Come usare la liquirizia in cucina

Galbani
Galbani
Come usare la liquirizia in cucina
La liquirizia è una pianta erbacea che si può facilmente coltivare nel proprio orto: durante la fioritura fa nascere fiori di colore bianco, spesso usati a scopo ornamentale grazie alla loro pregevole bellezza. Radici e foglie della pianta, invece, sono utilizzate per la preparazione di tantissime ricette.

Proprio grazie al suo sapore particolare, la liquirizia può essere impiegata per la preparazione di tante ricette diverse. Scoprite tutte le preparazioni più sfiziose per gustare il suo aroma inconfondibile!

Come usare la liquirizia in cucina

Come usare la liquirizia in cucina La liquirizia è molto usata sia nella cucina mediterranea che nella cucina orientale, in particolare in quella cinese, dove viene usata in grandi quantità per la preparazione di infusi e tisane.

Nelle pasticcerie italiane si trova la liquirizia calabrese, dal sapore intenso, forte e deciso e in grado di regalare dolci dal gusto irresistibile.

Potete coltivare la liquirizia nel vostro giardino, nell’orto, o in balcone, all’interno di un vaso e coltivarla come fate con il basilico o la menta, per intenderci. Altrimenti, potete comprarla in erboristeria.

La liquirizia in polvere è utilizzata soprattutto per la preparazione di dolci e dessert. La liquirizia in foglie, invece, è ottima da utilizzare come qualsiasi altra erba aromatica, staccandone delicatamente le foglie e utilizzandole per aromatizzare i vostri piatti. Infine, potete comprare le radici essiccate a forma di bastoncini da masticare per godere della loro dolcezza.

Il profumo particolare e l’aroma intenso della liquirizia, la rendono un ingrediente prezioso, usato nella preparazione non solo di dolci, liquori irresistibili e golose caramelle, ma anche di antipasti, primi e secondi piatti, perfetta per menu a base di carne o di pesce.

Come usare la liquirizia in cucina nelle ricette salate

Come usare la liquirizia in cucina nelle ricette salate La bellezza di un piatto sta anche nella scoperta di sapori e abbinamenti inusuali, che diventano espressione di estro, ricercatezza e buon gusto. Quindi, se volete stupire i vostri ospiti, la liquirizia si rivela un’alleata sorprendente: decisa e con un retrogusto intenso e versatile che la rende irresistibile.

Per un antipasto diverso dal solito, mettete a bollire 500 ml di brodo vegetale e aggiungete 1 radice di liquirizia. Nel frattempo, rosolate in padella 1 gambo di sedano, 2 asparagi e 1 carota con 1 cucchiaio d’olio extravergine d'oliva. Non appena il brodo giunge a bollore e le verdure sono pronte, travasate il contenuto in un frullatore e aggiungete 2 fette di pane tostato, 1 cucchiaio di aceto balsamico, ½ cucchiaino di curcuma e 1 cucchiaino di miele. Frullate fino a ottenere una crema omogenea e mettete da parte.

In una padella a parte, cucinate 2 tranci di salmone e 2 tranci di tonno tagliati a listarelle sottili. Non appena pronte, sistemateli in un grande piatto da portata e serviteli con accanto la salsa che avete preparato, che potrete usare per condire le listarelle di tonno e salmone.

Ecco invece la ricetta di un altro antipasto sfizioso, da portare in tavola in occasioni eleganti: l’insalata con polvere di liquirizia.

Per prepararlo, lavate 2 cespi di insalata riccia, mettetela in una terrina capiente e aggiungete 1 cucchiaio di aceto balsamico, ½ cucchiaino di sale, ½ cucchiaino di pepe nero, 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva e una manciata di erba cipollina.

Prendete 60 g di canestrelli, lavateli e puliteli, poi scottateli in padella con un filo d'olio extravergine d'oliva e un pizzico di sale. Non appena pronti, adagiateli su di un piatto da portata e sistemateli accanto all’insalata. Infine completate questo delizioso piatto con una spolverizzata di polvere di liquirizia.

Un consiglio: potete aggiungere un vassoio di formaggi tagliati a pezzi, arricchiti da una marmellatina di pompelmo!

Se desiderate cucinare un piatto di grandissimo impatto, nelle vostre tavole non può mancare il tonno marinato al basilico con polvere di liquirizia, crema di finocchio e marmellata di pompelmo: un antipasto speziato che lascerà tutti d’incanto.

Tagliate in tranci 200 g di tonno pinna gialla, scottatelo leggermente in padella con ½ cucchiaino di sale su ogni lato per pochi minuti e, dopodiché, mettetelo da parte e lasciatelo raffreddare.

Tagliate a rondelle 3 spicchi d’aglio e mettetele in padella con 500 ml di olio extravergine d'oliva, 50 g di liquirizia in polvere e 200 g di foglie e gambi di basilico. Cuocete finché l’aglio non è dorato, quindi versate la salsa ottenuta in una terrina e mettete a marinare il tonno tutta la notte.

Nel frattempo, preparate la crema di finocchi, da servire come contorno. Lavate e mondate 2 finocchi, metteteli per 10 minuti in una pentola con abbondante acqua salata e, a questo punto, fateli cuocere in una terrina in forno a 160°, aggiungendo 1 l di olio d’oliva, per almeno un’ora e mezza.

A cottura ultimata mettete i finocchi in un frullatore, aggiungete ½ cucchiaino di sale e frullate.

Per preparare la marmellata di pompelmo, invece, prendete 1 pompelmo rosa, pelatelo, ricavate gli spicchi ed eliminate la membrana bianca che lo riveste. Mettete gli spicchi in una terrina, spremete il succo di 1 pompelmo rosa e aggiungete la scorza di 1 limone. Dopodiché sbucciate 1 mela, tagliatela a cubetti e unitela alla marmellata di pompelmo. Infine, frullate leggermente gli ingredienti.

Servite quindi il tonno marinato con contorno di crema di finocchi e marmellata al pompelmo e guarnite con una manciata di erbe aromatiche a vostra scelta, ad esempio il coriandolo, l’aneto o il prezzemolo.

Come usare la liquirizia in cucina nei primi piatti

Come usare la liquirizia in cucina nei primi piatti Lasciatevi incantare dall’aroma scoppiettante della liquirizia e date nuovo sapore a pasta e risotti, abbinandoli con raffinatezza e gusto anche a spezie come curry, aneto, cannella!

Un esempio? Il risotto di legumi aromatizzato allo zenzero e alla liquirizia!

Fate rosolare 1 cipolla in una padella, aggiungete 2 zucchine tagliate a dadini e fate cuocere per 10 minuti. Dopodiché, aggiungete ½ cucchiaino di sale, 1 cucchiaino di peperoncino in polvere, 80 g di cannellini lessi insieme al liquido di conservazione, mescolate per 2 minuti, poi scolate il composto in un mixer e frullate fino a ottenere una crema vellutata, che dovrete mettere da parte.

Nel frattempo, cuocete 150 g di riso integrale in circa 900 ml di acqua, aggiungendo 20 g di zafferano in polvere e 20 g di liquirizia in polvere.

Una volta cotto, mescolate tutti gli ingredienti, aggiungendo anche 5 pomodorini appena tagliati, e servite ben caldo!

Come usare la liquirizia in cucina per preparare le tisane

Come usare la liquirizia in cucina per preparare le tisane La liquirizia pura è buonissima per preparare bevande, sciroppi e decotti, ottimi da bere anche in alternativa al caffè.

Volete una ricetta per una bevanda digestiva semplice da preparare e da bere tutta d’un fiato?

Mettete in un pentolino pieno d’acqua 1 bastoncino di liquirizia, 1 cucchiaino di semi di finocchio, la scorza di 1 limone e portate a bollore. Una volta raggiunto il punto di ebollizione, aggiungete 3 o 4 foglie di menta e mescolate per qualche minuto. Con l’aiuto di un colino a maglie, filtrate il liquido in una tazza e ingentilite con un tocco di zucchero o con un pizzico di dolcificante.

Potete utilizzare la radice di liquirizia per impreziosire tè e tisane a vostra scelta, ad esempio potete creare un infuso con 1 bastoncino di vaniglia, 1 bastoncino di cannella, ½ radice di zenzero e 1 radice di liquirizia.

Per realizzare un infuso di liquirizia pura, invece, fate bollire 1,5 g di radice in un pentolino pieno d’acqua (circa 150 ml) per almeno 10 minuti. Lasciate in infusione per almeno 1 ora, poi filtrate con un colino e gustate il vostro infuso!

Come usare la liquirizia in cucina per preparare i dolci

Come usare la liquirizia in cucina per preparare i dolci La liquirizia è l’ingrediente perfetto per realizzare tantissimi dolci golosi. Biscotti, gelati e torte al cioccolato acquistano un sapore in più se aromatizzati con la liquirizia.

Provate ad esempio il semifreddo alla liquirizia, da preparare con uova, latte, zucchero e panna, oppure il sorbetto alla liquirizia con l'aggiunta di menta: conquisterete il palato dei vostri ospiti!

Potete usare la liquirizia in polvere nell’impasto dei dolci, aggiungendola ad esempio ai biscotti ai cereali o alla torta al cocco insieme allo zucchero e alla farina.

Usate la vostra fantasia e portate in tavola un tripudio di sapori eccezionali, ottimi per chiudere il pasto in bellezza!