Come cucinare senza forno

Galbani
Galbani
Come cucinare senza forno
È possibile cucinare senza forno pizze, focacce, torte salate, lasagne e dolci? Ebbene sì! Noi vi aiuteremo a farlo svelandovi tutti i trucchi e dandovi consigli e idee anche quando la ricetta tipica prevede la cottura al forno. Pensate per esempio alla pizza e alle lasagne: sembrerebbe impossibile cucinarle senza forno, non è così? E invece saranno deliziose anche in padella. Il gusto e il profumo verranno comunque preservati anche seguendo metodi di cottura diversi e inoltre in estate queste tecniche alternative sono tra le più ricercate, dato che nelle giornate calde accendere il forno non è proprio l'ideale. Pronti a iniziare?

Come cucinare lasagne senza forno

Come cucinare lasagne senza forno Tra i primi piatti al forno più amati ci sono sicuramente le lasagne al ragù con besciamella e mozzarella filante o verdure. Questa ricetta non solo può rientrare tra i piatti unici, ma può anche trasformarsi in una preparazione facile da fare ai fornelli, diminuendo persino i tempi di cottura.

Prendete un tegame abbastanza capiente e procuratevi tutti gli ingredienti per realizzare delle lasagne al pomodoro, melanzane e zucchine: 300 g di sfoglia in fogli; 600 g di pomodori pelati; 2 zucchine; 1 melanzana; 1 spicchio d'aglio; 1 mozzarella; 1 cucchiaio di formaggio grattugiato; sale e olio extravergine d'oliva q.b.

Iniziate facendo rosolare l'aglio in una padella con un filo d'olio e poi versate i pomodori pelati, fate cuocere per 10 minuti e salate. In un'altra padella cuocete per 15 minuti le zucchine lavate e tagliate a rondelle e la melanzana ridotta a cubetti, con 2 cucchiai di olio e un pizzico di sale. Versate 2 cucchiai di sugo di pomodoro in un tegame, che serviranno come base delle lasagne, disponete sopra uno strato di sfoglia e distribuite ancora un po' di sugo al pomodoro e un po' di melanzane e zucchine. Continuate fino a esaurimento degli ingredienti e, infine, cospargete con fette di mozzarella e il formaggio grattugiato. Lungo i bordi del tegame, versate un po' di acqua, poi coprite con un coperchio e cuocete a fuoco basso per 45 minuti.

Come cucinare una pizza senza forno

Come cucinare una pizza senza forno Soprattutto nella stagione estiva, quando la temperatura esterna è alta e il caldo si fa sentire, accendere il forno può diventare un problema visto che la cucina rischia di surriscaldarsi ancora di più. Ma se avete voglia di pizza perché non provate a cuocerla in padella? Tra le pizze più veloci e più amate si trova la margherita, da cuocere con olio extravergine d'oliva, pomodoro e mozzarella.

In una scodella fate sciogliere un panetto di lievito di birra in 300 ml circa di acqua tiepida. Aggiungete 500 g di farina e preparate l'impasto, che dovrà risultare liscio, morbido ed elastico. Un trucco per una lievitazione ottimale: meglio non mettere un pizzico di sale a contatto con il lievito. Coprite l'impasto con un tovagliolo e lasciatelo lievitare per almeno 2 ore in un ambiente temperato, lontano da correnti d'aria. Quando il volume dell'impasto sarà raddoppiato, stendete una base sottile di forma ovale e mettetela in una padella ben oliata. Mettete la pizza sul fuoco, coprite con il coperchio e cuocete finché il fondo non risulterà dorato. A questo punto giratela dall'altra parte e versate sulla pizza 3 cucchiai di pomodori pelati insaporiti con un pizzico di sale, origano e un filo d'olio extravergine d'oliva. Dopo 10 minuti unite anche 1 mozzarella tagliata a fette sottili, quindi lasciate la pizza sui fornelli finché il formaggio non si sarà sciolto. Buon appetito!

Come cucinare il pesce senza forno

Come cucinare il pesce senza forno Orate, spigole, frutti di mare, crostacei e altri tipi di pesce possono essere cotti tranquillamente in una pentola antiaderente, senza il calore del forno. Ad esempio, l'orata, da cucinare al cartoccio con il limone, anche in padella sprigiona un buon profumo invitante e ottiene un sapore squisito.

Per 4 persone serviranno le seguenti quantità: 3 orate da 320 g; 2 limoni; 1 mazzetto di prezzemolo; 4 spicchi d'aglio; sale e pepe q.b.

Il procedimento è semplice e richiede solo un po' di attenzione nella pulizia del pesce. Per prima cosa, dunque, lavatelo e squamatelo con la lama di un coltello, quindi fate un taglio sul ventre ed eliminate le interiora. Sciacquatelo di nuovo sotto l'acqua corrente e tamponatelo con carta assorbente da cucina. Affettate i limoni, sbucciate anche l’aglio e lavate il prezzemolo. Prendete un foglio di carta di alluminio, adagiate un'orata farcendola con delle fette di limone, qualche spicchio d'aglio e del prezzemolo e aggiustate di sale e di pepe. Sigillate il cartoccio e ripetete la stessa operazione con le altre orate. Mettete i cartocci in una pentola antiaderente con il coperchio e fate cuocere per circa 20 minuti.

Un'altra versione di cottura al cartoccio del pesce prevede l'utilizzo di una bistecchiera. Dopo aver realizzato il cartoccio con dentro il pesce intero o a pezzi e i vari aromi, scaldate bene la bistecchiera, disponetevi il cartoccio e cuocete 15 minuti circa, rigirandolo poi dall'altra parte. Servite il pesce al cartoccio direttamente in tavola con dei contorni a piacere, come delle ottime patate in padella croccanti.

Come cucinare le patate senza forno

Come cucinare le patate senza forno Chi l'ha detto che le patate arrosto si possono fare solo al forno? Questo contorno, che accompagna solitamente gli arrosti di carne, si può cuocere anche in padella con del rosmarino. Sbucciate quindi 4 patate e tagliatele a pezzetti. Oliate poi una padella con 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva e fate dorare 1 scalogno affettato finemente. Aggiungete i pezzetti di patate e fatele rosolare per circa 15 minuti con 1 rametto di rosmarino, girandole ogni tanto con un cucchiaio di legno. Chiudete con il coperchio e continuate la cottura per altri 5 minuti. Prima di spegnere il fuoco accertatevi con una forchetta che siano cotte: se i rebbi entrano facilmente vuol dire che sono pronte.

Ma un'ottima ricetta che non prevede l'utilizzo del forno è anche quella delle patate al burro. Prendete 4 patate, lavatele, sbucciatele e tagliatele a pezzetti. Dopodiché sbollentatele per circa 10 minuti in una pentola con acqua salata, scolatele e trasferitele in una padella con 40 g di burro. Mescolate i due ingredienti e regolate di sale e di pepe. A questo punto lasciate cuocere a fiamma dolce per 15 minuti e unite un trito di aghi di rosmarino. Continuate la cottura per altri 5 minuti, saltando le patate in padella e servite calde.

Come cucinare la pasta sfoglia senza forno

Come cucinare la pasta sfoglia senza forno Che ne dite di preparare dei fagottini o una torta salata da cuocere in padella anziché al forno per un antipasto sfizioso? Se preferite questa ricetta può andar bene anche tra i secondi piatti da preparare all'ultimo momento per una cena con amici.

Ecco dosi e ingredienti: 2 rotoli di pasta sfoglia a forma rotonda; 150 g di scamorza affumicata; 1 uovo; 50 ml di panna; 100 g di prosciutto cotto; un pizzico di sale; un pizzico di pepe.

Mettete la scamorza e il prosciutto cotto tagliati a pezzettini in una ciotola. Sbattete 1 uovo con la panna e un pizzico di sale e di pepe. In una padella antiaderente, di circa 26 cm di diametro, stendete un rotolo di pasta sfoglia e farcitelo con il composto di uova, panna, prosciutto cotto e scamorza. Chiudete la torta salata con l’altro rotolo di pasta sfoglia e sigillate bene i bordi schiacciandoli con i rebbi di una forchetta. Cuocete la torta salata in padella per 10 minuti circa per lato, girandola con l'aiuto di un coperchio. Durante la cottura alzatela con un coltello per verificare la doratura, dopodiché toglietela dal fuoco e lasciatela riposare per 5 minuti prima di tagliarla e portarla in tavola.

Preparando la pasta sfoglia in padella potete sbizzarrirvi con la farcitura aggiungendo gli ingredienti che più vi piacciono! Un'idea? Provate con 150 g di salamino piccante fatto a pezzettini e 150 g di ricotta da rendere cremosa con una frusta. Chiudete bene i due dischi di pasta sfoglia farciti e fateli cuocere in padella con la carta da forno come base. Coprite con un coperchio e cuocete a fiamma bassa per 15 minuti, capovolgendo la torta salata una sola volta. Giunti quasi a fine cottura, bucherellate la superficie con una forchetta ed ecco fatto!

Come cucinare i dolci senza forno

Come cucinare i dolci senza forno Una lista di dolcetti, mousse, semifreddi e dessert al cucchiaio da realizzare senza l'utilizzo del forno vi attende! Dai dolce freddi a base di frutta e yogurt ai bicchierini con crema di caffé, i dolci da degustare al cucchiaio sono veramente numerosi e anche veloci da preparare. Qualche esempio? L'intramontabile tiramisù e la cheesecake senza cottura, con una base di biscotti secchi triturati e decorata sia alla gelatina di fragole o di more che con altri tipi di frutta sono solo due dei tanti dolci da preparare senza l'utilizzo del forno. E ancora potrete scegliere tra lo zabaione con le uova e il Marsala e il salame al cioccolato bianco con burro e biscotti, arrotolato con carta stagnola e amato da tutti, sia grandi che piccini*. Sulla stessa linea di preparazione ci sono poi le barrette di riso soffiato fatte in casa e i dolcetti con cuore morbido di cioccolato e cocco.

Come dessert estivo senza cottura potrete realizzare invece il sorbetto e la granita. Provate, ad esempio, il sorbetto alle mele e limone. Ecco come fare: lavate e sbucciate 1 mela verde, tagliatela a pezzetti e spremete il succo di ½ limone. Versate i due ingredienti in una ciotola, aggiungete 70 g di zucchero e allungate con 300 ml di acqua. Dopodiché frullate tutto fino a ottenere una consistenza cremosa, riponete il composto nel congelatore per almeno 1 ora e infine gustate il vostro goloso sorbetto.

*sopra i 3 anni

Come cucinare una torta senza forno

Come cucinare una torta senza forno Soffici torte da mangiare per colazione o per merenda sono preparate anche senza accendere il forno. Tra queste la torta con ricotta e cioccolato, una vera delizia.

Per realizzarla vi occorrono: 3 uova; 160 g di zucchero; 210 g di farina; 120 g di cioccolato fondente; 260 g di ricotta; 1 bustina di lievito; 30 g di scorza di limone; ½ bicchiere di latte; zucchero a velo per decorare.

Con una frusta montate le uova con lo zucchero e la scorza di limone; poi incorporate il cioccolato, fatto sciogliere a bagnomaria, e la ricotta. Mescolate e unite anche la farina, la bustina di lievito e il latte. A questo punto amalgamate tutti gli ingredienti fino a ottenere un composto cremoso e omogeneo, imburrate una padella e versate il composto. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere la torta a fiamma bassa per 30 minuti. Scoperchiate, girate il dolce dall’altra parte e fate cuocere per altri 10 minuti a fiamma alta, stando attenti però che non si bruci. Spegnete il gas, fate raffreddare la torta e spolverizzatela con lo zucchero a velo.

Da cuocere in padella, o meglio, da friggere, sono le deliziose zeppole preparate per San Giuseppe: ciambelle farcite con crema pasticcera e amarene, di origini campane. Per realizzarle anche a casa vostra, cominciate dalla crema pasticcera, per cui vi serviranno: 2 tuorli; 20 g di farina; 70 g di zucchero; 250 ml di latte; ½ bustina di vanillina.

Per prima cosa aromatizzate il latte con la vanillina e mettetelo a scaldare in un pentolino fino a sfiorare il bollore. Nel frattempo, in una ciotola, sbattete i tuorli con lo zucchero e aggiungete la farina setacciata. Poi, unite il latte un po' alla volta continuando a mescolare, versate il composto nel pentolino e lasciate cuocere a fuoco dolce finché la crema non si sarà addensata, mescolando sempre con la frusta.

Mentre questa si raffredda, preparate l'impasto delle zeppole. In un tegame versate 300 ml di acqua, 100 g di burro a pezzetti e un pizzico di sale. Accendete il fuoco e mescolate per far sciogliere il burro. Quando l'acqua inizierà a bollire, versate lentamente 200 g di farina e continuate a mescolare energicamente perché non si formino grumi. Appena il composto si stacca dal tegame, spegnete il fuoco e versatelo in una ciotola. A parte, sbattete 3 uova intere e 1 tuorlo e unitele al composto nella ciotola. Mescolate con un cucchiaio di legno fino a ottenere una consistenza liscia e cremosa e inserite l'impasto in un sac-à-poche. Su un foglio di carta forno formate le zeppole dando la tipica forma arrotondata, distanziatele l'una dall'altra e poi friggetele per 5 minuti in un tegame con abbondante olio di semi caldo, facendole dorare da entrambi le parti. Scolatele con una schiumarola e adagiatele su un piatto coperto di carta assorbente. Sempre con il sac-à-poche farcite le zeppole con crema pasticcera e amarene, una per zeppola.