Santa LuciaPresenta

Torta diplomatica

Ricetta creata da Galbani
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

A differenza di quanto si pensi, la tortadiplomatica è un dessert di facile realizzazione, nonostante richieda tempistiche diverse per la preparazione di tutte le componenti da assemblare (a meno che non si decida di utilizzare gli impasti già pronti).

È un dolce a base di due dischi di pasta sfoglia e un morbidoPandiSpagna imbevuto di bagna al rum, alternati da una deliziosa farcia di crema diplomatica (chantilly e crema pasticcera), il tutto spolverizzato con abbondante zucchero a velo.

Nella pasticceria napoletana la torta diplomatica viene chiamata zuppetta. Può essere servita sia in monoporzioni quadrate o nello stampo della torta, ed è composta da uno strato di pasta sfoglia, Pan di Spagna e crema pasticcera arricchita da amarene sciroppate.
 

Facile
10
100 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

Per la base:
  1. 250 gr di pasta sfoglia

Per il pan di spagna:
  1. 85 gr di farina 00
  2. 150 gr di zucchero
  3. 15 gr di Burro Santa Lucia Galbani
  4. 4 uova
  5. 75 g di fecola di patate
  6. 1 bacca di vaniglia

Per la crema diplomatica:
  1. 250 ml di latte
  2. 200 ml di panna da montare
  3. 70 gr di zucchero
  4. 35 gr di farina
  5. 2 tuorli d’uovo
  6. ½ stecca di vaniglia
  7. 20 g di zucchero a velo

Per la bagna:
  1. 5 cucchiai d’acqua
  2. 3-4 cucchiai di rum
  3. 2 cucchiai di zucchero

Per decorare:
  1. zucchero a velo

Preparazione

Seguite la nostra ricetta: dosi e consigli per realizzare una torta diplomatica di grande successo. Per la preparazione della vostra torta diplomatica vi consigliamo per prima cosa di preparare il Pan di Spagna il giorno prima dell’assemblaggio finale del dolce.

01
Preriscaldate il forno statico a 180°, dopodiché separate gli albumi dai tuorli e montate questi ultimi con metà dello zucchero fino a ottenere un composto spumoso e gonfio. Lavorate anche gli albumi con il resto dello zucchero e uniteli ai tuorli.
Adesso setacciate e aggiungete la farina, la fecola, la vaniglia e il Burro Santa Lucia fuso: mescolate fino a ottenere un composto liscio e senza grumi. Versate l’impasto in una teglia rettangolare imburrata e infarinata e cuocete il Pan di Spagna per circa 40 minuti. Sfornatelo, lasciatelo raffreddare e ritagliate un rettangolo.
preparare l'impasto del Pan di Spagna il giorno prima
02
Preparate adesso la cremadiplomatica composta da crema pasticcera e crema chantilly: in una ciotola sbattete il tuorlo, lo zucchero e aggiungete la farina.
Prendete un pentolino, riscaldate il latte con la bacca di vaniglia. Dopodiché, quando il latte sarà bello caldo, tolta la bacca aggiungetelo al composto e amalgamate il tutto. Cuocetelo fino a quando la crema non si sarà addensata, quindi fatela raffreddare.
preparare la crema pasticcera con la vaniglia
03
Per la cremachantilly invece montate in una planetaria o con lo sbattitore elettrico la panna fino a quando non avrà raggiunto una consistenza corposa. Incorporate adesso lo zucchero a velo setacciato e amalgamatelo alla panna con l’aiuto di una spatola.
Unite le creme e mescolatele fino a ottenere una massa spumosa, liscia e omogenea.
unire la crema pasticcera con la crema chantilly
04
Con un mattarello stendete il rotolo di pasta sfoglia e con un coltello ricavate due strati rettangolari più corti dello strato di Pan di Spagna. Foderate una teglia con della carta da forno e cuocete la pasta sfoglia (che avrete bucherellato con una forchetta) per circa 13 minuti. A cottura raggiunta sfornatela.
lasciar raffreddare i rettangoli di Pan di Spagna
05
Nel frattempo preparate la bagna al rum per il Pan di Spagna. In un pentolino mettete acqua e zucchero: fate sciogliere e quando sarà denso, spegnete il fuoco e aggiungete il rum.
preparare la bagna al Rum
06
Assemblate adesso la vostra torta diplomatica: su un piatto adagiate uno strato di pasta sfoglia e ricopritelo con crema diplomatica lasciando un piccolo spazio dal bordo. Adesso adagiate lo strato di Pan di Spagna e bagnatelo con 2-3 cucchiai di bagna al rum. Cospargete anche questo strato di crema diplomatica. Infine, mettete il secondo e ultimo strato di sfoglia.
Spolverizzate la superficie con abbondante
zuccheroavelo e la vostra torta diplomatica è pronta. Vi consigliamo di farla riposare un paio d’ore in frigorifero prima di servirla.
assemblare la torta diplomatica e guarnire con lo zucchero a velo

Varianti

Come gran parte delle ricette, anche la torta diplomatica presenta numerosevarianti che riguardano la farcia, il Pan di Spagna e la bagna.

La crema viene arricchita molto spesso con l’aggiunta di goccedicioccolato oppure con frutti di bosco e fragole.

Per quanto riguarda la bagna, potrete sostituire il rum con il liquore che preferite come, per esempio, il limoncello o l’alchermes.

Allo sciroppo di zucchero e acqua, potrete aggiungere anche della cannella, del succo di frutta o della scorza di limone per rendere la bagna analcolica.

La bagna più adatta per torte di compleanno? Entrambe sono indicate, tuttavia, nel caso si tratti di una festa per bambini*, è preferibile quella analcolica.

Il diplomatico viene realizzato con diverse sfoglie di pasta sfoglia e con un strato di Pan di Spagna e potete prepararlo anche in una versione gluten free, impiegando la farina di riso o quella di mandorle senza glutine al posto di quella di frumento. Il gusto non cambierà.

In questo caso, dopo essere stato imbevuto con una bagna alcolica o analcolica, il Pan di Spagna dovrà essere farcito con una crema diplomatica senza glutine.

La diplomatica è una bontà che nasce dall'unione della crema pasticcera (anche questa si può realizzare con la farina di riso o l’amido di mais) e della panna montata con lo zucchero a velo (è preferibile impiegare panna fresca). Quando la crema pasticcera sarà bella fredda, si uniscono i due composti mescolando il tutto con l'ausilio di una frusta.

In alternativa al Pan di Spagna, potrete impiegare i savoiardi imbevuti nella bagna alcolica o analcolica.

* sopra i 3 anni

Curiosità

Sapete perché la tortadiplomatica si chiama così? Il suo nome deriva dal greco "diploma", letteralmente cosa raddoppiata, che indica, in questo caso, l’unione della crema chantilly a quella pasticcera per creare l’omonima crema, protagonista di questo dolce e dei dolcetti mignon chiamati, appunto, diplomatici.

Un dolce classico della pasticceriaitaliana, il diplomatico è perfetto da servire in tutte le occasioni: questo dessert è indicato per festeggiare occasioni importanti ma è possibile gustarlo in qualsiasi momento della giornata, dalla prima colazione alla merenda accompagnato da una tazza di tè o caffè, da uno spuntino in compagnia di amici o a conclusione di un pasto.

Questo dessert non va confuso con lamillefoglie: la prima è infatti una torta con Pan di Spagna e sfoglia, mentre la seconda è una specialità francese in cui tre strati di pasta sfoglia si alternano a due di crema.

La sua diffusione lo pone nell'Olimpo delle più classiche preparazioni dolciarie della nostra cucina, insieme alla torta al cioccolato, a quella della nonna o alla delicata torta al limone.

Nella ricetta tipica del Pan di Spagna non si aggiunge il lievito perché l'impasto diventa alto e soffice grazie alla presenza delle uova lavorate con lo zucchero e degli albumi montati a neve, ma per facilitare il processo potete aggiungere un cucchiaino di lievito all'occorrenza.