Santa LuciaPresenta

Torta salata con piselli e tonno

Ricetta creata da Galbani
Torta salata con piselli e tonno
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Se siete alla ricerca di idee sfiziose per secondi piatti o antipasti perfetti per ogni evenienza, abbiamo la soluzione per voi!

Le torte salate sono risolutive in molte occasioni differenti: servite come antipasto in una cena o in un pranzo di più portate, oppure come sfizioso piatto unico quando abbiamo bisogno di una cena veloce e informale; ma anche tagliate piccole porzioni, da servire come simpatico e gustoso finger food durante un aperitivo tra amici, una festa tra adulti o bambini*, o come alternativa sfiziosa in un buffet informale. Non c’è occasione che non si presti alla croccantezza di una pasta sfoglia che racchiude un morbido ripieno filante!

La versione che qui proposta, inoltre, fa uso di due semplici ingredienti, amati e apprezzati quasi universalmente: si tratta del tonno all'olio extravergine d'oliva, un elemento che conferisce la giusta dolcezza e tenerezza al piatto, e i pisellini freschi, tra i migliori alimenti che la primavera ci offre. Nella nostra torta salata realizzata con un rotolo di pasta sfoglia, piselli e tonno useremo questi due ingredienti principali come un connubio goloso e sfizioso che ben si adatta a colori e sapori della bella stagione, delle prime giornate di sole, di pic-nic all’aperto e di allegre scampagnate.

Per completare e dare sostanza alla torta rustica ci sarà una generosa dose di Ricotta Santa Lucia che, grazie al suo gusto delicato e alla consistenza vellutata, esalta il sapore degli ingredienti della farcitura e riempie la torta. Useremo inoltre una pasta sfoglia già pronta, che faciliterà di molto il processo di preparazione.

Troverete la ricetta con tante varianti divertenti e personalizzabili, i consigli di preparazione e qualche suggerimento per trattare al meglio la pasta sfoglia e il suo ripieno.

Con questa ricetta, anche gli chef alle prime armi potranno cimentarsi nella preparazione di un secondo piatto delizioso e raffinato.

In men che non si dica avrete una torta rustica con piselli a regola d’arte, dorata e invitante, perfetta da servire calda o tiepida. Il risultato saprà conquistarvi e farà innamorare gli invitati alla vostra tavola!

Facile
6
35 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  • due rotoli di pasta sfoglia già pronta
  • 300 g di tonno in scatola (circa 4 scatolette)
  • 300 g di Ricotta Santa Lucia Galbani
  • 200 g di piselli surgelati
  • 1 uovo intero + un tuorlo
  • una noce di Burro Panetto Santa Lucia Galbani
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione

Per realizzare la torta salata con piselli e tonno non dovrete far altre che seguire la ricetta: il risultato arriverà senza difficoltà!

01

Iniziate a preparare la vostra torta dal ripieno. Per prima cosa, lasciate scongelare a temperatura ambiente i piselli per circa 30 minuti, dopodiché sbollentateli per qualche minuto in una pentola senza coperchio, a fiamma vivace.

Successivamente, versate in una ciotola il tonno in scatola ben sgocciolato; aggiungete anche la Ricotta Cucina Santa Lucia e i piselli sbollentati.

02

Mescolate con cura gli ingredienti aiutandovi con un cucchiaio, versando anche l’uovo intero ben sbattuto; salate e pepate a piacere.

03

Preriscaldate il forno a 200 ° C.

Stendete la pasta sfoglia rotonda, con la sua carta forno, in una tortiera, e bucherellate la superficie. Versate il composto a base di tonno, piselli e ricotta all’interno della tortiera.

04

Ripiegate i bordi all’interno e chiudete la torta con un secondo disco di pasta sfoglia. Bucherellate la superficie con i rebbi di una forchetta, poi spennellatela con un tuorlo d’uovo mescolato a una noce di burro fuso.

05

Infornate la torta salata con tonno e piselli in forno già caldo a 200° C, per circa 30 minuti: la torta dovrà risultare ben dorata. Lasciate intiepidire prima di servire.

Varianti

La ricetta della torta salata con piselli e tonno è ideale come base da cui partire per inventare tante nuove varianti, modificando a piacimento dosi e ingredienti del ripieno, e lasciandosi ispirare dalla fantasia e dai propri gusti personali.

Potrete così provare a creare preparazioni sempre nuove in grado di accontentare i palati di tutti gli invitati alla vostra tavola.

Stuzzicante, profumato e appetitoso, il ripieno a base di tonno e piselli può essere arricchito ulteriormente: uno degli elementi che si sposa bene con questa coppia di ingredienti è senza dubbio il pomodoro: che sia in forma di pomodorini freschi, tagliati a metà, oppure con una dadolata di pomodoro fresco; che sia un tocco di saporito e croccante pomodorino secco, oppure una cremosa salsa di pomodoro, densa e profumata, da aggiungere alla farcitura, ogni opzione apporterà un ottimo contributo alla torta salata. Vi consigliamo, però, di lascar scolare il pomodoro se si utilizza fresco, in modo che perda l’acqua in eccesso e non bagni la sfoglia. Se usate i pomodorini, tagliateli a metà e usate un mix di varietà differenti: gialla (dolce e succosa) e rossa.

Anche aggiungere alla farcitura la polpa cotta e schiacciata di patata può costituire una valida variante alla ricetta originaria: lasciate cuocere un paio di patate medie in acqua bollente per 15 minuti, sbucciatele e poi schiacciatele con una forchetta; lasciatele intiepidire e poi inseritele all’interno della torta insieme o al posto della ricotta. Il risultato di questa aggiunta sarà un ripieno morbido e cremoso, dal sapore ancora più dolce e corposo. La torta salata con patate, dopotutto, è a sua volta una delle ricette più apprezzate tra i rustici di facile preparazione.

Una variante gustosa e interessante prevede la sostituzione del tonno con la pancettaal ripieno di piselli. Vi basterà soffriggere la pancetta a cubetti in una padella antiaderente fino a renderla croccante. Aggiungete i piselli, un pizzico di sale e pepe e cuocete per qualche minuto. Sfornate la base di pasta sfoglia, distribuite il composto di piselli e pancetta, spolverizzate con parmigiano grattugiato e cuocete in forno fino a doratura.

Un'altra alternativa è rappresentata dalla torta salata con piselli e spinaci. Salate gli spinaci e cuoceteli in padella con un filo d'olio extravergine d'oliva. Aggiungete i piselli, un pizzico di noce moscata e mescolate. Distribuite il composto di piselli e spinaci all'interno della base di pasta sfoglia e spolverizzate con parmigiano grattugiato.

Che ne dite di una torta salata con piselli e speck? Tagliate lo speck a listarelle e rosolatelo in padella con un filo d'olio. Aggiungete i piselli, un pizzico di pepe e cuocete per qualche minuto.

Infine, in alcune versioni della ricetta, i piselli sono utilizzati in crema: sarà sufficiente frullarli e poi unirli alla ricotta, per dare ancora più morbidezza all’impasto. Potete anche aggiungere all’impasto altri formaggi, che – specie se a pasta filante – renderanno la vostra torta salata con piselli e tonno ancora più golosa.

Queste sono solo alcune idee per rendere la vostra torta salata con piselli ancora più gustosa. Non abbiate paura di sperimentare e di aggiungere gli ingredienti che preferite!

 

Suggerimenti

La torta salata con piselli e tonno è un piatto semplice e gustoso, perfetto per ogni occasione. Vi basterà seguire pochi e semplici consigli per realizzare una pietanza degna di chef.

Se avete tempo a disposizione e un po’ di pazienza, potete completare la vostra torta salata con della pasta sfoglia fatta in casa, ideale per dare un sapore ancora più rustico alla vostra creazione.

Se invece ritenete più comodo e veloce utilizzare la pasta sfoglia rotonda già pronta, ricordatevi di estrarla dal frigo almeno mezz’ora prima del suo utilizzo, o sarà troppo dura da maneggiare, e rischierà di rompersi o strapparsi quando la stenderete nella teglia antiaderente o foderata con carta forno lungo tutto il suo diametro.

Se utilizzate piselli surgelati, lasciateli scongelare completamente a temperatura ambiente prima di utilizzarli. Se invece preferite i piselli freschi, cuoceteli in acqua bollente salata per un paio di minuti.

Ricordatevi di scolare il tonno dall'olio di conserva, aiutatevi con una forchetta per eliminare l'olio in eccesso.

Qualche piccolo consiglio anche per la cottura in forno: trascorso il tempo di cottura, provate a lasciar riposare la torta salata direttamente dentro il forno spento e aperto; in questo modo riuscirete a far uscire l’umidità senza bagnare la sfoglia, in modo più efficace. Prima di servire la torta, inoltre, è opportuno lasciarla intiepidire accuratamente: questo tipo di torta salata è infatti molto più gustosa fredda o tiepida. A tal proposito, ricordatevi che potrete preparare la torta anche con un certo anticipo, e conservarla coperta con un panno o una campana di vetro, appena si sarà freddata.

A proposito di pasta sfoglia, tenete a mente qualche piccolo trucco per rendere la torta più gradevole alla vista: oltre a spennellare la superficie con del tuorlo d’uovo, in modo che esca dal forno dorata e croccante, potete cospargerla con dei semi di sesamo o di papavero, per dare profumo e colore in più. Se vi avanza un po’ di sfoglia, stendetela in tre cordoncini e intrecciateli in una treccia sottile, da utilizzare per guarnire i bordi della sfoglia: il risultato sarà delizioso, oltre che molto buono!

Curiosità

Gli ingredienti protagonisti della ricetta di oggi sono senza ombra di dubbio il tonno e i piselli. Siete pronti a scoprire qualche curiosità interessante su questi ingredienti ampiamente diffusi nella cucina italiana?

Il tonno in scatola è un alimento estremamente versatile e comodo: la praticità di avere in dispensa una scatolina sempre pronta all’utilizzo, che non necessita di particolari cure nella conservazione è infatti un vantaggio non trascurabile, quando si tratta di scegliere gli ingredienti per una torta salata come quella proposta in questa ricetta.

D’altra parte, occorre giusto una scatola di tonno per poter preparare tanti piatti diversi: da un’insalata mista a una farcitura per la pizza, da gustose polpette a pomodori, peperoni e altre verdure ripiene, dai sughi per condire succulenti piatti di pasta al tipico vitello tonnato. Usi e impieghi del tonno in cucina sono davvero numerosi, soprattutto se si considera che una porzione di tonno in scatola può costituire il “salvacena” perfetto, in caso di necessità.

Molti non sanno, però, che il tonno in scatola è da decenni un elemento importante della produzione e del commercio italiano. Stando a dati recenti, infatti, l’Italia sarebbe il secondo produttore di tonno in scatola in tutta Europa, per volume d’affari, in una classifica che vede più in alto solo la Spagna. Gli italiani spendono annualmente quasi un miliardo di euro all’anno per l’acquisto di tonno in scatola, con cui vengono acquistate più di cento mila tonnellate di prodotto.

Dopotutto, in Italia il tonno in scatola è particolarmente apprezzato: per ben 7 italiani su 10 questo prodotto è tra i 5 alimenti a cui non saprebbero rinunciare, insieme a carne bianca, bresaola, legumi e yogurt.

La storia dei piselli pare abbia avuto inizio nel Neolitico.

Intorno al 10.000 a.C., si presume che i piselli venissero già utilizzati come alimento per nutrire i primi animali domestici, probabilmente raccolti nelle vicinanze degli accampamenti umani. Le prime testimonianze di coltivazioni vere e proprie di piselli risalgono all'8.000 a.C., nella Mezzaluna Fertile, una vasta area che comprendeva i territori tra i fiumi Tigri ed Eufrate (nell'attuale Iraq) fino al Nilo (Egitto), attraversando il Giordano (Giordania, Israele, Libano, Palestina e Siria).

Questa regione, considerata la culla della civiltà, fu teatro della nascita dell'agricoltura, e il pisello fu uno dei primi ortaggi ad essere coltivato insieme a farro, orzo, lino, ceci e lenticchie per sostenere l'alimentazione umana.

L'agricoltura si diffuse rapidamente dalla Mezzaluna Fertile verso l'Asia e l'Europa, facilitando l'accesso al cibo e introducendo nuove specie commestibili alle popolazioni. Il pisello divenne presto un alimento base per i popoli del Mediterraneo. Gli antichi Greci e Romani, infatti, apprezzavano molto i piselli, coltivandoli con attenzione come documentato da numerose testimonianze scritte.

Durante il Medioevo, i piselli acquisirono ancora più importanza, specialmente tra le classi popolari che se ne nutrivano quotidianamente. A differenza di oggi, i piselli venivano conservati essiccati, permettendo una lunga conservazione e spesso ridotti a farina per preparare polenta o pane.

Ben presto nacque l'idea di abbinarli alla carne, dando origine alla ricetta dei piselli fritti con carne salata, antenata dei moderni "prosciutto e piselli" o dei piselli con pancetta e basilico. Nella Serenissima di Venezia, i piselli simboleggiavano fortuna e prosperità, specialmente durante la festa di San Marco, il 25 aprile. Pare che in questa occasione, il Doge si affacciasse al balcone di Palazzo Ducale con un piatto di “risi e bisi” (riso e piselli) per salutare il popolo e augurare buoni auspici per l'anno a venire.

* sopra i 3 anni

Prova anche

Ti potrebbe interessare anche