Come fare il riso pilaf

Galbani
Galbani
Come fare il riso pilaf
Oggi parliamo di come cucinare il riso pilaf, un metodo di cottura facile che consiste nel tostare il riso in un soffritto, ricoprirlo di brodo e lasciarlo cuocere con un coperchio per ottenere un piatto molto saporito e profumato. Esistono due metodi di cottura del riso pilaf: al forno o in pentola e oggi li conosceremo entrambi. Vedremo inoltre come preparare il riso pilaf al microonde per gli amanti della cucina veloce, come prepararlo accompagnandolo con gustose e croccanti verdure, come fare la ricetta del riso pilaf albanese e vi daremo consigli sugli abbinamenti più adatti a questa preparazione.

Come fare il riso pilaf

Come fare il riso pilafPilaf è una parola di origine turca che indica il particolare tipo di cottura con cui si può cuocere il riso o altri cereali come orzo e frumento.

Questo tipo di preparazione arriva dalla cucina mediorientale e accompagna in genere piatti di carne o verdura e, in alcuni casi, viene servito anche con la frutta. Cotto con acqua o brodo, e con gli aromi più vari, è un modo di cuocere il riso adatto a renderlo particolarmente aromatico e ad assorbire i sapori degli altri ingredienti.

Il riso pilaf è buonissimo quando accompagna la carne di agnello o montone, si abbina molto bene ai formaggi, ai contorni di verdure e agli ortaggi, ed è adatto anche ad un abbinamento con i funghi.

Il riso pilaf si prepara anche in versione dolce, la ricetta lo chiama pilaf Ararat, una preparazione che lo unisce al sapore della frutta secca, delle mele e del Cognac.

Il riso pilaf, a differenza di quello bollito in cui l’amido viene disperso nell’acqua, si prepara tostando il riso in un soffritto e coprendolo, a tostatura completata, con un liquido fino al suo completo assorbimento. Una volta cotto, i chicchi del riso risulteranno ben sgranati e molto saporiti.

Vi suggeriamo le dosi di preparazione che corrispondono a 200 ml di liquido per 100 g di riso, quindi se dovete preparare un pranzo per la famiglia, calcolate prima le porzioni e calcolate anche la casseruola dalle giuste dimensioni perché il riso in cottura aumenterà di volume. Tra le tipologie di riso più consigliate per questa preparazione c’è il riso parboiled che tiene meglio la cottura ed è indicato se preparate il riso pilaf in anticipo.

Per cuocere il riso pilaf che sarò poi la base per le vostre ricette vi serviranno: 400 g di riso; 50 g di burro; 800 ml di brodo vegetale; 1 scalogno. Ed ecco il procedimento:

Mettete lo scalogno affettato finemente in un tegame, fatelo ammorbidire a fiamma moderata con il burro, quindi aggiungete il riso. Fatelo tostare mescolando con un cucchiaio di legno per 3 minuti circa fino a quando avrà raggiunto un colore ambrato, quasi trasparente e copritelo con il brodo caldo. Portate a bollore, poi coprite il tegame con un coperchio, abbassate la fiamma e lasciate cuocere per circa 10 minuti, o fino a quando il riso avrà assorbito tutto il liquido. Spegnete e fate riposare per circa 10 minuti. Sgranate il riso con una forchetta e utilizzate il riso per le vostre ricette di secondi primi o piatti unici da portare in tavola.

Per una preparazione più intrigante, potete aggiungete al brodo o all’acqua di cottura le spezie che preferite. Il riso pilaf si abbina molto bene a curcuma e curry. Il risultato sarà un riso dal sapore e da colore intensi.

Come fare il riso pilaf al microonde

Come fare il riso pilaf al microonde Pochi minuti e porterete in tavola un riso pilaf a regola d’arte. Come? Con il forno a microonde. Se siete amanti di questo elettrodomestico, non potete non provare anche a cuocervi il riso pilaf, da accompagnare a secondi piatti di carne o pesce o per preparare sfiziosi antipasti vegetariani.

Vi serviranno: 300 g di riso; 500 ml di brodo vegetale o di pollo; 1 cipolla; olio extravergine d’oliva.

Sciacquate il riso sotto l’acqua corrente per fargli perdere l’amido; in una padella, preparate un soffritto con la cipolla affettata sottilmente e 4 cucchiai di olio. Fate appassire lo scalogno tritato sottilmente, versate il riso e mescolate bene. Trasferite il riso in un contenitore con coperchio per microonde; versate il brodo bollente, coprite con il coperchio e mettete nel microonde per 9 minuti. Prendete il riso, sgranatelo con i rebbi di una forchetta e dedicatevi alla preparazione della ricetta scelta. Saranno buonissimi degli involtini di verza, accompagnati con il riso e conditi con salse a piacere.

Come fare il riso pilaf al forno

Come fare il riso pilaf al forno Per prima cosa, se volete preparare il riso pilaf al forno, dovrete dotarvi di una pirofila adatta anche ai fornelli. Vi serviranno: 1 cipolla; 350 g di riso; 30 g di burro; 350 ml di brodo vegetale.

Affettate finemente la cipolla e mettetela in una pirofila da forno. Aggiungete il burro e fatelo soffriggere per qualche minuto a fuoco medio. A questo punto, aggiungete il riso e fatelo tostare per circa 4 minuti, mescolando con un cucchiaio di legno. I chicchi devono risultare traslucidi e separati tra loro. Coprite il riso con il brodo caldo, mescolate, alzate la fiamma e portate a bollore, senza mescolare. Una volta raggiunto il bollore, coprite con il coperchio adatto e trasferite la pirofila in forno preriscaldato a 200° e proseguite la cottura del riso per altri 18 minuti circa.

Trascorso questo tempo, prendete la pirofila e verificate che il riso abbia assorbito il liquido di cottura. Dovrà risultare asciutto e i chicchi ben staccati tra loro. A questo punto, potete distribuire sulla superficie qualche fiocchetto di burro e cominciare a sgranare i chicchi con una forchetta per far sì che il burro si assorba completamente.

Come il riso Basmati, anche il riso Pilaf si abbina molto bene al gusto del pollo al curry ed è l’ideale per servire in tavola un piatto che profuma di oriente davvero saporito.

Il pollo al curry è un piatto della cucina etnica e che arriva dall’India, è molto semplice da preparare e l’accompagnamento del riso pilaf gli darà ancor più corposità.

Vi serviranno: 1 petto di pollo; 300 g di riso; 500 ml di brodo di pollo; 80 g di burro; 1 vasetto di yogurt intero; 2 patate medie; 2 cipolle bianche; 1 mela; 2 spicchi d’aglio; olio extravergine d’oliva; sale.

Tagliate la carne a tocchetti e massaggiatela con un composto di 2 cucchiai di curry e 1 cucchiaino di sale. Mettetela in una ciotola e mescolatela con lo yogurt. Lasciate riposare per un paio d’ore.

In una casseruola fate soffriggere le cipolle affettate sottilmente e l’aglio schiacciato, aggiungete il curry rimasto e mescolate con un cucchiaio di legno. Mettete anche il pollo in casseruola e fate rosolare per 10 minuti. Unite anche lo yogurt e la mela a pezzetti e continuate la cottura per altri 20 minuti a fuoco basso.

Nel frattempo preparate il riso pilaf e servitelo con il pollo. Per aromatizzare di più il pollo, potete aggiungere anche 2 chiodi di garofano e un pizzico di cannella.

Come fare il riso pilaf con le verdure

Come fare il riso pilaf con le verdure Il riso pilaf è una preparazione molto versatile e buonissima da servire con una ratatouille o un buon piatto di verdure al forno.

Vi serviranno: 4 carote piccole; 5-6 cime di cavolfiore cotte al vapore; 2 patate; 2 finocchi; 250 g di zucca a tocchetti; 10 pomodorini; 2 porri tagliati sottili; 2 peperoni (uno giallo e uno rosso); 3-4 cime di broccoli al vapore; 1 cespo di radicchio; origano; timo; rosmarino; 1 spicchio d’aglio; sale; pangrattato.

Per prima cosa, preparate le verdure: sbucciate e tagliate a rondelle le patate, scottatele in acqua bollente salata, scolatele e mettetele da parte; tagliate a metà i peperoni, privateli dei semi e dei filamenti e tagliateli a tocchetti; tagliate a pezzi i finocchi, e tagliate le carote a rondelle non troppo sottili. Unite tutte le verdure e gli ortaggi in una teglia rivestita di carta da forno precedentemente bagnata e strizzata, cospargetela con il pangrattato mescolato al trito di erbe aromatiche. Aggiungete il sale in fiocchi e cuocete in forno a 180° per 25-30 minuti avendo cura di passare alla funzione grill per gli ultimi 5 minuti. Il profumo irresistibile delle verdure si legherà all’aroma del riso e porterete in tavola un piatto da gustare lentamente.

Come fare il riso pilaf albanese

Come fare il riso pilaf albanese La cucina albanese utilizza molto le carni di vitello, di agnello e di maiale e impiega il riso pilaf proprio per una delle tante ricette a base di carne che sono il fiore all’occhiello di una gastronomia piena di sapori speziati e aromatici.

Stiamo parlando del Tasquebap che si prepara con i seguenti ingredienti: 300 g di carne di vitello; 300 g di costolette di agnello; farina; 2 scalogni; 1 bicchiere di vino bianco; 120 ml di polpa di pomodoro; 2 foglie di alloro; 2 peperoncini freschi; olio extravergine d’oliva; 2 spicchi d’aglio; sale e pepe nero.

Tagliate il vitello a pezzi e fatelo rosolare in una padella capiente insieme alle costolette di agnello, gli scalogni affettati sottilmente e 5 cucchiai di olio. Spolverizzate la carne con un po’ di farina e continuate a rosolare. Bagnate con il vino, lasciate evaporare e aggiungete la polpa di pomodoro, l’alloro, l’aglio schiacciato, il peperoncino tagliato a rondelle, il sale e un mestolo di acqua calda.

Lasciate cuocere questo delizioso spezzatino per 1 ora circa e, se il liquido di cottura si asciuga troppo, aggiungete altra acqua o brodo.

Mentre preparate la carne, cuocete il riso, in forno o in pentola, a voi la scelta e sistematelo in uno stampo per budini. Una volta che è diventato compatto, sformatelo su un piatto da portata, copritelo con la carne e servite il vostro piatto albanese ancora fumante.

Potete aggiungere anche patate e carote per arricchire lo spezzatino di gusto e corposità e visto che abbiamo parlato della carne di agnello, anche un buon ragù si presta ad essere accompagnato da riso pilaf.

Cosa abbinare con il riso pilaf

Cosa abbinare con il riso pilaf Oltre alle verdure e alla carne, il riso pilaf si abbina anche al pesce, e allora oltre al tipico risotto ai frutti di mare, potrete legare il riso con pesce, crostacei o molluschi anche in varianti alternative. Vi proponiamo di abbinarlo ai gamberi e annotare la ricetta tra i piatti estivi da proporre agli amici.

Vi serviranno: 500 g di riso; 20 gamberi; 6 pomodori ramati; 1 cipolla bionda; olio extravergine d’oliva; un bouquet di erbe aromatiche; sale.

Preparate il riso pilaf al forno o in pentola e dedicatevi alla preparazione del condimento.

Sgusciate i gamberoni senza eliminare la frangia e la testa; conditeli con un filo d’olio, un pizzico di sale, pepe, un trito di erbe aromatiche e cuoceteli su una griglia insieme ai pomodori conditi con olio e sale. Abbiate cura di sistemarli con la parte della buccia a contatto con la griglia. Sgranate il riso preparato, sistematelo in un piatto da portata e distribuite lungo tutta la circonferenza del piatto i gamberoni, alternandoli ai pomodori. Condite con un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo e servite.

Un altro modo per gustare l’abbinamento tra il riso pilaf e i crostacei è preparare una padella di gamberoni con il gorgonzola.

Dovrete prendere 10 gamberi, pulirli e soffriggerli in padella con olio extravergine d’oliva e 1 spicchio d’aglio schiacciato; aggiungete 3 cucchiai di gorgonzola alla panna, 1 cucchiaio di senape, aggiustate di sale e pepe e cuocete per pochi minuti. Una volta che il riso pilaf è pronto, sistematelo in un piatto e adagiatevi i gamberi al gorgonzola.

E tra le tante idee, il riso pilaf si adatta perfettamente anche a un piatto della cucina orientale, il riso alla cantonese.

Vi serviranno: 250 g di piselli; 3 uova; 1 fetta di prosciutto cotto da 100 g; 1 porro; 40 ml di salsa di soia; 60 ml di olio di semi; sale.

Affettate il porro a rondelle sottili e tagliate il prosciutto a cubetti; in una ciotola, sbattete le uova salatele leggermente e mettetele da parte. Una volta che il riso è pronto, sistemate in un piatto da portata e fatelo raffreddare. Scaldate una padella antiaderente, o un wok, e aggiungete 3 cucchiai di olio di semi e le uova precedentemente sbattute e mescolatele con un cucchiaio di legno per 2 minuti, aggiustate di sale e trasferitele su un piatto.

Mettete in padella altri 3 cucchiai di olio, il porro e fate soffriggere; quindi aggiungete il prosciutto e fatelo saltare per 2 minuti. Unite i piselli e la salsa di soia, mescolate per far insaporire tutti gli ingredienti e aggiungete il riso pilaf; tostatelo a fuoco vivace quindi spegnete la fiamma e aggiungete le uova strapazzate.

Il vostro riso alla cantonese è pronto. Per una variante golosa, potete sostituire il prosciutto cotto con la salsiccia sbriciolata o aggiungere mandorle tostate e spicchi di limone.

Il riso pilaf può diventare anche il ripieno di gustose torte salate, l’ingrediente per insalate con verdure di stagione e piatti unici.