Mostri da mangiare ad Halloween

Galbani
Galbani
Mostri da mangiare ad Halloween
Le feste sono sempre l’occasione giusta per accontentare i bambini, coccolarli con regali, giochi e tante leccornie e farli sentire i protagonisti indiscussi di momenti speciali. Sbarcata nel nostro paese dagli Stati Uniti, la festa di Halloween, la notte delle streghe, si festeggia ormai da anni e crea l’occasione per ritrovarsi con gli amici e la famiglia. Inoltre, questa ricorrenza ispira moltissime idee per ricette spaventose, divertenti da preparare con i bambini* e buonissime da mangiare.

Oggi vi proponiamo un menù ad hoc per una cena a tema, tutto colorato di nero e arancione, i colori tipici di questa festa spaventosa, dagli antipasti al buffet dei dolci, per divertirsi e fare paura anche a tavola con tanti trucchi e tante idee golose.

*sopra i 3 anni

Antipasti da paura

Antipasti da paura Mascherati come a carnevale, ma con costumi diversi, terrificanti streghe, maschere di mostri e fantasmi si dilettano in cucina e preparano tanti piatti ispirati al mondo della paura per portare, anche in tavola, un po’ di brivido horror in una lunga notte, magica e spaventosa.

Le ricette per Halloween, dolci e salate, che potete preparare con i suggerimenti che arrivano alla fantasia dei vostri bambini sono davvero moltissime e sfiziose, fate spazio anche a loro in cucina, vi sorprenderanno con la loro creatività perché la notte di Halloween è sempre foriera di mostruose ispirazioni.

Se avete deciso di organizzare un party all’insegna della paura, eccovi tante idee per cucinare e preparare insieme ai più piccoli la tavola della notte di Halloween. Ricordate sempre di decorare l’ingresso di casa con la classica Jack o’ lantern, la zucca intagliata, ormai famosa in tutto il mondo, simbolo delle anime che vagano nella notte di Halloween.

Se volete cominciare con un antipasto che richiami le decorazioni della festa, preparate una torta salata alla zucca ricoperta con una ragnatela di crema al formaggio. Vi serviranno: 300 g di polpa di zucca; 250 g di ricotta; 2 uova; parmigiano grattugiato; qualche fogliolina di timo; una sfoglia di pasta brisée; 100 g di formaggio spalmabile; olio extravergine d’oliva; 1 scalogno; 1 cucchiaio di panna; 1 cucchiaio di mascarpone a temperatura ambiente; sale e pepe. Stendete la pasta brisée in uno stampo imburrato e rivestito di carta da forno, copritela con un foglio di alluminio, versatevi una manciata di ceci secchi e infornate a 160° per 10 minuti. Nel frattempo, fate saltare in padella la zucca con un filo d’olio e lo scalogno affettato sottilmente; mettetela in una terrina con la ricotta, le uova, una presa di sale, una spolverizzata di pepe e il timo. Fruttale tutto, sfornate il guscio di pasta e versatevi il composto. Infornate per altri 15 minuti e lasciate raffreddare la torta. Intanto, in una terrina, mescolate con una forchetta la panna, il mascarpone e il formaggio spalmabile. Mettete la crema ottenuta in un sac à poche con la bocchetta liscia e stretta e quando la torta sarà completamente fredda, procedete alla decorazione.

Arrivano in tavola anche delle spaventose mummie , una simpatica ricetta golosa e facile da preparare che potrete affidare quasi interamente ai bambini*. Gli ingredienti sono semplici e loro si divertiranno moltissimo. Vi serviranno: una sfoglia di mozzarella; 10 wurstel; chiodi di garofano. Fate bollire in una casseruola i wurstel per pochi minuti; nel frattempo, stendete la sfoglia di mozzarella, tagliatela in dieci strisce lunghe 15 cm e larghe 1 cm e mettetele sul piano da lavoro. Scolate i wurstel, lasciateli raffreddare e consegnateli nelle creative mani dei più piccoli, adatte a questi lavoretti gastronomici, insieme alle striscioline di mozzarella e ai chiodi di garofano. Dovranno avvolgere il wurstel nella mozzarella con un movimento a spirale e lasciare scoperta la parte superiore che sarà il viso della mummia dove infilzeranno i due chiodi di garofano che simuleranno gli occhi. Voi, intanto, dedicatevi alla preparazione di tante salse diverse con cui accompagnarli.

* sopra i 3 anni

Primi piatti di Halloween

Primi piatti di Halloween La festa di Halloween è il momento adatto per convincere i vostri bambini* a mangiare le verdure migliori. Preparate insieme a loro una buonissima crema di zucca, uno degli ingredienti tipici di questo periodo dell’anno, e decoratela con il formaggino, dando al piatto l’aspetto della faccia di un mostro. Una vellutata di zucca è perfetta anche se accompagnata dal gorgonzola, per un gusto più deciso e adatto ai più grandi.

Un semplice e raffinato risotto può diventare un piatto dell’orrore se sapientemente preparato e servito come la tradizione di strega comanda. Vi piace l’idea? Allora svuotate una grande zucca, privatela della calotta e usatela come pentola in cui servire il vostro primo da strega. Per la preparazione della ricetta vi serviranno: 300 g di riso; 300 g di polpa di zucca; 1 scalogno; 40 g di parmigiano grattugiato; un bicchiere di vino bianco; 100 ml di latte; 1,2 l di brodo; 50 g di burro; sale e pepe. Tagliate la zucca a tocchetti e fatela cuocere in padella con 20 g di burro e lo scalogno affettato sottilmente. Unite il latte, aggiustate di sale e pepe e lasciate stufare per 10 minuti a fiamma bassa. Aggiungete il riso, sfumate con il vino e fatelo evaporare. Bagnate con due mestoli di brodo caldo e portate a cottura, unendo man mano altro brodo. Mantecate il risotto con il burro rimasto e il parmigiano e lasciatelo riposare un minuto prima di servirlo. Intagliate sulla calotta due triangoli che simuleranno gli occhi, mettete il riso nella zucca e su una cialda di parmigiano disponete una tea light, accendetela, coprite con la calotta e portate in tavola. L’effetto paura è assicurato, soprattutto se portate il piatto in tavola travestiti da fantasma. Potete anche servire il risotto in tante piccole zucche, una per ogni commensale, l’effetto della luce delle candele sarà ancora più sorprendente.

Anche un buon timballo di zucca si presta a comparire tra i primi di un perfetto menù in stile Halloween, ricordatevi però di decorarlo con olive nere denocciolate, tagliate per il senso della lunghezza e sistemate sulla teglia come tanti piccoli ragnetti che per zampe avranno aghi di rosmarino abbrustoliti su una padella antiaderente.

* sopra i 3 anni

Un ragno spaventoso

Un ragno spaventoso Un polpettone di tonno , ricoperto da un generoso strato di paté di olive nere, per dare vita ad uno dei ragni più mostruosi e giganteschi della storia della gastronomia paurosa è il secondo perfetto per la vostra cena stregata. Create le zampe infilzando delle olive nere negli spiedini tagliati in misure diverse e disposti a raggiera, uno accanto all’altro per formare delle zampe tridimensionali. Dovrete utilizzare: 300 g di patate lesse; 500 g di tonno al naturale; un ciuffo di prezzemolo; un cucchiaio di capperi; 2 uova sode; uno spicchio d’aglio; 100 g di olive verdi denocciolate; sale e pepe. Per prima cosa, pulite le patate e lessatele in acqua salata per 40 minuti, scolatele, sbucciatele e passatele nello schiacciapatate; unitele in una ciotola con i capperi, il prezzemolo e l’aglio tritati e le olive tagliate a metà. Aggiustate di sale e pepe e lasciate riposare in frigorifero. Nel frattempo, preparate il tonno, sgocciolatelo in un colino a maglie strette e schiacciatelo in una terrina con una forchetta. Unite le patate, aggiungete il pangrattato e le uova sbriciolate. Indossate i guanti da cucina, amalgamate il composto e dategli la forma del corpo di un ragno. Sistemate su un grande vassoio piatto uno strato di polistirolo, rivestito di carta argentata e sistemate il corpo del ragno al centro; spennellatelo con abbondante paté di olive nere e cominciate a disporre gli spiedini con le olive, partendo da sei punti diversi ai lati del corpo del ragno. Il suo arrivo in tavola lascerà tutti senza parole. Potete aggiungere un pomodoro secco per creare la bocca del ragno e due olive verdi al posto degli occhi. Sarà davvero spaventoso!

I dolci della paura

I dolci della paura Ed è il momento di portare in tavola il dessert. Spegnete tutte le luci e soffiate sulle candele. Solo i piccoli cuochi potranno andare in cucina, aiutati da una mamma strega, per prendere il dolce più spaventoso mai visto prima. Una faccia mostruosa che svelerà una buonissima cheesecake. Oltre a questo dessert di cui trovate qui la ricetta, potete preparare anche piccoli cupcake coperti da cappelli da strega che nascondo una glassa golosa e irresistibile. Vi serviranno: 130 g di zucchero; 130 g di farina; 120 g di burro; 2 uova; 4 cucchiai di latte; 1 cucchiaino di lievito; vanillina; 500 ml di panna; 2 cucchiai di zucchero a velo; colorante alimentare arancione; coni di cialda. Lavorate nella planetaria il burro, lo zucchero e la vanillina, azionate la frusta fino a che non si sarà creato un composto spumoso. Aggiungete le uova e infine la farina setacciata con il lievito. Scegliete pirottini colorati di nero, versatevi il composto e infornate a 180° per 15 minuti. Nel frattempo, preparate il frosting semplicemente utilizzando la panna: montatela con lo zucchero a velo e il colorante e mettetela in un sac à poche. Lasciatela in frigo fino al momento di decorare i cupcake. Nel frattempo, fate sciogliere a bagnomaria 200 g di cioccolato fondete e immergetevi i coni. Metteteli con la punta rivolta in alto su una teglia rivestita di carta da forno e lasciateli raffreddare in frigo. Componete i cupcake: decorateli con la panna e copriteli con il cappello da strega di cioccolato.

Deliziosi cupcake, facili da preparare e ricoperti di meringa svizzera, decorata con il cioccolato per creare la simpatica faccia di tanti piccoli fantasmini è un’altra idea da non perdere nella vostra lista di dolci di Halloween.

Non dimenticate di preparare la classica cesta colma di tanti dolcetti golosi per non farvi cogliere impreparati al suono del campanello che preannuncia l’immancabile “dolcetto o scherzetto”. I biscotti paurosi sono ciò che fa al caso vostro, decorati con glasse colorate e fatti di una buonissima pasta frolla a cui nemmeno i mostri più cattivi potranno resistere. Ogni bambino ne vorrà uno, loro sanno che sono perfetti per la golosa colazione del giorno dopo o per una merenda diversa dal solito!