Come condire i ravioli

Galbani
Galbani
Come condire i ravioli
I ravioli ripieni sono uno dei primi piatti più apprezzati della gastronomia italiana. E' un tipo di pasta fresca di semola o all'uovo immancabile in tavola per i pranzi della domenica in famiglia o nelle occasioni importanti, dalle feste di Natale a una cena di compleanno tra amici. Che abbiano un ripieno di carne, di pesce, di verdura o di formaggio, a seconda delle molte ricette esistenti nelle varie regioni, meritano il giusto condimento per poter essere preparati e gustati al meglio. Ma come condire i ravioli? Seguite i nostri consigli e prendete posto in cucina!

Come condire i ravioli di zucca

Come condire i ravioli di zucca I ravioli di zucca sono una ricetta tipicamente autunnale dal sapore dolce e delicato, perfetta nel periodo natalizio e capace di riassumere in un piatto tipico ingredienti semplici ma dal gusto intenso e sfizioso, soprattutto quando sono fatti in casa, come vuole la ricetta lombarda. Se il condimento deve sempre arricchire i ravioli, valorizzandone il ripieno ma guardandosi bene dal sopraffare i sapori protagonisti di un ottimo piatto, in questo caso dovrete cercare di sposare alla dolcezza della zucca la sapidità e la forza di un formaggio dal gusto deciso, come il gorgonzola, semplice o con l'accompagnamento perfetto delle noci o dei semi di papavero.

Dopo aver fatto cuocere i ravioli di zucca in abbondante acqua salata e averli scolati leggermente al dente, conditeli con questo sughetto cremoso che potrete facilmente realizzare facendo sciogliere il gorgonzola (decidete voi la quantità in base al gusto che volete dare al piatto) insieme a una noce di burro e a un filo di latte intero, amalgamando bene con un cucchiaio di legno per ottenere una crema morbida, corposa e delicata.

In alternativa potete sempre optare per un intramontabile condimento a base di burro e salvia, semplice ma amato da ogni buona forchetta, senza dimenticare una spolverizzata finale di parmigiano o di pecorino grattugiato, un pizzico di pepe nero e foglie di salvia.

Come condire i ravioli con i funghi porcini

Come condire i ravioli con i funghi porcini Tra i ravioli vegetariani quelli ripieni ai funghi porcini sono tra i più apprezzati, soprattutto nella stagione autunnale e invernale, ma richiedono sughi corposi e saporiti che ne esaltino al meglio la bontà. Potete sceglierne uno semplice al pomodoro con basilico, per far contenti grandi e piccini*, oppure potete optare per qualcosa di più particolare. Qualche buon consiglio? Puntate sulla frutta secca: noci, pinoli, nocciole, castagne, mandorle e pistacchi sapranno valorizzare e completare con gusto il sapore dei funghi porcini. Altrimenti anche una rustica salsa a base di panna e salsiccia riuscirà a regalare al vostro piatto un gusto succulento e consistente.

Se cercate idee sfiziose, provate a preparare un originale e squisito pesto di pistacchi: vi basterà frullare 200 g di pistacchi sgusciati insieme a poco olio extravergine d'oliva, sale, pepe nero macinato fresco e 100 g di parmigiano. La consistenza può essere regolata in base alle preferenze, così da ottenere una crema morbida e vellutata oppure una salsa che consenta di gustare i pistacchi a pezzetti più o meno grandi.

*sopra i 3 anni

Come condire i ravioli con ricotta e salmone

Come condire i ravioli con ricotta e salmone Quale modo migliore per gustare dei buoni ravioli di pesce, soprattutto se farciti con ricotta e salmone, se non con un condimento di salsa bianca e delicata che possa esaltarne il sapore senza però coprirlo? I ravioli al salmone, con il loro sapore raffinato e il gusto delicato, sono molto versatili e perfetti per le grandi occasioni (pensiamo ad esempio alla vigilia di Natale o al cenone di Capodanno!), capaci di mettere d'accordo tutti, anche i palati più esigenti.

Provate, ad esempio, a condirli con una salsa allo zafferano: facile da realizzare, potete scegliere se prepararla con la panna o con il latte senza che il suo sapore gourmet e la sua cremosità cambino.

Tritate finemente 1 cipolla bianca, mettetela a soffriggere in una padella con un filo d'olio extravergine d'oliva e quando si sarà imbiondita aggiungete 1 bicchiere di vino bianco, 1 bustina di zafferano e un pizzico di sale. Amalgamate bene e poi unite 200 ml di panna liquida da cucina, continuando a mescolare fino a ottenere un composto vellutato e omogeneo. Lasciate cuocere per un paio di minuti a fiamma dolce, poi togliete la salsa dal fuoco e fatela intiepidire prima di utilizzarla come condimento per i vostri ravioli, magari con una manciata di prezzemolo tritato e un pizzico di pepe rosa.

Se preferite utilizzare il latte al posto della panna, vi basterà prolungare la cottura del sugo bianco di qualche minuto per consentirgli di addensarsi meglio.

Come condire i ravioli alle ortiche

Come condire i ravioli alle ortiche I ravioli con farcitura alle ortiche sono tra i più rustici e particolari, fanno pensare alla campagna e a un mondo contadino di sapori antichi e pieni di gusto. Impossibile, dunque, pensare a un condimento che non sia altrettanto intenso e corposo, come ad esempio un sugo con legumi e guanciale. Curiosi di sapere come realizzarlo?

Mettete a dorare in una pentola 1 spicchio d’aglio e 1 rametto di rosmarino in poco olio extravergine d'oliva, poi aggiungete 200 g di fagioli borlotti o di ceci in barattolo, fateli insaporire e coprite con 1 bicchiere d’acqua. In una padella a parte lasciate tostare 250 g di guanciale tagliato a listarelle e unitelo ai fagioli, che nel frattempo avrete frullato nel mixer insieme a una noce di burro. Condite i ravioli alle ortiche con questo sugo saporito e, se volete un secondo che si abbini perfettamente al vostro ottimo primo, preparate un buon brasato con funghi: i vostri ospiti ve ne saranno grati!

Come condire i ravioli con ricotta e noci

Come condire i ravioli con ricotta e noci Non sapete come condire i vostri ravioli ripieni di ricotta e noci ma volete esaltarne il sapore dolce e delicato con una salsa succulenta e sapida di contrasto? Allora provate con un semplice ma goloso ragù di mortadella.

Per preparalo procuratevi 300 g di mortadella macinata finemente e 200 g di carne macinata di vitello o, se preferite, di salsiccia di maiale. In un tegame con poco olio bollente fate soffriggere 1 cipolla tritata, 2 carote a rondelle e 1 spicchio d'aglio. Dopo 5 minuti aggiungete la carne macinata per farla rosolare, girandola spesso finché non prenderà colore. A questo punto aggiungete 400 g di pomodori pelati e aromatizzate secondo i vostri gusti, scegliendo le erbe aromatiche o le spezie che preferite, ad esempio una manciata di coriandolo, un pizzico di peperoncino e qualche foglia di timo. Dopodiché salate e pepate a piacere e mescolate bene per amalgamare al meglio gli ingredienti. Coprite il tegame e fate cuocere a fiamma bassa per circa 1 ora, mescolando di tanto in tanto per evitare che il vostro sugo di pomodoro si attacchi al fondo. A cottura ultimata, condite i ravioli con questo sfizioso ragù e spolverizzate con del buon parmigiano.

Come condire i ravioli al limone

Come condire i ravioli al limone La delicata leggerezza dei ravioli al limone si sposa meravigliosamente con un condimento altrettanto elegante e dal gusto sfizioso. Potete scegliere la soluzione semplice ma sempre gradita del burro e della salvia, oppure potete sostituire la salvia con la menta per un piatto più estivo e goloso. Ma se preferite un sugo più raffinato e gustoso potete optare per il pesce, ad esempio i gamberi.

Ecco come fare: sgusciate e lavate 250 g di code di gamberi e, mentre portate a bollore una pentola d'acqua salata per cuocere i ravioli, fate soffriggere in una padella con poco olio extravergine d'oliva 2 spicchi d'aglio. Lasciateli imbiondire e poi aggiungete i gamberi, facendoli cuocere giusto un paio di minuti senza dimenticare di saltarli. Sfumate con 1 bicchiere di vino bianco secco, di birra o di vodka pura e, una volta evaporato l'alcol, versate nella padella i ravioli appena scolati. Mantecate ancora per 1 minuto e servite il vostro squisito primo piatto spolverizzandolo con prezzemolo tritato, seguito magari da squisite polpette di gamberi e patate al forno.

Come condire i ravioli al radicchio

Come condire i ravioli al radicchio I ravioli al radicchio sono una specialità tipica invernale e sono davvero ottimi, soprattutto se scegliete delle buone salse per il giusto condimento.

Agli amanti dei sapori semplici e poco elaborati consigliamo una salsa al burro e parmigiano: fate sciogliere 100 g di burro in un pentolino e, quando sarà caldo, aggiungete 100 g di parmigiano grattugiato e mescolate bene per amalgamarlo al burro. Una volta scolati i vostri ravioli, versate a filo un po' di questa salsa sul fondo di ogni piatto da portata e utilizzate quella che resta per condire i ravioli. Per completare la ricetta, spolverizzate ancora con del parmigiano grattugiato e decorate con una foglia di salvia.

Un altro condimento perfetto per questi ravioli è la salsa di gorgonzola e noci: per prepararla vi basterà sciogliere a bagnomaria 150 g di gorgonzola e aggiungere ½ bicchiere di latte intero o 100 ml di panna da cucina per rendere la fonduta più fluida, completando il piatto finale con gherigli di noci nella quantità e della grandezza che preferite.

In alternativa, se amate i sapori forti e corposi, potete optare per un sugo a base di porri e speck: per realizzarlo non dovrete far altro che scaldare poco olio d'oliva in padella, far soffriggere 2 porri tagliati a rondelle e aggiungere 200 g speck, che avrete tagliato a cubetti con l'aiuto di un coltello affilato. Fate rosolare per un paio di minuti a fiamma dolce e avrete un condimento goloso per i vostri ravioli al radicchio.

Come fare i ravioli in brodo

Come fare i ravioli in brodo I ravioli in brodo sono forse il modo migliore per gustare questa ottima pasta ripiena nelle fredde giornate autunnali e invernali. Realizzarli in casa consente non solo di ottenere un piatto buonissimo, ma anche di poter variare ogni volta la dimensione e il ripieno della pasta: ricotta e spinaci, ad esempio, o funghi porcini e caprino o, ancora, carne di vitello, uova, parmigiano, erbe aromatiche e spezie a scelta, come nella ricetta che vi proponiamo.

Per cominciare preparate il brodo: mettete a bollire in 3 l di acqua salata 1 kg di carne di vitello, 1 costa di sedano, 2 carote sbucciate e 1 cipolla rossa divisa a metà. Lasciate bollire per almeno 2 ore a fiamma bassa e a fine cottura filtrate il brodo con un colino, lasciandolo raffreddare.

Nel frattempo occupatevi della sfoglia dei ravioli: su un piano liscio versate 350 g di farina setacciata, disponetela a fontana e rompete dentro 3 uova grandi a temperatura ambiente. Aggiungete un pizzico di sale e cominciate a sbattere le uova incorporandole alla farina, impastando con le mani fino a ottenere un impasto liscio e compatto. Avvolgetelo nella pellicola trasparente, lasciatelo riposare per circa 30 minuti e nel frattempo dedicatevi al ripieno: tritate finemente la carne di vitello in un frullatore e mescolatelo in una ciotola con 1 uovo a temperatura ambiente, 1 cucchiaino di noce moscata, un pizzico di curcuma, 250 g di parmigiano, una manciata di erba cipollina tritata, sale e pepe a piacere.

Lavorate bene tutti gli alimenti con un mestolo di legno fino a ottenere un composto omogeneo, poi stendete la pasta con il mattarello. La sfoglia dovrà essere spessa al massimo 2 mm. Su metà sfoglia posizionate, alla stessa distanza l'una dall'altra, delle piccole porzioni di ripieno della grandezza di una noce, poi spennellate i bordi con 1 uovo sbattuto e ricopritele con l'altra metà della sfoglia, premendo delicatamente con le dita intorno al ripieno e realizzando i ravioli con l'aiuto di un coppa pasta, di una rotella dentellata o di formine per biscotti. Fateli cuocere nel brodo in ebollizione per pochi minuti (3 al massimo) e serviteli spolverizzandoli con parmigiano grattugiato.

Come condire i ravioli tirolesi

Come condire i ravioli tirolesi Il loro nome originale è Schlutzkrapfen, ma qui li conosciamo meglio come ravioli tirolesi. Si tratta di una bontà tipica del Trentino Alto Adige e hanno dimensioni più grandi rispetto ai ravioli che siamo abituati a mangiare. Realizzati con farine miste di frumento e segale e con un ripieno di ricotta e spinaci, è consigliabile farli a mano, se volete gustarli al meglio, e condirli esclusivamente con burro fuso a filo, parmigiano grattugiato ed erba cipollina tritata, se decidete di seguire la ricetta tipica.Potete anche usare la vostra fantasia e stravolgere la ricetta provando uno dei condimenti suggeriti nei paragrafi precedenti.