Come tagliare la frutta

Galbani
Galbani
Come tagliare la frutta
La frutta è un alimento di cui non si può e non si deve mai fare a meno, in ogni stagione e per ogni pasto della giornata, ma non sempre si sa come tagliarla nel modo corretto quando si tratta di utilizzarla in questa o quella preparazione, ad esempio per decorare torte, per dar vita a deliziose macedonie o per preparare gustosi cocktail. Se è vero che tagliare la frutta può diventare una vera e propria arte, allora seguite i nostri consigli per apprendere le varie tecniche da utilizzare quando volete affettarla e presentarla con il giusto effetto nei piatti da portata!

Come tagliare la frutta per la centrifuga

Come tagliare la frutta per la centrifuga Preparare un buon centrifugato di frutta e verdure è sicuramente il modo migliore per cominciare la giornata, ma siete sicuri di sapere come tagliare la frutta prima di inserirla nella centrifuga? Se ne avete una caratterizzata da una potenza di circa 1000W e da un'apertura capiente, allora potete tranquillamente inserire frutti di dimensioni ridotte anche interi, perfino piccole mele o pere, mentre se avete un apparecchio con un'apertura più piccola e magari con un motore dalla potenza ridotta, vi suggeriamo di ridurre la frutta in piccoli pezzi, soprattutto quella più dura, per evitare di affaticare la centrifuga o di renderla addirittura inutilizzabile. Sarà quindi necessario rimuovere solo le bucce dei frutti che deciderete di utilizzare e, ovviamente, tutte quelle parti troppo dure per essere lavorate, come il rivestimento di anguria, ananas e melograno, oppure il nocciolo di ciliegie, albicocche o susine.

I passaggi per preparare una centrifuga di frutta sono semplici: innanzitutto sciacquate con cura la frutta sotto acqua fredda corrente e poi, laddove necessario, procedete a tagliarla in pezzi più piccoli. A questo punto scegliete la velocità dell'apparecchio, adattandola alla consistenza del frutto che volete centrifugare, e in pochi secondi la vostra centrifuga di frutta appena comprata sarà pronta per essere gustata e magari per accompagnare un goloso plumcake allo yogurt da proporre ai vostri figli e ai loro amici durante una merenda in giardino. Ma mi raccomando, per evitare di danneggiare e compromettere il funzionamento della vostra centrifuga ricordate di non inserire mai noccioli, torsoli o semi, la buccia troppo spessa di alcuni frutti (come l'arancia o il melone), alimenti troppo duri come il cocco ma anche frutta a pasta molle come banane, fichi o mango: visto che la centrifuga è un estrattore di succo, infatti, ne ricaverebbe ben poco da questi alimenti costituiti prevalentemente da polpa.

Come tagliare la frutta per una macedonia

Come tagliare la frutta per una macedonia La macedonia è la regina di ogni fine pasto che si rispetti, soprattutto dopo un buon pranzo estivo, ma come si fa a prepararla tagliando la frutta col metodo corretto? Innanzitutto dovete selezionare al mercato o al supermercato dei frutti sodi e maturi al punto giusto, preferibilmente di stagione, scegliendone un assortimento vario che punti su un buon accostamento di colori e sapori diversi, per poi spruzzarli con del succo di limone una volta tagliati, per evitare che si scuriscano compromettendo l'effetto estetico del piatto. Preparare una macedonia è semplice, basta ricordare di tagliare la frutta in pezzi regolari e simili tra loro, ad esempio tutta a cubetti oppure tutta a fettine.

Se volete un suggerimento veloce e bello, oltre che gustoso, provate a realizzarla utilizzando come coppetta la metà svuotata di un melone di piccole dimensioni. Cominciate tagliando a metà il melone, in senso perpendicolare rispetto alle venature, svuotatelo con un cucchiaio per privarlo dei semini interni e con l’apposito attrezzo (può andar bene anche un porzionatore di gelato a molla) ricavate delle palline dalla polpa del frutto. Scavate con cura l’interno del melone o svuotatelo completamente con l'aiuto di un cucchiaio per trasformarlo in un perfetto contenitore, poi dedicatevi al resto della frutta, ad esempio kiwi, fragole e banane, che dovrete lavorare su un tagliere pulito. Iniziate a sbucciare i kiwi e a tagliarli a dadini con un coltello, poi lavate le fragole, rimuovetene il picciolo verde all'estremità e tagliatele a metà oppure in pezzi più piccoli, e infine sbucciate le banane e affettatele a rondelle non troppo sottili. Ora sistemate la frutta all'interno di una ciotola o della vostra coppetta di melone e irroratela con il succo di 1 limone e 2 cucchiai di zucchero, amalgamando accuratamente tutti gli ingredienti e lasciando riposare la macedonia per almeno 1 ora in frigorifero prima di tirarla fuori, portarla in tavola a temperatura ambiente e gustarla, magari con alcune foglie di menta come guarnizione: un'intramontabile esplosione di gusto e colore che conquisterà gli occhi e il palato di tutti!

Come tagliare la frutta per gli spiedini

Come tagliare la frutta per gli spiedini Uno dei metodi migliori per far mangiare la frutta ai bambini* ma anche per proporla in modo particolare durante un buffet o per dar vita a un dessert speciale insieme a salse dolci, è sicuramente quello di preparare degli sfiziosi spiedini di frutta, meravigliosi da presentare e gustosissimi all’assaggio. Il nostro consiglio è quello di scegliere sempre frutti che possano creare una scala di colori oppure, se preferite, che possano dar vita a spiedini monocromatici: totalmente arancioni utilizzando melone, mango, albicocche e pesche, ad esempio, oppure rossi con ciliegie, fragole, lamponi e uva rossa. Le possibili varianti da sperimentare sono davvero tante, basta avere fantasia e sapere tagliare la frutta nel modo corretto. Come?

Prendete ad esempio 1 ananas, 10 fragole, 1 mela, 1 pera, 1 arancia, 2 banane, 1 melone, 10 mirtilli, 10 lamponi e 1 grappolo d'uva, poi cominciate a pulire e a tagliare la frutta: togliete la buccia esterna dell’ananas, tagliatelo a fette spesse circa 3 cm e riducete ciascuna in cubetti, evitando di utilizzare il cuore legnoso di questo frutto, poi passate al melone, rimuovendone i semi interni, tagliandolo a fette spesse ed eliminandone la buccia esterna prima di ridurlo in cubetti grandi come i pezzi di ananas. Ora sbucciate la mela e la pera, eliminandone il torsolo, quindi tagliatele a pezzi, cercando di ottenere dimensioni simili a quelle già ottenute con l'altra frutta, poi lavate le fragole, asciugatele ed eliminatene il picciolo, mentre per la banana vi basterà sbucciarla e tagliarla a rondelle piuttosto spesse. Sbucciate anche l'arancia, tagliandola in spicchi sottili di circa 4 mm, e infine lavate e asciugate i frutti di bosco e l'uva senza tagliarli ulteriormente. Adesso cominciate a comporre i vostri spiedini, infilando la frutta su lunghi stecchini di legno in modo da alternare allegramente i vari colori, e poi portateli in tavola da soli oppure accompagnati da una golosa salsa in cui intingerli prima di assaporarli, ad esempio preparando una delicata crema alla ricotta dal gusto leggero, una fonduta al cioccolato fondente o una salsa di frutta: a voi la scelta!

* sopra i 3 anni

Come tagliare la frutta per un buffet

Come tagliare la frutta per un buffet Le decorazioni con la frutta sono un'ottima idea per i buffet delle feste perché i molti colori, dimensioni, forme e consistenze di questo gustoso e versatile alimento si prestano particolarmente a realizzare diversi tipi di presentazioni, belle da vedere e buone da gustare. Potete lasciare la frutta intera oppure tagliarla, ma se volete davvero stupire i vostri ospiti perché non provate addirittura a intagliarla? Per questo genere di decorazioni potete usare ogni frutto maturo e che non tenda ad annerirsi a contatto con l'aria, e in questo senso i migliori sono l’anguria, i vari tipi di melone, il mango, la papaia, l’ananas e gli agrumi, tenendo presente che di questi ultimi si può intagliare, ovviamente, solo la scorza. Esiste una vera e propria arte dell'intaglio della frutta, ma se non volete cimentarvi in sculture complesse potete sempre dedicarvi a idee di facile realizzazione. Qualche suggerimento?

Innanzitutto vi consigliamo di munirvi di strumenti adatti, ovvero coltelli e coltellini affilati, cucchiai ma anche scalpelli di diverse misure per le incisioni. Se volete potete trarre spunto da qualche immagine che vi ha colpito per provare a realizzare una scultura di frutta, oppure iniziate a sperimentare, partendo dalle cose più semplici. Provate, ad esempio, a ricavare una ciotolina da un’arancia: vi basterà tagliarla in due metà e svuotarle entrambe, prima spremendone il succo, che potrete utilizzare in altro modo, in uno spremiagrumi manuale, e poi raschiando la polpa e i filamenti rimasti con l'aiuto di un cucchiaino: sarà un contenitore perfetto per una salsa al limone d'accompagnamento o per delle olive, ad esempio. Oppure, con l'aiuto di un porzionatore da gelato, ricavate tante palline colorate dalla polpa di meloni, angurie, kiwi o ananas da inserire poi in coni di cialda, avvolti magari in carta colorata, sul tavolo da buffet: ai vostri ospiti sembrerà di mangiare un gelato multicolore! O magari tagliate a fette abbastanza spesse la frutta scelta e ricavate in ognuna, con l'aiuto di coppapasta o formine per biscotti, le forme che preferite, ad esempio delle stelle che potrete infilare sulla punta di un lungo stecco di legno, in cui magari avrete già infilato una serie di lamponi, more, mirtilli o chicchi d'uva, per dar vita a sfiziose bacchette magiche. Spazio alla creatività!

Come tagliare la frutta per la crostata

Come tagliare la frutta per la crostata Se le crostate sono la vostra passione, non potrete restare indifferenti di fronte a una golosa crostata di frutta fresca. Ma come tagliare la frutta per prepararla e utilizzarla nel migliore dei modi in questa tipica ricetta? Affettare e disporre la frutta su una base di pasta frolla è una piccola forma d'arte: la decorazione perfetta, infatti, riuscirà a soddisfare non solo il palato ma anche la vista.

I metodi per disporre la frutta fresca su una crostata sono diversi ma anche personalizzabili, avendo sempre un occhio di riguardo per gli abbinamenti cromatici, le sequenze ritmiche, che dovranno seguire schieramenti il più possibile omogenei, e le forme geometriche, che si ottengono con il taglio. Il nostro consiglio è quello di tagliare a spicchi o a fette uniformi alcuni frutti, come pere, mele e agrumi, e dividerne altri di dimensioni più ridotte, come le prugne o le fragole, semplicemente a metà, lasciando interi i frutti più piccoli come gli acini d'uva, le more o i lamponi. Scegliete frutti di colori diversi, poi lavateli, asciugateli e tagliateli a pezzi come già indicato, disponendoli in ciotole di plastica separate e irrorandoli con il succo di 1 limone.

Dopo la cottura in forno della base di frolla per la crostata, riempitene il fondo con un composto morbido, ad esempio una gustosa crema panna e mascarpone, e disponeteci sopra la frutta tagliata nella composizione che preferite. Terminata questa operazione, lucidate la frutta con della gelatina: per prepararla vi basterà mettere sul fuoco un pentolino con 200 ml d'acqua, 75 g di zucchero e 10 g di amido di mais, mescolando finché non diventerà lucida e densa, poi dovrete farla raffreddare, stenderla sulla frutta con un pennello e infine mettere la crostata in frigorifero.

Come tagliare la frutta esotica

Come tagliare la frutta esotica Se amate la frutta esotica ma vi scoraggia il pensiero che pulirla e tagliarla sia complicato, lasciatevi guidare da questi suggerimenti. Per pulire l'ananas, uno dei frutti tropicali più amati in tutto il mondo, basta togliere la cima con le foglie e poi, appoggiando il frutto prima da una parte e poi dall'altra, rimuovere la buccia coriacea con un coltello, praticando dei tagli che vadano dall'alto verso il basso. Infine, per eliminare le punte marroni rimaste attaccate alla polpa, usate uno spelucchino, incidendole e rimuovendole. Ora non vi resta che tagliare l'ananas prima a metà e poi a fette, togliendo la parte dura centrale.

L'avocado, che può essere utilizzato anche in piatti salati, come delle gustose insalate estive, grazie al suo sapore non eccessivamente dolce, dovrà essere innanzitutto lavato e poi diviso a metà, tenendo conto del grosso seme che ha all'interno: affondate la lama di un coltello non seghettato in alto, dove si trova il picciolo, e quando tocca il seme ruotatela tutta intorno al frutto. Dividete le due metà tagliate e rimuovete il seme dalla polpa, scavando poi fra la buccia e la polpa per staccare quest'ultima e gettare il resto, prima di tagliare l'avocado a tocchetti per le vostre ricette.

Pulire il mango è ancora più semplice: vi basterà lavarlo e tagliarlo a metà per lungo senza eliminare la buccia, poi, con l'aiuto di un coltellino appuntito realizzate dei tagli nella polpa, andando a fondo, prima di premere la buccia per far uscire le punte verso l'esterno. Ora sarà semplicissimo tagliare via i tocchetti di frutto che vi servono.

E che dire delle noci di cocco, questo frutto così delizioso ma coriaceo? Per aprirlo in casa individuate tre cerchietti più chiari posti nella parte alta del cocco, poi con un cacciavite e un martello create un foro al centro. Una volta aperti i fori versate l’acqua di cocco in un contenitore e procedete con l’apertura vera e propria, dando qualche colpo deciso di martello sulla noce, in modo da romperla in più parti. Ora non vi resta che staccare la parte bianca dal guscio usando un coltello o un cucchiaio, per mangiarla così o per realizzare un gustoso latte di cocco.

Come tagliare la frutta a forma di fiore

Come tagliare la frutta a forma di fiore Avete mai pensato, tra i vostri esperimenti in cucina, di dare alla frutta la forma di un fiore? Basta scegliere dei frutti rotondi e avere un pizzico di pazienza. Nel caso della mela dovrete lavarla accuratamente, togliere il torsolo e dividerla in due parti, senza sbucciarla. Con un coltellino intagliate i bordi, fino a ottenere i profili stondati dei petali, poi scavate un piccolo foro al centro, eliminando un cerchio di pochi millimetri di buccia, e delineate le strisce dal cerchio ai bordi per realizzare una bella margherita. Ma potete creare dei fiori belli e gustosi anche con le fette di mela: dopo aver eliminato il torsolo, senza rimuovere un’estremità, tagliate il frutto a fettine sottili avendo cura di farle rimanere tutte unite per un’estremità, poi aprite i petali-fettine e il gioco è fatto!

Se invece volete usare una pera prendete il frutto maturo e capovolgetelo, poi entrate nella polpa con un cucchiaino e spingete fino al torsolo, incidendo per tutto il contorno: il cucchiaino lascerà nella polpa la forma di una mezza luna. Fate in modo che ogni mezza luna incisa coincida con la precedente e otterrete in pochi secondi la forma di un fiore. Più facile a farsi che a dirsi, provare per credere!

Come tagliare la frutta per decorare le torte

Come tagliare la frutta per decorare le torte Tagliare la frutta per decorare una torta, come abbiamo già visto per la crostata, è un procedimento semplice se si rispettano le regole indicate di tagliare in diversi pezzi della stessa grandezza i frutti più grandi, realizzando spicchi sottili per la frutta rotondeggiante, di dividere in due metà quelli di dimensione inferiore e di lasciare interi quelli piccolissimi. Ma come disporre i pezzi di frutta su una torta di compleanno, ad esempio, per dare un tocco di colore alla vostra preparazione? Con una torta rotonda potete ad esempio creare dei cerchi concentrici, alternando tre diverse sequenze di frutta, mentre con un dolce quadrato o rettangolare potete decorare il perimetro dalla base fino al centro, alternando la frutta a piacere e magari creando qua e là effetti visivi piacevoli, come dei fiori ai quattro angoli della torta, che potrete realizzare utilizzando degli spicchi di pesca per i petali e una ciliegia per il centro del fiore.

Ricordate di partire sempre dal perimetro esterno per la decorazione: componete una fila regolare per ciascun tipo di frutto e, se volete create una scala di tonalità cromatiche, dalla più scura alla più chiara, cercate di sistemare le porzioni più grandi di frutta, come gli spicchi di mela o pera, verso l'esterno e quelle più piccole, come le ciliegie o i chicchi d'uva, al centro, ma anche di dare a ogni schieramento la stessa forma della base della torta. Ricoprite con la gelatina e servite il vostro squisito dessert: successo assicurato per grandi e piccini*!

*sopra i 3 anni

Come tagliare la frutta per i cocktail

Come tagliare la frutta per i cocktail La frutta fresca è spesso un'ottima scelta per decorare cocktail e punch alla frutta, e alcuni di loro non sarebbero così buoni, forse, senza la giusta decorazione fruttata. Cosa sarebbe, ad esempio, un drink al sapore agrumato senza una fetta di arancia tagliata non troppo sottilmente insieme alla sua buccia e infilata sul bordo del bicchiere? Le fragole, poi, costituiscono una piacevole combinazione di colore e sapore: potete infilarle intere sul bordo del bicchiere o tagliate a metà su uno stuzzicadenti, mentre ananas, melone, anguria, mango o banana, tagliati a cubetti o nelle forme che preferite e che potrete facilmente realizzare premendo delle formine per biscotti sulle fette di frutta, arricchiranno i vostri cocktail con gusto e allegria. Ancora più facile con le ciliegie o i frutti di bosco, che possono semplicemente essere infilate sul bordo del bicchiere, su uno stuzzicadenti o addirittura immerse nelle bevute.

E se volete spingervi oltre con i trucchi della decorazione dei drink, magari per stupire i vostri amici durante degli aperitivi sfiziosi, provate a tagliare spirali di scorze di limone, arancia, pompelmo o lime direttamente dal frutto intero: utilizzate un apposito coltellino con lama sagomata o un coltello ben affilato, poi cominciate a recidere la buccia dell'agrume scelto girandolo nella mano lentamente e con attenzione, non limitandovi a tagliare solo la parte superficiale della scorza per non ottenere una spirale troppo fragile. Quando avrete ottenuto una striscia sufficientemente lunga, avvolgetela attorno a una cannuccia per arricciarla e infine appendetela sull'orlo del bicchiere.

Come tagliare la frutta per la sangria

Come tagliare la frutta per la sangria Tutti conoscono la sangria, il delizioso cocktail spagnolo a base di vino, liquori e frutta a pezzi, servito freddo e preparato con anticipo affinché tutti i sapori abbiano il tempo di amalgamarsi, ma come si taglia la frutta per prepararla? La ricetta base della sangria prevede l'utilizzo di pesche, mele, arancia e limone, oltre a una piccola quantità di succo di arancia, ma esistono molte varianti in cui possono essere utilizzati anche altri tipi di frutta, come le fragole o i frutti di bosco.