Santa LuciaPresenta

Rustichella con mozzarella di bufala

Ricetta creata da Galbani
Rustichella con mozzarella di bufala
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Se non avete idee per preparare e una cena gustosa e allo stesso tempo dal sapore rustico vi proponiamo oggi una buonissima rustichella con mozzarella di bufala, davvero deliziosa! Infatti, cosa c'è di meglio di una torta salata farcita quando si ha poco tempo? Si tratta anche di una perfetta ricetta svuota frigo! Inoltre, l'impasto per realizzare questa deliziosa torta salata è davvero semplice e veloce, in pochi minuti otterrete una rustichella davvero soffice e molto gustosa.

Ovviamente potete decidere voi il ripieno che fa al caso vostro, oggi però vi proponiamo una combinazione davvero buonissima: unite delle gustose cime di rapa stufate, dei pomodori secchi sott'olio con l'avvolgente gusto dellaBufalina Santa Lucia. Questo ripieno è davvero molto saporito e bilanciato, la sapidità dei pomodori secchi si sposa perfettamente con il gusto morbido della bufalina, ideale per arricchire un condimento. Inoltre, questa è anche una ricetta perfetta per chi preferisce un'alternativa vegetariana.

La realizzazione dell'impasto è davvero molto semplice e adatta anche ai meno esperti in cucina, seguite il procedimento e otterrete un'ottima rustichella, perfetta per chi non ha molto tempo ma non vuole rinunciare al gusto. Se volete potete utilizzare per questa ricetta anche del lievito istantaneo, potrete così diminuire notevolmente i tempi di lievitazione, e preparare la vostra rustichella in pochi minuti.

Una soluzione ancora più pratica è quella di utilizzare un impasto già pronto, per questo genere di torte salate è perfetta anche la pasta brisé. Se non vedete l'ora di mettervi in cucina, non vi resta che mettere insieme tutti gli ingredienti e seguire i nostri consigli. Conquisterete il palato di tutti i vostri commensali!

Facile
4
70 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

Per l’impasto:

  • 400 g farina tipo 1 (o farina 00)
  • 250 ml acqua
  • 20 ml olio di oliva
  • 10 g sale fino

Per farcire:

  • 200 g cime di rapa
  • 8 pomodori secchi sott’olio
  • 350 g Bufalina Santa Lucia
  • 1 spicchio aglio
  • q.b. olio di oliva
  • q.b. sale fino
  • q.b. origano secco

Preparazione

Partendo dall'impasto e terminando con il ripieno, ecco il procedimento per realizzare una rustichella davvero deliziosa, è facilissimo!

01

Prima di tutto iniziate con l'impasto. In una ciotola unite l'acqua e la farina, l'olio evo e il sale. Impastate tutto finché non avrete formato un panetto liscio e omogeneo. Avvolgetelo in una pellicola trasparente e mettetelo a riposare per 20 min.

02

Nel frattempo, pulite le cime di rapa, lavatele e preparate un soffritto di aglio in una padella. Inserite le cime di rapa e cuocetele finché non si saranno ammorbidite. Aggiungete anche un pizzico di sale per renderle ancor più saporite.

03

Ora riprendete il panetto e dividetelo in due parti. Stendete entrambe le parti con il mattarello, finché non otterrete due dischi di pasta sottile.

04

Poi, adagiate il primo disco su una teglia ricoperta con carta da forno. Inserite il ripieno, le cime di rapa, i pomodorini secchi tagliati a pezzettini e delle fette di Bufalina. Ora ricoprite il tutto con l'altro disco di pasta e sigillate bene.

05

Sulla superficie della vostra rustichella cospargete un po' di origano e del sale.

06

Cuocete tutto in forno statico a 200° per circa 30 min, finché la vostra torta non risulterà bella dorata. La vostra rustichella è pronta per essere assaggiata!

Varianti

Cosa c'è di più semplice che preparare una deliziosa torta salata? Che si tratti di una cena, un aperitivo o un pranzo al sacco la torta salata fa sempre la sua bella figura: è scenografica e davvero prelibata. La particolarità di questo tipo di ricetta locale è che potete davvero sbizzarrirvi con i ripieni, noi vi abbiamo proposto uno squisito ripieno con Bufalina, cime di rapa e pomodori secchi, ma voi potete davvero liberare la fantasia e divertirvi, trovando sempre nuovi abbinamenti.

Ecco alcune alternative gustose da cui prendere spunto. La rustichella con salame e provola, deliziosa e perfetta se amate i sapori intensi! Preferite invece una rustichella dal sapore delicato che possa piacere anche ai bambini*? Provate la rustichella con prosciutto cotto e galbanino, buonissima, un classico che piacerà davvero a tutti!
 

Se invece volete rimanere sulla ricetta di base ma siete sprovvisti delle cime di rapa, vi consigliamo di sostituirle con delle zucchine, che si sposeranno perfettamente con questa gustosa ricetta. Le alternative sono davvero infinite e dipendono solo dai vostri gusti. Volete dare un gusto più intenso al vostro ripieno? Allora non vi resta che aggiungere del formaggio grattugiato come il pecorino per un risultato ancora più invitante!

Se invece amate i colori intensi e le ricette gourmet, perché non provate ad aggiungere un cucchiaio di curcuma nell'impasto della rustichella? Oltre a diventare di un bel giallo intenso, sarà perfetto per decorare la vostra tavola imbandita!

Preferite un'alternativa senza glutine? Potete realizzare l'impasto della rustichella con farine diverse: farina di riso, farina di mais, etc. Provate ad abbinare la rustichella anche a pesce come il salmone affumicato o il tonno, otterrete delle deliziose varianti!

*sopra i tre anni

Consigli

La rustichella è una torta salata davvero molto semplice da preparare, il suo impasto è elastico e non richiede molto tempo di preparazione, non ha bisogno di tempo per lievitare e si prepara davvero in un batter d'occhio. Questa torta salata è perfetta sia appena sfornata ma anche una volta raffreddata, è ottima da utilizzare per arricchire un buffet oppure un aperitivo in casa tra amici. Inoltre, le torte salate, sono da sempre una ricetta perfetta per quando si viene invitati a cena e non ci si vuole presentare a mani vuote.

Con una buona rustichella farete felici i vostri ospiti! Il suo aspetto inoltre è molto piacevole e proprio per questo viene anche preparata durante le feste come Natale o Capodanno.

Come abbiamo visto questa ricetta è così semplice che anche i meno esperti non troveranno difficoltà nel realizzarla. Ci sono poche accortezze a cui porre attenzione, infatti seguendo passo passo il procedimento otterrete una rustichella davvero eccezionale. Volendo, una delle cose a cui potete prestare attenzione è la temperaturadell’ambiente esterno.

Per ogni impasto è importante che la temperatura dell'ambiente circostante non sia troppo calda oppure, al contrario, troppo fredda. Lasciato a riposare un impasto colto da correnti d'aria fredda potrebbe indurirsi oppure bloccare la lievitazione.

Insomma, quando mettete a riposare il vostro impasto state sempre attenti a non metterlo sotto la finestra! Meglio riporlo con cura magari nel forno ancora spento con la luce accesa. Per il resto state tranquilli, la rustichella è una ricetta semplicissima, divertitevi e sprigionate la creatività creando le vostre varianti preferite!

Curiosità

La torta salata è una ricetta vecchia quasi come il mondo! Tutti almeno una volta hanno preparato una gustosa torta salata ripiena, ma non molti sanno che la loro origine è molto antica. Le prime tracce della torta salata si ritrovano in epoca medievale. A quel tempo era molto comune preparare degli impasti a base di uova e farina, che potessero racchiudere diversi ripieni, principalmente carne di selvaggina oppure degli stufati di verdure.

Le prime torte salate erano più o meno quello che oggi chiameremmo pasticci di carne e verdure, ovvero delle vere e proprie ricette che venivano racchiuse in uno scrigno di pasta sfoglia. Una cosa particolare di queste versioni rudimentali della torta salata è che gli ingredienti all'interno erano quasi sempre pressoché interi, e non spezzettati come oggigiorno.

Spesso, ad esempio, lo scrigno di pasta di pane ricopriva degli animali interi. Questo veniva fatto sia per una questione puramente estetica, infatti la pasta dava la possibilità ai cuochi di inventare delle forme sempre più particolari per presentare ai banchetti le varie pietanze, ma questo era anche un ottimo trucco sia per ottenere una cottura più omogenea della carne, sia una questione d'igiene.

Infatti, ogni commensale poteva staccare da sé un pezzo di carne senza contaminarla con le mani, poiché appunto era avvolta dalla pasta. Oggi le torte salate sono diventate un vero e proprio caposaldo della cucina casalinga, meno utilizzate nei ristoranti, rimangono però sempre sinonimo di una cucina rustica e prelibata.

Scopri di più