Santa LuciaPresenta

Frittelle alla crema

Ricetta creata da Galbani
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Le frittelle alla crema sono dolci facili da preparare, buoni per tutte le occasioni e molto amati dai bambini*. Con pochi ingredienti, porterete in tavola delle delizie ricche di gusto, da accompagnare con un buon bicchiere di latte fresco o con del succo di frutta.

La preparazione dell'impasto delle frittelle alla crema non segue una regola standard, visto che, da sempre, le varie regioni d'Italia cercano di personalizzarlo. Noi vi consigliamo di utilizzare, oltre ai soliti ingredienti - farina, uova e zucchero - anche la soffice e delicata Ricotta Santa Lucia: per un impasto più morbido e originale.

Diverso il discorso per la crema pasticcera. Abbiamo deciso di seguire la classica ricetta, con uova, farina, latte e zucchero e di aromatizzarla con limone e vaniglia. Non vi resta che darvi da fare e preparare questo dolce semplice e goloso.
E se non siete sicuri di conoscere tutti i segreti per una frittura perfetta, vi invitiamo a visitare la sezione specifica del nostro sito.

* sopra i 3 anni


Facile
8
35 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

Per le frittelle:
  1. 250 g di Ricotta Santa Lucia Galbani
  2. 250 g di farina tipo 00
  3. 150 g di zucchero
  4. 3 uova
  5. 2 arance
  6. 1 cucchiaino di rum
  7. 1/2 bustina di lievito per dolci
  8. zucchero a velo vanigliato q.b.
  9. un pizzico di sale
  10. olio per friggere q.b.

Per la crema:
  1. 4 tuorli d'uovo
  2. 100 g di zucchero
  3. 40 g di farina
  4. 1/2 litro di latte
  5. 1 bustina di vanillina
  6. la scorza di 1/2 limone

Preparazione

Le frittelle alla crema si preparano in modo semplice, seguite i nostri consigli e non avrete problemi.

Iniziate a preparare la crema pasticcera, in modo abbia un po' di tempo per riposare e raffreddarsi mentre friggete le frittelle.

Riscaldate, quindi, il latte in un pentolino unendovi la scorza grattugiata di limone (togliete la parte bianca interna) e la bustina di vanillina.

Da parte separate gli albumi dai tuorli di ciascun uovo e mettete questi ultimi in una ciotola assieme allo zucchero. Sbattete il tutto con una frusta fino a quando otterrete un composto spumoso. Aggiungete nella terrina la farina e continuate a mescolare. Successivamente unite il latte riscaldato, senza la buccia di limone.

A questo punto riportate il composto nella pentola sul fuoco, portate a bollore e abbassate leggermente la fiamma lasciando sobbollire per 3 minuti (continuate a mescolare).

Mettete la crema pasticcera da parte, copritela con la pellicola per alimenti, lasciatela raffreddare e iniziate a lavorare all'impasto perle frittelle.

Mettete la farinasetacciata in una ciotola, aggiungete le uova, mescolate tutto con la Ricotta Santa Lucia, lo zuccherosemolato, il lievito, il succo delle arance, il liquore e un pizzico di sale. Amalgamate per bene il tutto, mescolando di tanto in tanto, e lasciate riposare in frigorifero per 20 minuti.

Fate riscaldare l'olio di semi nella padella e, quando sarà molto caldo, potete cuocere le frittelle.

Friggete le frittelle cercando di formare delle palline (aiutatevi con due cucchiai).

Lasciate le frittelle sulla carta assorbente per qualche minuto, poi apritele a metà e riempitele con la crema pasticcera.

Potete riempire le vostre frittelle di carnevale anche aiutandovi con un sac à poche.

Servite le frittelle ripiene alla crema a temperatura ambiente, spolverizzandole con dello zucchero vanigliato.

Curiosità

Tra tutti i dolci di Carnevale che potete trovare anche in pasticceria, le frittelle sono parte della festa. Potete farcire le frittelle con tanti tipi di creme, dalla golosa crema pasticcera alla crema di nocciole.

L'origine delle frittelle di Carnevale risale al XIII secolo. Nascono a Venezia, ma la ricetta è una rivisitazione dell'antica "Zelbia" arabo-persiana, giunta a Venezia grazie a Giambonino da Cremona, medico e studioso e, soprattutto, uno dei più grandi traduttori dell'arabo del XII secolo. La ricetta si è diffusa in tutta Venezia con il nome di "frìtola" e poi, a poco a poco, si diffuse anche nelle altre regioni del Nord Italia.

La ricetta iniziale prevedeva l'utilizzo di uvetta e pinoli o anche delle mele: le frittelle venivano preparate solo dai cosiddetti "fritoleri", che nel Seicento si costituirono in una vera e propria associazione che portò poi alla vera e propria nascita della figura del cuoco di frittelle. Tra tutte le varianti che si diffusero in Veneto, si arrivò poi alla versione delle frittelle farcite con crema pasticcera o con crema allo zabaione e anche con cioccolato.

Sembra, inoltre, che la ricetta delle frittelle sia uno dei più antichi documenti di cucina veneziana e attualmente si trova conservata nella Biblioteca Nazionale Casanatense a Roma.