Salsa rubra

Ricetta creata da Galbani
Vota
Media0

Presentazione

La salsa rubra è un condimento agrodolce che, specie in Piemonte, viene utilizzato per condire e accompagnare il noto bollito misto alla piemontese, fatto con più di dieci tagli di carne diversa.

La salsa rubra affonda le sue origini nel XVII secolo, quando fu importata dalle Americhe dai mercanti inglesi e olandesi, ma non ancora preparata con gli ingredienti odierni. Mancava ancora il pomodoro, che fu aggiunto successivamente. La nuova versione si diffuse nel Vecchio Continente agli inizi del ventesimo secolo. In pratica, si tratta dell'antenata del ketchup come lo conosciamo oggi, anche se prevede l'utilizzo di peperoni, cipolle, sedano e carote.

Potete conservare la salsa rubra in frigorifero per qualche giorno prima di utilizzarla, oppure metterla in barattoli di vetro a chiusura ermetica (quelli che vengono utilizzati per le conserve) per conservarla ancora più a lungo. Vediamo insieme come si prepara.


Facile
4
90 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 8 pomodori maturi
  2. 1 carota
  3. 1/2 peperone rosso
  4. 1 cucchiaino di zucchero
  5. 2 spicchi d'aglio
  6. 1 gambo di sedano
  7. peperoncino in polvere q.b.
  8. 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  9. 1 cipolla
  10. 4-5 foglie di basilico fresco
  11. aceto di vino rosso q.b.

Preparazione

Lavate e pulite, anche internamente, il peperone. Tagliatelo a dadini e mettetelo da parte.

In una casseruola fate bollire l'acqua; poi, sbollentate i pomodori, scolateli, spellateli ed eliminate anche i semi interni. Tagliate anch'essi a dadini mettete da parte.

Preparate un soffritto con qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva, sedano, cipolla e carota tritati. Lasciate dorare il tutto a fiamma moderata per 10 minuti, aggiungendo una manciata di peperoncino in polvere.

A questo punto unite i peperoni (tenetene da parte una manciata per decorare la salsa rubra), i pomodori, il basilico tritato, l'aceto, il sale e lo zucchero.

Lasciate cuocere a fuoco basso fino al raggiungimento della densità desiderata, dopodiché frullate con un mixer.

Aggiustate la salsa rubra con un filo di olio extravergine di oliva e il sale, se necessario. Guarnitela con i peperoni a dadini prima di servire.

Se amate il sapore piccante, aggiungete tra gli aromi anche un pizzico di peperoncino in polvere.

Potete gustarla sia su carni diverse, sia con le patatine o, in alternativa, potete servirla con gli antipasti su crostini di pane ai cereali.

Curiosità

La salsa rubra, in realtà, è di origine orientale: si trattava di una salsa a base di acciughe, accompagnate da spezie quali noce moscata e chiodi di garofano; solo secoli dopo la ricetta di questa salsa arrivò negli Stati Uniti e la sua rivisitazione, dal gusto più dolce, diede vita al noto ketchup. Importata poi in Italia, la salsa fu chiamata "rubra" per volere di Mussolini, che non sopportava i vocaboli stranieri.

Solitamente la salsa rubra, chiamata anche bagnet ross, viene utilizzata per accompagnare il gran bollito misto alla piemontese.

Questo piatto viene realizzato con sette diversi tipi di tagli di manzo, che vanno cotti nella stessa pentola, sette tagli di carne che vanno cotti in pentole separate, sette bagnet (ovvero salse) e quattro contorni diversi.

Fra le salse trovate: la salsa rossa o rubra, il bagnet verde (realizzata principalmente con prezzemolo, aglio e acciughe e che compare anche tra i condimenti delle patate), la senape e la cognà, altra specialità piemontese, dal sapore dolce che le viene dato dalla cannella.