Ravioli di borragine

Ravioli di borragine
Ravioli di borragine
Ravioli di borragine
Primi PiattiPT120MPT0MPT120M
  • 6 persone
  • Media
  • 120 minuti
Ingredienti:
Per la pasta:
  • 140 g di farina bianca
  • 60 g di farina di grano duro
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva q.b.
  • sale q.b.

Per il ripieno e il condimento:
  • 700 g di borragine
  • 250 g di Ricotta Santa Lucia Galbani
  • 120 g di pecorino fresco
  • 20 g di pinoli
  • basilico q.b.
  • prezzemolo q.b.
  • 1 scalogno
  • noce moscata q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • olio extravergine d'oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.


Galbani

Ricotta

La ricotta Santa Lucia ispira la tua creatività in cucina grazie alla sua consistenza soffice e morbida che la rende l’ingrediente ideale per tanti piatti sia dolci che salati, sia a caldo che a freddo. Scopri le curiosità
Inventatene un'altra

presentazione:

Oggi vi daremo consigli utili per una ricetta buonissima, molto particolare ma fatta di ingredienti dal gusto naturale e leggero, come la borragine e la Ricotta Santa Lucia.

Stiamo parlando dei ravioli di borragine, preziosi e gustosi scrigni di pasta fresca fatta in casa ripieni con quest'erbetta selvatica e che imparerete ad utilizzare e ad assaporare.



Preparazione:

Il sapore della borragine è molto simile a quello del cetriolo, con note di delicatezza e freschezza che vanno a braccetto nella farcitura a base di Ricotta Santa Lucia, un piatto perfetto per stupirvi con gusto, provateli!



  1. 1.Per preparare i ravioli di borragine, cominciate dalla pasta. Mettete la farina a fontana su una superficie piana, aggiungete le uova, l'olio extravergine di oliva e il sale al centro e amalgamate per bene con le mani. Quando la pasta diventa omogenea e ben compatta lasciatela riposare coperta per circa 30 minuti.
  2. 2.Nel frattempo pulite e lavate la borragine, stufatela con un filo di olio extravergine d'oliva, uno scalogno tritato, un po' di prezzemolo e un pizzico di sale. Dopo 15 minuti di cottura, scolate la borragine e strizzatela per bene. Non buttate via il fondo di cottura.
  3. 3.Tritate la borragine e, in una ciotola, amalgamatela con la Ricotta Santa Lucia, il pecorino, sale, pepe e noce moscata grattugiata.
  4. 4.Prendete la pasta dei ravioli, stendetela sottilmente e tagliatela in quadratini da 5 centimetri di lato. Mettete un cucchiaio di ripieno di Ricotta Santa Lucia e borragine su ogni quadratino e chiudeteli a triangolo, fissando per bene i bordi con una forchetta.
  5. 5.Fate bollire il fondo di cottura della borragine fino a farlo ridurre di un terzo. Aggiungete i pinoli e il parmigiano e frullate il tutto.
  6. 6.Cuocete i ravioli di borragine in abbondante acqua leggermente salata, quindi scolateli e adagiateli sulla cremina di pinoli e parmigiano, poi servite.

Varianti:

Nella ricetta usuale dei ravioli di borragine alla genovese, i ravioli sono serviti con una crema di burro e salvia. In alternativa, potete servire i ravioli ricotta e borragine in una crema di noci.

Per preparare la crema di noci, lessate in acqua bollente i gherigli e privateli della pelle; introduceteli in un mixer con pinoli e della mollica di pane ammollata nel latte e mixate gli ingredienti. Condite i ravioli con la crema di noci e prima di servirli a tavola concludete il piatto con un filo d'olio crudo ed erbe aromatiche.

I ravioli con borragine vengono conditi anche con delle creme fatte con verdure di stagione, ad esempio con una crema di carciofi, oppure con del semplice pesto alla genovese o con della salsa di pomodoro. Per coloro che amano i sapori decisi, potete immergere i ravioli in un ragù di salsiccia, variante molto gustosa e dal sapore intenso.

Nelle varianti più sfiziose, i ravioli di borragine possono essere accompagnati con dei sughi di mare fatti con gamberi, orate e sogliole, per un primo piatto dal sapore delicato e invitante.



Consigli:

Il primo consiglio che vi diamo riguarda la preparazione della pasta per i ravioli. Per ottenere un impasto più elastico ed omogeneo potete unire alla farina 00 un po' di farina di semola di grano duro.

Combinate sempre le dosi corrette di farina e acqua, in modo che l'impasto risulti ben legato ed omogeneo. Se dovesse risultare troppo molle aggiungete della farina, se al contrario lo sentite troppo duro al tatto aggiungete l'acqua per ammorbidirlo.

Utilizzate sempre l'acqua a temperatura ambiente, non troppo fredda o troppo calda; per insaporire il vostro impasto e dargli un delizioso profumo aggiungete qualche goccia di vino bianco.

Rispettate i tempi di riposo della pasta (circa mezz'ora) affinché diventi elastica e lavorabile con le mani.

Per quanto riguarda la borragine, cercate di utilizzare nella ricetta le foglie giovani della pianta, quelle più fresche, perché più tenere e migliori per la preparazione dei piatti. Eliminate sempre il gambo della verdura ed utilizzate la parte più tenera della foglia ricordando di lavarla sempre con acqua prima di cuocerla per eliminare residui di terra.

Per insaporire il ripieno potete unire anche delle bietole alla borragine. Scolate e strizzate bene le verdure per regolare l'umidità del vostro ripieno; non deve essere ne troppo umido perché altrimenti bagnerebbe la sfoglia rischiando di romperla, ne troppo asciutto perché renderebbe il raviolo sgradevole al palato.

Vi suggeriamo di non cuocere i ravioli in semplice acqua bollente, ma in un brodo vegetale, per renderli ancora più saporiti; infine mantecate a fuoco basso i ravioli con il condimento scelto per qualche minuto prima di servirli, in questo modo tutti i sapori si mescoleranno ed il vostro piatto verrà apprezzato proprio da tutti.


Curiosità:

La pasta ripiena è un piatto tipico della cucina italiana, e ogni regione ne da la propria interpretazione. Le ricette di ravioli sono tipiche della cucina regionale emiliana, dove ravioli e tortelli sono riempiti con il tipico ripieno di carne. Anche in Liguria, oltre i ravioli di borragine, sono molto diffuse altre ricette di ravioli con differenti ripieni, un esempio è la ricetta ravioli di pesce alla ligure. In questa deliziosa ricetta, al posto del ripieno di verdura, i ravioli vengono riempiti con un ripieno fatto con le più disparate varietà di pesce. Per concludere al meglio, questi ravioli vengono immersi in un sugo con cozze, che delizierà il palato degli amanti dei sapori del mare.

Non si può parlare di ravioli senza pensare alla loro variante genovese. La pasta ripiena ai funghi, infatti, è uno dei piatti tipici della cucina ligure. Una ricetta davvero semplice per un risultato irresistibile.

Dopo aver preparato il sugo ai funghi con uno spicchio d’aglio e qualche foglia di prezzemolo, stendete la sfoglia di pasta di semola di grano duro e ponete su ogni quadrato un cucchiaio di ripieno ai funghi.

Con l'aiuto di una rotella da cucina, date la tipica forma ai ravioli e cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Servite con una spolverizzata di parmigiano.

Inoltre, per una versione più cremosa della classica pasta ripiena, provate i ravioli di pasta al latte.

Piccola curiosità: la borragine cresce di solito spontaneamente, ma può essere benissimo coltivata e va utilizzata esclusivamente cotta. È una verdura molto utilizzata nel territorio ligure dove esistono diversi primi piatti con borragine; i più diffusi sono gli spaghetti con borragine e le trofie con borragine e tonno. La borragine è davvero un ingrediente semplice e versatile!


I vostri commenti alla ricetta: Ravioli di borragine

Lascia un commento

Massimo 250 battute