Stinco di vitello

Stinco di vitello
Secondi Piatti
Secondi Piatti PT100M PT0M PT100M
  • 4 persone
  • Facile
  • 100 minuti
Ingredienti:
  • 1 stinco di vitello
  • 100 ml di brodo
  • 70 ml di vino bianco
  • 30 g di Burro Panetto Santa Lucia Galbani
  • 3 carote
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 pomodoro
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 1 mazzetto di erbe aromatiche
  • sale e pepe q.b.

presentazione:

Lo stinco di vitello al forno è uno di quei piatti che riempiono l’aria di casa di un buon profumo di cucina e tanta allegria.

La parte che si utilizza per preparare questo piatto è la parte alta delle zampe che, quando si disossa, rilascia un bel quantitativo di muscolo. Vanno bene sia gli stinchi anteriori che posteriori.

La ricetta che vi proponiamo è quella del classico stinco di vitello, morbido e dorato, una vera leccornia. È un tipo di ricetta che spesso viene preparata in casa in occasioni speciali e si accompagna volentieri con le patate al forno o col purè.

Vediamo come prepararlo.


Preparazione:

Per preparare lo stinco di vitello al forno, iniziate ripulendo lo stinco di vitello dalle parti troppo grasse. Con sale e pepe massaggiate per bene la carne per insaporirla.

Fate sciogliere in una pentola il Burro Panetto Santa Lucia e fate rosolare a fiamma viva lo stinco in tutte le sue parti. Aggiungete metà del vino bianco e fate evaporare.

Trasferite il tutto in una teglia per il forno, aggiungete 50 ml di brodo e fate cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per un’ora e quindici minuti.

Ricordatevi di bagnare la carne di tanto in tanto con il fondo di cottura. A metà della cottura, aggiungete le carote, la cipolla e il sedano mondati e tagliati a tocchetti, e portate a termine la cottura.

Al termine della cottura, togliete lo stinco dalla teglia e copritelo con della carta argentata e fatelo riposare.

Versate il fondo di cottura in un pentolino e riportate sul fuoco; quindi, fate evaporare la parte liquida in eccesso. Eliminate la verdura a tocchetti, aggiungete la farina e fate tostare. Bagnate con il vino bianco rimasto e fate evaporare. Unite il pomodoro tagliato a quarti, le erbe aromatiche e il brodo rimanente. Portate a ebollizione e cuocete a fuoco moderato per mezz’ora, eliminando il grasso che affiora in superficie con una schiumarola. Filtrate il sughetto e fatelo ridurre ancora per qualche minuto.

Adesso siete pronti per portare a tavola lo stinco di vitello arrosto, dorato e morbido, reso ancora più succulento dalla gustosa salsa di accompagnamento.



I vostri commenti alla ricetta: Stinco di vitello

Lascia un commento

Massimo 250 battute