Yogurt GalbaniPresenta

Maritozzi marchigiani

Ricetta creata da Galbani
Prova con
Yogurt Magro
Yogurt Magro
Vota
Media0

Presentazione

I maritozzi marchigiani sono dei soffici panini dolci dalla forma allungata, aromatizzati con scorza d'agrumi e spesso arricchiti con l'uvetta, buonissimi da gustare da soli oppure farciti con creme o confetture.

Questo speciale prodotto da forno conquista proprio tutti con il suo avvolgente profumo e la sua soffice consistenza. E oggi vogliamo mostrarvi come prepararli a casa vostra, per la gioia di adulti e bambini*.

Sì, perché si prestano perfettamente alla merenda pomeridiana e sono altrettanto ottimi come idee per la colazione: vi daranno la carica per tutta la giornata e vi faranno riscoprire sapori antichi e delicati.

Sofficissimi e golosi, questi maritozzi fatti in casa vi faranno riscoprire buoni e incredibili sapori. Il procedimento è molto semplice e facile da seguire, perciò non temete e continuate a leggere!

Seguite passo passo la ricetta dei maritozzi marchigiani e assaporateli con una cremosa farcia allo yogurt, preparata con il fresco Yogurt Magro Galbani.

*sopra i 3 anni



Facile
5
60 minuti
5 ore totali di lievitazione
Vota
Media0

Ingredienti

Per i maritozzi:
  1. 600 g di farina
  2. 100 g di zucchero
  3. 200 ml di latte
  4. 2 uova
  5. 50 ml di olio di semi di girasole
  6. 1 cubetto di lievito di birra
  7. la scorza grattugiata di 1 arancia

Per la crema:
  1. 250 g di Yogurt Magro Galbani
  2. 250 ml di panna
  3. 30 g di zucchero a velo

Preparazione

  • Per preparare i maritozzi marchigiani, innanzitutto montate in una ciotola le uova e lo zucchero con una frusta, fino a ottenere una crema leggermente gonfia e spumosa. Scaldate il latte in un pentolino e scioglietevi dentro il lievito di birra, quindi versatelo sul composto di uova e zucchero, aggiungete l'olio di semi di girasole e mescolate.
  • Setacciate la farina su un piano di lavoro, formate una fontana e, nel mezzo, riempitela poco alla volta con il composto preparato e la scorza d'arancia, lavorando tutti gli ingredienti con le mani. Impastate fino a formare una palla, adagiatela in una ciotola, copritela con la pellicola trasparente e lasciate lievitare per 3 ore in un luogo tiepido e asciutto, a temperatura ambiente.
  • Trascorso il tempo necessario, riprendete l'impasto e dividetelo in 10 panetti lunghi, che andrete ad adagiare su una teglia foderata di carta forno. Fate lievitare per altre 2 ore coperti con un canovaccio affinché raddoppino di volume (noi vi consigliamo di farli riposare nel forno spento con la luce accesa), dopodiché cuocete i maritozzi marchigiani in forno preriscaldato a 180° per circa 15-20 minuti.
  • Nel frattempo, montate la panna fredda di frigorifero e unitevi poco alla volta lo Yogurt Magro Galbani e lo zucchero a velo, mescolando con delicatezza fino ad ottenere una crema omogenea e vellutata. Una volta pronti, sfornate i vostri maritozzi e lasciateli intiepidire, quindi tagliateli lateralmente, farciteli con la crema allo yogurt e servite.

Curiosità

Per dare ai vostri maritozzi un sapore ancora più variegato, arricchiteli con uvetta, pinoli o aranciacandita.

Di solito i maritozzi, perfetti dolci da colazione, si farciscono con la panna montata, ma possono essere riempiti anche con altre creme e marmellate oppure con il gelato. Provateli anche ripieni di crema al Mascarpone Santa Lucia.

I maritozzi sono un dolce tipico del Lazio, ma sono così diffusi nelle Marche tanto da essere diventati una delle più importanti ricette marchigiane. Furono i braccianti marchigiani, che andavano a lavorare nei campi laziali, a importarli nelle loro terre nel ‘900 e a farli diventare tra i più apprezzati dolci lievitati.

Nelle Marche i maritozzi vengono consumati soprattutto nel periodo autunnale e natalizio, insieme alle castagne e al vin brûlé, oppure a colazione con il caffelatte.

La ricetta dei maritozzi sembrerebbe avere origini nell’antica Roma, nella quale esistevano dei panini morbidi addolciti da uvetta e miele. Il nome “maritozzo” deriva probabilmente dal fatto che questo dolce veniva regalato alle donne dai loro fidanzati ed è quindi il vezzeggiativo di marito. In alcune occasioni questo dolcetto poteva nascondere al suo interno un gioiello.

A differenza del maritozzo romano, che ha la forma di un panino arrotondato, quello marchigiano ha una forma più allungata, simile a uno sfilatino, e appuntita alle estremità. Esistono poi anche i maritozzi pugliesi, a forma di treccia e più simili a delle brioche.