Santa LuciaPresenta

Risotto radicchio e speck

Ricetta creata da Galbani
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Nel nord Italia viene coltivato un prodotto speciale, il più caratteristico e famoso della campagna trevigiana: il radicchio.
Quest'ortaggio è caratterizzato da un sapore delicatamente amarognolo e da una consistenza croccante.
La sua zona di produzione si estende in vari comuni della provincia di Treviso, Padova e Venezia.
Per la sua bontà il radicchio rosso di Treviso nel 1996 ha ottenuto la denominazione IGP (indicazione geografica protetta).
Sarà proprio questo alimento, famoso protagonista della gastronomia italiana, a diventare l'ingrediente principale della ricetta che vi proponiamo in questo spazio: quella del risotto radicchio e speck.

Un primo piatto appetitoso e indimenticabile, realizzato con il radicchio di Treviso, il Burro Santa Lucia e con un ottimo speck.
Una ricetta facile da eseguire, una pietanza semplice e saporita, che si contraddistingue per il gusto molto particolare, dolce e amarognolo allo stesso tempo e che racchiude in sé profumi e sapori dell’autunno.



Facile
2
45 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 300 g di riso
  2. 200 g di radicchio trevigiano
  3. 1 cipolla grande
  4. 50 g di speck
  5. 2 l di brodo
  6. una spruzzata di vino bianco secco
  7. parmigiano grattugiato q.b.
  8. Burro Santa Lucia Galbani q.b.
  9. olio extravergine d'oliva q.b.

Preparazione

Per realizzare il risotto radicchio e speck dovete prima di tutto mondare, lavare e tagliare finemente la cipolla.
Dopodiché mettete in una casseruola l'olio extravergine d'oliva e la cipolla precedentemente tagliata.
Quindi fate appassire il tutto a fuoco dolce.

Una volta che la cipolla sarà appassita unite lo speck tagliato a listarelle e il radicchio di Treviso precedentemente mondato, lavato e tagliato grossolanamente.
A questo punto fate soffriggere il tutto fino ad ottenere una crema. Una volta ottenuta la crema, uniteci il riso e lasciatelo insaporire rimestandolo continuamente.
Quindi, aggiungete il vino bianco e fatelo evaporare. Dunque, irrorate la pietanza, a poco a poco con il brodo bollente, sempre mescolando.
Una volta che il vostro risotto radicchio e speck sarà cotto, unite alla pietanza un tocco di Burro Santa Lucia e il parmigiano grattugiato. Mescolate il tutto e servite.

Curiosità

Ecco qui qualche piccolo segreto per rendere il vostro risotto cremoso al punto giusto.

Utilizzate la tipologia di riso Carnaroli o Vialone Nano. Il primo appartiene alla categoria superfino dal punto di vista della granulometria del chicco, il secondo a quella dei semifini. Entrambi trattengono bene gli aromi e mantengono la cottura del chicco integra anche il fase di mantecatura.

Seguite sempre la cottura indicata nella confezione del riso: tutt'al più terminate la cottura 1 minuto prima del tempo indicato e lasciate mantecare il riso a fuoco spento, con una noce di burro e del formaggio grattugiato ma con mezzo mestolo di brodo in più. Il calore della pentola permetterà un risultato finale cremoso e avvolgente.

La fase di tostatura è assolutamente necessaria per la buona riuscita del vostro risotto: questo passaggio permette trattenere gli amidi contenuti nel chicco per farli rilasciare gradualmente durante la cottura grazie al contatto con i liquidi caldi (brodo vegetale, di carne o di pesce). Tostare il riso è un passaggio fondamentale se volete ottenere un risultato cremoso. Per verificare il corretto grado di tostatura, prendete il riso tra le mani: dovrà risultare molto molto caldo.

Per questo la seconda fase fondamentale è la sfumatura del riso appena tostato; il riso assorbirà tutti gli aromi del liquido che vi entrerà a contatto soprattutto nella prima fase. Per questo, nel caso utilizziate un vino o un alcolico per sfumare, è importante che sia di buona qualità e che presenti un livello di aromaticità adeguato al piatto (piuttosto secco per risotti molto conditi, più aromatici per risotti in cui l'aroma del vino fa da protagonista).

Ultimo consiglio: per il soffritto rosolate dello scalogno al posto della cipolla per un sapore più delicato o aggiungete della pancetta a cubetti per uno sprint di gusto.

Condite il risotto come più vi piace: con funghi, asparagi, radicchio e speck o semplicemente con dello zafferano in pistilli; in ogni caso, se seguirete questi semplici consigli otterrete un risultato d'effetto per stupire i vostri ospiti!