contorno per carne e pesce, o un ottimo ingrediente per farcire le torte salate.

Abbiamo visto come utilizzare gli ortaggi dell’inverno, valorizzando i sapori con diverse ricette. Passiamo adesso alla frutta.

...e con la frutta dell’inverno?

Dolci con frutta invernale Mele, pere, agrumi, kiwi, cachi e altri frutti. Come possiamo impiegarli? Semplice: in dolci da mangiare per dessert oppure a colazione. E poi ci sono i frullati, le spremute e i centrifugati (magari combinando frutta e verdura) da poter bere al mattino al posto del latte.

I più temerari potranno anche preparare dei gelati!
E cosa c’è di meglio del buon profumo di una torta di mele e yogurt che si diffonde per la casa?
Potreste anche preparare una marmellata di pere e zenzero da poter consumare a colazione su delle fette di pane tostato, oppure usarla per farcire una crostata. Per un dessert di stagione, da assaporare alla fine di un pranzo in famiglia, che ne dite di un buon semifreddo ai cachi?
Queste sono solo alcune delle preparazioni che potrete ottenere con la frutta di stagione, con un po’ di fantasia riuscirete a ottenere infiniti altri dolci.

Bene, ora che vi abbiamo dato dei preziosi consigli sulle ricette da poter realizzare quando le giornate si fanno più fredde, sapete cosa aggiungere al vostro carrello della spesa. E il vostro piatto preferito dell’inverno qual è?