Cappello del prete arrosto

Cappello del prete arrosto
Cappello del prete arrosto
Cappello del prete arrosto
Secondi Piatti PT120M PT0M PT120M
  • 4 persone
  • Facile
  • 120 minuti
Ingredienti:
  • 800 g di cappello del prete
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 2 bicchieri di vino rosso
  • 50 g di Burro Santa Lucia Galbani
  • sale e pepe q.b.

Galbani

Burro Panetto

Il Panetto Burro Santa Lucia con il suo sapore delicato e consistenza soffice è ideale per rendere speciali tutte le tue preparazioni, sia dolci che salate. Scopri le curiosità

presentazione:

Un secondo piatto saporito e succulento è senza dubbio il cappello del prete arrosto.

Questo pezzo di carne bovina è tra i più teneri e morbidi che ci siano e, come tutti i tagli con queste qualità, si presta bene alle lunghe cotture.

Tra i trucchi per realizzare un prelibato cappello del prete arrosto c’è il non bucare mai la carne durante qualsiasi procedimento per non disperderne i preziosi sapori.

Vi consigliamo, inoltre, di predisporre la rosolatura prima della cottura in forno per mantenere meglio, ancora una volta, la sapidità e le sostanze del vostro sfizioso cappello del prete arrosto.

Le occasioni per preparare questo secondo piatto squisito sono tante: dal pranzo della domenica in famiglia a una cena in compagnia di amici: con il cappello del prete arrosto farete sempre un'ottima figura!



Preparazione:

Per iniziare procuratevi tutti gli ingredienti suggeriti dalla ricetta e continuate seguendo questi facili passaggi:



  1. 1.

    Preparate subito la rosolatura del vostro cappello del prete, mettendolo in una padella capiente con il Burro Santa Lucia. Prima di metterlo a rosolare, insaporite con sale e pepe. Una volta in padella, fate cuocere per bene, girando una sola volta il pezzo di carne e soprattutto senza bucarlo, utilizzate una pinza in silicone per facilitare il procedimento.

  2. 2.

    Tritate la carota e la cipolla, poi mettete il tutto in una teglia capiente e aggiungete il vostro cappello del prete. Versate il vino e infornate a 170° per 60 minuti; dopodiché aumentate la temperatura del forno a 190° fino a ottenere la doratura del taglio di carne.

  3. 3.

    Quando il cappello del prete arrosto sarà cotto, toglietelo dal forno e lasciate intiepidire prima di affettarlo. Nel mentre, potrete prendere il sugo con il trito di carote e cipolla e passarlo al frullatore per creare un’ottima e succulenta salsa per il vostro cappello del prete arrosto.

  4. 4.

    Infine, affettate il cappello del prete arrosto, realizzando delle belle fette sottili e morbide e servitele con la salsa.

Varianti:

Esistono più modi per cucinare questo taglio di carne; uno di questi è il bollito: lessate la carne insieme a cipolle, sedano, carote. Insaporite con erbe aromatiche e fate cuocere a fuoco lento per almeno 2 ore.

Un'alternativa al cappello del prete arrosto è, poi, il cappello del prete arrosto al barbecue. Ricoprite il vostro pezzo di carne con le spezie adatte al barbecue e iniziate la cosiddetta cottura "low and slow": questo tipo di cottura deve avvenire a bassa temperatura e per un tempo prolungato. La carne viene perciò cotta sfruttando il calore delle braci e non tramite la fiamma viva. In questo modo conserverà la sua morbidezza.

Proveniente dagli Stati Uniti è invece la preparazione detta "flat iron steak" che consiste nell'eliminare il tessuto connettivo dal cappello del prete e ricavarne bistecche abbastanza spesse.

Se poi il cappello del prete viene tagliato trasversalmente in modo da ottenere delle fette di carne molto spesse, queste si chiameranno "top blade steak".



Consigli:

Qualche piccolo suggerimento per ottenere un cappello del prete arrosto assolutamente perfetto.

Fate molta attenzione al processo di rosolatura. Una buona rosolatura, infatti, consente di trattenere i succhi nutritivi della carne e questo la renderà estremamente morbida.

Scegliete una padella che si adatti alla grandezza del pezzo di carne: questo è importante perché la padella dovesse risultare troppo grande il burro ai lati brucerebbe, se dovesse risultare troppo stretta, il vapore creato creerebbe una sorta di "stufato".

Fondamentale è anche la scelta del grasso da sciogliere per la rosolatura: meglio optare per il burro, ma potete anche unirlo con un po' di olio extravergine d'oliva.

La temperatura, poi, deve essere molto alta all'inizio, in modo da creare una crosticina dorata attorno al pezzo di carne.

Infine, vi suggeriamo sempre di accompagnare il vostro cappello del prete arrosto con patate arrosto o con delle verdure: scegliete le varianti che preferite e servite insieme alla carne.


Curiosità:

Il cappello del prete è tra i tagli di quarto anteriore di carne bovina e, più in particolare, con questa espressione ci si riferisce ai muscoli della spalla del bovino. Il tessuto connettivo del muscolo rende la carne molto gustosa e morbida, il che fa sì che questo piatto sia molto amato anche dai bambini*.

Il cappello del prete è caratterizzato da una forma stretta e allungata ed è adatto per il bollito e lo stufato, ma anche per gli arrosti. La sua forma particolare, quasi una forma triangolare, è la ragione di questo nome un po' curioso: infatti ricorda il cappello indossato dai preti.

In alcune regioni, come quelle del Centro Italia, viene indicato come polpa della spalla; nelle regioni del Sud viene chiamato scorza di spalla (Calabria) o paliciata, copertura di spalla, spallone (in Silcilia).

Tra tutti i tagli di carne, questo viene scelto spesso per la sua morbidezza e perché si presta a più di tipi di cottura.

*sopra i 3 anni


I vostri commenti alla ricetta: Cappello del prete arrosto

Lascia un commento

Massimo 250 battute