Come fare il porridge

Galbani
Galbani
Come fare il porridge
Il porridge ci fa subito pensare alla cucina anglosassone, poiché rappresenta il tipico piatto che viene servito a colazione nelle famiglie inglesi.

Considerato da molti la colazione migliore da fare per iniziare la giornata, il porridge è adatto ad ogni stagione.

Di porridge ne esistono molte varianti, poiché si può mangiare con tantissimi ingredienti e in un’infinità di modi: con il miele, con la frutta fresca, con il cioccolato oppure con lo yogurt.

Il porridge è un alimento che si può gustare la mattina, tuttavia si può proporre ai bambini* come spuntino, in alternativa alla merenda.

Dal sapore sorprendentemente delizioso, il porridge è una vera sorpresa: esiste anche la versione senza glutine e può essere gustato sia freddo che caldo.

Il procedimento per realizzare in casa la ricetta inglese, è molto semplice. Seguite i nostri consigli e scegliete la versione che più preferite!

*sopra i 3 anni

Gli ingredienti per realizzare il porridge

Gli ingredienti per realizzare il porridge La preparazione del porridge fatto in casa è piuttosto semplice, dopo aver imparato la base, potrete davvero usare la fantasia per aggiungere e mixare ingredienti diversi, regolandovi in base a ciò che trovate nella vostra dispensa o usando frutta fresca o frutta secca, ad esempio, a seconda della stagione, oppure marmellata, semi, spezie, chicchi di riso... Le ricette del porridge sono davvero tante, essendo un alimento gustoso e versatile.

Per realizzare la base, gli ingredienti principali da utilizzare sono i cereali, come i fiocchi di avena o la crusca.

Tutto sta nel farli bollire a fuoco lento, in acqua o nel latte. Potete anche bollire in parte in acqua e in parte nel latte: a seconda della consistenza, otterrete un composto più o meno denso.

Potete usare qualsiasi tipo di latte che preferite, latte intero o latte scremato, latte di mandorla, di cocco, di riso o di soia.

Alla base si deve aggiungere un pizzico di sale e un cucchiaio abbondante di sciroppo d’acero.

Tempi di cottura del porridge fatto in casa

Tempi di cottura del porridge fatto in casa A seconda della consistenza che desiderate ottenere per il vostro porridge, ovvero se più cremosa o più liquida, dovrete regolare i tempi di cottura.

Scoprite i procedimenti da seguire per realizzare il porridge base, con acqua, latte e fiocchi d’avena, dal gusto indimenticabile.

Mettete in un pentolino l’acqua, aggiungendo un pizzico di sale e portate a bollore, a fiamma alta.

Nel frattempo mettete in una tazza capiente una porzione di fiocchi d’avena. Non appena l’acqua sarà pronta, versatela sui fiocchi d’avena e lasciateli in ammollo per un tempo minimo di 10 minuti, nel frattempo l’acqua si sarà asciugata e i fiocchi d’avena saranno lievitati.

Versate i fiocchi che avete tenuto in ammollo in una pentola. Mettete il latte un poco alla volta e un cucchiaino di zucchero.

Fate cuocere su fuoco medio per almeno 20 minuti se volete mangiare un porridge cremoso e dalla consistenza morbida, toglieteli 10 minuti prima se desiderate mangiare un porridge più liquido: l’aspetto di quest’ultimo sarà come quello di una “pappa” squisita e deliziosissima.

Una volta pronto, mettete il porridge in una tazza. La ricetta tipica inglese vuole l’aggiunta di bacche di vaniglia o di una spolverizzata di cannella.

Il porridge si può cuocere anche in microonde. Mettete in una ciotola adatta l’acqua (o il latte) e i fiocchi d’avena. Fate cuocere per meno di 3 minuti alla massima potenza. Passato questo tempo tirate fuori il porridge e guarnite a vostro gusto.

Un consiglio: potete mettere in ammollo i fiocchi d’avena anche il giorno prima e lasciarli in frigorifero. Questo metodo è perfetto d’estate, nei mesi più caldi: potrete gustare un porridge in versione fredda, non vi resterà che lasciarvi ispirare per scegliere tra un ampio ventaglio di ingredienti da usare per preparare la guarnizione.

In alternativa ai fiocchi, potete usare la farina d’avena: il risultato è un porridge che si presta a note più dolci e zuccherine, ideale da mangiare con il cioccolato fondente e con bacche di amarena.

Il porridge con la frutta fresca

Il porridge con la frutta fresca Il porridge con la frutta è un vero toccasana, dal sapore dolcissimo.

Gli abbinamenti con cui si può giocare sono diversi e tutti golosi, dalla frutta di stagione, ai frutti rossi: mele, fragole, pere, lamponi, mirtilli, sono tutte preparazioni caratterizzate da un gusto davvero eccezionale.

Adatto come prima colazione, ma anche per merenda, ecco una ricetta davvero golosa, di bassa difficoltà, che porterà allegria al vostro menù: il porridge con banane, noci e cannella.

Mettete in ammollo i fiocchi d’avena. Mentre aspettate il tempo necessario (cioè 10 minuti), schiacciate metà banana con l’aiuto di una forchetta.

Cuocete i fiocchi d’avena con il latte, quando hanno assunto la consistenza che più vi aggrada, aggiungete la banana e cuocete per qualche minuto. Spegnete la fiamma ed aggiungete la cannella. Se desiderate, potete aggiungere alla ricetta anche l’uva passa. Mettete tutto in una tazza e aggiungete i gherigli di noce, per rendere il porridge croccante.

Potete anche sostituire i gherigli di noce con le nocciole tostate o con le arachidi.

Questo è solo un esempio, potete realizzare il porridge con qualsiasi altra frutta desiderata, come ad esempio il porridge con lo yogurt greco, il müsli e i lamponi!

Il porridge con la frutta secca

Il porridge con la frutta secca Il porridge con la frutta secca è una vera piacevolezza per il palato, una bontà davvero irresistibile.

Ecco una ricetta davvero deliziosa, dalla consistenza golosa e croccante: il porridge con mele, bacche di vaniglia, mandorle,noci, arachidi e uvetta.

Dovete procedere idratando in due ciotole diverse sia i fiocchi d’avena, che l’uvetta, per circa 10 minuti.

Tritate le mandorle e le noci, tagliate la mela a cubetti, senza bisogno di togliere la buccia.

Mettete i fiocchi d’avena idratati sul fuoco, in un pentolino. Aggiungete anche i cubetti di mela e il latte. Mescolate e fate cuocere con coperchio per altri 10 minuti.

Passato questo tempo, chiudete la fiamma e aggiungete al composto le bacche di vaniglia. Mescolate e mettete in una tazza. Aggiungete l’uvetta e la frutta secca tritata, decorate con fettine di mela e bacche di vaniglia.

Un’altra ricetta che non può mancare nel vostro menù, è quella realizzata con porridge e pere, nocciole, fichi secchi, cacao amaro e cannella.

Mettete in ammollo i fiocchi d’avena per 10 minuti nell’acqua bollente, poi cuoceteli insieme al latte in una pentola e, una volta pronto, aggiungete il cacao amaro e la cannella in polvere.

Sbucciate la pera e tagliatela a pezzettoni. Mettetela in un pentolino ed aggiungete la cannella in polvere e l’acqua, dopodiché lasciate cuocere a fiamma bassa e con coperchio.

Nel frattempo, tagliate a rondelline i fichi secchi e tritate le nocciole.

Quando tutto è pronto, unite tutti gli ingredienti in una tazza e servite! L’intensità dei profumi e la morbida consistenza di questo speciale porridge vi conquisterà.

Accompagnatelo a dei biscotti fragranti o a dolcetti friabili per un’esperienza di gusto speciale.

Il porridge da gustare freddo

Il porridge da gustare freddo Il budino freddo di porridge aromatizzato con bacche di vaniglia è una delizia da gustare anche a merenda. Potete guarnire con la frutta di stagione, come kiwi o fragole, e ricoprire con granella di nocciole o di meringhe.

La particolarità di questo porridge è che va gustato freddo, questo rende possibile la sua preparazione già dalla sera prima, si rivela perciò una ricetta molto comoda, oltre ad essere deliziosamente saporita.

Porridge salato

Porridge salato Il porridge salato è una zuppa dalla consistenza farinosa davvero ottima.

Si può mangiare con tantissime verdure o ortaggi di stagione, ed è perfetto anche nella versione senza glutine.

Una ricetta davvero incredibile è il porridge salato con uova e rucola.

Per questa ricetta è ideale il latte di riso, da mettere a cuocere insieme ai fiocchi d’avena in un pentolino. Mentre cuoce, in una padella mettete l’olio e tostate i fiocchi d’avena integrale, aggiungendo anche un pizzico di sale. Quando questa sarà tostata, aggiungetela nel pentolino con il latte e lasciatela cuocere per 15 minuti abbondanti, mescolando di tanto in tanto.

Nel frattempo, cuocete le uova in padella, potete farle sia in camicia sia a occhio di bue. Mentre le uova cuociono, sciacquate la rucola e tritatela.
Non appena l’avena è pronta, versate in una tazza, unite le uova ben calde e la rucola tritata e non dimenticate di aggiustare di sale e pepe.