Pasta alla carbonara

Primi Piatti PT25M PT0M PT25M
  • 4 persone
  • Facile
  • 25 minuti
Ingredienti:
  • 400 g di spaghetti grossi
  • 200 g di pancetta Galbapancetta Galbani
  • 3 tuorli d'uovo
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • olio extravergine d'oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Abbiamo utilizzato:

presentazione:

La ricetta di una pietanza che troviamo nei menù tipici di Roma insieme all'amatriciana: è la pasta alla carbonara! Queste due ricette oggigiorno sono tra le preparazioni più note di primi piatti della cucina romana.

Preparati ricchi pur nella loro semplicità, sia quello alla carbonara che quello all'amatriciana sono sughi impiegati soprattutto per condire gli spaghetti, formato che va per la maggiore nella realizzazione delle due ricette. Gli spaghetti sono seguiti dai bucatini, dalle linguine e da alcuni formati di pasta corta: è il caso dei rigatoni e delle penne, che ben si prestano ad accogliere il condimento, nella fattispecie quello bianco alla carbonara!

Tra i primi italiani, la carbonara è un piatto classico. Una portata che piace, facile da preparare e cucinata con ingredienti semplici e dal gusto intenso.

Quella che vi consigliamo di realizzare a casa vostra è la classica ricetta a base di pancetta, formaggio pecorino e tuorlo d'uovo. La pancetta verrà fatta soffriggere in una larga padella con l'olio fino a diventare trasparente ma non troppo croccante; in una pentola con abbondante acqua salata si cuoceranno gli spaghetti al dente; dentro una ciotola si sbatteranno il cacio grattugiato, i tuorli e il pepe con movimenti veloci.

Appena la pasta sarà cotta, dovrà essere scolata immediatamente, messa in padella, mescolata rapidamente e versata in una zuppiera con le uova. A questo punto, subito dopo aver versato gli spaghetti, mescoleremo il tutto per formare una salsa cremosa.

Preparazione:

Per realizzare la pasta alla carbonara dovete prima di tutto prendere una ciotola. Metteteci i tuorli, il pecorino e un pizzico abbondante di pepe appena macinato. Sbattete il composto per bene.

Ad operazione conclusa, fate lessare al dente gli spaghetti in acqua poco salata. Nel frattempo, prendete una padella e fate soffriggere leggermente e in poco olio extravergine d'oliva la pancetta Galbapancetta tagliata precedentemente a julienne.

A cottura raggiunta, scolate gli spaghetti trattenendo un po' di acqua di cottura (la pasta non dovrà risultare troppo asciutta). A questo punto versateli nella padella della pancetta, toglieteli dal fuoco e amalgamateli.

Infine, aggiungete le uova sbattute e girate il tutto dando un'energica mescolata. Servite subito la vostra pasta alla carbonara.

Curiosità:

Le sue origini sono povere e al contempo incerte, tanto è vero che esistono diversi racconti relativi alla storia del piatto. Quello più credibile fa riferimento al modo che avevano i carbonari (ovvero gli uomini che lavoravano sui monti del Lazio per la produzione del carbone di legna) di condire la pasta servendosi di uova, pancetta e pecorino, per poi avvolgerla in una crema che diventa morbida grazie a un po' d'acqua di cottura trattenuta dalla pasta. La presenza dell'acqua risulta infatti necessaria per amalgamare il sugo, che al contrario di quanto si possa pensare non ha molto grasso.

La versione originale di questo primo piatto prevede l'impiego di olio extravergine d'oliva, guanciale a dadini, uovo e pecorino romano grattugiato.

Il guanciale è un insaccato simile alla pancetta, ma a differenza di questa si ottiene dalla guancia del maiale. La sua forma è triangolare e viene fatto stagionare per ben tre mesi dopo essere stato strofinato con il sale e ricoperto per bene con il pepe nero macinato. A causa della sua somiglianza con la pancetta, nella maggior parte delle ricette della carbonara i due insaccati vengono spesso scambiati tra loro. Tuttavia, mentre nella carbonara l'utilizzo della pancetta è piuttosto diffuso, in alcune preparazioni, come negli spaghetti all'amatriciana, è quasi obbligatorio impiegare proprio il guanciale per cucinare la tradizionale salsa.

Come ogni preparazione della tradizione gastronomica, nel tempo la versione classica della carbonara ha subito molte variazioni, ragion per cui esistono, oltre alla versione originale, diverse sue varianti in cui si prevede l'uso di altri ingredienti non presenti all'interno della versione iniziale.

Stando a quanto afferma un rapporto dell'Accademia Italiana della cucina, tra tutte le ricette del Bel Paese, la ricetta originale di questo condimento è anche quella che risulta maggiormente modificata all'estero. Infatti, oltre i confini dello stivale è in uso utilizzare il bacon al posto della pancetta, il parmigiano al posto del pecorino, o, ancora, impiegarli entrambi. In alcune versioni si trova la panna, in altre la cipolla, l'aglio, il latte e il vino. Come già detto, però, questi sono ingredienti che snaturano leggermente la ricetta tradizionale.

Esistono anche variazioni radicali del condimento: primo fra tutti è quello della cosiddetta "carbonara vegetariana", che vede le verdure, tra cui le zucchine, sostituire il guanciale o la pancetta. Altra variante importante è quella che dà vita alla carbonara di mare, dove al posto del salume, è il pesce a diventare il protagonista della preparazione.

Questa ricetta appartiene anche a:

Primi Piatti Salato Facili Pasta Padella

I vostri commenti alla ricetta: Pasta alla carbonara

Lascia un commento

Massimo 250 battute