Cinghiale in umido

Secondi Piatti
Secondi Piatti PT135M PT0M PT135M
  • 4 persone
  • Media
  • 135 minuti
  • Marinatura: mezza giornata
Ingredienti:
  • 800 g di carne di cinghiale
  • 2 gambi di sedano
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 300 g di pomodori pelati a pezzettoni
  • 250 g di olive nere senza nocciolo
  • 40 g di Burro Santa Lucia Galbani
  • 1 bicchiere di aceto
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • un rametto di alloro
  • un rametto di rosmarino
  • 2 pezzetti di peperoncino
  • un bicchiere di vino rosso
  • un pugno di sale grosso
  • un pizzico di sale fino.

presentazione:

Per chi ama la selvaggina, la carne di cinghiale è una vera leccornia che tuttavia richiede una lunga preparazione e una lenta cottura, per cui è necessario organizzarsi con i tempi se desiderate cucinare un ottimo cinghiale in umido.

Il cinghiale, cacciato e cucinato fin da tempi assai remoti, ha infatti una carne molto dura ed odorosa, che vi consigliamo di far marinare assieme a un mix di verdure e odori e poi di cucinare tenendola sempre in ammollo nel sugo, con una cottura in umido.

Per ammorbidire la carne vi sarà d'aiuto il Burro Santa Lucia, che userete per scottarla un poco prima di spruzzarla con un buon vino rosso corposo e di coprirla con abbondante polpa di pomodoro. Immancabile accompagnamento saranno le erbe aromatiche e le olive, che daranno un tocco di sapore in più alla vostra preparazione.

Il cinghiale in umido, in modiche quantità, può essere servito come secondo ma, sporzionato con maggiore generosità, può costituire un ottimo piatto unico, ricco di sapore, da gustare in compagnia della vostra famiglia o dei vostri amici.

Preparazione:

Un importante accorgimento per preparare il cinghiale in umido è farlo marinare per tutta la notte, per poi cucinarlo il giorno dopo, in maniera che la carne perda il suo caratteristico sapore selvatico e si ammorbidisca ed insaporisca.

Per fare ciò lavate la carne di cinghiale e tagliatela a pezzettini a mo' di spezzatino. Mettetela quindi in un tegame ampio, assieme alle verdure e agli aromi che ne assorbiranno l'odore: 1 gambo di sedano, 1 carota, mezza cipolla, qualche foglia di alloro e di rosmarino. Sommergete il tutto con acqua, versateci un bicchiere di aceto e un pugno di sale grosso e lasciate marinare per tutta la notte.

Il giorno dopo liberatevi dell'acqua e degli aromi e riprendete la vostra carne di cinghiale. In un nuovo tegame fate soffriggere nell'olio un trito fatto con il sedano, la carota e la mezza cipolla rimasti. Aggiungete poi anche il rosmarino e l'alloro.

A questo punto fate sciogliere il Burro Santa Lucia e poi scottateci la carne, per fare in modo che si ammorbidisca. Una volta ammorbidita sfumatela con un bicchiere di vino rosso e poi aggiungete la polpa di pomodoro, le olive nere ed il peperoncino.

Date una bella mescolata e ponete un coperchio sopra il tegame. Lasciate cuocere il vostro cinghiale per almeno un paio d'ore, controllando la cottura di tanto in tanto.

Una volta che il sugo si sarà un poco ritirato e la carne sarà diventata bella morbida ed aromatica, togliete la pentola dal fuoco e servite il vostro cinghiale in umido.

 



I vostri commenti alla ricetta: Cinghiale in umido

Lascia un commento

Massimo 250 battute