Come cucinare i totani

Galbani
Galbani
Come cucinare i totani
I totani sono molluschi di mare, costituiscono l’elemento portante di moltissime ricette sfiziose e possono essere gustati da soli o uniti ad altri ingredienti come calamari, gamberi, seppie, polpo, ma anche cozze, fasolari e vongole.

Oggi vedremo i tanti metodi di cottura per portare in tavola i totani, appartenenti alla famiglia dei cefalopodi e ingrediente perfetto per preparare gustosi piatti unici che si arricchiscono grazie al sapore e al profumo di questo alimento così semplice eppure così prelibato.

I metodi di cottura sono davvero tanti. È infatti possibile cucinarli ad anelli, al forno, alla piastra, ripieni, con la pasta...Scopriteli tutti con noi!

Come cucinare i ciuffi di totano

Come cucinare i ciuffi di totano Per diventare chef provetti è importante sapere come cucinare il pesce. Oggi vedremo insieme come preparare i totani. A differenza dei calamari, i totani hanno una carne un po' meno morbida, ma sono davvero buoni e si trovano alla base di ricette semplici e veloci, dall'antipasto, ai primi piatti fino ai secondi.

Buonissimi se cotti in umido, danno molte soddisfazioni al palato anche fritti o al forno oppure nei sughi di pesce per condire pasta fresca fatta in casa o pasta ripiena.

I totani sono composti da un corpo e dai tentacoli, dei ciuffi che se preparati come secondo piatto portano in tavola bontà e allegria. Ecco un consiglio per una ricetta sfiziosa.

Prendete circa 500 g di ciuffi e fateli cuocere in padella con un soffritto di aglio e cipolla in 4-5 cucchiai di olio extravergine d'oliva; fateli sfumare con 1 bicchiere di vino bianco e, una volta evaporato, aggiungete 300 g di passata di pomodoro.
L’accompagnamento perfetto per i ciuffi di totano sono i piselli che, precedentemente lessati in acqua salata, si aggiungono al sughetto per continuare la cottura con i ciuffi di totano per circa 15 minuti. Una spolverizzata di prezzemolo completerà il piatto da servire fumante, con un ottimo crostino di pane casereccio.

Con i ciuffi di totani potete preparare gustose salse con cui accompagnare anche un delizioso piatto di spaghetti al dente e sono buonissimi anche in un risotto.

Come cucinare i totani ad anelli

Come cucinare i totani ad anelli I totani ad anelli sono perfetti per realizzare un secondo veloce e gustoso. Nella cucina italiana i totani ad anelli hanno sempre avuto un grande fascino, soprattutto sui più piccoli*. Oggi vi suggeriamo una preparazione molto popolare e amata da tutti: anelli di totani e patate.

Ecco le dosi: 1 kg di anelli di totano; 200 g di polpa di pomodoro; 400 g di patate; 200 g di piselli; 1 scalogno; 2 spicchi d'aglio; ½ bicchiere di vino bianco; sale e pepe.

Mettete l’aglio tritato in padella con 4-5 cucchiai di olio extravergine d'oliva e lo scalogno affettato sottilmente; fate soffriggere per 2 minuti, quindi aggiungete i totani e fateli rosolare, mescolando con un cucchiaio di legno. Bagnate con ½ bicchiere di vino bianco, lasciate evaporare, aggiungete le patate tagliate a tocchetti e la polpa di pomodoro. Aggiustate di sale, coprite con il coperchio e lasciate cuocere per 45 minuti circa, mescolando di tanto in tanto. Una volta che i totani saranno morbidi, trasferiteli in un piatto da portata e serviteli caldi, con crostini di pane casereccio tostato.

*sopra i 3 anni

Come cucinare i totani al forno

Come cucinare i totani al forno La ricetta dei totani al forno è semplice e molto gustosa. È un secondo piatto ideale per una cena in famiglia o tra amici, accompagnato da un contorno di verdure e dall'irrinunciabile fetta di pane casereccio.

Per prepararli vi serviranno pochi e semplici ingredienti: 8 totani; 200 g di pomodorini; 1 pomodoro ramato; 1 spicchio d’aglio; 1 scalogno; 1 peperoncino; 30 g di pangrattato; 2 foglie di alloro; 1 ciuffo di prezzemolo; 1 albume d'uovo; 1 cucchiaio di olive taggiasche; vino bianco; un filo di olio extravergine d'oliva; sale e pepe.

Per prima cosa dovrete pulire i totani: privateli della pelle, del becco, degli occhi e della penna trasparente centrale. Una volta completata questa operazione, pulite la testa dalle interiora e sciacquateli bene sotto l’acqua corrente. Su un tagliere, tritate i tentacoli insieme al pomodoro, all’aglio, allo scalogno e al prezzemolo tritato, aggiungete le olive denocciolate e mescolate tutto in una ciotola amalgamando con 1 albume e il pangrattato.

Aiutandovi con un cucchiaio, riempite le sacche dei totani con il ripieno e chiudeteli con uno stuzzicadenti. Sistemateli su una teglia rivestita di carta da forno, conditeli con un filo d’olio extravergine d'oliva e aggiungete i pomodorini tagliati a metà.

Completate con le foglie di alloro e il peperoncino spezzettato. Aggiustate di sale e pepe e fate cuocere in forno a 180° per 40 minuti irrorando di tanto in tanto con un po’ di vino bianco. Coprite la teglia con un foglio di alluminio per permettere al vapore di ammorbidire i totani. Infine sfornate e servite con un contorno di patate al forno light o, se avete poco tempo, con un contorno di verdure cucinate velocemente al microonde.

Come cucinare i totani alla piastra

Come cucinare i totani alla piastra Avete acquistato i totani ma non avete voglia di lunghe preparazioni? Non temete, una volta puliti e tagliati saranno perfetti per una cottura alla piastra veloce e deliziosa.

Vi serviranno: 500 g di totani; 150 ml di olio extravergine d'oliva; 1 spicchio d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; sale e pepe.

Pulite i totani, divideteli a libro e lasciateli marinare in un intingolo preparato con l'olio, il prezzemolo tritato, l'aglio schiacciato, sale e pepe nero in grani macinato quanto basta. Lasciateli riposare nella marinatura per 1 ora circa, quindi cuoceteli su una piastra rovente. Durante la cottura continuate e spennellarli con l’emulsione e girateli spesso con una pinza affinché la doratura risulti omogenea.

Serviteli con un'insalata fresca di pomodori camone condita da foglie di basilico, olio extravergine d’oliva e sale.

Come cucinare i totani alla griglia

Come cucinare i totani alla griglia Tra le ricette di ferragosto, un barbecue a base di pesce è quello che ci vuole per festeggiare la bella stagione.

Pesci, crostacei e totani si sistemano sulla griglia e si lasciano cuocere lentamente da una brace ardente che regala al pesce un sapore davvero intenso.

Dovrete solo pulire 8 totani di medie dimensioni, immergerli per 30 minuti circa in un intingolo preparato con olio extravergine d'oliva, prezzemolo, aglio e sale e poi cuocere i totani sulla brace rovente. Rigirateli con una pinza per cuocerli uniformemente e spennellateli con la loro marinatura affinché non si attacchino alla griglia del barbecue. Potete aggiungere anche qualche calamaro e, ovviamente, tutti i prodotti di mare che più vi piacciono.

Serviteli caldi insieme a contorni di zucchine, melanzane e peperoni. Pizze e focacce tra gli antipasti e una coloratissima macedonia di frutta completeranno il menu della giornata.

Come cucinare i totani fritti

Fritti La frittura è tra i metodi di cottura che piacciono di più, specialmente ai bambini*. Oggi vi proponiamo un piatto davvero sfizioso. Arriva sulla tavola di un pranzo estivo, accompagnato da un contorno di patatine fritte e un'insalata di stagione: stiamo parlando dei totani fritti!

Vi serviranno: 2 totani grandi; 150 g di semola di grano duro; olio di semi per la frittura; sale.

Pulite i totani, tagliate il corpo ad anelli e passateli nella semola che avrete messo su una spianatoia; mescolate bene con le mani affinché la semola rivesta completamente gli anelli. In un wok, scaldate abbondante olio di semi e friggeteli per pochi minuti.
Scolateli e asciugateli bene dall'olio in eccesso su un po' di carta assorbente, salate e servite caldi. Vedrete che bontà!

*sopra i 3 anni

Come cucinare i totani in umido

Come cucinare i totani in umido I totani in umido sono facili da preparare, si arricchiscono del sapore delizioso dei fagioli e sono perfetti per una cena in famiglia.

Vi serviranno: 300 g di calamari; 300 g di totani; 200 g di fagioli precotti; 2 cucchiai di passata di pomodoro; 1 peperoncino; 1 spicchio d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo tritato; 1 bicchiere di vino bianco; sale e pepe.

Pulite calamari e totani; in una padella fate soffriggere l'aglio e il peperoncino intero in 3-4 cucchiai di olio. Aggiungete i calamari e totani precedentemente puliti e fate rosolare per un paio di minuti. Nel frattempo sciacquate i fagioli sotto l’acqua corrente e metteteli da parte. Sfumate i molluschi con il vino bianco, lasciate che evapori e aggiungete 2 cucchiai di passata di pomodoro. Aggiungete 1 mestolo di acqua e proseguite la cottura per 20-25 minuti. Aggiungete i fagioli, aggiustate di sale e pepe e continuate a cuocere per altri 15 minuti. Servite con fette di pane abbrustolito e una spolverizzata di prezzemolo tritato.

Come cucinare i totani ripieni

Come cucinare i totani ripieni Una preparazione che riserva una sorpresa piena di gusto è quella dei totani ripieni.

Si tratta di una ricetta facile che può essere gustata anche fredda. Le farciture dei totani ripieni possono essere moltissime. Ad esempio un ripieno di verdure o di pesce o ancora una farcia che unisca questi due alimenti, con la semplicità dell'olio extravergine d’oliva.

Oggi vi proponiamo una ricetta davvero gustosa. Per realizzarla vi serviranno: 4 totani; 1 peperone; 300 g di gamberi; 100 g di fagiolini; 1 costa di sedano; 1 carota; 500 g di piselli; 200 ml di acqua; 2 spicchi d’aglio; 1 porro; 25 g di burro; 1 ciuffo di prezzemolo; 1 cucchiaino di timo; rosmarino; olio extravergine d'oliva; vino bianco; sale e pepe.

Per prima cosa, preparate la crema di piselli: cuoceteli in un tegame con un filo d’olio, poca acqua e 1 cucchiaino di timo per 20 minuti. Dopodiché frullate tutto con un frullatore a immersione e poi tenete la crema in caldo.

Private i totani dei tentacoli e della penna; sciacquate il mantello ed eliminate le interiora; pulite anche testa, occhi e dente centrale. Pulite anche i gamberi e privateli dei carapaci che metterete da parte insieme alle teste perché serviranno per preparare un brodo di pesce.

Affettate finemente 1 porro e 1 cipolla, metteteli in una pentola, versate 200 ml di acqua e aggiungete teste e carapaci dei gamberi e 1 spicchio d’aglio. Unite anche il prezzemolo e fate cuocere per 15 minuti, eliminando la schiuma con una schiumarola. Nel frattempo, lavate il peperone, tagliatelo a metà ed eliminate semini e filamenti interni. Riducetelo a striscioline e tagliate della stessa forma anche la carota e la costa di sedano. Saltate le verdure in padella, aggiungendo anche i fagiolini, e fateli saltare in padella con 4-5 cucchiai di olio con il secondo spicchio d'aglio e le erbe aromatiche.

Aggiustate di sale, trasferite tutto su un tagliere e tritate grossolanamente; aggiungete anche i gamberi, precedentemente tritati grossolanamente, inserite il ripieno nei totani aiutandovi con un cucchiaio e chiudeteli con uno stuzzicadenti. Mettete i totani in padella con 4 cucchiai di olio, cuocete a fuoco basso e sfumate con il vino bianco; quindi proseguite la cottura con il brodo filtrato per 10 minuti circa.

Una volta che i totani sono cotti, riprendete la crema di piselli, versatela nei piatti come base, adagiatevi i fagottini di pesce ripieni e servite subito.

Come cucinare i totani al sugo

Come cucinare i totani al sugo Una deliziosa zuppa preparata con tutto il sapore dei totani e la bontà della salsa di pomodoro vi sorprenderà: non riuscirete a resistere a una gustosissima scarpetta finale!

Cucinare i totani al sugo è facilissimo. Vi serviranno: 500 g di totani; 3 cucchiai di triplo concentrato di pomodoro; 150 ml di acqua; 10 pomodorini pachino; 1 scalogno; 1 spicchio d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; olio extravergine d’oliva; vino bianco; sale e pepe nero.

Prima di tutto pulite i totani; poi preparate un trito di aglio, cipolla e prezzemolo e fate soffriggere in padella con 4-5 cucchiai di olio. Aggiungete i totani e fateli rosolare per qualche minuto. Sfumate con il vino bianco, fate evaporare e aggiungete prima i pomodorini tagliati a metà; fateli ammorbidire quindi aggiungete il triplo concentrato di pomodoro diluito in 150 ml di acqua. Fate cuocere per circa 1 ora: i totani dovranno risultare molto morbidi. Prima di servire, aggiustate di sale, spolverizzate con il pepe nero macinato al momento e portate in tavola con un cesto colmo di fette di pane casereccio.

Come cucinare i totani in bianco

Come cucinare i totani in bianco Preparati in bianco, i totani sono la base ideale per realizzare una gustosa insalata, facile e veloce, a cui voi potrete aggiungere, seguendo la vostra fantasia e la vostra creatività, gli ingredienti di stagione che più vi piacciono.

Vi serviranno: 800 g di totani; 1 limone; 300 g di valerianella; 2 arance; 1 cespo di lattuga; un filo d'olio extravergine d’oliva; un pizzico di sale; un pizzico di pepe.

Pulite i totani privandoli del becco e degli occhi; tagliate i ciuffetti dal corpo, apriteli a libro e incideteli con un coltello per fare in modo che in cottura si arriccino. Trasferiteli in una pentola con acqua fredda e portateli a bollore coperti; cuoceteli per 10 minuti, toglieteli dalla fiamma e fateli intiepidire lasciandoli in acqua. Nel frattempo, pelate a vivo le arance e il limone e divideteli a spicchi su un tagliere, raccogliendo il succo in eccesso che utilizzerete come condimento. Mettete gli spicchi di arancia e di limone in una ciotola, aggiungete il succo precedentemente raccolto, unite la valerianella e la lattuga tagliata a listarelle e mescolate aggiungendo un filo d’olio e un pizzico di sale e di pepe. Scolate i totani cotti, tagliateli e aggiungeteli all'insalata, mescolate delicatamente e lasciate riposare per 30 minuti prima di servirli.

Potete preparare una gustosa insalata anche con altre verdure, come una base di carciofi crudi o un’insalata di finocchi e ravanelli o cimette di broccoli scottate.

Come cucinare i totani con la pasta

Come cucinare i totani con la pasta I totani sono anche un delizioso condimento per la pasta o per il riso.

Un gustoso patto di tagliatelle fatte in casa diventa la soluzione ideale per gustare un sugo di totani. La pasta all’uovo infatti, porosa e più spessa rispetto ad altri prodotti, riuscirà raccogliere meglio il sugo per regalarvi un assaggio davvero gustoso.

Vi serviranno: 4 uova; 400 g di farina; acqua; 200 g di totani; 2 grossi pomodori ramati; 1 spicchio d’aglio; 1 scalogno; 1 cucchiaio di olive taggiasche; 1 ciuffo di prezzemolo; olio extravergine d’oliva; sale e pepe nero.

Mescolate le uova con la farina e impastate con acqua tiepida fino a formare una palla liscia e omogenea. Con la macchina della pasta ricavate le tagliatelle, copritele con un canovaccio e dedicatevi al sugo: in una padella capiente fate soffriggere l’aglio schiacciato con lo scalogno affettato sottilmente; aggiungete i pomodori precedentemente scottati, spellati e tagliati a dadini; fate cuocere per 1 minuto, aggiungete le olive taggiasche e aggiustate di sale.

Nel frattempo, cuocete le tagliatelle. Scolate la pasta al dente, trasferitela in padella e fate saltare per 2 minuti, spolverizzando con il trito di prezzemolo e pepe nero macinato al momento. Infine servite le tagliatelle fumanti.