GalbaninoPresenta

Involtini di peperoni ripieni con mollica

Ricetta creata da Galbani
Involtini di peperoni ripieni con mollica
Prova con
Galbanino l'originale
Galbanino l'originale
Galbanino. Il tuo genio in cucina!
Vota
Media0

Presentazione

Le ricette estive sono sempre fonte di gran creatività per chef e cuochi amatoriali: un vero tripudio di colori, sapori e profumi caratterizza infatti questa stagione. Tra le tante idee che si possono realizzare, per preparare menù allegri e pieni di sapore, molte hanno a che fare con i peperoni: dolci, gustosi, estremamente versatili, questi ortaggi sono perfetti per portare a tavola un pranzo sostanzioso, una cena rustica oppure un aperitivo delizioso e fuori dalle righe.

In questa pagina parliamo della ricetta degli involtini di peperoni grigliati, farciti con mollica di pane e Galbanino l’Originale: si tratta di un piatto semplice, profumato e colorato, che unisce il gusto intenso dei peperoni arrostiti con la croccantezza della mollica di pane spadellata e la cremosità del formaggio filante. Ispirata alla celebre ricetta dei peperoni imbottiti, di ascendenza napoletana, gli involtini di peperoni con mollica si realizzano ad un costo basso e senza l’uso di strumenti particolari, eccetto un po’ di pazienza e tanta creatività.

Per gli amanti dei peperoni, questa è davvero una ricetta imperdibile, da provare non appena si ha voglia! Con questi straordinari ortaggi, facili da pulire e ancora più da preparare, potrete realizzare moltissime, gustose ricette che prendono ispirazione dagli involtini di peperoni ripieni: seguite i nostri consigli per realizzare un saporito piatto di peperoni al forno, ad esempio, e non rimarrete delusi!

Facile
6
65 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  • 800 g di peperoni
  • 200 g di mollica di pane
  • 125 g di Galbanino l’Originale Galbani
  • 6 filetti di acciughe
  • 50 g di capperi
  • 50 g di olive nere
  • 30 g di pangrattato
  • prezzemolo fresco q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Preparazione

La preparazione degli involtini di peperoni con mollica è davvero molto semplice: vi basterà seguire alcuni semplici step per gustare, in men che non si dica, un piatto goloso e molto saporito!

01

Lavate i peperoni, poi asciugateli bene e ungeteli con un filo d’olio. Mettete una griglia sul fuoco, adagiatevi i peperoni e lasciateli arrostire su ogni lato per qualche minuto, a fiamma alta. Trasferite poi i peperoni in un sacchetto e lasciateli raffreddare per una decina di minuti, in modo tale che sarà più semplice tirar via la pelle. Apriteli e rimuovete anche il picciolo, i semi e i filamenti bianchi.

02

Preparate ora la farcia: in una ciotola capiente, mescolate la mollica di pane spezzettata a mano con le olive, i capperi e la acciughe tritati insieme grossolanamente. Tagliate il Galbanino a cubetti e mescolatelo all’impasto. Infine, tritate finemente il prezzemolo e versatelo nella ciotola insieme a un filo d’olio extravergine d’oliva e un po’ di sale.

03

Riprendete i peperoni arrostiti e tagliateli in modo da ricavare tre o quattro quadratini. Adagiate un cucchiaio abbondante di impasto al centro della fettina di peperone e poi arrotolate quest’ultima ricavando un involtino, e chiudendolo con uno stecchino o dello spago da cucina.

04

Appoggiate gli involtini in una teglia rivestita di carta forno e poi spolverizzate un po’ di pan grattato sulla loro superficie. Cuocetein forno preriscaldato a 180° per 15 minuti, terminando la cottura con 5 minuti in modalità grill. Lasciate riposare qualche minuto prima di servire i vostri involtini.

Varianti

Gli involtini di peperoni con mollica possono essere modificati a piacimento, aggiungendo o rimuovendo alcuni degli ingredienti sopra proposti, per valorizzare il sapore dolce dei peperoni e gustare un piatto perfettamente aderente alle preferenze dei commensali. Una delle varianti più gettonate è sicuramente quella dei peperoni ripieni di tonno: un piatto leggermente più complesso di quello con la farcia a base di mollica di pane, ma molto goloso e apprezzato tra grandi e piccini*.

Il modo più semplice per realizzare questa variante è realizzare gli involtini come descritto sopra, per poi farcirli con una mousse di tonno, realizzata con della panna da cucina, acciughe e capperi, del tonno in scatola ben sgocciolato e un po’ di burro ammorbidito. Mescolate e frullate gli ingredienti, in modo da ottenere un composto privo di grumi, ben omogeneo; potete aggiustare le dosi degli ingredienti privilegiando la quantità di tonno o quella di panna, in modo da rendere la mousse più o meno densa, oppure aggiungere un’alice o dei capperi in più, per aumentare la salinità.

Se invece vi piace un ripieno a base di carne, provate la ricetta dei peperoni ripieni; molto conosciuta, cavallo di battaglia di moltissimi menù casalinghi, questa variante degli involtini di peperoni è molto saporita, saziante e golosa, perfetta da accompagnare con un contorno di verdure al forno, patate arrosto o un'insalatina rinfrescante.

 

* sopra i tre anni.

Suggerimenti

La preparazione degli involtini di peperone con mollica è molto semplice, ma alcuni consigli e qualche semplice accortezza vi aiuteranno ad ottenere un risultato ancora più soddisfacente.

Innanzitutto, non dimenticate di lavare bene i peperoni prima del loro utilizzo: sebbene la buccia verrà poi tolta, sciacquarla accuratamente sotto l’acqua corrente vi permetterà di eliminare i residui di terra ed eventuali prodotti chimici depositati sulla superficie, e anche la ricetta ne gioverà. Assicuratevi di asciugarli per bene prima di grigliarli, per evitare di sprigionare un eccesso di vapore acqueo sulla piastra bollente.

Anche le acciughe devono essere pulite adeguatamente: se sufficientemente grandi, sarà meglio che le sfilettiate con cura, poi lasciatele immerse in acqua e aceto per qualche minuto. Per quanto riguarda i capperi, invece, vi consigliamo di immergerli in acqua fredda per cinque minuti prima di utilizzarli, soprattutto se prevedete di preparare la ricetta con dei capperi sotto sale. Trascorso il tempo di ammollo, strizzateli bene e tamponateli con della carta assorbente da cucina, e poi sminuzzateli insieme agli altri ingredienti.

Per quanto riguarda la cottura dei peperoni, è possibile arrostire i vostri ortaggi anche in forno, cuocendoli a 180° finché non saranno morbidi: anche in questo caso, però, consigliamo vivamente di lasciarli raffreddare in un sacchetto di plastica o di carta, per spellarli senza problemi.

 

Curiosità

I peperoni sono uno dei prodotti dell’orto più amati dalle tavole italiane, ma spesso sono evitati perché tra i più difficili da digerire. La digeribilità dei peperoni non è certo un mistero, ma non tutti sanno che in molti casi essa dipende molto anche dalla modalità di cottura: contrariamente a quanto si pensa, infatti, uno dei modi per digerire meglio il peperone è consumarlo crudo (non è così per altre verdure) come ad esempio in un colorato pinzimonio; oppure cotto in padella, con dell’olio.

Al contrario, i peperoni arrostiti non sono tra i più digeribili; ma, anche in questo caso, esistono alcuni consigli per “aggirare” questo problema. Il peperone è infatti un ortaggio della famiglia delle solanacee, la stessa classe dei pomodori, delle patate, delle melanzane e il peperoncino. Questi ortaggi hanno in comune la crescita nella stagione estiva, e un discreto contenuto di solanina, una sostanza che si accumula in particolare nella buccia di queste verdure e che – ad alte dosi – rende la digestione molto più complessa. Per far sì che il peperone cotto sia più digeribile, quindi, non solo occorre eliminare i filamenti bianchi e, dopo la cottura, la buccia, ma è necessario anche evitare di sciacquarlo poi sotto l’acqua: se lavate i peperoni dopo averli cotti, infatti, eliminerete uno strato di liquido denso naturalmente contenuto sotto la pelle, ricco di enzimi che ne facilitano la digestione.

Inoltre, è sempre meglio scegliere peperoni più maturi rispetto a quelli acerbi. Sapete come si riconoscono? Semplicissimo: i peperoni “nuovi” sono quelli verdi, che poi mutano colore e diventano gialli, e infine rossi. Sono quindi quest’ultimi quelli più maturi e più facili da digerire.

Prova anche

Scopri di più