Come cucinare con la frutta secca

Galbani
Galbani
Come cucinare con la frutta secca
Siete curiosi di scoprire come utilizzare al meglio la frutta secca in cucina? Potrete realizzare tantissimi spuntini e pietanze dolci e salate con noci, pistacchi, pinoli, nocciole, mandorle ma anche con frutta essiccata come datteri, fichi, bacche, albicocche, mele, arance e tanto altro.

Ecco a voi una selezione di idee golose e di ricette sfiziose per portare in tavola primi piatti, secondi, contorni e dessert dal sapore irresistibile e dal profumo speciale, tipici della frutta secca. Siete pronti?

Come preparare la frutta secca

Come preparare la frutta secca Per chi ha tempo e vuol divertirsi a preparare la frutta secca direttamente a casa propria, può farlo seguendo i nostri consigli. L'essiccazione della frutta avviene sia all'aria aperta, sotto la luce del sole, che in forno. È possibile essiccare tanti tipi di frutta diversi: mele, pere, fragole, ananas, ciliegie, albicocche, datteri, prugne, fichi, pere, frutti di bosco, banane, arance, uva e cocco. Questi dovranno aver raggiunto il giusto grado di maturazione, quindi non dovranno essere né troppo acerbi né troppo maturi. Prima di procedere all'essiccazione, la frutta deve essere lavata e asciugata per bene.

Dopodiché va affettata finemente e adagiata su un supporto a seconda di come viene essiccata, ma per evitare che si indurisca troppo, immergetela per poco tempo in acqua e succo di limone prima di esporla all'essiccazione. Frutti piccoli come le more, le fragoline e altri frutti di bosco rimarranno, al contrario, interi e verranno sbollentati in acqua per 1 minuto.

Se decidete di seccare la frutta al sole durante la stagione calda, è necessario disporre le fettine di frutta su una griglia, coperte da una rete o da una zanzariera, al riparo da eventuali insetti, e riposte in un luogo ventilato e non umido. La temperatura ottimale esterna si deve aggirare sui 30° con un tasso di umidità inferiore alla metà e, in caso di mal tempo, è bene trasferire i frutti al coperto. Il tempo necessario per essiccare la frutta con questa tecnica è di circa quattro giorni.

In alternativa, la frutta può essere essiccata tutto l'anno anche in forno a una temperatura compresa tra i 40° e i 60° e per un periodo di tempo che va dalle 4 alle 12 ore, a seconda dello spessore e della tipologia della frutta. Per far sì che non bruci, assicuratevi che ci sia una corretta ventilazione in forno. In commercio esistono prodotti e utensili studiati per l'essiccatura, come appunto l'essiccatore. Una volta essiccata, potrete consumarla nei dolci, nelle coppe di gelato o come snack spezzafame.

Come cucinare con la frutta secca

Come cucinare con la frutta secca Oltre a quella essiccata, fanno parte della frutta secca anche arachidi e anacardi, imbattibili nell'aperitivo, nocciole, semi, pinoli, noci, mandorle e pistacchi. Sono tutti ingredienti che si prestano a essere utilizzati in numerose ricette, sia dolci che salate, e in piatti unici raffinati. Riempiono la tavola soprattutto nei giorni di festa e possono essere consumati a fine pasto o anche a inizio pasto come finger food.

Sono numerose le idee per presentare e utilizzare la frutta secca. Ad esempio potete gustarla nei dolci, a partire da quelli natalizi tra i quali dominano il torrone, il panforte e i ricciarelli oppure un delizioso e facile croccante alle mandorle al quale potrete aggiungere anche un po' di miele per ottenere il massimo della bontà.

Con la frutta secca potete sperimentare sempre nuovi accostamenti, dai sughi alle salse fino alle pizze e alle torte salate. Inoltre è ottima come antipasto o da abbinare a carne, pesce e insalate da presentare come contorno o come piatto unico. Insomma quando si parla di frutta secca in cucina si parla di versatilità e varietà.

Prendete, ad esempio, i pistacchi: con questi potete cucinare sia pasta che crêpes , arancini, pizza al pistacchio, flan, muffin, creme, semifreddo al pistacchio e mousse. La stessa cosa vale anche per i pinoli, con cui potete preparare il pesto ma anche il pesce spada con i pomodorini o la pinolata, un dolce semplice e morbido adatto per colazione e per merenda. Anche con le mandorle avrete la possibilità di dare sfogo alla fantasia e realizzare ad esempio dei veloci pezzetti di pollo alle spezie dai tanti sapori. Poi ci sono le noci, che di certo fanno la loro parte se si desidera portare in tavola un piatto pieno di gusto. Con le noci si preparano infatti sia la pasta con noci e Gorgonzola D.O.P. che il risotto, i vol-au-vent ripieni di formaggi, le creme, i muffin, la ciambella noci e cioccolato e le crostate.

Per concludere, la frutta essiccata insieme a latte e cereali forma un ottimo mix per una colazione davvero golosa. Come avete visto, con la frutta secca non avrete quindi che l'imbarazzo della scelta nella preparazione delle ricette.

Ricette salate con la frutta secca

Ricette salate con la frutta secca Partiamo subito con un facile e delizioso contorno che può diventare anche un piatto unico gradito soprattutto da chi ama particolarmente le verdure: i carciofi ripieni con mandorle e nocciole.

Ecco le dosi per 4 persone: 4 carciofi; 20 g di nocciole; 20 g di mandorle; 1 cipolla; 2 cucchiai di pangrattato; un ciuffo di prezzemolo; olio extravergine d’oliva q.b.; un pizzico di sale; un pizzico di pepe; il succo di 1 limone.

Pulite per prima cosa i carciofi, eliminando il gambo e la peluria centrale facendo attenzione a non romperli, quindi immergeteli in una ciotola con il succo di 1 limone. Sbollentateli poi in acqua bollente salata per 10 minuti e scolateli. Nel frattempo, in una padella, rosolate la cipolla affettata sottilmente in poco olio. Triturate con il mixer la frutta secca e il prezzemolo, uniteli alla cipolla e aggiungete il pangrattato, un altro po' d'olio, il sale e il pepe. Con il composto farcite i carciofi e poneteli in una teglia oliata con un filo d'olio. Infine, cuoceteli in forno a 180° per 30 minuti e servite.

Con la frutta secca potete preparare anche un risotto al radicchio trevigiano e prosciutto crudo, mantecato con un formaggio cremoso che darà ancora più sapore.

Per questa ricetta vi occorrono: 300 g di riso Carnaroli; un cespo di radicchio rosso trevigiano; 1 scalogno; 12 noci; 100 g di prosciutto crudo; 80 g di formaggio cremoso; olio extravergine d'oliva q.b.; 200 ml di vino bianco; 1 l di brodo vegetale; sale q.b.; pepe q.b.

Pulite il radicchio, tagliatelo a listarelle e lavatelo, mettendolo poi a scolare. Tritate finemente lo scalogno, rosolatelo in una casseruola con un filo d'olio e versate il riso per farlo tostare, quindi sfumate con il vino bianco e unite il radicchio. Allungate con il brodo vegetale, proseguite la cottura per 18 minuti a fuoco dolce e aggiustate di sale e di pepe. Spegnete il fuoco, aggiungete il formaggio cremoso e le noci tritate grossolanamente e lasciate mantecare per qualche minuto. Infine, guarnite con il prosciutto crudo tagliato a listarelle e tostato per 3 minuti in una padella antiaderente e servite. Buon appetito!

Ricette dolci con la frutta secca

Ricette dolci con la frutta secca Con la frutta secca potete preparare dei friabili biscotti con mandorle, nocciole, mirtilli secchi e gocce di cioccolato fondente all'aroma di caffè.

Ecco dosi e ingredienti: 250 g di farina; 30 g di zucchero; 1 uovo; 80 g di burro; 30 g di mandorle; 30 g di nocciole; 15 g di mirtilli essiccati; 30 g di gocce di cioccolato fondente; 1 tazzina di caffè ristretto; un pizzico di bicarbonato; un pizzico di sale.

Preparate subito il caffè con la moka e tritate grossolanamente le mandorle e le nocciole. Dedicatevi ora alla pasta frolla, impastando la farina, il burro precedentemente ammorbidito, l'uovo, lo zucchero, il sale, il bicarbonato, la frutta secca tritata, i mirtilli interi e le gocce di cioccolato. Versate anche una tazzina di caffè e amalgamate tutto l'impasto, lavorandolo molto bene per ottenere un panetto omogeneo. Copritelo con una pellicola e fatelo riposare per 40 minuti. Trascorso il tempo di riposo, staccate dei pezzetti di impasto e modellateli a forma di palline. Sistemate i biscotti in una teglia ricoperta con carta da forno e fate cuocere in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti.

Come cucinare con la frutta secca esotica

Come cucinare con la frutta secca esotica Ananas, banana, cocco, mango, papaia, datteri e bacche rosse, sono tutti frutti esotici che potete usare come spuntino o che potete aggiungere allo yogurt oppure nei frullati, nelle torte e nei dolci al cucchiaio. Potete trovarli anche nelle ricette salate, dove infatti accompagnano, in special modo, insalate, carni bianche e formaggi.

Con il mango essiccato e i ravanelli si prepara un'ottima insalata estiva. Per realizzare questa insalatona, vi servono: un cespo di radicchio; 1 peperone rosso; 1 peperone giallo; 100 g di mango essiccato; 1 cipollotto; 2 carote; 4 ravanelli; olio extravergine d'oliva; sale q.b.; pepe q.b.

Lavate i peperoni, privateli dei semi e del picciolo e tagliateli a listarelle. Tagliate a julienne le carote, affettate finemente il cipollotto e tagliate a rondelle i ravanelli. Lavate anche il radicchio e lasciatelo scolare bene. A questo punto preparate un'emulsione con olio, sale e pepe e tagliuzzate anche il mango. In un'insalatiera mettete tutte le verdure e il mango e condite con l'emulsione. Lasciate insaporire per 15 minuti e servite.

Con la frutta esotica, come datteri e bacche di goji, si realizza una golosa torta farcita con crema di nocciole e cocco. Innanzitutto mettete in ammollo in acqua fredda per 10 minuti 30 bacche di goji e 5 datteri tagliati a rondelle. In una ciotola setacciate 250 g di farina con ½ bustina di lievito per dolci e unite 2 uova, 180 g di zucchero e 200 ml di latte, formando un composto morbido e denso. Prendete adesso due parti della frutta secca scolata e uniteli all'impasto. Ricoprite il fondo di una tortiera con della carta da forno e versatevi il composto. Prima della cottura, cospargete la superficie del dolce con la parte di frutta secca tenuta da parte, quindi infornate per circa 40 minuti a 180°. Spegnete il forno e fate raffreddare la torta, dividetela poi a metà e farcitela con 200 g di crema di nocciole e 80 g di cocco essiccato. Riponetela in frigorifero per 1 ora e, infine, servitela con una spolverizzata di zucchero a velo.

Il castagnaccio toscano

Il castagnaccio toscano Un dolce che fa parte della cucina povera autunnale toscana è il castagnaccio, una specie di torta rustica a base di farina di castagne e rosmarino. Non necessita né di uova né di burro ma soltanto di questi pochi ingredienti. Con il tempo la ricetta si è arricchita anche con uvetta, pinoli e noci e noi così la prepareremo.

Lasciate in ammollo 70 g di uvetta per 5 minuti in una ciotola piena d'acqua fredda. Intanto, con un coltello o con l'aiuto del mixer, tritate grossolanamente 80 g di gherigli di noci. In una scodella setacciate 400 g di farina di castagne e unite 4 cucchiai di zucchero di canna. Dopodiché, poco alla volta, aggiungete 550 ml di acqua, girando continuamente con una frusta finché non otterrete un composto senza grumi. Unite le noci tritate, l'uvetta, 60 g di pinoli e un pizzico di sale. Amalgamate tutti gli ingredienti, quindi prendete una teglia, oliatela, versate l'impasto e, con una spatola, livellatelo. A questo punto cospargete il castagnaccio con altri 30 g di pinoli e gli aghi di un rametto di rosmarino precedentemente lavati e asciugati con carta assorbente. Irrorate il dolce con 30 ml di olio extravergine d'oliva e mettetelo in forno preriscaldato a 200° per 30 minuti. Capirete che è pronto quando in superficie si formerà una crosta attraversata da crepe. Sfornate quindi il castagnaccio e lasciatelo raffreddare prima di assaggiarlo. Buon appetito!