Santa LuciaPresenta

Onigiri

Ricetta creata da Onigiri
Onigiri
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Gli onigiri sono un piatto tipico della cucina giapponese: caratterizzati dalla particolare forma triangolare sono generalmente farciti con salmone e tonno e consumati con le mani.

Ciò che li distingue è inoltre la striscia di alga nori posta alla base che li rende immediatamente riconoscibili. Il Formaggio Fresco Spalmabile Santa Lucia rende il ripieno degli onigiri ancor più cremoso e delizioso.

Difficile
6
30 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 250 g di riso originario
  2. 180 g di salmone
  3. 80 g di Formaggio Fresco Spalmabile Santa Lucia
  4. 10 g di semi di sesamo
  5. 5 g di aceto di riso
  6. 3 g di sale
  7. 5 g di zucchero
  8. 5 g di alga nori
  9. olio extra vergine di oliva q.b.

Preparazione

Per realizzare gli onigiri sono necessari un po' di manualità e gli ingredienti giusti, ecco quindi come preparare la variante al salmone.

01

Sciacquate il riso sotto l'acqua corrente per eliminare l'amido. Ripetete l'operazione finché l'acqua non sarà completamente trasparente.

02

Versate il riso in una pentola e aggiungete un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e 250 g di acqua. Portate a ebollizione e cuocete per 10 minuti. Trascorso il tempo necessario, spegnete il fuoco, coprite la pentola e lasciate riposare per 10 minuti.

03

Rimuovete il coperchio, sgranate il riso con l'ausilio di una forchetta e aggiungete l'aceto di riso e lo zucchero. Mescolate e lasciate raffreddare.

04

Tagliate il salmone a tocchetti e riponeteli in un contenitore. Preparate una ciotola con acqua fredda e posizionatela vicino al piano di lavoro dove realizzerete gli Onigiri. Preparate inoltre due ciotoline, una con il sale e l'altra con il sesamo. Posizionate vicino anche un piatto con le striscioline di alga nori.

05

Bagnate la mani nella ciotola con acqua fredda e versate sul palmo anche un pizzico di sale, poi sfregatele fra loro. Prendete un'adeguata quantità di riso e distendetelo sulla mano che dovrete poi piegare per formare una sorta di cucchiaio. Mettete una noce di Formaggio Fresco Spalmabile Santa Lucia e qualche pezzetto di salmone. Coprite con altro riso. Date una forma triangolare, passate l'onigiri nella ciotolina con i semi di sesamo e infine posizionate sul lato inferiore la striscia di alga nori.

Varianti

Gli onigiri possono essere preparati anche utilizzando il tonno. Il procedimento non varia, tuttavia al posto dei tocchetti di salmone potete utilizzare quelli di filetto di tonno sia cotto che crudo.

Per dare un sapore più intenso agli onigiri potete tostare leggermente i semi di sesamo prima di intingervi il triangolino di riso. Potete inoltre aggiungere qualche seme di sesamo all'interno del riso affinché l'onigiri ne sia provvisto anche nella parte interna. Questa tecnica può essere utilizzata anche nel caso in cui vogliate differenziare gli onigiri in base al ripieno.

Per ciò che concerne l'alga nori questa può anche essere assente. Tuttavia, se amate mangiare gli onigiri con le mani potete invece tagliare strisce più larghe in modo tale da non dover toccare il riso con le dita.

Se amate i sapori decisi potete aggiungere al riso cotto condimenti e spezie. I giapponesi amano unire alga wakame, edamame, salmone, uova di merluzzo, maionese e molto altro come ad esempio il Formaggio Fresco Spalmabile Santa Lucia.

Potete realizzare gli onigiri scegliendo pesce crudo e cotto. Il salmone grigliato, ad esempio, conferisce un sapore delicato ma ugualmente delizioso. Potete utilizzare anche il tonno in scatola.

Se preparate gli ongiri in grande quantità potete giocare con le decorazioni. Oltre ai semi di sesamo potete infatti scegliere la bottarga, i fiocchi di cipolla fritta, qualche goccia di salsa teriyaki, della maionese aromatizzata al tonno e molto altro.

Suggerimenti

Realizzare la forma triangolare potrebbe non essere semplice. Pertanto un consiglio è quello di utilizzare la pellicola trasparente per aiutarvi a modellare il riso. Non solo, in commercio potete altresì trovare stampi appositi per la preparazione degli onigiri. Questi vi consentono di ottenere un triangolo perfetto. Se utilizzate la pellicola trasparente potete aiutarvi con una ciotolina posizionando all'interno la pellicola e poi il riso e i condimenti, per poi chiuderla e modellare fino a ottenere il triangolo.

Anche se può sembrare superfluo, bagnare le mani con acqua fredda vi permetterà di non far aderire il riso e quindi di poterlo maneggiare con maggiore semplicità. Per questa ragione è fondamentale che prepariate tutti gli ingredienti con anticipo.

Per conferire sapore agli onigiri potete aggiungere al Formaggio Fresco Spalmabile Santa Lucia erba cipollina, spezie e altri aromi. Dovrete tuttavia valutare l'abbinamento con il pesce scelto.

Quando si parla di sushi e piatti giapponesi la scelta del riso non è mai scontata. Se al supermercato non trovate l'originario provate a cercare nel settore asiatico. Qui troverete senza dubbio il riso apposito per la preparazione del sushi.

Gli onigiri possono essere consumati immediatamente o serviti dopo qualche ora. Se pensate di realizzare una cena a base di questo piatto potete preparare i triangoli di riso e pesce con anticipo.

Apparecchiate la tavola aggiungendo anche la ciotolina per la salsa di soia e provate a intingervi gli onigiri, saranno buonissimi.

Curiosità

Gli onigiri sono gli spuntini più comuni e amati in Giappone. Grazie alla striscia di alga nori questi possono infatti essere consumati in ufficio, a scuola o mentre si cammina. Per questa ragione, gli onigiri vengono considerati il cibo da strada per eccellenza.

In Giappone esistono negozi specializzati nella produzione e nella vendita di onigiri fatti a mano che prendono il nome di onigiri-ya.

Anche se i più comuni sono quelli triangolari, gli onigiri possono assumere anche forme diverse, è infatti possibile trovarne di forma rotonda o cilindrica ciò che rimane invariata è la striscia di alga nori, essenziale per poterli consumare con le mani senza sporcarsi.

Gli onigiri hanno un'origine piuttosto antica. Sembra infatti che questi siano stati inventati prima dell'avvento delle bacchette poiché è a tutti gli effetti un cibo consumabile con il solo uso delle mani.

La diffusione dell'alimentazione vegana e vegetariana ha portato sempre più ristoranti giapponesi a proporre nei propri menù varianti completamente vegetali, adatti quindi anche a chi non ama consumare pesce.

In Giappone non è raro trovare piccoli contenitori di forma triangolare pensati proprio per gli studenti o i lavoratori che desiderano portare con sè un onigiri da consumare come spuntino o per pranzo.

Spesso i giapponesi preparano gli onigiri utilizzando gli avanzi di riso della colazione o della cena. Questi sono poi consumati il giorno stesso o quello successivo come spuntino mattutino o pomeridiano oppure come accompagnamento al pasto.

Prova anche

Scopri di più