Come cucinare i moscardini

Galbani
Galbani
Come cucinare i moscardini

Dal profumo di muschio e dall'aspetto simile al polpo, i moscardini sono molluschi da scoglio e si impongono come ingrediente principale di alcuni dei piatti a base di pesce più buoni della penisola.

Sui suoi tentacoli, il moscardino ha una sola fila di ventose ed è più piccolo del polpo, ma lo eguaglia in sapore e tenerezza.

Oggi imparerete a cucinarlo con diversi metodi di cottura e vi sveleremo consigli e trucchi per ricette sempre diverse e gustosissime per portare in tavola i moscardini, chiamati anche polipetti, immersi in salse appetitose.

Come cucinare i moscardini fritti

Come cucinare i moscardini fritti

I moscardini sono molluschi molto simili nell'aspetto ai polpi. Considerati meno pregiati, in realtà, hanno proprietà nutrizionali analoghe e in cucina si prestano alla realizzazione di tantissime ricette.

Per cucinare i moscardini, per prima cosa dovrete pulirli: con un coltello o con le forbici da cucina, privateli degli occhi e dell’ossetto della bocca. Eliminate le interiora rivoltando la sacca e lavateli a lungo sotto l’acqua corrente per rimuovere la sabbia che spesso si trova all'interno.

Una volta che i moscardini sono pronti, potrete impiegarli nelle vostre ricette, cominciando da una preparazione sempre molto amata da tutti: la frittura.

Il trucco è tuffare i moscardini in abbonante olio di semi bollente e lasciarli friggere solo per pochi minuti: il moscardino infatti è un mollusco che meno viene cotto e più tenero risulta.

Per preparare i moscardini fritti vi serviranno: 1 kg di moscardini; 250 g di semola di grano duro; olio di semi; sale.

Dopo averli puliti e asciugati, passate i moscardini in un piatto con la farina, eliminate quella in eccesso e, nel frattempo, scaldate abbondante olio di semi in un wok o in una padella capiente per fritti.

Tuffate i moscardini poco alla volta in modo da non far abbassare la temperatura dell’olio che dovrà essere di 170° per ottenere una frittura dorata e croccante. Friggete, come già raccomandato, per pochi minuti, quindi con un ragno scolate i moscardini, asciugateli su un piatto rivestito di carta assorbente, salateli e serviteli come in pratici e divertenti cartocci per fritti.

Come cucinare i moscardini al forno

Come cucinare i moscardini al forno

I moscardini si possono preparare anche in forno e, come per quelli da fare fritti, vi consigliamo di scegliere i più piccoli, dalla polpa più tenera.

Per cucinarli in forno vi serviranno: 500 g di moscardini; 1 cipolla; 1 scalogno; 1 spicchio d’aglio; 1 carota; 350 g di polpa di pomodoro; 1 bicchiere di vino bianco; 2 cucchiai di olive verdi denocciolate; 60 g di pangrattato; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Per prima cosa, dovrete pulire i moscardini come descritto sopra, lavarli e asciugarli bene. Metteteli da parte e preparate le verdure: fate un trito di prezzemolo, affettate finemente lo scalogno e la cipolla, tagliate a dadini la carota e su un tagliere tritate anche i tentacoli dei molluschi.

Riunite gli ingredienti in una pentola, aggiungete 4-5 cucchiai di olio extravergine d'oliva e fate rosolare a fiamma moderata fino a far ammorbidire tutte le verdure. A questo punto unite anche le sacche dei moscardini, mescolate per 2 minuti, fate sfumare con il vino e, una volta evaporato, aggiungete la polpa dipomodoro e le olive tagliate a metà, aggiustate di sale e spolverizzate con il pepe nero macinato al momento.

Mettete il tutto in una pirofila, spolverizzate con il pangrattato, condite con un filo d’olio e infornate a 200° per circa 10 minuti. Sfornate i moscardini e serviteli con un buon contorno di radicchio al forno, funghi o melanzane al forno light.

Con lo stesso condimento, potete preparare anche gustosi moscardini ripieni: vedrete che bontà!

Se, invece, volete conservare il più possibile il sapore originale dei moscardini, vi consigliamo di provare la cottura al cartoccio: tagliate i moscardini e uniteli alle patate a tocchetti, pomodorini, aglio, prezzemolo, olio d'oliva, sale e pepe. Chiudete tutto in un pacchetto con carta alluminio e cuocete in forno per circa 1 ora.

Come cucinare i moscardini in padella

Come cucinare i moscardini in padella

I moscardini in padella si cucinano immersi in un buon sughetto e si fanno servire con un accompagnamento di patate al burro e fette di pane casereccio: un secondo piatto ideale per una serata fredda, ma anche un buon antipasto se servito in cocotte monoporzione.

Per prepararli vi serviranno: 500 g di moscardini; 10 pomodori ciliegia; 3 pomodori secchi; 1 cucchiaio di capperi; ½ bicchiere di vino bianco; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Pulite, lavate e asciugate i moscardini; in una padella fate rosolare lo spicchio d’aglio in camicia con 3-4 cucchiai di olio extravergine d'oliva. Tagliate i pomodori secchi a striscioline e aggiungeteli in padella; unite anche i capperi e infine i pomodori ciliegia tagliati a metà.

Fate cuocere a fuoco medio per qualche minuto e trasferite i moscardini nella padella; sfumate con il vino, lasciate evaporare e cuocete a fuoco vivo per 15 minuti, coprendo i moscardini con il coperchio. Servite subito i vostri moscardini in padella perché sono buonissimi se mangiati caldi. Oltre alle patate, anche una buona insalata può figurare tra i contorni più indicati.

Per gli amanti del pesce non ci sono confini in cucina e tanti provano anche un interessante abbinamento e usano i moscardini per farcire gustose pizze alla marinara. Provateci anche voi!

Come cucinare i moscardini in pentola a pressione

Come cucinare i moscardini in pentola a pressione

La pentola a pressione ci propone un altro metodo di cottura dei moscardini, che risulteranno morbidi e gustosi. In breve tempo, porterete in tavola piatti unici dal sapore delicato.

Preparare i moscardini nella pentola a pressione è molto facile e veloce. Vi serviranno i seguenti ingredienti: 800 g di moscardini; 4 fette di pane; 2 cucchiai di olive taggiasche; 150 g di polpa di pomodoro; 1 spicchio di aglio; 125 ml di acqua; 1 rametto di rosmarino; 1 peperoncino piccante; olio extravergine d’oliva; sale.

Per prima cosa lavate e pulite i moscardini e asciugateli su un foglio di carta assorbente. Nel frattempo, mettete nella pentola a pressione l’aglio schiacciato, 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva, l’acqua, le olive denocciolate, il rametto di rosmarino, la polpa di pomodoro e aggiustate di sale. Mescolate e aggiungete i molluschi. Chiudete la pentola e, a partire dal sibilo, fate cuocere per 15 minuti a fuoco moderato.

Intanto preparate le fette di pane tostandole in forno con un filo d’olio. A fine cottura fate sfiatare la valvola e togliete delicatamente il coperchio. Trasferite i moscardini su un piatto, condite con il sugo di cottura e servite sistemando le fette di pane tostato intorno al piatto. Sul pane potete anche aggiungere delle golose uova in camicia, saranno perfette con il sapore di moscardini.

Se avete poco tempo, ma volete comunque concedervi un piatto estivo dal sapore leggero, allora l'insalata di moscardini e sedano è perfetta per voi. Basta bollire i molluschi in abbondante acqua salata e, una volta teneri, farli raffreddare. Senza difficoltà, in pochi minuti, potete condire la vostra insalata di mare con un filo di olio extravergine, limone e erbe aromatiche a piacere.

Come cucinare i moscardini in umido

Come cucinare i moscardini in umido

Cucinati in umido con un gustoso sughetto al sapore di pesce, i moscardini sono un secondo piatto irresistibile da accompagnare con tante fette di buon pane casereccio.

Vi serviranno: 800 g di moscardini; 12 pomodorini; 2 spicchi d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; ½ peperoncino piccante; 600 ml di brodo vegetale; crostini di pane; brodo; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Per cominciare pulite i moscardini. Poi preparate un trito con l’aglio e il peperoncino e fatelo rosolare in padella con 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva. Unite i molluschi nella padella e versate un po’ di brodo affinché l’aglio non si attacchi al fondo. Fate cuocere per 7 minuti, quindi unite i pomodorini tagliati a metà, cospargete con il prezzemolo tritato, poi aggiungete una presa di sale e altro olio extravergine d'oliva.

Cuocete per altri 7 minuti o fino a quando si sarà formata una crema abbastanza densa. Se i moscardini non risultano ancora teneri, aggiungete un po’ di brodo e portate a bollore, cuocendo per qualche altro minuto. Disponete nei piatti i crostini di pane abbrustolito e distribuite i moscardini con il loro sugo.

Come cucinare i moscardini alla Luciana

Come cucinare i moscardini alla Luciana

I moscardini alla Luciana son un piatto tipico che si colloca bene in un menu rustico e saporito a base di pesce. In questa ricetta, il sapore dei moscardini viene esaltato dal gusto dei pomodori, dalla sapidità delle olive e dalla vivacità del peperoncino.

Per prepararli in casa vi serviranno: 600 g di moscardini; 300 g di pomodori ramati; 2 scalogni; 1 ciuffo di prezzemolo; 1 spicchio d’aglio; 1 cucchiaio di capperi; 2 cucchiai di olive nere denocciolate; olio extravergine d’oliva; 1 peperoncino; sale. Il procedimento è molto semplice.

Lavate bene i moscardini sotto l’acqua corrente e puliteli incidendo la sacca ed eliminando anche gli occhi e il becco. In una casseruola, versate 5 cucchiai di olio extravergine d'oliva, l’aglio schiacciato, il prezzemolo tritato, le olive, i capperi e i moscardini.

Cominciate a cuocere a fiamma moderata, mescolate e versate i pomodori precedentemente scottati in acqua bollente salata, spellati e tagliati a dadini. Unite anche il peperoncino tagliato a rondelle, chiudete con il coperchio e lasciate cuocere per 1 ora circa. Qualche minuto prima della fine della cottura, aggiustate di sale. Trasferite i moscardini alla Luciana in un piatto da portata, completate con una spolverizzata di prezzemolo e un filo d’olio a crudo e servite con croccanti crostini di pane.

Se amate le zuppe, potete aggiungere ai moscardini anche cozze, vongole e seppie e servire in tavola un piatto dal sapore irresistibile.

Come cucinare i moscardini alla livornese

Come cucinare i moscardini alla livornese

I moscardini alla livornese sono un piatto tipico che include tra gli ingredienti le patate e le erbe aromatiche che regalano un profumo delizioso.

Vi serviranno: 800 g di moscardini; 300 g di patate; 400 g di passata di pomodoro; 1 ciuffo di prezzemolo; 2 spicchi d’aglio; qualche foglia di salvia; 1 peperoncino; 2 bicchieri d'acqua; 1 bicchiere di vino rosso; olio extravergine d’oliva; sale.

Mettete in padella 6 cucchiai di olio extravergine d'oliva e aggiungete l’aglio privato dell’anima; fate soffriggere e aggiungete anche la savia e il peperoncino. Aggiungete i moscardini, mescolate per far insaporire e quando cambiano colore, aggiungete il vino rosso; fate sfumare a fiamma alta e dopo un paio di minuti aggiungete la passata di pomodoro e 1 bicchiere d’acqua. Mescolate, quindi chiudete con un coperchio.

Dopo 20 minuti, aggiungete le patate sbucciate e tagliate a dadini sottili; unite 1 bicchiere d’acqua, richiudete con il coperchio e cuocete per altri 30 minuti a fuoco lento. Aggiustate di sale alla fine, trasferite il tutto in un piatto da portata e completate con un trito di prezzemolo. Imperdibile la scarpetta finale con pane ai cereali in questo saporito guazzetto di moscardini.

Per una variante, potete aggiungere alle patate anche 200 g di piselli novelli che, in genere, si abbinano anche alle seppie.

Come cucinare i moscardini alla diavola

Come cucinare i moscardini alla diavola

I moscardini alla diavola sono un secondo piatto molto adatto a chi ama i sapori forti. Insaporiti dal profumo dell’aglio e dall’aroma del prezzemolo, i moscardini alla diavola si preparano con il peperoncino.

Per la ricetta vi serviranno: 500 g di moscardini; 400 g di pomodori pelati; 2 peperoncini; 1 spicchio d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva; sale.

Pulite bene i moscardini; privateli del liquido interno, degli occhi, della testa e sciacquateli bene sotto l’acqua corrente. Pulite bene anche i tentacoli; tamponateli con la carta assorbente e metteteli in una pentola; copriteli con l’acqua e fateli cuocere fino a quando l’acqua sarà completamente evaporata. A questo punto, condite i moscardini con 5 cucchiai di olio extravergine d'oliva, l’aglio schiacciato, il trito di prezzemolo e i peperoncini tagliati a rondelle.

Mescolate per far prendere sapore ai moscardini e, dopo qualche minuto, aggiungete il pomodoro pelato. Sempre continuando a mescolare, aggiustate di sale e fate restringere il sugo per circa 20 minuti; quindi spegnete, coprite con un coperchio e lasciate riposare un paio di minuti prima di portare in tavola i vostri moscardini alla diavola.

Come cucinare i moscardini affogati

Come cucinare i moscardini affogati

I moscardini affogati fanno parte dei secondi piatti a base di pesce più popolari che portano un gusto inconfondibile in tavola e appartengono alla gastronomia partenopea. Facili e veloci da preparare, si adattano a qualsiasi occasione e possono arrivare sulla tavola tra gli antipasti di mare, insieme a un buon piatto di cozze gratinate e a un cocktail di gamberetti.

Per prepararli vi serviranno: 500 g di moscardini; 300 g di pomodori ramati; 1 spicchio d’aglio; 1 peperoncino; 1 ciuffo di prezzemolo; 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva; sale.

Per prima cosa fate sbollentare i pomodori in una pentola con acqua salata, scolateli, spellateli e tagliateli a dadini, eliminando i semi e tenendo da parte il succo.

Pulite i moscardini, sciacquateli sotto l’acqua corrente e metteteli in una casseruola con 5 cucchiai di olio extravergine d'oliva, l’aglio schiacciato il peperoncino tagliato a rondelle. Trascorsi circa 4 minuti, aggiungete i pomodori e una parte del prezzemolo tritato e mescolate. Lasciate cuocere per circa 10 minuti e serviteli caldi, completando il piatto con il prezzemolo tritato rimasto e accompagnandolo con un'ottima polenta.

Come cucinare i moscardini in bianco

Come cucinare i moscardini in bianco

Se la maggior parte delle preparazioni in cui i moscardini sono protagonisti prevede l’aggiunta del pomodoro, oggi vi daremo anche la ricetta per preparare questi molluschi in bianco.

Anche in questo caso, la preparazione è molto semplice e veloce e si adatta molto bene a un secondo piatto, accompagnato da legumi, come un buon contorno di piselli, fagioli o da patate semplicemente lesse e condite con sale in fiocchi, olio extravergine d’oliva e prezzemolo fresco. Qui di seguito, dosi e ingredienti.

Per questa gustosa ricetta vi serviranno: 500 g di moscardini; 1 spicchio d’aglio; 1 ciuffo di prezzemolo; ½ limone; 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva; 2 bicchieri d'acqua; 1 bicchiere di vino bianco secco; sale; pepe nero in grani.

Versate in una pentola 5 cucchiai di olio extravergine d'oliva, aggiungete l’aglio schiacciato e lasciatelo soffriggere per circa 3 minuti; unite i moscardini precedentemente puliti e sciacquati e aggiungete 2 bicchieri d'acqua e il succo di ½ limone.

Lasciateli cuocere per circa 20 minuti a fuoco basso fino a quando si saranno ammorbiditi. Sfumate con il vino bianco aumentando la fiamma, aggiustate di sale e spolverizzate con il pepe nero macinato al momento. Fate proseguire la cottura per altri 20 minuti, quindi spegnete e trasferite tutto in un piatto da portata. Aggiungete il prezzemolo tritato e servite.

Come cucinare i moscardini con la pasta

Come cucinare i moscardini con la pasta

I moscardini diventano anche un ottimo condimento per la pasta o il riso. Spaghetti, tagliolini o linguine ben si adattano a questo accompagnamento.

Per preparare il sugo di moscardini per i vostri primi piatti vi serviranno: 400 g di moscardini; 200 g di pomodorini; 300 g di polpa di pomodoro; ½ cucchiaio di concentrato di pomodoro; 1 spicchio d’aglio; 1 peperoncino (facoltativo); 1 cucchiaio di olive taggiasche denocciolate; 1 ciuffo di prezzemolo; 1 bicchiere di vino bianco secco; 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva; sale; pepe nero in grani.

Pulite i moscardini come di consueto; sciacquateli e tamponateli con la carta assorbente. In una padella fate soffriggere l’aglio schiacciato con 5 cucchiai di olio, aggiungete i moscardini e unite anche il prezzemolo tritato e il peperoncino a rondelle.

Se ci sono bambini* a tavola, potete anche non mettere il peperoncino, i moscardini saranno buonissimi ugualmente.

Lasciate cuocere per pochi minuti, quindi sfumate con il vino bianco; proseguite la cottura aggiungendo i pomodorini tagliati a metà, la polpa di pomodoro e, per ottenere un sugo più denso e corposo, aggiungete anche il concentrato diluito in una tazzina di acqua calda.

Mentre i moscardini terminano la cottura in padella, cuocete al dente 400 g di pasta a vostra scelta, scolatela e trasferitela in padella, mettendo da parte un po’ di acqua di cottura. Aggiungetela se necessario, mescolando bene per far insaporire la pasta e servite con una spolverizzata di pepe nero macinato al momento e qualche fogliolina di prezzemolo.

*sopra i 3 anni

Come cucinare i moscardini ripieni

Come cucinare i moscardini ripieni

Se cercate una ricetta estiva che conservi il sapore del mare e il profumo del nostro Mediterraneo, allora i moscardini ripieni fanno proprio al caso vostro. Si tratta di un piatto sfizioso che unisce i migliori ingredienti della nostra cucina.

La ricetta è semplice e i tempi di cottura dei moscardini sono anche abbastanza ridotti, quindi potete realizzare questo piatto con poco preavviso.

Il procedimento è simile a quello dei calamari ripieni. Lavate i molluschi e metteteli da parte. Nel frattempo, in una ciotola a parte, amalgamate il pangrattato con l'aglio tritato, le uova, il parmigiano, il prezzemolo, sale e pepe, olio extravergine di oliva.

Riempite i moscardini con il composto e chiudeteli con uno stuzzicadenti per non far fuoriuscire la farcia. In una padella, fate rosolare una cipolla a rondelle e, se volete, aggiungete un po' di peperoncino. Aggiungete i moscardini e innaffiate con il vino bianco.

Lasciate sul fuoco per circa 15 minuti: quando i molluschi saranno teneri e colorati, allora il vostro secondo piatto sarà pronto per essere servito: togliete gli stuzzicadenti e serviti con una fresca insalata di contorno.

I moscardini ripieni possono essere anche cotti al forno. Il procedimento è sempre lo stesso: preparate il ripieno e cuocete in forno preriscaldato a 200° per una ventina di minuti.

Potete arricchire il ripieno come preferite, utilizzando anche un mix di verdure tritate e spezie a piacere. Se cercate altre idee, allora vi consigliamo di prendere spunto dalla ricetta dei totani ripieni.

Un consiglio: se volete essere sicuri che i vostri moscardini siano teneri, sbollentateli in acqua bollente prima di procedere con la farcitura.